Community
 
morphamind
   
 
Creato da morphamind il 27/01/2006
Come l'aria permette agli aerei di volare, così le parole permettono alle emozioni di viaggiare...
 

You can translate it!

immagine
Translate this page!
by GoogleTranslation

 
 

Area personale

 

Parla Come Mangi!!!

Questo blog non è un essemmesse!

 

I bambini sono di sinistra!!!

Tag

 

FACEBOOK

 
 

Oggi ho imparato...

Che dare rispetto a tutti non paga, in quanto non tutti sono disposti a restituire il rispetto ricevuto. E' giusto continuare a rispettare chi si ritiene meritevole del nostro rispetto o chi non si conosce. Le persone che non meritano il nostro rispetto non dovrebbero averne. (25/03/07) 
 
 

Silvia Ziche

immagine
 

BlogItalia

BlogItalia.it - La directory italiana dei blog

Feed XML offerto da BlogItalia.it
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Valore del blog

immagine
My blog is worth $14,113.50.
How much is your blog worth?

immagine

 
Citazioni nei Blog Amici: 10
 

Ultime visite al Blog

Nirvakmonchery10krystian840psicologiaforensemilicigaetanotania980ambra962WIDE_REDsidopaulaleros10veronica_volpel.bevilacqua50dade_4Andrea_panbal_zac
 

Ammore...

immagine
 

Chi può scrivere sul blog

Solo i membri di questo Blog possono pubblicare messaggi e tutti possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Contatta l'autore

Nickname: morphamind
Se copi, violi le regole della Community Sesso: M
Età: 27
Prov: TO
 

Un poeta d'altri tempi...

immagine

"...dammi carta e penna,
poi guardami negli occhi,
la mente mi si ferma,
se l'ispirazione scocchi..."

E' fantasia pura e semplice,
espressa in versi e prosa,
la passione delle parole,
coltivata in questo angolino.

 

Blog Penna e Calamaio

immagine

Il Blog di Tutti
che fa conoscere anche Te!

Visitalo

collabora e diffondi l'iniziativa.

 

Interessi&Preferenze

Genere musicale: Rap Italiano, Hip Hop Americano, Reggae, Blues, Jazz, Soul, Pop non commerciale.
Artisti preferiti: Nesli Rice, Marya, Nas, Snoop Dogg, Lil' Kim, Sud Sound System, Africa Unite, Eric Clapton, Louis Armstrong, Jill Scott, John Belushi, Daniele Silvestri, Max Pezzali, Red Hot Chili Peppers.
Genere letterario: Thriller, Avventura, Giallo, Fantasy.
Scrittori preferiti: nessuno in particolare, leggo di tutto.
Genere cinematografico: Thriller, Drammatico, Commedia, Avventura, Fantasy.
Registi preferiti: Stanley Kubrick e Quentin Tarantino su tutti, ma anche qui ho preferenze abbastanza varie.

Ultimo libro letto: Alex Roggero - Australian Cargo
Ultimo film visto: Spiderman 3
Ultimo CD ascoltato: Craig David - The Story Goes...
Sto leggendo: Herman Hesse - Narciso e Boccadoro
Sto ascoltando: Joss Stone - Introducing...Joss Stone

Il mio libro preferito: Herman Hesse - Siddharta
Il mio CD preferito: la colonna sonora del film The Blues Brothers XDD
I miei film preferiti: Arancia Meccanica, Kill Bill, L'attimo fuggente, The Blues Brothers (lo so che non è un film d'autore come gli altri, ma è troppo bello!!!)

 

Sorpresa...

immagine
 

Il mio nick ancestrale

immagine

ma dimenticato da chi???

 

Archivio messaggi

 
 << Aprile 2014 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30        
 
 

Ultimi commenti

FELICE WEEK END..LAURA
Inviato da: la_fata_di_roma
il 13/03/2009 alle 22:48
 
Auguri per una serena e felice Pasqua...Kemper Boyd
Inviato da: Anonimo
il 23/03/2008 alle 10:55
 
Auguri di un felice, sereno e splendido Natale dal blog...
Inviato da: Anonimo
il 25/12/2007 alle 19:35
 
Auguri di Buon Natale e Felice Anno Nuovo. A.
Inviato da: scrittocolpevole
il 20/12/2007 alle 20:39
 
Buongiorno e buona domenica!
Inviato da: Anonimo
il 30/09/2007 alle 12:18
 
 

 

« Il Cavaliere CiecoVoltare Pagina? »

La Strega Iraconda

Post n°34 pubblicato il 21 Febbraio 2006 da morphamind
 
Foto di morphamind

Il Cavaliere Artanis vagava, in compagnia del mago Realtà, per la Contea. I due passarono tra boschi e paludi fino a raggiungere un piccolo paese, il suo nome era Fittizio ed era abitato da molti contadini. Essi riconobbero Artanis e si rivelarono molto ospitali con lui e il suo scudiero.

Si stabilirono alla Locanda del Drago Nero, decidendo di soggiornare in quel piccolo paesino per un pò.

Passarono i giorni e passarono le notti, Artanis sembrava trovarsi bene ma, una sera, il mago Realtà si ubriacò con il vino prodotto da quei contadini, molto molto forte. Artanis dovette portarlo in braccio nella sua stanza, dove l'amico s'addormentò di un sonno profondo.

Un pò annoiato per il fatto, Artanis decise di fare una passeggiata per i vicoli del paese. Forse s’avventurò in strade troppo buie, in quanto il Cavaliere s’imbattè in una riunione segreta, alla quale stavano prendendo parte i principali capi del paese.

Egli si nascose, cercando di scoprire cosa stesse succedendo, ed ascoltò le loro parole.

Scoprì cose terribili. Stavano fomentando un assassinio ai danni di un cavaliere, il quale era odiato dalla popolazione.

Com’era possibile? Quei contadini tanto ospitali in realtà l’avevano ingannato. Un misto di tristezza e rabbia attraversò Artanis, il quale prese a correre in direzione della locanda.

In preda all’ira, Artanis si smarrì, giungendo di fronte ad un palazzo disabitato. Sulla soglia del portone d’ingresso apparve una donna. Aveva l’aria alquanto trascurata, ed indossava un vestito rosso sangue.

“Buonasera Artanis” disse lei “il mio nome è Iraconda, e sono una strega”. Artanis sguainò la spada. “No Artanis! Io sono venuta per avvertirti! Non voglio farti del male”. “Parla allora, strega Iraconda” disse il Cavaliere.
“Voglio metterti in guardia Artanis, il boia verrà, verrà per colpirti” e così dicendo sparì in una nube grigio fumo, che avvolse Artanis. Egli vacillò e, colto da un gran dolore al petto, cadde in ginocchio ansimando. Dopo essersi ripreso, corse a spada tratta verso la locanda, più veloce che poteva.

Al suo arrivo scoprì che Realtà non c’era più, se n’era andato portando via tutti i propri averi e anche quelli di Artanis. Egli si sentì tradito nel più profondo e la rabbia gli annebbiò la vista. Uscì in strada, accecato dal'ira, in quel momento una folla di contadini armati di forconi e spade apparve di fronte alla locanda, in prima fila vi era Realtà. L’aveva tradito.

Prima che il mago potesse parlare, una fitta nube grigio fumo ricoprì tutto lo spiazzo di fronte alla locanda. La voce della strega Iraconda echeggiò nelle orecchie di Artanis che ribolliva di rabbia. ”Ti ha tradito Artanis, ti vuole uccidere”. Con un balzo, il Cavaliere si lanciò su di lui, colpendolo.. In quell’esatto momento, la nube sparì.

Realtà era riverso per terra in una pozza di sangue, ma era ancora vivo. Tutt’intorno i contadini fissavano Artanis atterriti.

”Cos’hai fatto Artanis?” disse Realtà con voce strozzata, mentre i contadini iniziavano a soccorrerlo ”Eravamo venuti a cercarti per portarti in salvo, mio Signore. Il Cavaliere tanto odiato è nei paraggi e potrebbe colpire voi.”. La Strega Iraconda aveva lanciato su Artanis un sortilegio, che svanì in quell’istante.

Artanis capì quale tremendo e irreparabile errore aveva commesso, l’incantesimo della Strega gli aveva impedito di agire in modo razionale, facendogli dubitare della persona per lui più cara al mondo.

”Artanis” disse ancora il mago, mentre il Cavaliere aveva il volto rigato dalle lacrime, e aveva lasciato scivolare per terra la propria spada sporca di sangue ”Io capisco che voi abbiate potuto dubitare di me, mio Signore. Ma non ne capisco il perché. So che ora vi siete pentito ma io non potrò essere più il vostro scudiero. Ora ho paura che voi possiate commettere di nuovo questo gesto tanto efferato, che mi ha fatto così male”. E subito dopo fu portato via di corsa verso il più vicino medico del paese.

Artanis stava in piedi a fissare il vuoto, le sue lacrime ora gocciolavano sino in terra. Si guardò le mani e disse ”Che cosa ho fatto…”.

Da quel giorno il Cavaliere e il mago si divisero. Artanis aveva infranto il destino, che li voleva insieme ed era andato contro le scritture che avevano riservato ben altro futuro al Cavaliere. Egli riprese a vagare, vagare in eterno. Vivendo con il rimorso di avere ferito chi non avrebbe mai voluto ferire.

 
 
 
Vai alla Home Page del blog