Creato da: Guerrino35 il 17/08/2006
blog ufficiale del libro Quando

immagine

Per richiedere Quando

ndreditore@yahoo.it

 

Contatta l'autore

Nickname: Guerrino35
Se copi, violi le regole della Community Sesso: M
Età: 82
Prov: TO
 

Tag

 

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Dicembre 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 19
 

Ultime visite al Blog

ansa007misteropaganoIrrequietaDElemento.Scostantechristie_malrytobias_shuffleil_pablomariofiorenza.mGuerrino35ranocchia56makavelikaGiuseppeLivioL2moschettiere62sognatric3mgf70
 

Ultimi commenti

Chi può scrivere sul blog

Tutti gli utenti registrati possono pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

 
« AFRICA: le mani sui terr...GIU' LE MANI DALL'ERITREA »

La Comune di Parigi

Post n°471 pubblicato il 03 Aprile 2015 da Guerrino35

www.resistenze.org - cultura e memoria resistenti - storia - 31-03-15 - n. 537

144 anni dalla gloriosa comune di Parigi

Giorgio Apostolou ilpartitocomunista.it

31/03/2015

Il 28 Marzo 1871 dalle fiamme della guerra Franco-Prussiana veniva proclamato solennemente il primo governo operaio rivoluzionario, la Comune di Parigi. Per la prima volta nella storia dell'umanità, all'interno della società capitalista, il potere statale passò per un breve periodo nelle mani del proletariato, nelle mani della classe operaia,  classe sociale d'avanguardia,  oggettivamente e risolutamente rivoluzionaria fino alla fine.

La Comune fondata dagli operai di Parigi durò 72 giorni, ma la sua importanza per l'ulteriore lotta di liberazione della classe operaia fu enorme. Dimostrò in modo inconfutabile che essa era entrata con determinazione nell'epicentro dello sviluppo sociale del nuovo periodo storico-politico.

Il maggior insegnamento della Comune di Parigi come scrive Karl Marx è che dando l'assalto al cielo, "la Comune ha fornito la prova che la classe operaia non può impossessarsi puramente e semplicemente di una macchina statale già pronta a metterla in moto per i suoi fini."

L'idea di Marx è che la classe operaia deve spezzare, demolire la "macchina statale già pronta" e non  limitarsi ad impossessarsene. "Spezzare la macchina burocratica e militare": in questo concetto è espresso in modo chiaro e lampante l'insegnamento centrale del marxismo rivoluzionario sui compiti del proletariato nella rivoluzione per ciò che riguarda lo stato. Questo è il punto basilare che viene "dimenticato"  e cancellato dagli opportunisti, revisionisti e riformisti di ogni specie e di ogni latitudine e longitudine.

La Comune al posto della dittatura del capitale e della classe borghese crea la macchina statale instaurata dalla classe operaia; la dittatura del proletariato. Un genuino e autentico potere democratico di partecipazione e decisione, una diga d'acciaio contro le forze controrivoluzionarie, un potere classista autenticamente popolare e democratico finché esisterà ancora lo stato. Questo esprime anche la prima dichiarazione della Comune di Parigi con la quale il posto dell'esercito governativo fu preso dal popolo armato, composto principalmente da operai soldati di leva e dai "federali" cioè da operai armati dei quartieri di Parigi .  La Comune  fece lo stesso con la polizia e la magistratura.

La Comune fu un nuovo tipo di stato, non più un organo di repressione al servizio della minoranza borghese contro la grande maggioranza del popolo ma al contrario, uno stato al servizio del popolo contro i suoi sfruttatori.

La Comune fu un corpo operante, legislativo ed esecutivo contemporaneamente. Tutti i suoi eletti erano direttamente revocabili e i loro stipendi non potevano superare lo stipendio  di un operaio ( max. 6.000 franchi all'anno) . Gli eletti della Comune lavoravano obbligatoriamente, sorvegliavano l' applicazione delle leggi e rispondevano direttamente nei confronti dei loro elettori.

Come parte finale di queste brevi annotazioni consideriamo utile ed istruttivo esporre alcune citazioni  presi da due scritti del grande dirigente rivoluzionario Vladimir Ilic Lenin, riguardanti la gloriosa Comune di Parigi del 1871.

Scrive Lenin:

" ….Del resto, malgrado le condizioni cosi sfavorevoli, malgrado la brevità della sua esistenza, la Comune riuscì ad adottare qualche misura che caratterizza sufficientemente il suo vero significato e i suoi scopi. Essa sostituì l'esercito permanente, strumento cieco delle classi dominanti, con l'armamento generale del popolo, proclamò la separazione della Chiesa dallo Stato, soppresse il bilancio dei culti (cioè lo stipendio statale ai preti), diede all'istruzione pubblica un carattere puramente laico, arrecando un grave colpo ai gendarmi in sottana nera.

Nel campo puramente sociale, essa poté far poco; ma questo poco dimostra con sufficiente chiarezza il suo carattere di governo del popolo, di governo degli operai. Il lavoro notturno nelle panetterie fu proibito; il sistema delle multe, questo furto legalizzato a danno degli operai, fu abolito; infine, la Comune promulgò il famoso decreto in virtù del quale tutte le officine, fabbriche e opifici abbandonati o lasciati inattivi dai loro proprietari venivano rimessi a cooperative operaie per la ripresa della produzione. Per accentuare il suo carattere realmente democratico e proletario, la Comune decretò che lo stipendio di tutti i suoi funzionari e dei membri del governo non potesse sorpassare il salario normale degli operai e in nessun caso superare i 6000 franchi all'anno (meno di 200 rubli al mese)."

"….Il ricordo dei combattenti della Comune è venerato non solo dagli operai francesi, ma dal proletariato di tutti i paesi. Perché la Comune non combatté per una causa puramente locale o strettamente nazionale, ma per l'emancipazione di tutta l'umanità lavoratrice, di tutti i diseredati e di tutti gli offesi. Combattente avanzata della rivoluzione sociale, la Comune si è guadagnata le simpatie dovunque il proletariato soffre e combatte. Il quadro della sua vita e della sua morte, la visione del governo operaio che prese e conservò per oltre due mesi la capitale del mondo, lo spettacolo della lotta eroica del proletariato e delle sue sofferenze dopo la sconfitta, tutto questo ha rinvigorito il morale di milioni di operai, ha risvegliato le loro speranze, ha conquistato le loro simpatie al socialismo. Il rombo dei cannoni di Parigi ha svegliato dal sonno profondo gli strati sociali più arretrati del proletariato e ha dato ovunque nuovo impulso allo sviluppo della propaganda rivoluzionaria socialista. Ecco perché l'opera della Comune non è morta; essa rivive in ciascuno di noi.

La causa della Comune è la causa della rivoluzione socialista, la causa dell'integrale emancipazione politica ed economica dei lavoratori, è la causa del proletariato mondiale. In questo senso essa è immortale."
Rabociaia Gazieta, n. 4-5, 15 (28) aprile 1911
 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Commenta il Post:
* Tuo nome
Utente Libero? Effettua il Login
* Tua e-mail
La tua mail non verrà pubblicata
Tuo sito
Es. http://www.tuosito.it
 
* Testo
 
Sono consentiti i tag html: <a href="">, <b>, <i>, <p>, <br>
Il testo del messaggio non può superare i 30000 caratteri.
Ricorda che puoi inviare i commenti ai messaggi anche via SMS.
Invia al numero 3202023203 scrivendo prima del messaggio:
#numero_messaggio#nome_moblog

*campo obbligatorio

Copia qui: