Community
 
stabia_info
   
 
Creato da stabia_info il 19/06/2007

STABIA NEWS

Notizie dell'hinterland stabiese

 

I reperti di Stabiae in mostra nella Reggia di Quisisana

Post n°17722 pubblicato il 14 Maggio 2014 da stabia_info
 
Foto di stabia_info

Titti Esposito - Castellammare. I reperti di epoca romana in mostra nella Reggia di Quisisana dal 23 maggio a settembre prossimo (con l'obiettivo di rendere l'esposizione permanente nel palazzo borbonico). L'apertura straordinaria per due weekend della grotta san Biagio, di epoca paleocristiana chiusa da anni per problemi strutturali, ma soprattutto l’obiettivo di far divenire le ville di Stabiae sito Unesco riaccendendo i riflettori sul patrimonio storico, artistico e culturale dimenticato. Obiettivi ambiziosi per il «Maggio dei monumenti» che quest'anno, a distanza di vent'anni dalla prima edizione, riparte sul territorio stabiano con il logo «Castellammare d'autore». L'idea del Comune che in accordo con la Diocesi sorrentino-stabiese, l'azienda di cura soggiorno e turismo, le Sovrintendenze e le associazioni dei commercianti e degli albergatori, è di rendere fruibili le opere d'arte sacra e profana della città con itinerari interessanti aperti a cittadini e turisti. Come il premio Luigi Denza, concorso musicale internazionale per giovani pianisti alla Reggia di Quisisana con l'associazione Le camenae fino al 17 maggio dalle 9 alle 13 e dalle 15,30 alle 19, alle 19 dello stesso giorno l'appuntamento è con il premio Madonna dell'Arco all'Istituto Denza al rione ponte Persica. Il 18 maggio Salvalarte Ager stabianus con la visita alle ville romane di Arianna e san Marco con i giovani volontari di Legambiente Woodwardia. Dal 23 maggio apre la mostra «Dal buio alla luce» che fa uscire dagli scantinati dell'Antiquarium chiuso di via Marco Mario i reperti di epoca romana delle ville stabiesi (con orario dalle 9,30 alle 13,00 e dalle 15,30 alle 19,00), alle 18,30 invece conferenza storica con Catello Vanacore alla chiesa del Purgatorio, promossa dal Comitato scavi di Stabia nel cuore del centro antico. Dal 23 al 25 con l'associazione Ars Nea sarà possibile visitare la mostra della Reggia dalle 9,30 alle 11 e dalle 12 alle 16,30. Il 24 maggio si visitano le ville dell'otium con l'associazione Locus Iste dalle 10,30 alle 13. Dalle 14,30 alle 18,30 invece tutti in bicicletta dalla Cassarmonica alle ville romane con Stabia archeo bike tour, alle 17 invece appuntamento con l'arte sacra nel libro di Egidio Valcaccia alla chiesa del Purgatorio. Alle 18 sempre il 24 i tesori nascosti nel centro antico con il convegno della Fidapa al Mudiss (museo diocesano nell'ex chiesa dell'Oratorio) sulla tela raffigurante santa Teresa d'Avila di Sebastiano Conca. Il 25 Sulla via degli orti di Stabiae con Slow food a via passeggiata archeologica, con un laboratorio del gusto dalle 9 alle 13, alle 11 appuntamento con l'associazione Myo a via Santa Caterina per l'incontro monotematico sulle ville romane di Luca Schettino. Fino al 2 giugno alla Reggia in mostra le collezioni dell'Ipiemme International Puppets Museum con i burattini, i teatrini ed i pupi napoletani, e poi spettacoli il 18 ed il 25 maggio. Per informazioni sugli altri eventi fino a fine mese e prenotazioni di tour e visite si puo' contattare il numero 0813900445 e per i turisti di lingua inglese 3395941271. Entusiasta il sindaco Nicola Cuomo. 

Fonte: Il Mattino di Napoli

 
 
 

Castellammare: via Acton a senso unico e nuovi parcheggi

Post n°17721 pubblicato il 01 Maggio 2014 da stabia_info
 
Foto di stabia_info

Maria Elefante - Castellammare. Strade a senso unico e parcheggi pubblici a prezzi «scontati». È la soluzione per scongiurare gli ingorghi delle vie del mare approvata martedì sera in consiglio comunale. Su 14 consiglieri presenti, quasi tutti di maggioranza, uno solo si è astenuto dalla votazione così quest’estate, con il nuovo dispositivo traffico potrebbe essere più semplice raggiungere gli stabilimenti balneari. Da piazzale Amendola, lungo tutta la zona di Pozzano fino ad arrivare alla Statale Sorrentina il traffico sarà regolato da sensi unici. Chi arriva dal centro di Castellammare e intende raggiungere i lidi balneari dovrà percorrere via Sorrentina, transitando così accanto allo stabilimento della Corderia e alla Colonia dei Ferrovieri. La strada, di proprietà della Provincia, è stata ceduta per tre mesi al Comune, il nuovo piano traffico entrerà quindi in vigore nel periodo compreso tra il 15 giugno ed il 15 settembre. Il senso unico di via Sorrentina servirà a liberare una parte della carreggiata che sarà utilizzata per il parcheggio delle auto. Lungo la strada sono previsti 180 stalli a pagamento, 30 strisce bianche, 10 parcheggi riservati ai portatori di handicap e circa un centinaio di strisce a spina dove potranno sostare invece i ciclomotori. Il ritorno è previsto percorrendo invece via Acton, ovvero la stradina in discesa che collega la Statale Sorrentina a piazzale Amendola nei pressi della vecchia stazione circum in prossimità delle Terme Vecchie. Il provvedimento arriva da lontano, messo a punto dalle passate amministrazioni ma solo martedì è approdato in consiglio comunale dove ha ricevuto l’ok definitivo. «Ho colto la bontà e l’efficacia di questo provvedimento – ha spiegato Mariarita Auricchio, vicesindaco con delega alla viabilità – l’intento è quello di evitare ai cittadini di restare intrappolati nel traffico per chilometri per raggiungere le spiagge ed anche quello di accogliere nei nostri lidi i bagnanti dei paesi limitrofi». Il senso unico di via Sorrentina, infatti, terminerà all'altezza della Colonia dei Ferrovieri, consentendo dunque a chi arriva da Sorrento di poter accedere ai bagni di Pozzano con maggiore facilità senza dover compiere l’intero percorso. Vantaggiose le tariffe agevolate per i bagnanti. Il pagamento della sosta, che sarà gestito dalla Tmp, la società che già si occupa dei grattini in città, è previsto dalle ore 9 fino alle 19, gli introiti delle contravvenzioni saranno poi incassati dal Comune. I ticket saranno disponibili per cinque ore consecutive al prezzo di 2 euro e per dieci ore al prezzo di 3 euro e 50 centesimi. «Lo spirito che ha portato a stabilire queste tariffe è quello di una buona riuscita del provvedimento, anche grazie all’apertura prossima della galleria di Seiano, consentendo anche di scongiurare il fenomeno dei parcheggiatori abusivi e delle auto in divieto di sosta – continua il vicesindaco – puntiamo non solo a limitare il traffico nelle ore di punta ma soprattutto ad evitare gli ingorghi sulla statale sorrentina». Malgrado la condivisione del dispositivo traffico da parte dell’Ascom, non sono mancate polemiche che hanno visto protagonisti alcuni commercianti della zona preoccupati che il mancato passaggio delle auto possa danneggiare le vendite. Preoccupazione condivisa dall’amministrazione che ha pubblicato il bando per i nuovi chalet dell’acqua della Madonna situati nella zona di via Duilio, a pochi passi da via Acton e via Sorrentina e deciso di riaprire per quest’estate il parcheggio delle Antiche Terme. Uno spazio che non solo si integrerà ai nuovi stalli di via Sorrentina ad uso dei bagnanti, ma sarà il parcheggio che accoglierà chi vorrà cenare o semplicemente passeggiare nella zona compresa tra via Duilio e la villa comunale. Fonte: Il Mattino di Napoli

 
 
 

Castellammare: un tram collegherà la periferia nord con il centro

Post n°17720 pubblicato il 18 Aprile 2014 da stabia_info
 
Foto di stabia_info

Articolo di Maria Elefante - Castellammare. Un tram leggero collegherà la periferia nord con il centro cittadino. È questo il punto più importante della rivoluzione urbanistica che ridisegnerà la zona di via Alcide De Gasperi e dell’intero rione dei Cantieri Metallurgici. I progetti, messi nero su bianco attraverso la stesura di un masterplan, sono stati esaminati martedì sera nel corso della prima riunione della commissione tecnico-consultiva, organizzata come laboratorio di pianificazione partecipata. Al tavolo di concertazione hanno partecipato i membri dell’amministrazione comunale, con il sindaco Nicola Cuomo e l’assessore all’Urbanistica Alessio D’Auria, sette consiglieri comunali, gli imprenditori della zona e le sigle sindacali che vigileranno affinché siano mantenuti tutti i livelli occupazionali. Quello che interessa il rione che oggi ospita gli scheletri di vecchi insediamenti industriali è un vero e proprio cambiamento, che proietterà Stabia nel circuito turistico internazionale. E l’arretramento della stazione ferroviaria da piazza Matteotti all’altezza del porto turistico Marina Di Stabia rientra proprio in quest’ottica, facendo parte del «Grande Progetto Pompei». Non si conoscono ancora i tempi ma i costi previsti si aggirano tra i 25 ed i 30 milioni di euro. Nelle intenzioni dell’amministrazione ci sarebbe un project financing, dunque la volontà di coinvolgere i privati scelti con una procedura di evidenza pubblica. Un’ipotesi che però potrebbe anche non concretizzarsi: in tal caso l’amministrazione avrebbe la possibilità di realizzare il progetto grazie ai fondi comunitari per le annualità comprese tra il 2014 ed il 2020, che si concentrano soprattutto sulla mobilità sostenibile. Il treno che fino ai mesi scorsi collegava la tratta metropolitana Castellammare e Napoli Campi Flegrei si fermerebbe al confine tra Castellammare e Torre Annunziata. Per raggiungere il centro è previsto l’utilizzo di un tram veloce ma di tipo leggero. Spariranno dunque i passaggi a livello e andranno giù i muri che attualmente delimitano i binari, il tutto per eliminare quella che era diventata una separazione netta tra il mare ed il quartiere. Attorno al tram leggero ci saranno aiuole e panchine. Il mezzo percorrerà parallelamente la linea di costa e proprio questa vicinanza con il mare diventa la chiave intorno alla quale sviluppare l’intera rivoluzione urbanistica. Infatti nei progetti del Comune rientra proprio la dislocazione dei 40 capannoni appartenenti a privati e il relativo spostamento delle attività che dovrebbero passare dalla costa all’interno del quartiere, liberando così il waterfront che diventerebbe il prolungamento della villa comunale. Investimenti importanti, in periodi di crisi che fanno tremare i polsi agli imprenditori. Proprio in occasione della riunione di martedì, i privati hanno manifestato tutte le loro perplessità. Malgrado siano state offerte agli imprenditori agevolazioni, come un cambio di destinazione d’uso delle loro attività e la possibilità di modificare le volumetrie, il timore di un investimento economico importante frena gli operatori privati e rischia di bloccare il cambiamento per la periferia nord. «Ci sono difficoltà e idee contrapposte, come è ovvio che sia in ogni tavolo di concertazione, ma il compito dell’amministrazione è fare sintesi nell’esclusivo interesse della città, vincendo diffidenze e perplessità degli imprenditori» ha spiegato l’assessore all’Urbanistica Alessio D’Auria. «La settimana prossima sono state già programmate altre riunioni, ma soprattutto ci sarà un sopralluogo previsto per martedì 22 aprile con l’obiettivo di individuare spazi e nuove aperture del quartiere». Fonte: Il Mattino di Napoli

 
 
 

Castellammare, Azienda Multiservizi non versa Irpef e Iva

Post n°17719 pubblicato il 20 Febbraio 2014 da stabia_info
 
Foto di stabia_info

Gdf sequestra beni per oltre 150 mila euro

È stato eseguito dai militari del comando provinciale della Guardia di Finanza di Napoli un sequestro preventivo di beni mobili e immobili, a carico di R.F., già amministratore unico della “Castellammare di Stabia multiservizi s.p.a.”, azienda municipalizzata del comune di Castellammare di Stabia. Il provvedimento, eseguito il 13 febbraio scorso ed emesso dal gip del tribunale di Torre Annunziata su richiesta della locale procura della Repubblica, ha portato al sequestro di beni di un valore complessivo di oltre 150 mila euro. Il decreto è stato deciso in seguito all’esito, da parte del nucleo di Polizia Tributaria Napoli, di un apposito controllo fiscale nei confronti dell’azienda municipalizzata, di violazioni di carattere tributario relative al periodo d’imposta 2011.
In tale contesto, in particolare, è stato rilevato il mancato versamento delle ritenute d’acconto i.r.pe.f. per un ammontare di circa 970 mila euro, operate nei confronti del personale dipendente e dell’I.v.a. dovuta per complessivi 380 mila euro, risultanti dalle liquidazioni periodiche e dalla dichiarazione annuale. Per tali violazioni, il suddetto amministratore unico pro- tempore è stato segnalato alla competente autorità giudiziaria in quanto resosi responsabile dei reati di omesso versamento di ritenute certificate e omesso versamento di iva.

 
 
 

Rifiuti: Scoperta discarica abusiva a Castellammare

Post n°17718 pubblicato il 20 Febbraio 2014 da stabia_info
 

(Adnkronos) - E' stata trovata questa mattina in via Ponte Persica di Castellammare, una discarica abusiva con rifiuti speciali e pericolosi. I carabinieri della locale stazione insieme al personale della polizia municipale hanno scoperto la discarica dove erano accatastati inerti e rifiuti speciali (elettrodomestici e metalli vari) oltre a rifiuti speciali pericolosi (contenitori di vernici e materiale elettronico) su una superficie di circa 700 mq.L 'area in questione e' stata squestrata, ora e' al vaglio degli inquirenti la posizione del proprietario, un pensionato 70enne.

 
 
 
Successivi »
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 
 

FACEBOOK

 
 

PER INFO, SEGNALAZIONI, SUGGERIMENTI E RECLAMI

CONTATTAMI SU MSN

 
 

ACCEDI AL BLOG CON IL LINK

web counter

 
 

AREA PERSONALE

 

LA RADIOCRONACA DELLA JUVE STABIA SUL GUESTBOOK

 
http://blog.libero.it/STABIA è un blog d’informazione senza scopi di lucro. L'autore non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'autore si riserva, tuttavia, la facoltà di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contrario al buon costume. Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvederà all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.