Creato da stabia_info il 19/06/2007

STABIA NEWS

Notizie dell'hinterland stabiese

 

Depurazione Fiume Sarno: Sbloccati lavori collettore Gragnano-Castellammare

Foto di stabia_info

“Ripartono, dopo anni di fermo, i lavori relativi alla rete di collettori che consentirà di collegare al depuratore foce Sarno i comuni di Casola, Castellammare, Gragnano, Pimonte, Lettere, S Maria La Carità.”

Lo hanno comunicato gli assessori regionali Giovanni Romano (Ambiente e Ciclo Integrato delle Acque) ed Edoardo Cosenza (Lavori pubblici e Coordinamento Grandi progetti) al termine di una riunione con gli Uffici tecnici, l'impresa (l'ATI ITER Gestione e Appalti SpA) che sta attuando l'opera e il direttore dei lavori finalizzata proprio a sbloccare l'intervento fermo dal 2012.

“Il collettore – hanno detto Romano e Cosenza -riguarda un'area nella quale insistono 215mila abitanti equivalenti (ossia abitanti più carico industriale): attualmente meno della metà è allacciata al depuratore di Foce Sarno attraverso il collettore.

“In particolare ripartono subito i lavori di esecuzione dell’attraversamento in 'microtunneling' della linea Circumvesuviana Torre Annunziata – Sorrento al Km 25+930 e della S.S. 145 al Km 2 + 695. 

“L'intervento si inquadra nelle opere previste per attuare il completo disinquinamento del fiume ed è complementare al Grande progetto Sarno che riguarda la messa in sicurezza idraulica dell'intero bacino idrografico. Con gli interventi per la depurazione e quelli per la difesa del territorio dal rischio alluvioni, puntiamo a garantire agli abitanti della zona un'area pienamente fruibile dal punto di vista ambientale e sicura rispetto al rischio alluvioni attualmente esistente”, hanno concluso.

 
 
 

Area stabiese: Allarme truffe, anziani nel mirino

Foto di stabia_info

Francesco Ferrigno - Castellammare di Stabia. Allarme truffe nell’area stabiese, anziani nel mirino. In seguito a diversi episodi registrati negli ultimi giorni, gli uomini della polizia di stato hanno fatto scattare una campagna informativa in città. Un gruppo di malviventi, infatti, sta utilizzando il sistema delle telefonate sulle utenze fisse. Nel momento in cui la vittima risponde all’apparecchio, infatti, dall’altro capo del telefono per il truffatore inizia la commedia: «Chiamo dalla compagnia assicurativa – dicono all’ignara vittima di turno – suo figlio Pasquale ci deve 800 euro». L’anziano istintivamente attacca la cornetta, poi la rialza e compone il numero del figlio per accertarsi della cosa. Il malvivente, però, è ancora in linea e, camuffando la voce e impersonando il figlio, rassicura la vittima di turno che quanto gli ha riferito l’addetto della compagnia assicurativa corrisponde al vero. A quel punto non resta altro da fare per il truffatore che richiamare per incontrare l’anziano e farsi consegnare la cifra pattuita. «I cittadini prestino massima attenzione – ha spiegato Pasquale De Lorenzo, primo dirigente del commissariato di polizia di Castellammare – e ci avvertano immediatamente se hanno dei sospetti». Nei mesi scorsi, insomma, gli agenti hanno ricevuto numerose denunce per un fenomeno che ha avuto la sua recrudescenza proprio negli ultimi giorni. Il modus operandi dei truffatori è simile per tutti gli episodi, e la «recita» cambia di poco di caso in caso. Il malvivente si dichiara rappresentante di una compagnia assicurativa o collaboratore di uno studio legale, la parlata è chiara, sicura e non ha inflessioni dialettali. Si tratta di elementi che consentono ai truffati di sentirsi subito a proprio agio, unitamente ad un altro fattore fondamentale. Il truffatore, infatti, accenna al nome di un familiare dell’anziano, all’età, a qualche sua abitudine. Ma com’è possibile che i malviventi conoscano simili particolari? «In realtà basta poco, – ha detto De Lorenzo – ci possono essere dei contatti con la vittima prima della truffa, come ad esempio poche parole dette senza pensarci troppo mentre si è in fila all’ufficio postale. Ovviamente non è il caso specifico degli anziani, ma in molti casi possono influire anche i social network con i loro aspetti negativi quali possono essere il ”postare“ sistematicamente spaccati di vita e dati personali». A presentarsi presso l’abitazione delle vittime per ritirare soldi sono anche in quel caso persone dall’aspetto «pulito» e rassicurante. Le cifre sottratte vanno dai 700 agli 800 euro: tali truffe possono perciò fruttare anche diverse migliaia di euro al giorno. Il problema, per le forze dell’ordine, è che i truffatori stanno utilizzando sistemi che non ne consentono l’individuazione nonostante ci siano approfondite indagini in corso. I malviventi utilizzano telefoni pubblici oppure numeri di cellulari le cui schede vengono successivamente distrutte. I sospetti, al momento, stanno dirigendo i poliziotti stabiesi verso persone originarie del capoluogo partenopeo, dove questo tipo di truffe è più diffuso. Appena una settimana fa proprio a Napoli è stato arrestato in quanto accusato di truffa e furto con destrezza il 45enne Vincenzo Romano. L’uomo si fingeva medico dell’Inps e riusciva a farsi mostrare la documentazione in possesso della vittima, ad esempio la domanda per ottenere l’indennità di accompagnamento. Romano avanzava poi una proposta di denaro, motivando la richiesta con il fatto che era finalizzata ad ottenere il buon esito della pratica. La polizia sospetta che l’uomo possa aver visitato più di un’abitazione nella provincia partenopea. Fonte: Il Mattino

 
 
 

Monti Lattari, la sede si trasferisce alla Reggia di Quisisana

CASTELLAMMARE DI STABIA – La scelta, alla fine, è caduta sulla locationsicuramente più bella e suggestiva: il Palazzo Reale. Ma non è stata solo l’estetica il valore aggiunto. Il progetto che l’Amministrazione comunale ha presentato per la manifestazione d’interesse pubblico, per l’individuazione della nuova sede del Parco regionale dei Monti Lattari, è stato premiato anche e soprattutto per quegli specifici requisiti (fruibilità, facilità di collegamento) che fanno del complesso di Quisisana probabilmente la migliore porta d’accesso al massiccio dei Monti Lattari.

Così, terminati gli iter burocratici e amministrativi previsti in questi casi, nelle prossime settimane

Castellammare di Stabia ospiterà, per la prima volta nella sua storia, la sede di uno dei parchi regionali più belli d’Italia. Un’area che abbraccia due province – Napoli e Salerno – per ben ventisette Comuni che vanno dalla penisola sorrentina a quella amalfitana fino all’agro-nocerino.

“Sono estremamente soddisfatto dell’avvenuta individuazione della sede della Reggia di Quisisana come sede del Parco dei Monti Lattari – ha commentato il primo cittadino, Luigi Bobbio -. Che l’Ente Parco, la cui importanza è nota, abbia puntato sulla Reggia di Quisisana come sua sede rappresenta un orgoglio per la comunità stabiese e un reciproco riconoscimento di prestigio tra lo stesso parco dei Monti Lattari e la storia e il presente della città di Castellammare di Stabia. Ringrazio per questo i sindaci dei Comuni dell’Ente Parco, il presidente Guida per la fiducia accordatami e l’assessore Coppola per il certosino lavoro svolto per arrivare a questo prestigioso risultato. Si tratta, peraltro, di un’ulteriore importante tessera del mosaico che stiamo componendo circa la piena e completa valorizzazione della Reggia di Quisisana, facendone una struttura destinata a diventare ben presto centro motore di cultura, strategie istituzionali e amore per il bello in una logica tesa a farne qualcosa di vivo e non – ha concluso Bobbio – un oggetto inanimato inchiodato a scelte teoriche al limite del delirante quali quelle con cui, precedenti Amministrazioni comunali e regionali, avevano cercato di buggerare i cittadini”.

“È per noi motivo di grandissima soddisfazione – ha aggiunto l’assessore alla Cultura e al Turismo, Antonio Coppola – che il Parco abbia trovato casa sul Monte Faito, sicuramente il polmone verde dei Lattari. Si tratta di un’occasione ghiotta per il rilancio di un grande attrattore turistico che può rappresentare un richiamo per i grandi flussi nazionali e internazionali per l’intero comprensorio e per la città di Castellammare in particolare”.

“Il recupero dei giardini storici di Quisisana, il grande lavoro che l’Amministrazione comunale, sotto la spinta del sindaco Bobbio, sta portando avanti per rilanciare l’immagine del Palazzo Reale e per sottrarlo al degrado degli anni scorsi, il potenziamento delle strutture ricettive sul Faito possono rappresentare i tasselli mancanti di un network turistico cittadino integrato che ha ormai preso forma. Un sistema che unisce, in un’unica filiera, la classica offerta turistica balneare con quella storico-archeologica (pensiamo, ad esempio, agli scavi di Stabiae), con quella del termalismo e con quella naturalistica, appunto – ha continuato Coppola –. Voglio però ribadire che la nuova sede del Parco sarà allocata in un’area– è bene specificare – che sarà occupata senza compromettere, in alcun modo, il progetto originario della scuola di restauro che è, e resta, in piedi. Dunque, un’iniziativa non esclude l’altra. Anzi, si completano a vicenda e rendono la Reggia di Quisisana finalmente un centro vivo e pulsante della nuova stagione turistica e di rilancio sociale di Castellammare di Stabia”.

“Ringrazio tutta la comunità del Parco che ha voluto la sede a Castellammare – ha infine commentato il presidente del Parco regionale Monti Lattari, Giuseppe Guida – e ringrazio altresì l’Amministrazione comunale stabiese e il sindaco Bobbio per aver offerto una sede così prestigiosa. Sono convinto che si tratta di una sinergia virtuosa, che farà bene tanto a Castellammare quanto al Parco. I presupposti ci sono tutti”.

 
 
 

Terza edizione della Maratonina dei Monti Lattari

Post n°17637 pubblicato il 03 Giugno 2012 da stabia_info
 

Gragnano -La terza edizione della Maratonina dei Monti Lattari a Gragnano è stata un vero successo. Quasi 200 atleti si sono cimentati con la tradizionale gara che si disputa nel giorno della Festa della Repubblica. Buona anche l'adesione dei giovani alla passeggiata non competitiva di 2km. La gara organizzata dalla Mare Monti Run di Ferdinando Fontanella sotto l'egida delle UISP e con il patrocinio del Comune di Gragnano è stata curata per tutti gli aspetti tecnici e logistici dalla Atletetica Servizi, neonata associazione in grado di offrire agli organizzatori di gare sportive tutti i servizi necessari allo svolgimento delle competizioni (gonfiabili, attrezzatura per area podio, speaker, servizio giornalistico tv e ufficio stampa, cronometraggio e compilazione classifica).
Sul percorso molto tecnico della lunghezza di 10km, tra i maschi ha tagliato il traguardo davanti a tutti Antonello Barretta di "Liberi Insieme" con il tempo di 36'43''. Sui restanti gradini del podio hanno preso posto l'atleta dell'"Antoniana Runners Club" Marco Calderone con il tempo di 37'12'' e il vincitore della seconda edizione Gaetano Dentato del "Marathon Club Stabia" che ha concluso in 38'03''.
Quarto posto per il sempre ottimo Marco Russo della Nikaios Gragnano (38'30''), quinto per Raffaele Santarpia (Antoniana Runners Club 39'19''). Tra le donne trionfo di Teresa Galano del "Paeninsula" con il crono di 48'45'' davanti alle atlete del Marathon Club Stabia Rosaria Solimene (50'47'') e Adele Novara (51'57''). Quarto e quinto posto per Cinzia Oliva (Nikaios Gragnano 52'12'') e Graziella Santaniello (Free Runner Stabia 52'13'').La giornata, dopo una splendida esibizione dei campioni italiani della Scuola di Danza Sportiva "Dancing Team", si è conclusa con le premiazioni dei primi 100 assoluti e di tutte le donne con prodotti della gastronomia locale offerti dai Pastai Gragnanesi e dalla Cantina Mariano Sabatino. Ricco ristoro finale con i prodotti del Caseificio dei Monti Lattari e i dolci della Pasticceria Savino. Ai primo classificati anche "benefit" offerti dalle pizzerie "Addo' Masto" ed Elisa Mascolo e da Effetti Capelli.

 
 
 

Sant'Antono Abate: Appalti truccati e truffa, denunciati in 7

SANT’ANTONIO ABATE. “L’Igiene Urbana srl”, la ditta che esplica il servizio di raccolta dei rifiuti solidi urbani nei comuni di Casola di Napoli, Pimonte e Santa Maria La Carità, non potrà più lavorare per gli Enti Pubblici. È quanto disposto dal Gip del tribunale di Torre Annunziata a conclusione delle indagini coordinate dalla Procura della Repubblica di Torre Annunziata e svolte dai militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Napoli. I due amministratori dell’impresa di Sant’Antonio Abate, Andrea Abagnale e Daniele Manfuso, sono accusati di truffa all’Inps e all’Inail, turbativa d'asta negli appalti per la raccolta dei rifiuti indette dai Comuni di Pimonte, Lettere e Gragnano, falso, frode e inadempienze nelle pubbliche forniture. Entrambi sono stati interdetti per due mesi dalla contrattazione con le pubbliche amministrazioni e dall’esercizio di uffici direttivi delle imprese. Tra i denunciati, un funzionario dell’Inps indagato per aver emesso falsi documenti di regolarità contributiva dell'azienda di smaltimento allo scopo di consentirle la partecipazione alle gare di appalto, e due tecnici dell'ufficio Lavori pubblici del Comune di Santa Maria La Carità, che hanno consentito che la ditta gestisse come isola ecologica un'area di 70 metri quadrati sversando, in modo irregolare, 35 metri cubi di rifiuti ingombranti senza nemmeno dotarla di cassoni scarrabili. Nello stesso comune, tra l’altro, la ditta impiegava un automezzo già utilizzato e spesato dal Comune di Sant’Agnello, sebbene fosse espressamente vietato, dal capitolato speciale d’appalto, l’utilizzo di automezzi e strumentazioni in uso su altri cantieri, pena la decadenza del contratto. Nel corso delle indagini sono emerse anche diverse infrazioni alla normativa ambientale. Il danno quantificato per l'Inps è di oltre 127mila euro, e oltre 22mila per l’Inail. La società ha anche ottenuto l’esenzione per 14 dipendenti dal versamento di premi assicurativi e contributivi. Due dipendenti, poi, anche loro indagati, hanno certificato falsamente di essere disoccupati da 24 mesi per ottenere sgravi contributivi. Angela Saracino - Giornale di Napoli

 
 
 
Successivi »
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 
 

FACEBOOK

 
 

PER INFO, SEGNALAZIONI, SUGGERIMENTI E RECLAMI

CONTATTAMI SU MSN

 
 


immagineShinystat

immagine

immagine
immagine
immagine
immagine
immagine
 

web counter

 
 

AREA PERSONALE

 

LA RADIOCRONACA DELLA JUVE STABIA SUL GUESTBOOK

 
http://blog.libero.it/STABIA è un blog d’informazione senza scopi di lucro. L'autore non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'autore si riserva, tuttavia, la facoltà di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contrario al buon costume. Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvederà all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.