Creato da bluewillow il 31/03/2006

L'angolo di Jane

Tutto su Jane Austen e sui libri che mi piacciono!

L'ANGOLO DI JANE

Benvenuti nel mio blog!

Questo spazio è dedicato a recensioni di libri e film, ai miei racconti,  a riflessioni personali di varia natura e soprattutto a Jane Austen, una delle mie scrittrici preferite.

Sono una stella del firmamento
che osserva il mondo, disprezza il mondo
e si consuma nella propria luce.
Sono il mare che di notte si infuria,
il mare che si lamenta, pesante di vittime
che ad antichi peccati, nuovi ne accumula.
Sono bandito dal vostro mondo
cresciuto nell'orgoglio e dall'orgoglio tradito,
sono il re senza terra.
Sono la passione muta
in casa senza camino, in guerra senza spada
e ammalato sono della propria forza.

(Hermann Hesse)

 


 

 

JANE AUSTEN -RITRATTO

immagine
 

SLIME BOX

Slime adottati dal blog grafico amico Stravaganza

(clicca sul nome degli slime per leggerne la descrizione)

 

Pink Slime


 

Ink Slime

 


 

IL MIO ANIMALETTO BLOG-DOMESTICO

 

 

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 


 immagine


immagine

 

 

immagine

 

 

« L'arte della guerra - Sun TzuIl cacciatore di teste –... »

Snob - Julian Fellowes

Post n°1019 pubblicato il 22 Marzo 2013 da bluewillow
 

Titolo: Snob Titolo originale: Snobs Autore: Julian Fellowes Traduzione: Maria Cristina Savioli Casa editrice: Beat pag: 331 costo: 9,00 €

Prima ancora di diventare lo sceneggiatore di Downton Abbey, telefilm reso celebre per il dettaglio con cui è stata resa la vita all'interno di un nobile magione di inizio '900, il britannico Julian Fellowes aveva già dimostrato un certo interesse e una notevole abilità nel tratteggiare invece la vita di quella stessa nobiltà inglese alla fine dello stesso secolo.
“Snob”, primo romanzo di Fellowes, ha infatti per tema il difficile inserimento di una ragazza dell'altra borghesia, Edith Lavery, all'interno di una famiglia nobile, i Broughton, della quale entra a far parte attraverso il legame con il rampollo Charles, relazione cinicamente coltivata con fini di puro interesse.
Edith è stata allevata dalla madre Sarah con l'idea che orbitare nella sfera dei pari d'Inghilterra, gli snob più snob del pianeta, sia il coronamento di una esistenza e il miglior traguardo per una ragazza benestante, ma senza troppe qualità. Riuscire nell'impresa, però, sposando Charles, nobile, belloccio, persino di buon cuore, ma senza troppa intelligenza, non sortirà affatto la felicità sperata ed Edith verrà tentata dall'idea di abbandonare il tesoro così faticosamente raggiunto.
La parabola di Edith, ambientata negli anni '90 del secolo scorso, quasi un romanzo di formazione, viene narrata attraverso gli occhi di un amico attore che ha presentato per primo Edith a Charles, e che è in un certo senso l'alter ego dello stesso Fellowes, visto che anche lo scrittore, oltre che essere noto in tempi recenti per l'attività di sceneggiatore, che gli ha fruttato un Oscar per Gosford Park nel 2011, è stato per lungo tempo e continua ad essere un attore.
Se formalmente Edith è il personaggio principale del romanzo e la sua storia il filo conduttore di tutto il volume, in realtà la vera assoluta protagonista di “Snob” è la nobiltà inglese, analizzata da Julian Fellowes nei suoi usi, costumi ed abitudini con la precisione di un naturalista appostato nella savana che realizzi un documentario su un branco di leoni o con quella di uno psicologo che abbia deciso di scrivere un trattato di “sociologia nobiliare britannica”.
Veniamo così a scoprire che essere davvero parte di quella ristretta cerchia di snobboni che sono i nobili inglesi è praticamente impossibile se non vi si è nati, visto che la base di tutto il loro sistema sta per l'appunto nel conoscersi fin dall'infanzia, e qualora  uno di essi incontri qualcuno meno noto, nello scambiarsi, come forma di saluto, l'elenco di tutte le reciproche conoscenze che servono ad attestare la reale appartenenza al gruppo della gente giusta.
Per il resto, Julian Fellowes non ci nasconde che a parte il lusso e i privilegi, la vita dei nobili inglesi non è poi molto entusiasmante e condotta con una certa vacuità, nel rispetto di due soli valori: il denaro e i titoli, senza i quali non si può passare il tempo ad essere maleducati con tutti gli altri che non ne hanno.
La quarta di copertina descrive così questo volume: “ricorda Jane Austen ed Evelyn Waugh”, ma credo sarebbe più giusto dire che è un misto fra Waugh e la Nancy Mitford di “Amore in climi freddi”, visto che uno dei personaggi che spiccano di più in questo volume è la fredda, compassata Lady Uckfield, madre di Charles, che se non si fa travolgere dalle passioni come la “Lady Montdore” di Mitford, ne conserva però tutto lo sfacciato cinismo.
Sebbene il libro sia stato pubblicato nel 2004, lo sfondo della storia sono gli anni '90 del '900, così il fatto che non ci siano cellulari, e-mail e social network a consentire una rapida interazione fra Edith e Charles, dà a questa storia un sapore più antico di quanto non abbia realmente, rafforzando la similitudine con gli scrittori che ho citato precedentemente.
Il libro è certamente molto interessante, anche se alcuni concetti sono ripetuti da Fellowes in maniera quasi pedagogica (se volete davvero essere accolti con calore da qualche snob aristocratico, mi raccomando fornitevi di un elenco di persone che conosce dall'infanzia e snocciolateglielo).
Di ogni personaggio Fellowes traccia, con stile impeccabile, un profilo psicologico assolutamente realistico e dettagliato, ma nessuno sembra in effetti prevalere (a parte la citata Lady Uckfield) e la storia è nel complesso quella di un certo ambiente, piuttosto che di certi individui.
Un volume sicuramente apprezzabile per il ritratto sociale che delinea di un mondo molto meno luccicante di quanto non appaia di solito.

 
 
 
Vai alla Home Page del blog

AREA PERSONALE

 

BANNER

I miei banner

immagine
immagine
immagine

immagine

(Realizzati per me in esclusiva dal blog grafico Stravaganza)

 

ROMPERE IL VETRO IN CASO DI EMERGENZA

 

BANNER LINK

 


 

 

 

 

I MIEI PROGETTI PER IL FUTURO

 

DISCLAIMER

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.

____________________


Metto questo disclaimer molto alla moda su quasi tutti i blog, già mi sento più importante solo per averlo messo! Comunque la mia personale opinione al di là della legge è che non sono una testata giornalistica perchè :
-non vedo il becco di un euro, ma in compenso a scriverlo sto andando alla neuro
-nessuno mi regala i libri
-nessuno mi regala i biglietti del cinema
-nessuno mi paga per scrivere e per dire quello che penso...
- e nemmeno quello che non penso!
- perchè se il "Giornale del Grande Fratello" èuna testata giornalistica, va a finire che io sarei la CNN! (questa l'ho quasi copiata da un altro blogger!).
Se volete leggere altre definizioni simili e più divertenti (magari vi torna comodo) potete trovarle QUI

____________________

 

 


Si fa il più assoluto divieto di utilizzare o citare il materiale contenuto in questo blog su siti di natura pornografica, illecita o immorale, pena denuncia alla polizia postale.

 

Relativamente al contenuto dell'intero blog, vale il seguente copyright:
TUTTI I DIRITTI RISERVATI.

Le citazioni da libri, all'interno delle recensioni dei libri stessi o in altri post, appartengono ai relativi autori.

 
Citazioni nei Blog Amici: 228
 

LE TRADUZIONI DI BLUEWILLOW - FREE TEXT

La maschera della morte rossa - Edgar Allan Poe

L'ingratitude (L'ingratitudine) - Charlotte Brontë 

Disclaimer
Non sono una traduttrice professionista, quindi le mie traduzioni potrebbero contenere errori. Vi raccomando di adottare riguardo a questi testi le stesse precauzioni di una installazione di Windows e cioè: non basate il software di aerei sulle mie traduzioni, non impegnate il vostro patrimonio in scommesse sul fatto che siano esatte, non usatele per delle tesi di laurea e soprattutto non spacciatele per vostre! Declino ogni responsabilità riguardo (e fate i vostri compiti onestamente, diamine!)

Anche se si tratta di traduzioni su di esse valgono gli stessi diritti di qualsiasi altra opera di ingegno. Naturalmente potete leggerle, stamparle, regalarle ai vostri amici e anche farci delle barchette di carta, ma non potete in nessun caso ricavarne un profitto o ometterne i crediti.