Economia italiana e ripresa, ecco il decreto “Rilancio” che vuole dare la spinta al Paese

Il piano per rilanciare l’economia italiana, duramente colpita dal coronavirus, è pronto. Il decreto “Rilancio” ha finalmente visto la luce. Si tratta di un provvedimento complesso, con 256 articoli che sono elencati in ben 464 pagine. Il valore di questo piano di rilancio è 55 miliardi di euro.

Il decreto per rilanciare l’economia italiana

reddito disponibileAll’interno del decreto rilancio ci sono molti provvedimenti. A cominciare da quelli per sostenere i lavoratori, la base per il rilancio dell’economia italiana. E’ stata decisa la proroga di 9 settimane degli assegni di cassa integrazione (oltre alle 9 già previste dal decreto legge “Cura Italia”). Sono anche state modificate anche le procedure per accedervi: più snelle e veloci. Proprio l’iter complesso e tortuoso, era stato uno dei motivi di maggiori polemiche negli ultimi tempi. La CIG diventerà pagabile entro 30 giorni, e per queste misure sono stati stanziati 10 miliardi di euro.

Lavoratori autonomi e REM

E’ stata decisa anche una misura specifica per i lavoratori autonomi. Il bonus di 600 euro verrà infatti rinnovato, e anche alzato a 800 euro. Sale fino a mille euro per chi dimostra di avere avuto perdite di fatturato fino al 33%. Lo stanziamento complessivo ammonterebbe a 4,5 miliardi. Per chi non ha altri sostegni e ha un reddito basso con Isee fino a 15 mila euro, scatta il reddito di emergenza. Per questa misura lo stanziamento è di un miliardo. L’importo del Rem sarà tra i 400 e gli 800 euro mensili per un bimestre.

Provvedimenti per le imprese

Per rilanciare l’economia immersa nella crisi economica, si procede anche alla sforbiciata dell’Imu. La rata in scadenza a metà giugno è stata cancellata per le imprese alberghiere (a patto che i possessori degli alberghi siano anche i gestori). La norma vale, tra l’altro, anche per gli stabilimenti balneari, marittimi, lacunali e lacustri. Per le imprese con ricavi fino a 250 milioni di euro è stato stabilito di cancellare il versamento dell’Irap fissato per il prossimo 16 giugno. La misura vale circa 4 miliardi, ovvero i mancati introiti dello Stato.

Altre misure saranno di sostegno all’economia italiana. Un taglio alle bollette per le Pmi (che per 3 mesi beneficeranno anche di un credito di imposta sui canoni di affitto e del congelamento degli oneri fissi sulle bollette). Un bonus vacanze da 2,4 miliardi, con un aiuto di massimo 500 euro a famiglia.

Economia italiana e ripresa, ecco il decreto “Rilancio” che vuole dare la spinta al Paeseultima modifica: 2020-05-14T10:53:02+02:00da nonsparei

Lascia un commento

Se possiedi già una registrazione clicca su entra, oppure lascia un commento come anonimo (Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog).
I campi obbligatori sono contrassegnati *.