Creato da bluewillow il 31/03/2006

L'angolo di Jane

Tutto su Jane Austen e sui libri che mi piacciono!

L'ANGOLO DI JANE

Benvenuti nel mio blog!

Questo spazio è dedicato a recensioni di libri e film, ai miei racconti,  a riflessioni personali di varia natura e soprattutto a Jane Austen, una delle mie scrittrici preferite.

Sono una stella del firmamento
che osserva il mondo, disprezza il mondo
e si consuma nella propria luce.
Sono il mare che di notte si infuria,
il mare che si lamenta, pesante di vittime
che ad antichi peccati, nuovi ne accumula.
Sono bandito dal vostro mondo
cresciuto nell'orgoglio e dall'orgoglio tradito,
sono il re senza terra.
Sono la passione muta
in casa senza camino, in guerra senza spada
e ammalato sono della propria forza.

(Hermann Hesse)

 


 

 

JANE AUSTEN -RITRATTO

immagine
 

SLIME BOX

Slime adottati dal blog grafico amico Stravaganza

(clicca sul nome degli slime per leggerne la descrizione)

 

Pink Slime


 

Ink Slime

 


 

IL MIO ANIMALETTO BLOG-DOMESTICO

 

 

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 


 immagine


immagine

 

 

immagine

 

 

« Mi ricordo di te – Yrsa...Le tre stimmate di Palme... »

Una nuova parola nel dizionario (inglese): MOOC, istruzione online gratuita , aperta, di massa.

Post n°1113 pubblicato il 02 Settembre 2013 da bluewillow
 

Forse qualcuno si sarà chiesto che fine abbia fatto in questi giorni in cui il mio blog non è stato aggiornato: ebbene la mia assenza si deve in gran parte ai cosiddetti M.O.O.C, acronimo che sta per Massive Online Open Courses (Corsi Online Aperti di Massa), una nuova forma di istruzione basata su corsi online gratuiti, pensati per un grande pubblico, ma basati su materiale simile a quello della classica istruzione universitaria, spesso impartiti da professori di prestigiose università come Stanford, Princeton, Harvard.
I MOOC sono di gran moda oltreoceano: nel giro di un paio di anni, da quando sono stati creati alcuni dei più grandi fornitori di questo tipo di corsi, (Coursera , Edx e Udacity,) sono arrivati a coinvolgere milioni di studenti da tutto il mondo e decine di università di alto livello. I corsi sono infatti pensati per un pubblico internazionale e tenuti in inglese. Quasi tutti i corsi prevedono delle lezioni video in cui gli insegnanti tengono una classica lezione, seguiti una serie di quiz settimanali ed un esame finale, dopo il quale si riceve, nella gran parte dei casi, un attestato di partecipazione al corso.
Molto spesso i corsi offrono anche libri in formato elettronico e materiale gratuito per approfondire gli argomenti delle lezioni.
 Ovviamente le materie più diffuse nei MOOC sono quelle relative all'informatica (Computer Science), ma non mancano anche corsi di psicologia, biologia, chimica, medicina, pedagogia, scienze naturali e letteratura. Molti corsi sono semplici introduzioni ad alcune materie piuttosto difficili, ma altri sono decisamente più complessi e paragonabili alla reale istruzione universitaria.
L'obiettivo dei MOOC è quello di portare l'istruzione di alto livello ad una massa di potenziali fruitori che diversamente non vi avrebbero accesso. Come ho già scritto, la materia numero uno fra quelle proposte è l'informatica che, per la sua stessa natura, è decisamente più adatta a questo tipo di insegnamento, ma ci sono perfino corsi sui dinosauri o sugli antichi eroi greci.
Alcuni corsi sono sempre disponibili online e possono essere seguiti quando si desidera, altri si tengono invece per brevi periodi e prevedono scadenze precise per compiti ed esami, proprio come un corso classico che si terrebbe in un ambiente non virtuale.
Questo tipo di istruzione è divenuto così popolare in USA che la parola MOOC è stata di recente inserita nell'Oxford Dictionary ed entro quest'anno o al più l'anno prossimo molti MOOC partiranno anche in Europa, tenuti da consorzi europei.
L'idea dietro questo tipo di corsi è a metà tra un idealismo utopico ed il business: alcune istituzioni sono no-profit, ma altre sono vere e proprie compagnie che, pur offrendo gratuitamente questo tipo di istruzione, prevedono di riuscire comunque a ricavare denaro dalla necessità, a quanto pare piuttosto diffusa, di questo tipo di fruizione alternativa della cultura.
Al momento tengo d'occhio i corsi di letteratura in attesa di qualcosa che parli specificatamente di Jane Austen o del romanzo ottocentesco inglese, ma in verità sto seguendo soprattutto corsi di informatica, cosa che riduce di molto il tempo libero da dedicare al blog. In verità, presa dall'entusiasmo per la novità sto anche leggendo molti meno romanzi, in favore di corposissimi testi tecnici, quindi forse le recensioni su questo blog per un po' di tempo saranno meno frequenti.
Sto cercando di farmi un'idea precisa dei MOOC e della loro validità: a volte li trovo entusiasmanti, altre sono veramente frustranti, ma nel complesso il mio giudizio è al momento positivo.
In ogni caso, per quanto li trovi utili, non credo si possa mai prescindere dall'affiancare i MOOC a qualche testo classico con il quale corroborare ciò che si è appreso nei video.
Mi raccomando tenete presente questa nuova parola “MOOC” perché credo ne risentirete parlare parecchio, nel bene o nel male, nel prossimo futuro, anche qui in Italia: al momento fra le università italiane solo “La Sapienza” di Roma ha tenuto alcuni corsi nel circuito dei MOOC, ma sicuramente questa è una novità destinata a suscitare un forte impatto nel mondo moderno.
Pensando in grande e tendendo all'infinito, forse un giorno uno studente potrebbe frequentare “virtualmente” università all'altro capo del mondo rispetto a quello in cui si trova, avendo per compagni di corso persone di ogni nazionalità, oppure potremmo avere una nuova forma di diffusione della cultura altamente globalizzata (non so se questo sia bene o male, staremo a vedere).

Commenti al Post:
Utente non iscritto alla Community di Libero
Margherita il 02/09/13 alle 10:50 via WEB
...e io che pensavo che tu fossi in vacanza!!! terrò a mente l'acronimo, anche se mi ricorda (purtroppo)la MOC (esame della densitometria ossea) ;-) ciao!
 
 
bluewillow
bluewillow il 02/09/13 alle 11:29 via WEB
Il nome non è proprio bellissimo :)), però si pronuncia muc, cosa che non lo rende più bello, ma almeno fa un po' sorridere (infatti c'è un corso MOOC che ha per simbolo una mucca, credo sia perché il suono ricorda il verso della mucca anche in inglese, sebbene mucca in inglese si dica cow) :))
 
Utente non iscritto alla Community di Libero
Ludo il 02/09/13 alle 20:24 via WEB
Ma che scoperta interessante! A me piacerebbe sinceramente seguire un buon corso sulla letteratura italiana postunitaria. Buono studio e buone letture, per quelle che riuscirai a fare.
 
 
bluewillow
bluewillow il 02/09/13 alle 22:23 via WEB
Ho letto che presto anche in Europa partiranno alcuni Mooc, alcuni tenuti da enti italiani, quindi non è detto che in futuro non possa essere realizzato un corso sulla letteratura italiana :). Grazie per l'incoraggiamento :))
 
LadyAileen
LadyAileen il 15/09/13 alle 17:07 via WEB
Davvero una bella iniziativa, ho dato un'occhiata a qualche corso ma è bisogna per forza iscriversi al sito per visionare tutte le lezioni? Secondo me, l'iscrizione dovrebbe essere solo per chi ha intenzione di chiedere il certificato di frequenza. Potrebbero anche sottotitolarli (inglese e altre lingue così potrebbero essere seguiti da tutti). ^_^ In Italia per ora si possono trovare solo le lezioni delle università telematiche come NETTUNO: http://www.consorzionettuno.it/nettuno/italian/corsi_uni/elencovideo.asp In bocca al lupo!
 
 
bluewillow
bluewillow il 17/09/13 alle 13:05 via WEB
Sì per vedere le lezioni bisogna iscriversi, ma l'iscrizione è gratuita e chiedono praticamente solo l'e-mail. Le lezioni che ho visto io hanno i sottotitoli almeno in inglese, qualche volta anche in altre lingue, anche se raramente in italiano. Su Udacity ci sono anche le trascrizioni delle lezioni oltre ai sottotitoli. Grazie per il sostegno :)))
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.
 

AREA PERSONALE

 

BANNER

I miei banner

immagine
immagine
immagine

immagine

(Realizzati per me in esclusiva dal blog grafico Stravaganza)

 

ROMPERE IL VETRO IN CASO DI EMERGENZA

 

BANNER LINK

 


 

 

 

 

I MIEI PROGETTI PER IL FUTURO

 

DISCLAIMER

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.

____________________


Metto questo disclaimer molto alla moda su quasi tutti i blog, già mi sento più importante solo per averlo messo! Comunque la mia personale opinione al di là della legge è che non sono una testata giornalistica perchè :
-non vedo il becco di un euro, ma in compenso a scriverlo sto andando alla neuro
-nessuno mi regala i libri
-nessuno mi regala i biglietti del cinema
-nessuno mi paga per scrivere e per dire quello che penso...
- e nemmeno quello che non penso!
- perchè se il "Giornale del Grande Fratello" èuna testata giornalistica, va a finire che io sarei la CNN! (questa l'ho quasi copiata da un altro blogger!).
Se volete leggere altre definizioni simili e più divertenti (magari vi torna comodo) potete trovarle QUI

____________________

 

 


Si fa il più assoluto divieto di utilizzare o citare il materiale contenuto in questo blog su siti di natura pornografica, illecita o immorale, pena denuncia alla polizia postale.

 

Relativamente al contenuto dell'intero blog, vale il seguente copyright:
TUTTI I DIRITTI RISERVATI.

Le citazioni da libri, all'interno delle recensioni dei libri stessi o in altri post, appartengono ai relativi autori.

 
Citazioni nei Blog Amici: 228
 

LE TRADUZIONI DI BLUEWILLOW - FREE TEXT

La maschera della morte rossa - Edgar Allan Poe

L'ingratitude (L'ingratitudine) - Charlotte Brontë 

Disclaimer
Non sono una traduttrice professionista, quindi le mie traduzioni potrebbero contenere errori. Vi raccomando di adottare riguardo a questi testi le stesse precauzioni di una installazione di Windows e cioè: non basate il software di aerei sulle mie traduzioni, non impegnate il vostro patrimonio in scommesse sul fatto che siano esatte, non usatele per delle tesi di laurea e soprattutto non spacciatele per vostre! Declino ogni responsabilità riguardo (e fate i vostri compiti onestamente, diamine!)

Anche se si tratta di traduzioni su di esse valgono gli stessi diritti di qualsiasi altra opera di ingegno. Naturalmente potete leggerle, stamparle, regalarle ai vostri amici e anche farci delle barchette di carta, ma non potete in nessun caso ricavarne un profitto o ometterne i crediti.