Creato da maxsof1 il 02/06/2005

Maxso's Blog

Un blog indefinito di non so che...

AREA PERSONALE

 

MAXSO MAGAZINE

Caricamento...
 

MAXSO FILM

Caricamento...
 

FORMULA 1 NEWS

Caricamento...
 

LE RICETTE DELLA PROVA DEL CUOCO

Caricamento...
 
 

TAG

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

FACEBOOK

 
 

ULTIME VISITE AL BLOG

lubopomaxsof1RicciottoDClittira0DJ_Ponhzipumanero.salesmeralda.carinimi.descrivolacky.procinosorrisiecanzoni1980arte1245enrico505LaTulipeNoireElemento.Scostantepsicologiaforense
 

 

Landa Meana fa il bis ad Aprica. Contador epico

Post n°2810 pubblicato il 26 Maggio 2015 da maxsof1
 
Foto di maxsof1

Sul Mortirolo, la "Montagna Pantani" dove non si può bluffare, Alberto Contador pedala da campione. Irresistibile l'azione della maglia rosa sulle salite della Pinzolo-Aprica(174km), la frazione più dura del Giro con i suoi 5 Gpm. La battaglia inizia in pianura in seguito alla caduta di Davide Malacarne(Astana): la maglia rosa rimane nel secondo gruppo, davanti il team Astana di Fabio Aru attacca. Contador arriva ai piedi del Mortirolo con 50 secondi di ritardo dal gruppetto dei primi. Alla maglia rosa bastano 4 chilometri per recuperare lo svantaggio e attaccare. Aru non regge il ritmo e l'Astana dà il via libera Mikel Landa Meana. Lo spagnolo si mette a ruota della maglia rosa insieme al giovane olandese Steven Kruijswijk. I tre rimangono assieme fino a 3 chilometri dall'arrivo, quando Landa Meana scatta e va a trionfare in solitaria. Kruijswijk e Contador arrivano dopo 36 secondi. Aru giunge 7° a 2:51 e in classifica perde il 2° posto proprio a spese del compagno di squadra Landa Meana. La maglia rosa Contador ha 4:02 di vantaggio sul connazionale.

Classifica generale
1 CONTADOR Alberto SPA TCS 66:04:59
2 LANDA MEANA Mikel SPA AST 4:02
3 ARU Fabio ITA AST 4:52
4 AMADOR Andrey CRC MOV 5:48
5 TROFIMOV Yuri RUS KAT 8:27
6 KONIG Leopold CEC SKY 9:21
7 CARUSO Damiano ITA BMC 9:52
8 KRUIJSWIJK Steven OLA TLJ 11:40
9 GENIEZ Alexandre FRA FDJ 12:49
10 HESJEDAL Ryder CAN TCG 12:49

 
 
 

Un libro da leggere: Il bordo vertiginoso delle cose

Post n°2809 pubblicato il 26 Maggio 2015 da maxsof1
 
Tag: Libri

Autore: Gianrico Carofiglio

Descrizione:

Un caffè al bar, una notizia di cronaca nera sul giornale, un nome che riaffiora dal passato e toglie il respiro. Enrico Vallesi è un uomo tradito dal successo del suo primo romanzo, intrappolato in un destino paradossale, che ha il sapore amaro delle occasioni mancate. Arriva però il giorno in cui sottrarsi al confronto con la memoria non è più possibile. Enrico decide allora di salire su un treno e tornare nella città dove è cresciuto, e dalla quale è scappato molti anni prima. Comincia in questo modo un avvincente viaggio di riscoperta attraverso i ricordi di un'adolescenza inquieta, in bilico fra rabbia e tenerezza. Un tempo fragile, struggente e violento segnato dall'amore per Celeste, giovane e luminosa supplente di filosofia, e dalla pericolosa attrazione per Salvatore, compagno di classe già adulto ed esperto della vita, anche nei suoi aspetti più feroci.

Commento: "Il bordo vertiginoso delle cose" è un romanzo di formazione alla vita e alla violenza che è anche un racconto sulla passione per le idee e per le parole, un'implacabile riflessione sulla natura sfuggente del successo e del fallimento, una inattesa storia d'amore. Con una scrittura lieve e tagliente, con un ritmo che non lascia tregua, Gianrico Carofiglio ci guida fra le storie e nella psicologia dei personaggi, indaga le crepe dell'esistenza, evoca, nella banalità del quotidiano, quel senso di straniamento che ci prende quando viaggiamo per terre sconosciute e lontane. Il libro narra la storia di Enrico Vallesi, uno scrittore non più di successo che torna nel suo paese d'origine e rievoca i ricordi del suo periodo di scuola superiore e del primo amore adolescenziale. "Il bordo vertiginoso delle cose" fa riflettere sullo scorrere del tempo e su come, andare alla ricerca del proprio passato possa rivelare situazioni inaspettate. La fine non è una vera e propria conclusione perché lascia tutto in sospeso e ti fa immaginare a come potrebbe continuare. Conclusioni? Il finale un po' improvvisato e alcune lungaggini didascaliche non consentono di valutarlo come un capolavoro. Nel complesso è un buon libro che avrebbe potuto essere migliore. Da acquistare se vi piace lo stile dell'autore. Dimenticavo. Nella versione economica BUR da 5,90 ci sono due pagine doppioni e una parte mancante. Ma questo non è colpa di Carofiglio.

Voto: 6+

 
 
 

A Campiglio tappa a Landa Meana

Post n°2808 pubblicato il 24 Maggio 2015 da maxsof1
 
Foto di maxsof1

Lo spagnolo Mikel Landa Meana si aggiudica la 15esima tappa del Giro, Marostica-Madonna di Campiglio, 165km, una frazione emozionante. A 2 secondi giunge il russo Trofimov, terzo, a 5 secondi, un monumentale Alberto Contador che controlla alla grande senza dare minimi segnali di cedimento. Quarto Fabio Aru che perde altri 7 secondi dalla maglia rosa. Contador incamera 4 secondi per il terzo posto e altri 2 secondi sul traguardo volante di Pinzolo. Ultime fasi palpitanti: a -3km scatta Landa Meana, Contador lo riprende. A -1km ci prova Yuri Trofimov, Landa Meana lo prende e va da solo, Contador controlla e stacca Aru negli ultimi duecento metri. Il ciclista italiano è 2:35 dalla maglia rosa. Domani seconda giornata di riposo.

Classifica generale
1 CONTADOR Alberto SPA TCS 60:01:34
2 ARU Fabio ITA AST 2:35
3 AMADOR Andrey CRC MOV 4:19
4 LANDA MEANA Mikel SPA AST 4:46
5 KONIG Leopold CEC SKY 6:36
6 TROFIMOV Yuri RUS KAT 6:58
7 CARUSO Damiano ITA BMC 7:10
8 MONFORT Maxime BEL LTS 8.20
9 VISCONTI Giovanni ITA MOV 9:53
10 GENIEZ Alexandre FRA FDJ 10:03

 
 
 

Napoli sconfitto dalla Juve B

Post n°2807 pubblicato il 23 Maggio 2015 da maxsof1
 
Foto di maxsof1

Nell'anticipo della 37esima giornata il Napoli perde contro la Juventus per 3-1 allo Stadium di Torino. La squadra di Benitez è ad un passo dall'estromissione dalla prossima edizione della Champions League. Nel derby di lunedì, gli azzurri dovranno sperare che la Lazio non faccia neanche un punto. Ma ormai è tutto perso. Il Napoli è una squadra con una condizione fisica precaria che è stata derisa anche dalle riserve della Juventus. Senza tanti titolari, la squadra di Allegri si è resa pericolosa ogni volta che accelerava.

Al terzo minuto Mertens ha una buona occasione ma la sua conclusione viene ribattuta da Buffon. Al 13esimo minuto la Juventus passa in vantaggio con Pereyra. Non esente da colpe la difesa azzurra. Al 22esimo un tiro a giro di Mertens termina di poco alto. Al 36esimo Pogba sfiora la traversa su punizione. Il primo tempo si chiude senza ulteriori emozioni. Gabbiadini prende il posto dell'inutile Higuain Al 48esimo un tiro di Sturaro termina sul fondo. Al 50esimo l'arbitro concede al Napoli un calcio di rigore. Buffon para il penalty di Insigne ma non può nulla sul tiro di David Lopez. Al 68esimo Insigne lascia il posto ad Hamsik. Al 69esimo Buffon si supera su un tiro al volo di David Lopez. Poco dopo, il portiere della Juventus salva anche su un colpo di testa di Hamsik. Al 74esimo Coman va via a Ghoulam ma il suo tiro cross non trova nessuno. Al 77esimo Sturaro porta in vantaggio la Juventus. Albiol sembrava la bella statuina. Jorginho prende il posto di Gargano. All'80esimo un colpo di testa di David Lopez sfiora il palo. All'89esimo Buffon non si fa sorprendere da una spizzata di testa di Gabbiadini. Al 91esimo Britos dà una testata a Morata. Espulsione per il difensore azzurro e rigore per la Juventus. Pepe non fallisce. Finisce con i tifosi della Juventus che cantano "'O surdato nnammurato".

 
 
 

Kiryenka vince crono. Contador torna padrone al Giro d’Italia

Post n°2806 pubblicato il 23 Maggio 2015 da maxsof1
 
Foto di maxsof1

Dura solo un giorno la maglia rosa sulle spalle di Fabio Aru. La crono Treviso-Valdobbiadene di 59,4 chilometri la riconsegna ad Alberto Contador, autore di una prestazione maiuscola. La tappa, la 14esima, va al bielorusso Vasili Kiryenka, che chiude in 1:17:52 davanti allo spagnolo Luis Leon Sanchez(a 12 secondi) e proprio a Contador, terzo a 14 secondi. Fabio Aru fa quel che può in una specialità a lui non congeniale. Contador comincia subito a macinare secondi e sbaraglia la concorrenza degli uomini di classifica. Alla fine lo spagnolo precede Aru di ben 2:47. Ora il ciclista italiano ha 2:28 di ritardo dalla maglia rosa. Male Richie Porte: il capitano di Sky ha chiuso 55esimo con 1:22:12, ed esce definitivamente di scena dai giochi del Giro 2015.

Classifica generale
1 CONTADOR Alberto SPA TCS 55:39:00
2 ARU Fabio ITA AST 2:28
3 AMADOR Andrey CRC MOV 3:36
4 URAN Rigoberto COL EQS 4:14
5 VAN DEN BROECK Jurgen BEL LTS 4:17
6 CATALDO Dario ITA AST 4:50
7 LANDA MEANA Mikel SPA AST 4:55
8 CARUSO Damiano ITA BMC 4:56
9 KREUZIGER Roman CEC TCS 4:57
10 KONIG Leopold CEC SKY 5:35

 
 
 
Successivi »
 



 

CLASSIFICA

 

AMICIZIA, AMORE E COPPIA

 

I "MIEI" AMORI

 

LAVORO

 

VARIE

 

LICENZA

Ove non altrimenti specificato, i contenuti pubblicati in questo blog vengono rilasciati sotto Licenza Creative Commons 2.5 pertanto tutti testi e le immagini, tranne dove espressamente vietato, sono ripubblicabili e ridistribuibili nei termini della licenza indicata. Per il materiale di terzi, laddove possibile, sono indicati la fonte e i termini di licenza.

 
Maxso's Blog

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 
 

QUANTO VALE IL MIO BLOG?

 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo i membri di questo Blog possono pubblicare messaggi e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
Citazioni nei Blog Amici: 101