Community
 
nick66
   
 
Creato da nick66 il 10/12/2005

SOLO JUVENTUS

Il blog di Nick66

 

« Calciopoli: Chi si deve ...Padovan: Con Calciopoli ... »

Gli interismi di Severgnini su Calciopoli

Post n°349 pubblicato il 04 Aprile 2010 da nick66
 

 



Siamo dei bianconeri ingenui e romantici o dei furbetti?
Gli juventini che guardano al passato, cercando verità e giustizia, sono bollati così, non senza controsenso, da Beppe Severgnini nell’articolo pubblicato nel numero pasquale del Corsera. Un intellettuale del ventunesimo secolo già passato alla storia come autore del Manuale del perfetto interista. Addirittura un trittico di pubblicazioni per l’articolista del quotidiano di Via Solferino. Calciopoli è un’ossessione tossica per i tifosi juventini, scrive forse più il tifoso interista che l’intellettuale. Severgnini ritiene improponibile il confronto fra “quattro chiacchiere piuttosto formali” del suo presidente con il designatore Bergamo rispetto a tutte le presunte colpe di cui si sono macchiati Moggi e gli affiliati alla Cupola ipotizzata da quell’attento lettore di gazzette rosa che risponde al nome del tenente colonnello Auricchio. Non scendiamo nel particolare delle “quattro chiacchiere” anche se impressiona la fede ultrà che Severgnini manifesta sul fatto che siano stati solo pochi scambi di inopportune ma innocenti battute quelle fra i dirigenti interisti e Bergamo. Allo scrittore che tifa Inter forse sono sfuggiti i richiami a “partite da vincere insieme”, arbitri catechizzati dai designatori, strizzate d’occhio dei guardalinee, posteggi di auto sotto la casa del designatore per incontri e intercettazioni fra le massime cariche dell’Inter e lo stesso Bergamo, fino a ieri taciuti dagli Onesti e negati dagli inquirenti di Calciopoli. Questo ci sembra un fatto grave e che pone degli interrogativi per chi ha voglia di porseli. 

Visto che l’autore di besteseller, che vanno dal turismo agli interismi, è pure prodigo di consigli nei confronti di gente che ha la colpa di volere andare oltre alle verità di comodo, anche noi consiglieremmo a Severgnini di andare oltre al fumo del “camion di tritolo” di cui accenna nell’articolo, un fumo che forse finisce per annebbiargli la vista e da cui lo scrittore estrapola le sentenze sportive e quelle di primo grado del rito abbreviato come se si trattasse di oro colato, non riuscendo ad andare oltre per verificare in che cosa le stesse effettivamente consistano. Chissà se Severgnini ha avuto la curiosità di seguire qualche udienza del Processo che si sta svolgendo a Napoli. Forse sì ma evidentemente con scarsa attenzione. E per quanto riguarda il processo sportivo, lo sa Severgnini che cosa si sono inventati i giudici sportivi in assenza di illeciti pur di condannare la Juventus, cercando di sintonizzarsi sul sentimento popolare che si fece sentenza? Non è vero, come scrive Severgnini, che “ci hanno sporcato i sogni”; quella Juventus morta ammazzata nell’estate di Calciopoli è stata una straordinaria realtà che ha vinto in Italia e che in Europa ha raggiunto per quattro volte in dieci anni la finale di Champions League, giocata il più delle volte con poca fortuna. Non abbiamo ceduto improvvisamente al risentimento e alla rivendicazione come nei sentimenti che ci appiccica l’articolo, ma abbiamo cercato di saperne di più leggendo le carte processuali e quelle delle indagini cercando i riscontri alla ricerca solo di verità e giustizia. E’ normale che in camera di consiglio ci si inventi che la somma di comportamenti ritenuti sleali formi un illecito strutturato? 

Attenzione perché seguendo questo criterio sarebbe pericoloso sommare un paio di telefonate sconvenienti di Moratti con Bergamo con altre due di Facchetti. E quando si parla di schede svizzere, come se si trattasse di un fatto accertato, bisognerebbe essere consapevoli che certe dinamiche sono ancora tutte da dimostrare da parte di un’accusa già scivolata in modo rovinoso sul contro esame di quello che veniva considerato l’accusatore principe. Chissà poi se Severgnini è al corrente dell’andamento del processo Telecom, occultato dai principali media, e se è a conoscenza dell’attività portata avanti da Tavaroli e Cipriani proprio negli anni in cui si stava fabbricando quella farsa battezzata “Moggiopoli” per individuare il capro espiatorio ed indirizzare in un solo senso le indagini. E la “pratica Como”? Difficile che nelle letture di Severgnini ci sia stato evidentemente qualcosa del genere visto il fumo di certe consapevolezze. Gli lasciamo tutte le sue convinzioni nel ritenere Moggi il genio del male (o genio “non del bene” come scritto nell’articolo con sottile ipocrisia) e gli lasciamo tutta l’illibata certezza di tifare per una Banda degli Onesti. Ma che almeno abbia il buon gusto di astenersi dal fornire consigli non richiesti ai tifosi juventini dedicandosi pure liberamente ai suoi interismi. E chissà se l’intellettuale riuscirà a prevalere sul tifoso andando un tantino più in là di certi pensieri da salotti della Milano bene trasportati così banalmente sul Corsera. Gli ricordiamo quello che disse Enzo Biagi a proposito di Calciopoli, un intellettuale vero, che a metà agosto dell’estate del 2006 così commento la sentenza sportiva: 

“Una sentenza pazzesca, e non perché il calcio sia un ambiente pulito. Una sentenza pazzesca perché costruita sul nulla, su intercettazioni difficilmente interpretabili e non proponibili in un procedimento degno di tal nome.Una sentenza pazzesca perché punisce chi era colpevole solo di vivere in un certo ambiente, il tutto condito da un processo che era una riedizione della Santa Inquisizione in chiave moderna. E mi chiedo: cui prodest? A chi giova il tutto? Perché tutto è uscito fuori in un determinato momento? Proprio quando, tra Laziogate di Storace, la lista nera di Telecom, poi Calciopoli, poi l’ex Re d’Italia ed ora, ultimo ma non ultimo, la compagnia telefonica Vodafone che ha denunciato Telecom per aver messo sotto controllo i suoi clienti. Vuoi vedere che per coprire uno scandalo di dimensioni ciclopiche hanno individuato in Luciano Moggi il cattivo da dare in pasto al popolino?" 


Cui Prodest Severgnini?

 

 
 
 
Vai alla Home Page del blog

                 PER ORDINARLO

      CLICCA SULLA COPERTINA

 

 

PER ORDINARLO

CLICCA SULLLA COPERTINA

 

CLICCA SU LOGO

 

CONTATTA L'AUTORE

Nickname: nick66
Se copi, violi le regole della Community Sesso: M
EtÓ: 48
Prov: PD
 

MI RITORNI IN MENTE...

 

SOLO PER CHI AMA LA JUVE

 

LA MIA JUVENTUS...

 

PINZOLO 2009: "MAGNIFICENT!"

 

PINZOLO 2008: PICCOLI JUVENTINI CRESCONO

 

PINZOLO 2007:IL SOGNO CONTINUA

 

AREA PERSONALE

 
Citazioni nei Blog Amici: 22
 

ULTIME VISITE AL BLOG

andersen2010STARTREK670gaetano.indifra_cammeluzzatotocomellaluckilgiusyperonielvitomarottifred7676step171167paolino732csharon88ste880pietro.antonuccighemmese
 

ULTIMI COMMENTI

Per queste cose nessuno pare avere occhi e orecchie, primo...
Inviato da: bradipoafricano
il 27/03/2011 alle 14:03
 
salve, sono pinturicchio94, blogger di...
Inviato da: Pinturicchio_94
il 18/12/2010 alle 17:42
 
Ottimo post anche per me.. grazie.
Inviato da: ordw
il 29/10/2010 alle 14:46
 
gran bel post!
Inviato da: resistenzabianconera
il 13/09/2010 alle 22:25
 
Ne sono (giÓ) sicuro A presto!
Inviato da: cronachebianconere
il 06/09/2010 alle 06:58
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

NOTE LEGALI

L’autore dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti dai lettori. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi all’autore, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Questo blog non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da internet e quindi valutate di pubblico dominio: qualora il loro utilizzo violasse diritti d’autore, lo si comunichi all’autore del blog (info@nicolanegro.it) che provvederà alla loro pronta rimozione.