Metalli preziosi, l’oro guida la carica ma spingono anche argento e platino

La corsa dei metalli preziosi sta spianando la strada anche agli ETF tematici. Oro, argento e platino si aggirano sui massimi pluriennali, propiziando l’attività degli gestori dei fondi.

Il rally dell’oro spinge i metalli preziosi

oroIn questa fase di mercato, senza dubbio è l’oro il metallo prezioso più in evidenza. La diffusione della pandemia e i suoi effetti sulla crescita economica globale, hanno aumentato la richiesta di beni rifugio. I prezzi dell’oro stanno così guadagnando fino a puntare nuovi massimi potenzialmente di tutti i tempi. Per il momento si “accontentano” di oltrepassare il massimo di nove anni a $ 1.829,80 nei futures di settembre.

Anche gli ETF sull’oro ne stanno beneficiando. Lo SPDR Gold Shares e lo SPDR Gold MiniShares Trust, due fondi garantiti da lingotti, hanno registrato il loro settimo mese consecutivo di flussi positivi. Le partecipazioni globali sono arrivate a nuovi massimi storici di 3.621 tonnellate.

Nota operativa. Non solo metalli preziosi, ma anche altro si può negoziare con i fondi. Ad esempio si può dare una sguardo agli ETF mercati emergenti.

Argento e plantino

Se l’oro scintillia, l’argento brilla. Il silver metal si è spinto oltre $ 19 chiudendo a quasi un massimo di 4 anni. Il metallo prezioso in questo caso è anche e soprattutto un industriale sembra pronto a sfondare e testare il livello di $ 20 nei futures di settembre, portando con sé ETF sull’argento, come l’iShares Silver Trust (SLV) e l’ETF Aberdeen Standard Physical Silver Shares (SIVR), due dei più grandi ETF supportati da partecipazioni di argento fisico. In questo caso va evidenziato che l’argento è ancora vicino ai minimi storici in molte misure di riferimento, come ad esempio il prezzo rispetto alla quantità di dollari USA (base monetaria statunitense) esistente. Esistono oggi molti più dollari statunitensi che in qualsiasi momento della storia, ma il prezzo dell’argento non riflette questa realtà. Discorso analogo vale per il rapporto tra prezzo dell’argento e debito.

Infine, il platino sta testando un’importante resistenza, scambiando vicino a $ 860 l’oncia e potrebbe essere pronto a scoppiare insieme ai suoi “cugini”. Gli investitori possono trarre vantaggio dall’ETF Aberdeen Standard Platinum Shares, mentre chi conosce cosa sono le opzioni vanilla, potrebbe trovare molto allettante investire anche con questo strumento.

Metalli preziosi, l’oro guida la carica ma spingono anche argento e platinoultima modifica: 2020-07-09T09:00:55+02:00da nonsparei

Lascia un commento

Se possiedi già una registrazione clicca su entra, oppure lascia un commento come anonimo (Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog).
I campi obbligatori sono contrassegnati *.