Creato da bluewillow il 31/03/2006

L'angolo di Jane

Tutto su Jane Austen e sui libri che mi piacciono!

L'ANGOLO DI JANE

Benvenuti nel mio blog!

Questo spazio è dedicato a recensioni di libri e film, ai miei racconti,  a riflessioni personali di varia natura e soprattutto a Jane Austen, una delle mie scrittrici preferite.

Sono una stella del firmamento
che osserva il mondo, disprezza il mondo
e si consuma nella propria luce.
Sono il mare che di notte si infuria,
il mare che si lamenta, pesante di vittime
che ad antichi peccati, nuovi ne accumula.
Sono bandito dal vostro mondo
cresciuto nell'orgoglio e dall'orgoglio tradito,
sono il re senza terra.
Sono la passione muta
in casa senza camino, in guerra senza spada
e ammalato sono della propria forza.

(Hermann Hesse)

 


 

 

JANE AUSTEN -RITRATTO

immagine
 

SLIME BOX

Slime adottati dal blog grafico amico Stravaganza

(clicca sul nome degli slime per leggerne la descrizione)

 

Pink Slime


 

Ink Slime

 


 

IL MIO ANIMALETTO BLOG-DOMESTICO

 

 

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 


 immagine


immagine

 

 

immagine

 

 

« Il segreto della torre d...Cap. 11 - Spiegazioni »

La figlia oscura – Elena Ferrante

Post n°235 pubblicato il 17 Gennaio 2007 da bluewillow
 

Titolo: La figlia oscura Autrice: Elena Ferrante Casa editrice: Edizioni e/o pag:141 costo: 14, 50 euro


immagineDopo un piccolo mistero su un autore inglese (il vero nome di C.J. Sansom al post n° 234) ecco un autentico giallo italiano: chi è e, sopratutto, esiste veramente Elena Ferrante?
L'autrice di “La figlia oscura” sembra infatti totalmente disinteressata a reclamare la fama per la quale tanti si affannano sotto il sole: pur avendo pubblicato altri tre libri di successo oltre a questo (“L'amore molesto”,“I giorni dell'abbandono” e “La frantumaglia”), da due dei quali sono stati tratti anche dei film, l'autrice non si è mai mostrata in pubblico. Elena Ferrante non si è ad esempio mai presentata a ritirare i premi letterari che le sono stati attribuiti, non ha mai rilasciato interviste in pubblico, né ci sono sue foto sul web, su carta o altrove. Alcuni ritengono che questo nome celi in realtà un uomo, ma dopo aver letto questo libro credo dovrebbe essere l'uomo con la mente più femminile della terra: non è detto che sia impossibile, ma io lo trovo alquanto improbabile.
Secondo quanto riportato nelle ultime pagine del libro, la scrittrice è nata a Napoli, ma l'ha abbandonata presto per vivere per molto tempo all'estero. Nel suo terzo libro “La frantumaglia” parla della sua esperienza di scrittrice e forse per far luce sul mistero occorrerebbe leggere proprio questo volume.
“La figlia oscura” è un libro incentrato sul rapporto della protagonista Leda con la propria maternità. Il libro inizia con il risveglio della donna in una camera d'ospedale, nella quale si trova in seguito ad un incidente, e prosegue col racconto dei fatti che l'hanno portata in quella situazione, per certi versi molto strana. Come dice la stessa Leda:

“ Le cose più difficili da raccontare sono quelle che noi stessi non riusciamo a capire”.


Pur sentendo di amare le sue figlie, Leda sa di essere differente dalla classica madre affettuosa, instancabile, attaccata alla prole, al modello perfetto che ci si attende che sia. La donna sente le sue figlie come un qualcosa che si è addizionato al suo essere e rispetto alle quali ha provato sentimenti molto controversi: talora di competizione, altre di frustrazione, di colpa, di incapacità. Durante una vacanza Leda osserva Nina, giovanissima madre ventenne, con la piccola figlia Elena. Il rapporto così apparentemente spontaneo e fluido fra le due, il legame così naturale che sembra unirle, scatena nella donna una serie di ricordi, che la porteranno alle azioni che poi causeranno l'incidente.
Il libro è scritto molto bene, lo stile della Ferrante è decisamente elegante: le parole si muovono con leggerezza su temi in realtà molto pesanti. Una madre che non vuole sempre bene ai figli, che non li mette sempre in prima linea nelle sue priorità è considerata una eresia, ma la Ferrante mette in luce chiaramente come il voler essere “individuo” oltre che madre può essere molto difficile, se non si è o ci si sente persone molto forti, se non si vive l'essere madre come un desiderio autentico, non come una conseguenza di scelte di vita fatte per prassi.

 
 
 
Vai alla Home Page del blog

AREA PERSONALE

 

BANNER

I miei banner

immagine
immagine
immagine

immagine

(Realizzati per me in esclusiva dal blog grafico Stravaganza)

 

ROMPERE IL VETRO IN CASO DI EMERGENZA

 

BANNER LINK

 


 

 

 

 

I MIEI PROGETTI PER IL FUTURO

 

DISCLAIMER

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.

____________________


Metto questo disclaimer molto alla moda su quasi tutti i blog, già mi sento più importante solo per averlo messo! Comunque la mia personale opinione al di là della legge è che non sono una testata giornalistica perchè :
-non vedo il becco di un euro, ma in compenso a scriverlo sto andando alla neuro
-nessuno mi regala i libri
-nessuno mi regala i biglietti del cinema
-nessuno mi paga per scrivere e per dire quello che penso...
- e nemmeno quello che non penso!
- perchè se il "Giornale del Grande Fratello" èuna testata giornalistica, va a finire che io sarei la CNN! (questa l'ho quasi copiata da un altro blogger!).
Se volete leggere altre definizioni simili e più divertenti (magari vi torna comodo) potete trovarle QUI

____________________

 

 


Si fa il più assoluto divieto di utilizzare o citare il materiale contenuto in questo blog su siti di natura pornografica, illecita o immorale, pena denuncia alla polizia postale.

 

Relativamente al contenuto dell'intero blog, vale il seguente copyright:
TUTTI I DIRITTI RISERVATI.

Le citazioni da libri, all'interno delle recensioni dei libri stessi o in altri post, appartengono ai relativi autori.

 
Citazioni nei Blog Amici: 228
 

LE TRADUZIONI DI BLUEWILLOW - FREE TEXT

La maschera della morte rossa - Edgar Allan Poe

L'ingratitude (L'ingratitudine) - Charlotte Brontë 

Disclaimer
Non sono una traduttrice professionista, quindi le mie traduzioni potrebbero contenere errori. Vi raccomando di adottare riguardo a questi testi le stesse precauzioni di una installazione di Windows e cioè: non basate il software di aerei sulle mie traduzioni, non impegnate il vostro patrimonio in scommesse sul fatto che siano esatte, non usatele per delle tesi di laurea e soprattutto non spacciatele per vostre! Declino ogni responsabilità riguardo (e fate i vostri compiti onestamente, diamine!)

Anche se si tratta di traduzioni su di esse valgono gli stessi diritti di qualsiasi altra opera di ingegno. Naturalmente potete leggerle, stamparle, regalarle ai vostri amici e anche farci delle barchette di carta, ma non potete in nessun caso ricavarne un profitto o ometterne i crediti.