Creato da bluewillow il 31/03/2006

L'angolo di Jane

Tutto su Jane Austen e sui libri che mi piacciono!

L'ANGOLO DI JANE

Benvenuti nel mio blog!

Questo spazio è dedicato a recensioni di libri e film, ai miei racconti,  a riflessioni personali di varia natura e soprattutto a Jane Austen, una delle mie scrittrici preferite.

Sono una stella del firmamento
che osserva il mondo, disprezza il mondo
e si consuma nella propria luce.
Sono il mare che di notte si infuria,
il mare che si lamenta, pesante di vittime
che ad antichi peccati, nuovi ne accumula.
Sono bandito dal vostro mondo
cresciuto nell'orgoglio e dall'orgoglio tradito,
sono il re senza terra.
Sono la passione muta
in casa senza camino, in guerra senza spada
e ammalato sono della propria forza.

(Hermann Hesse)

 


 

 

JANE AUSTEN -RITRATTO

immagine
 

SLIME BOX

Slime adottati dal blog grafico amico Stravaganza

(clicca sul nome degli slime per leggerne la descrizione)

 

Pink Slime


 

Ink Slime

 


 

IL MIO ANIMALETTO BLOG-DOMESTICO

 

 

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 


 immagine


immagine

 

 

immagine

 

 

« Cap. 4 - La stregaLa ragazza delle arance ... »

Intelligenza sociale - Daniel Goleman

Post n°177 pubblicato il 02 Novembre 2006 da bluewillow
 

Titolo: Intelligenza sociale Titolo originale:Social intelligence - The new science of human relationships Autore: Daniel Goleman Casa editrice: Rizzoli pag:415 (note comprese) - 334 (esclusi ringraziameti e note finali) Costo: 19 euro

immagineDopo circa dieci anni dal successo di "Intelligenza Emotiva" (recensito al post n°124), Daniel Goleman torna ancora una volta ad illustrare settori innovativi della psicologia, basati su vari studi sulle capacità di interagire socialmente, denonimate "neuroscienze sociali".
Secondo Daniel Goleman il cervello è modellato in maniera naturale per interagire positivamente con altri esseri umani, stabilendo legami più o meno forti a seconda delle capacità sociali di ognuno. Goleman distingue due fondamentali capacità: la consapevolezza sociale e l'abilità sociale. La consapevoleza consiste nella capacità di capire gli altri, di percepire con esattezza i loro sentimenti attraverso l'empatia, di capire in che modo interagiscono tra di loro e i relativi legami che li uniscono. Dall'altro, c'è la capacità di sfruttare in maniera efficace le conoscenze acquisite, attraverso una serie di interazioni positive. Non sempre consapevolezza e abilità sociale vanno di pari passo. L'abilità sociale, infatti, prevede una serie di regole ben precise: essere in sincronia con l'ascoltatore (capire il suo stato d'animo e percepire le sue esigenze), essere capaci presentare sé stessi in maniera soddisfacente in modo da essere a propria volta capiti o visti in buona luce, influenzare l'interazione sociale a proprio favore e mostrare sollecitudine per i bisogni dell'altro. Le interazioni fra due persone sono spesso influenzate, oltre che dalle parole, da una serie di messaggi non verbali che denotano se si è davvero "sulla stessa lunghezza d'onda" dell'altro: spesso infatti due persone che parlano insieme, tendono a ripetere, come in un balletto, gli stessi gesti in contemporanea. Questa interazione non può essere simulata: se si ripetono meccanicamente e volontariamente i gesti dell'altro, anzichè risultare simpatici si finisce per destare diffidenza.

Secondo Goleman le interazioni con gli altri possono essere classificate in due categorie fondamentali: relazioni Io-Tu e relazioni Io- Esso.

Nelle relazioni Io-Tu ci si immedesima nell'altro, se ne capiscono le esigenze, si sente un'altra persona come proprio simile e ci si cura della sua emotività: sono relazioni positive basate sull'empatia. Questo tipo di interazioni sociali ci fa sentire "connessi" agli altri e rende la vita più piacevole. Anche chi vive in condizioni di forte stress riesce ad affrontarle in maniera molto più efficace se può contare su molte relazioni di questo tipo.

Nelle relazioni Io- Esso invece l'altro è visto come un oggetto: qualcuno da cui prendere qualcosa, da sfruttare. Chiaramente è quando ci si sente un "Esso" che la relazione sociale è dannosa. Può capitare quando ci si sente usati da partner, amici o datori di lavoro incuranti delle proprie esigenze emotive.

L'autore sostiene che il degrado della socialità nella società moderna, deriva dal prevalere di intererazioni "Io-Esso": accade quando non si prova empatia per l'altro, perciò non si prova rimorso nel fargli ad esempio del male, perché l'altra persona non è percepita come qualcuno uguale a sè. Ecco quindi il proliferare di delinquenza, vessazione, indifferenza ed aggressività.

Esitono persone ad esempio abili socialmente, capaci di manipolare gli altri, ma totalmente prive di empatia, che possono essere potenzialmente pericolose . Goleman le suddivide in narcisiti, machiavellici e psicopatici. Il narcisista è un insicuro che attaccherà chiunque non gratifichi il suo ego, ma che riesce a farsi strada ostentando una falsa sicurezza. Con queste persone va tutto bene solo fino a quando non si prova a contraddirle. Se questo accade diventano ostili e vendicative.

I machiavellici vedono il prossimo solo come qualcuno da sfruttare: manipolano gli altri per i propri scopi e non si curano dei danni provocati. Riescono a farsi apprezzare dai superiori e da chi vogliono blandire per raggiungere un obiettivo, ma non si fanno nessuno scrupolo di sembrare simpatici a chi è loro sottoposto.
Gli psicopatici sono i più pericolosi: non solo non hanno empatia per gli altri e possono fargli del male senza alcun rimorso, ma non hanno nemmeno paura delle conseguenze che le proprie azioni possono avere su di loro. Possono fare il male ad un livello incocepibile per qualunque persona sana di mente, solo per soddisfare i propri impulsi: molti criminali incalliti e violenti appartengono a questa categoria.

Goleman sostiene che le capacità sociali possono essere recuperate e che un tentativo in tale senso va fatto assolutamente per migliorare la società in cui viviamo: recuperare la socialità attraverso programmi adatti per i giovani in condizioni di degrado o nelle carceri può ridurre la recidività alla delinquenza, perchè chi riesce di nuovo a percepire le potenziali vittime come "persone vere", tenderà sempre meno a delinquere.

Un intero capitolo è dedicato inoltre al personale medico, sostenendo che la perdita di umanità nel trattare con il paziente, considerato solo un numero su una cartella, riduce di fatto l'intera efficacia della cura e accresce il disagio ed il dolore di chi già soffre.

Interagire positivamente con gli altri migliora infatti la salute, mentre interazioni stressanti tendono ad aumentare l'incidenza delle malattie più diffuse. Si è visto ad esempio che vivere in un ambiente lavorativo non solidale tende ad aumentare la pressione arteriosa: nel tempo questo può provocare malattie cardiache.

Potrà forse interessarvi sapere che il matrimonio ha un effetto diverso sulla salute di uomini e donne: gli uomini sposati tendono ad avere quasi sempre una salute migliore di quelli non sposati, mentre nel caso delle donne la salute è migliore solo nel caso in cui il matrimonio sia felice, diversamente è peggiore delle donne non sposate. Questo deriverebbe dal fatto che le donne attribuiscono ai legami affettivi molto più valore degli uomini nel determinare il proprio stato di felicità, mentre gli uomini vedono nel successo lavorativo una fonte maggiore di felicità. Gli uomini quindi risentirebbero meno del fatto che il matrimonio abbia dei problemi, piuttosto che di difficoltà economiche o scarsa affermazione personale, riuscendo a cogliere del matrimonio i lati positivi e a considerare meno quelli negativi.Le donne possono letteralmente rovinarsi la salute con un matrimonio complicato. Che dire? Uomini sposatevi, donne pensateci bene!

Come al solito Daniel Goleman affronta una ricca messe di argomenti, tutti molto interessanti. Quelli presentati in questo breve riassunto non sono che alcuni di quelli presi in considerazione: nel libro si parla anche di educazione scolastica, del ruolo dei genitori nell'educare i figli, di come promuovere le interazioni sociali positive, delle tecniche usate per valutare le abilità sociali. Consiglio questo libro a chiunque abbia un interesse specifico nella materia, ma penso che dovrebbero leggerlo tutti quelli che per qualche motivo debbano occuparsi di interagire molto con gli altri o abbiano influenza sulla vita di molte persone. Penso dovrebbero leggerlo anche molti politici, per capire quali siano le strategie migliori per arginare il proliferare della delinquenza, soprattutto alla luce degli ultimi fatti di cronaca.

Il sito ufficiale di Daniel Goleman è : www.danielgoleman.info

 
 
 
Vai alla Home Page del blog

AREA PERSONALE

 

BANNER

I miei banner

immagine
immagine
immagine

immagine

(Realizzati per me in esclusiva dal blog grafico Stravaganza)

 

ROMPERE IL VETRO IN CASO DI EMERGENZA

 

BANNER LINK

 


 

 

 

 

I MIEI PROGETTI PER IL FUTURO

 

DISCLAIMER

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.

____________________


Metto questo disclaimer molto alla moda su quasi tutti i blog, già mi sento più importante solo per averlo messo! Comunque la mia personale opinione al di là della legge è che non sono una testata giornalistica perchè :
-non vedo il becco di un euro, ma in compenso a scriverlo sto andando alla neuro
-nessuno mi regala i libri
-nessuno mi regala i biglietti del cinema
-nessuno mi paga per scrivere e per dire quello che penso...
- e nemmeno quello che non penso!
- perchè se il "Giornale del Grande Fratello" èuna testata giornalistica, va a finire che io sarei la CNN! (questa l'ho quasi copiata da un altro blogger!).
Se volete leggere altre definizioni simili e più divertenti (magari vi torna comodo) potete trovarle QUI

____________________

 

 


Si fa il più assoluto divieto di utilizzare o citare il materiale contenuto in questo blog su siti di natura pornografica, illecita o immorale, pena denuncia alla polizia postale.

 

Relativamente al contenuto dell'intero blog, vale il seguente copyright:
TUTTI I DIRITTI RISERVATI.

Le citazioni da libri, all'interno delle recensioni dei libri stessi o in altri post, appartengono ai relativi autori.

 
Citazioni nei Blog Amici: 228
 

LE TRADUZIONI DI BLUEWILLOW - FREE TEXT

La maschera della morte rossa - Edgar Allan Poe

L'ingratitude (L'ingratitudine) - Charlotte Brontë 

Disclaimer
Non sono una traduttrice professionista, quindi le mie traduzioni potrebbero contenere errori. Vi raccomando di adottare riguardo a questi testi le stesse precauzioni di una installazione di Windows e cioè: non basate il software di aerei sulle mie traduzioni, non impegnate il vostro patrimonio in scommesse sul fatto che siano esatte, non usatele per delle tesi di laurea e soprattutto non spacciatele per vostre! Declino ogni responsabilità riguardo (e fate i vostri compiti onestamente, diamine!)

Anche se si tratta di traduzioni su di esse valgono gli stessi diritti di qualsiasi altra opera di ingegno. Naturalmente potete leggerle, stamparle, regalarle ai vostri amici e anche farci delle barchette di carta, ma non potete in nessun caso ricavarne un profitto o ometterne i crediti.