Creato da DgVoice il 20/11/2008

RADIODgVoice Vintage

I love my web radio !

 
 

      migliori motori di ricerca

 

YOUTUBE CHANNEL BY CELEBRTYELITE

 

Entra nell'area aiuto
dei servizi di LIBERO !

Per qualsiasi problema troverai semplici FAQ che possono aiutarti, se non bastano clicca su NO alla fine della FAQ e compila la form, lo Staff di Libero Risponde ti aiuterà !

 

 

 

Clicca sul logo e leggi il Blog
 per scoprire come difenderti dalle loro truffe !

 

 

Scopri PlayVideo! Clicca qui!

 
PLAYLIST!

Scegli la tua playlist da inserire nel blog, trovi i codici cliccando sui nomi degli artisiti: copia il codice in un box personalizzabile, salva e il gioco è fatto!

 

ULTIME VISITE AL BLOG

ambrosiadossi88modimatoniandtonigiadamaxipsicologiaforensemaxj81arimsrlz.giacomoorsettocamvale_donafrancesco.uliniluca85dgl5beadiborislala3000lauradelrovere
 
 

CANALE YOUTUBE BY DGVOICE

 

PRC

 

 

Meditare...

Post n°1892 pubblicato il 30 Aprile 2016 da DgVoice
 

A volte l'assenza è necessaria per poi tornare con idee che non avresti pensato prima...


WORK IN PROGRESS


Stay tuned!


 
 
 

"Usa la razon" una campagna contro Reggaeton

Post n°1891 pubblicato il 18 Giugno 2014 da DgVoice
 

Colombia - "Usa la razón" è una campagna scioccante che punta il dito contro il genere musicale, accusato spesso di incitare alla violenza contro le donne.

Reggaeton è un genere musicale che è spesso associato a sessismo e violenza di genere. Basti pensare ai testi delle canzoni, sessualmente espliciti e molti riferimenti a essere violenti nei confronti delle donne. E per questo nasce un'iniziativa: "Usa la razón, que la música no degrade tu condición" è una campagna di sensibilizzazione portata avanti da alcuni fotografi sociali famosi in sud e centro America: Hernandez e John Fredy Lineyl Ibanes Melo attraverso le immagini hanno deciso di rappresentare alcuni brani tratti da canzoni reggaeton. Immediatamente è iniziata a circolare nei social network e nel giro di poco tempo ha generato diverse reazioni: alcuni fan del genere sono accorsi a difendere i loro idoli. E uno dei promotori, il fotografo Lineyl Ibáñez ha scritto sul suo Facebook : "La critica è rivolta al contenuto delle canzoni che rendono le donne come oggetti sessuali. Ma non sono solo i testi a essere violenti: anche nei video viene fatto lo stesso".

Vi auguro una serena giornata

Pubblicato dalla Redazione radio DgVoice, Eleonora

 
 
 

UN SORRISO DECORATO E' ALL'ULTIMO GRIDO.

Post n°1890 pubblicato il 29 Maggio 2014 da DgVoice
 

In Inghilterra spopola una moda, quella della 'tooth art': il nuovo trend che consente di rivestire il dente con una capsula dentaria abbellita dal disegno che più piace. Si pensava che non ci fosse parte del corpo indenne dalla possibilità di essere marchiata con un tatuaggio, perché anche i denti possono godere della decorazione di un piccolo disegno.  Grazie ha questa invenzione, si disegnano, sulla capsula che riveste il dente, fiori, cuori, animali e ogni sorta di simbolo. Quando la ricostruzione della corona dentaria diventa necessaria, i pazienti vogliono un'originaria alternativa e alla quale possono anche rinunciare una volta stufati del piccolo addobbo. Il costo dell'operazione si aggira intorno alle 87/285euro a seconda del tipo di tatuaggio richiesto, delle dimensioni e della difficoltà di esecuzione e nonostante non sia propriamente economico, il trend è in forte espansione tra i giovani che in Inghilterra fanno già la fila per essere tra i primi ad avere quello che promette di segnare un trend in forte espansione. Alla fine si avrà un sorriso alla moda!

Cosa pensate? Per me, è una moda bizzarra che non mi piace.  Qualsiasi genere di tatuaggio, non mi piace su di me, ma, apprezzo l'arte.

Vi auguro una felice giornata

Pubblicato dalla Redazione radio DgVoice, Eleonora

 
 
 

OTTANTA ANNI PORTATI DIVINAMENTE.

Post n°1889 pubblicato il 28 Maggio 2014 da DgVoice
 

Vi ricordate di Paperino? Beh! E' un pennuto bianco con becco giallo e piedi palmati che ragiona e si comporta come un uomo. È imbranato, iroso, testardo e scansafatiche. Però anche sincero e anticonformista. Veste giubba e berretto alla marinara, ma alle navi preferisce l'amaca o il divano di casa. Dal suo ronf-ronf lo distoglie solo l'avido e tiranno zio Paperone con la solita minaccia: "Vieni con me o ti diseredo, sgrunt!".

Il 26 maggio, Paperino ha compiuto 80 anni, ma, non mostra né rughe né acciacchi. Anzi, in questi tempi di crisi planetaria il "papero ribelle" potrebbe diventare addirittura una figura di riferimento per la middle-low class che non vuole essere schiacciata dalla prepotenza dei nuovi ricchi: un anti-eroe capace di scombinare, spesso non volendo, i fondamenti del pur tollerato capitalismo imperante. Una specie di pacifica rivoluzione, la sua - da cittadino senza lavoro e perennemente afflitto dai debiti - che avrebbe come armi (gulp gulp!) solo coraggio, passione per la vita, amore per la famiglia, rispetto per la natura e quella dose di testardaggine necessaria a tirare avanti. Paperino non ha nessuna intenzione di andare in pensione, visto che, ha fatto guadagnare al suo ideatore più soldi di quanti ne potrebbe contenere il deposito di Zio Paperone!

Nonostante il successo però la Disney non è mai stata così grata nei confronti del papero che ha fatto il suo debutto cinematografico il 9 giugno 1934 nel cortometraggio "The Wise Little Hen": Paperino era stato concepito come personaggio secondario. In "Orphan's benefit" era solo la spalla di Topolino, ma presto gli ha rubato la scena. Il pubblico preferiva l'irascibile Paperino a Topolino, che era visto come il classico eroe per famiglie. Eppure Topolino aveva salvato la Disney dalla Bancarotta nel 1928, quando a Walt Disney era stato sottratto il personaggio "Oswald The Lucy Rabbit". Mickey Mouse è diventato più famoso di Oswald e ha permesso a Disney di lavorare indipendentemente. Disney però voleva che il topo avesse dei ruoli di maggior rilievo anche se il papero aveva più successo e alla fine degli anni 30 ha pensato al grande ritorno del roditore ne "L'apprendista stregone". I costi di produzione però erano cresciuti troppo e Disney decise di includere il corto in "Fanstasia", un lungometraggio con altri segmenti di cartoni impostati su pezzi di musica classica. Il film non fu in grado di realizzare profitto nell'immediato, e anche se ora è entrato nella leggenda, è da considerare solo un tentativo di Disney per salvare Topolino dall'essere dimenticato all'ombra del papero più famoso di tutti i tempi.

Amate questi tipi di fumetti? A me, piacciono. Sono divertenti e simpatici. Ricordi d'infazia.

Gioiosa giornata

Pubblicato dalla Redazione radio DgVoice, Eleonora

 
 
 

AFFITTA IL SUO UTERO: FARE FIGLI ...UNA DROGA PER ME!

Post n°1888 pubblicato il 24 Maggio 2014 da DgVoice
 

Siamo a Wimblington, nell'est inglese del Cambridgeshire: Tara Sawyer, una donna inglese di 37 anni, ha sette figli, di cui, quattro sono suoi e del marito Matthew e tre di coppie alle quali ha affittato l'utero. Lei è talmente ossessionata dalla maternità da voler essere sempre incinta e presta il suo corpo alle coppie che non sono in grado di portare avanti una gravidanza. Tara afferma: "Fare figli per me è una droga e donare il mio utero alle coppie in difficoltà è gratificante. È fantastico pensare di portare in grembo il figlio di chi lo desidera tantissimo. Quando nasce, io non abbandono mio figlio bensì lo restituisco ai suoi genitori. Di solito i genitori adottivi chiedendo solo il rimborso spese di 15mila sterline a bimbo. In gravidanza prendo vitamine, vado in piscina, faccio yoga e mangio correttamente. Continuerò fin quando il mio utero me lo permetterà". Mentre, il marito Matt Sawyer, coetaneo e camionista, vede di buon occhio l'iniziativa della moglie: "Non è servito molto tempo per convincermi, avendo capito che quello della maternità era un suo vero bisogno e sono felice". Ad oggi Tara e Matt sono madre e padre della 14enne Rebecca, di Harrison (12) e dei gemelli di 4 anni Jack e Noah. Il settimo e (per ora) ultimo figlio è nato a gennaio.

Opinione personale:

Affittare il proprio utero è  una scelta difficile, non tutte sono come Tara. Io non lo farei, ma, ben venga queste scelte. Poi, se è illegale, la situazione diventa pesante.

Vi auguro una felice giornata.

Pubblicato dalla Redazione radio DgVoice, Eleonora

 
 
 
Successivi »
 
 

AREA PERSONALE

 

FACEBOOK