Creato da omerostd il 16/05/2008
06101928

Area personale

 
 

Tag

 
 

Archivio messaggi

 
 
 << Dicembre 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
 
 

Cerca in questo Blog

 
  Trova
 

FACEBOOK

 
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 32
 

Ultime visite al Blog

 
omerostdlicsi35peciubini.enriconina.monamourdolcisegretixmassimocoppaNonnoRenzo0prolocoserdianalacky.procinocostanzatorrelli46belf1SUNNYSIMOStolen_wordsaltair768L_INCANTOdelNULLA
 

Ultimi commenti

 

Chi pu˛ scrivere sul blog

 
Tutti gli utenti registrati possono pubblicare messaggi e commenti in questo Blog.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 
 

 

 

IL PORTIERE

Post n°669 pubblicato il 06 Dicembre 2017 da omerostd

Nel quartiere di Napoli dove vive, Donna Maria è molto
apprezzata per la 
sua bellezza; moglie di un medico,
è colta ed elegantissima.

Gennaro il custode la desidera pazzamente ed una mattina
mentre la Signora 
le passa d’avanti si lascia scappare,
sia pur sottovoce:

Madonna che bella femmina! Non so cosa darei per farmela!
La Signora se ne accorge, torna sui suoi passi e dice:
“Cosa avete detto?”
“Niente Signò, perchè?”
“Su Gennaro, non fate il furbo! Vi ho sentito benissimo;
abbiate il coraggio 
di ripetermelo in faccia!”
“Ma veramente… ecco non volevo essere scortese ma… voi…
siete così bella 
che io… io sto uscendo pazzo, Signò!”
“Ah si? Ma bene! Allora sapete che cosa dovete fare?”
“Sì, Signò: Mo mi faccio una doccia fredda e scusate tanto… ”
“Ma no Gennaro non fate così… vi piaccio proprio tanto?”
“Da impazzire… non so cosa pagherei… oh mi scusi,
ma vede, non ragiono… ”

“Gennaro, volete togliervi lo sfizio?”
“Signò, che dite?”
“Dico che se volete togliervi il capriccio, venite domani
mattina alle undici 
con in mano tremila euro ed io
soddisferò ogni vostro desiderio… ”

“Tremila euro?… Ma Signò, dove li trovo tremila euro?…
Non ho tutti 
quei soldi… ”
“Mi dispiace Gennaro… comunque, la proposta e sempre
valida: Venite con 
tremila euro e non vi pentirete!”
“Si, certamente… Grazie Signò, grazie tanto lo stesso!”
Ma l’indomani mattina Gennaro si presenta puntuale
con tremila euro, tra 
la sorpresa della stessa Signora:
“Gennaro, ma allora siete proprio pazzo di mè se siete
arrivato a svenarvi… !”

E così, la Signora si concede a Gennaro facendogli provare
emozioni indescrivibili.

Dopo un paio d’ore rientra il marito.
“Ciao , Marì. Come stai?”
“Bene, grazie e tu?”
“Io bene… senti… è venuto Gennaro?”
“Co… cosa? non ho capito. ”
“Avanti, su!… ti ho detto: é venuto Gennaro verso le 11? ”
“S, si e venuto… ”
“E ti a portato tremila euro?”
“Si ma guarda che… ”
“Basta così, volevo solo avere la conferma!”
“Ma caro, ti posso spiegare… ”
“Non c’è nulla da spiegare… Gennaro è un vero uomo!…
Un uomo di parola!”
La moglie rimane allibita…
“Ma caro, non capisco!?”
“Sai, ieri pomeriggio mi incontra e mi fà: Dottore, prestatemi
tremila euro 
che domani alle 11, quant’è vero Iddio , ve li riporto!!!

 

 

 

 

 
 
 

DAL MEDICO

Post n°667 pubblicato il 12 Novembre 2017 da omerostd


La mamma porta la figlia di 14 anni dal medico preoccupata
perchè la ragazzina vomita molto. Per favore dottore, veda cos’ha
mia figlia, sono molto preoccupata.


Il medico la visita e poi dice: – la sua bambina avrà un bambino,

è incinta!

La madre: – impossibile dottore, lei è vergine! Vero figliola mia?


E la figlia: – certo mamma, sono vergine!


Il medico si alza, apre le tende, apre la finestra e resta immobile a scrutare il cielo.
Quando la madre, indignata, gli domanda:

– dottore, le sembra il caso, ma cosa sta facendo?


E il medico le risponde:

 

– l’ultima volta che è successo questo, una stella cadente è brillata nel cielo, sono apparsi tre re magi e la storia del mondo e cambiata completamente: non voglio perdermi per nessun motivo questo spettacolo.

 

                      Image result for vergine incinta disegno

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


 

 
 
 

MEDITATE GENTE.

Post n°666 pubblicato il 11 Novembre 2017 da omerostd

Condivido totalmente lo scritto che qui riporto. I genitori dovrebbero insegnare ai figli di avere più rispetto per se stessi e di stare in guardia quando escono. I pericoli sono sempre dietro l'angolo.

 

Don Lorenzo Guidotti è parroco in un quartiere di Bologna e da ieri al centro di un linciaggio politico e mediatico per avere scritto su Facebook parole dure sulla ragazzina che ha raccontato ai carabinieri di essersi svegliata seminuda, ancora ubriaca e derubata dopo essere stata violentata da un immigrato che aveva incontrato poco prima.

Quella del parroco («te la sei cercata») è un'omelia scorretta, ma è la stessa che ogni genitore dovrebbe fare ogni giorno ai propri figli. E siccome ciò non avviene, o almeno non quanto dovrebbe, grazie a Dio un saggio prete vecchio stile ci riporta alla dura realtà.

 

Cosa avrebbe detto di così sconveniente don Lorenzo, attaccato al punto che ha dovuto scusarsi? Vediamo. Nel suo post scrive che: una ragazzina non deve uscire sola di sera; che se esce di sera da sola non deve frequentare una delle piazze più malfamate della sua città; che se esce sola in luoghi a rischio non deve ubriacarsi fino a perdere il controllo; che se si ubriaca in una piazza malfamata non deve accettare inviti da un maghrebino sconosciuto. Perché se invece fa esattamente il contrario, lo stupro «se l'è cercato».

Che ne dite? Un uomo così merita il linciaggio, la gogna? Io dico: grazie di esistere, don Lorenzo. Grazie per il coraggio di dire cose semplici, vere e sagge. Che magari fanno storcere il naso a Papa Francesco (dubito al suo Superiore) e alla Boldrini, ma che per noi sono musica. Intendiamoci: in quel «se lo è cercato» non c'è nessun compiacimento, solo un intento educativo. Se metti la mano sul fuoco e ti bruci, se attraversi con il rosso e vieni investito, se non studi e sei bocciato, il danno «te lo sei cercato».

Speriamo che anche a Modena ci sia un don Lorenzo che uno di questi giorni dica alle sessanta liceali che si sono scambiate tra di loro autoscatti intimi fatti con il telefonino (e poi andati in rete) che se non hai rispetto del tuo corpo e della tua dignità «te lo sei cercato» di finire alla berlina. E che spieghi alle malcapitate (che dicono di averlo fatto «per noia») che la noia si supera leggendo un libro, con una risata in compagnia o con un po' di sport

Non so se questo accadrà. Perché la cosa peggiore della vicenda di don Lorenzo è che il vescovo ha preso le distanze dalle sue parole e lo ha zittito. I preti di una volta ancora ci sono, purtroppo non c'è più la Chiesa.

(  Sallusti - Da Il Giornale )

 

 

 
 
 

2 NOVEMBRE 2017

Post n°665 pubblicato il 30 Ottobre 2017 da omerostd

Con l' avvicinarsi della giornata dedicata ai defunti, desidero rendere omaggio al grande Totò.

 

 

'A LIVELLA.

Ogn'anno, il due novembre, c' è l' usanza
per i defunti andare al Cimitero.
ognuno ll' adda fa' chesta crianza;
agnuno adda tene' chistu penziero.

Ogn' anno, puntualmente, in questo giorno,
di questa triste e mesta ricorrenza,
anch' io ci vado, e con dei fiori adorno
il loculo marmoreo 'e zi' Vicenza.

St' anno m' è capitata 'n' avventura ....
dopo di aver compiuto il triste omaggio.
Madonna ! Si ce penzo, a che paura !,
ma po' facette un' anema e curaggio.

'O fatto è chisto, statemi a sentire:
s' avvicineva ll' ora d' 'a chiusura:
io, tomo tomo, stavo per uscire
buttando un occhio a qualche sepoltura.

" QUI DORME IN PACE IL NOBILE MARCHESE
SIGNORE DI ROVIGO E DI BELLUNO
ARDIMENTOSO EROE DI MILLE IMPRESE
MORTO LI 11 MAGGIO DEL '31."

'O stemma cu 'a curona 'ncoppa a tutto ....
... sotto na croce fatta 'e lampadine;
tre mazze 'e rose cu na lista 'e lutto;
cannele, cannelotte e sei lumine.

Proprio azzeccata 'a tomba 'e stu signore
nce steva 'n 'ata tomba piccerella,
abbandunata, senza manco un fiore;
pe' segno, sulamente na crucella.

E ncoppa a croce appena se liggeva:
" ESPOSITO GENNARO NETTURBINO ":
grardannola, che ppena me faceva
stu muorto senza manco 'nu lumino!

Questa è la vita! 'ncapo a me penzavo ...
chi ha avuto tanto e chi nun ave niente!
Stu povero maronna s' aspettava
che pure a ll' atu munno era pezzente ?

Mentre fantasticavo stu penziero,
s'era ggià fatta quase mezanotte,
e i' rummanette 'nchiuso priggiuniero,
muorto 'e paura .... nnanze 'e cannelotte.

Tutto a nu tratto, che veco 'a luntano ?
Ddoje ombre avvicinarse 'a parte mia ...
Penzaje: stu fatto a me mme pare strano ...
Stongo scetato.. dormo, o è fantasia ?

Ate che fantasia! era 'o Marchese:
c' 'o tubo, 'a caramella e c' 'o pastrano;
chill' ato appriesso a isso un brutto arnese:
tutto fetente e cu na scopa nmano.

E chillo certamente è don Gennaro ...
'o muorto puveriello... 'o scupatore.
'Int' a stu fatto i' nun nce veco chiaro:
so' muorte e se retireno a chest' ora ?

Putevano sta' 'a me quase nu palmo
quando 'o Marchese se fermaje 'e botto,
s'avota e, tomo tomo ... calmo calmo,
dicette a don Gennaro: " giovanotto!

Da Voi vorrei saper, vile carogna,
con quale ardire e come avete osato
di farvi seppellir, per mia vergogna,
accanto a me che son blasonato!

La casta è casta e va sì, rispettata,
ma Voi perdeste il senso e la misura;
la Vostra salma andava, si, inumata;
ma seppellita nella spazzatura!

Ancora oltre sopportar non posso
la Vostra vicinanza puzzolente,
fa d' uopo, quindi, che cerchiate un fosso
fra i vostri pari, tra la vostra gente."

" Signor Marchese, nun è colpa mia,
i' nun v' avesse fatto chistu tuorto;
mia moglie è stata a ffà sta fesseria,
i' che putevo fa' si ero muorto ?

Si fosse vivo ve farrie cuntento,
pigliasse 'a casciulella cu 'e qquatt' osse,
e proprio mo, obbj ...'nd' a stu mumento
mme ne trasesse dinto a n' ata fossa."

" E cosa aspetti, oh turpe malcreato,
che l' ira mia raggiunga l' eccedenza ?
Se io non fossi stato un titolato
avrei già dato piglio alla violenza !"

" Famme vede'... - piglia sta violenza ...
'A verità, Marche', mme so' scucciato
'e te sentì; e si perdo 'a pacienza,
mme scordo ca so' muorto e so' mazzate !...

Ma chi cride d' essere... nu ddio ?
Cca dinto, o vvuo' capì, ca simmo eguale ?..
.. Muorto siì tu e muorto so' pur' io;
ognuno comme a n' ato è tale e qquale."

" Lurido porco ! ... Come ti permetti
paragonarti a me ch' ebbi natali
illustri, nobilissimi e perfetti,
da fare invidia a Principi Reali ?"

" Tu qua' Natale .. Pasqua e Ppifania !!
t' 'o vvuo' mettere nncapo.. 'int' a cervella
che staje malato ancora 'e fantasia ?
' A morte 'o ssaje ched' è ?
E' UNA LIVELLA.

'Nu rre, 'nu maggistrato, 'nu grand' ommo
trasenno stu canciello ha fatt' 'o punto
c' ha perzo tutto, 'a vita pure 'o nomme;
tu nun t' he fatto ancora chistu cunto ?

Perciò, stamme a ssentì .. nun fa' 'o restivo,
suppuorteme vicino - che te 'mporta ?
Sti ppaggliacciate 'e ffanno sulo 'e vive:
nuje simmo serie ... appartenimm 'a morte !"

                   

                    Image result for disegno di totò

    

                          

 

 
 
 

CONDIVIDO

Post n°664 pubblicato il 26 Ottobre 2017 da omerostd

L'inaccettabile sfregio ad Anna Frank da un pugno di ignobili ultrà della Lazio ha sollevato, giustamente, una levata di scudi senza precedenti.

Peccato che anni fa né il presidente del Consiglio, né il Capo dello stato si siano spesi con la stessa forza per condannare lo striscione «Tito ce l'ha insegnato la foiba non è reato» esposto sulla curva del Livorno, dagli ultrà più rossi d'Italia. In campo scendeva la Triestina, simbolo di una città occupata dalle truppe di Tito nel 1945, che prelevarono migliaia di italiani del capoluogo giuliano, dell'Istria, Fiume e Dalmazia scaraventandoli nelle foibe. E ancora più beffarda la sanzione della Federazione calcio, che nultò la società livornese di soli 7.500 euro. A tal punto che gli stessi ultrà anni dopo intonarono il coro «pure voi, pure voi, nelle foibe ci mettiamo pure voi» rivolto al Verona ed i suoi tifosi. Oltraggio che si trova ancora su You Tube con decine di migliaia di visualizzazioni. Nessuno si è sognato di leggere in campo i passi dei tanti libri sulla tragedia degli esuli cacciati dal maresciallo Tito o portare una corona alla foiba di Basovizza, sul Carso triestino. E' sempre sbagliato mettere sul bilancino le vittime dell'odio umano ed il loro peso, ma anche nelle reazioni delle follie ultrà emergono due pesi e due misure per morti nei campi di sterminio di serie A e quelli nelle foibe, da sempre, di serie B.

( Fausto Biloslavo – Il Giornale )

 
 
 

ESAME DI LOGICA

Post n°663 pubblicato il 21 Ottobre 2017 da omerostd

                Una  maestra ha distribuito, in classe, dei moduli con sei domande, alle quali gli alunni dovevano rispondere.

Tra gli altri, un alunno consegnò il proprio modulo così compilato: 

NOME …Carlo…………..                 DATA …Oggi
 

1° - IN CHE BATTAGLIA MORI’ NAPOLEONE ?

      ….. Nell’ ultima ……………………………………

 

2° - DOVE FU FIRMATA LA DICHIARAZIONE DI

       INDIPENDENZA ?

      ….. In fondo alla pagina ……………………………

 

3° - IL FIUME TAMIGI IN CHE STATO SI TROVA ?

       …..Liquido …………………………………………….

 

4° - QUAL’ E’ LA PRIMA CAUSA DI DIVORZIO ?

       …..Il matrimonio …………………………………

 

5° - COS’ E’ CHE NON PUOI MAI MANGIARE A COLAZIONE ?

       …..Il pranzo e la cena ……………………………………………

 

6° - A COSA ASSOMIGLIA MEZZA MELA ?

       …..All’ altra meta’……………………………………………

 

Disorientata dalle risposte date, la maestra ha chiamato i genitori e a chiesto loro:

Ma siete a conoscenza di come vostro figlio va a scuola ? E loro risposero:

 

                                “ ma certo ! – In autobus “.

 

( dal Web )

 

      

Image result for maestre a scuola disegno

 

 
 
 

CONSIDERAZIONI

Post n°662 pubblicato il 16 Ottobre 2017 da omerostd

La storia che qui vu propongo è molto divertente, e spiega la ragione per la quale in questo periodo, le varie banche, non hanno alcun interesse a prestare soldi.

Tutto ha inizio quando un ricco turista, proveniente dalla Germania, si presenta dinnanzi ad un albergo fermandosi con la sua bella e lussuosa auto davanti all'entrata.

Entra nell'albergo e pone 200 euro in contanti sul bancone, chiedendo al proprietario di poter scegliere, vedendole una ad una, tutte le camere disponibili. Gliene occorre una per trascorrere la notte.

Dato che il ricco tedesco gli ha offerto ben 200 dollari, gli da in mano tutte le chiavi dell'albergo, e gli dice di poter guardare con i suoi occhi tutte le stanze che vuole, così da poter decidere.

Nel mentre il ricco turista sale le scale, l'albergatore si reca dal macellaio per saldare un vecchio debito.

Così il macellaio riceve questa banconota da 200 euro e, appena il proprietario dell' albergo saluta ed esce dal negozio, il macellaio a sua volta si reca immediatamente dall' allevatore di suini, al quale deve proprio 200 euro. A sua volta, l' allevatore di suini, una volta ottenuti i soldi, corre in cooperativa agricola.

Il direttore della cooperativa agricola, una vota entrato in possesso dei 200 euro, corre di fretta al bar, dove riesce a saldare un vecchio debito.

Il questo modo il barista salda il suo conto con una donna che "vende l' amore " e, al barista, cliente abitudinario, lo fa a credito. La ragazza, che inoltre occupa a credito le camere dell' albergo quando ha clienti, ha una vecchia fattura da pagare all' albergatore, così si reca da quest' ultimo.

In tal modo la banconota ritorna sul bancone, lo stesso bancone dove il ricco tedesco l' aveva posata in precedenza. In seguito, il turista tedesco scende dalle scale, e non avendo trovato alcuna camera di suo gradimento, restituisce le chiavi, si riappropria della banconota, saluta e va via.

Così facendo, nessuno ha più nessun debito, ma nessuno ha ricevuto alcunchè.

Questa storia fa capire come mai, allo stato attuale, le banche non hanno alcun interesse a prestare soldi:

PERCHE' SI ARRICHISCONO FINCHE' LE PERSONE HANNO DEBITI DA PAGARE.                  

( Dal Web )             

 

        Image result for banche

 

 

 

 

 
 
 

RIFLESSIONI

Post n°661 pubblicato il 07 Ottobre 2017 da omerostd

Non tutte le sostanze chimiche sono nocive:

senza l’idrogeno e senza l’ossigeno, per esem-
pio, non ci sarebbe la possibilità di produrre
l’acqua, un ingrediente fondamentale per la
birra.

 (  D. Barry )               

 

 

Image result for boccali dibirra

                

 

                          

 
 
 

COMPLEANNO

Post n°660 pubblicato il 05 Ottobre 2017 da omerostd

06/10/1928-06/10/2017 

E’ passato un altro anno e sono 

                    8 9 

Non so cosa dire. 


Dopo la batosta capitatami lo scorso
anno non sono più quello di prima,

sia materialmente che spiritualmente.

Me ne accorgo sia dai pensieri che dai

comportamenti nei confronti delle persone

a me care.

Cerco di superare questo stato d’ animo che

mi auguro provvisorio e spero di riuscirci,

nel frattempo mi faccio gli auguri di

 

             BUON COMPLEANNO

 

Image result for compleanno 89


           

 
 
 

09/06/1951-09/06/2017

Post n°657 pubblicato il 08 Giugno 2017 da omerostd

E' passato un altro anno.

E' stato un anno difficile per me,
ma grazie al conforto dei miei cari
e di mia moglie in particolare, rieccoci
qua a ricordare il


66° ANNIVERSARIO DI MATROMONIO

              Risultati immagini per anniversario matrimonio 66

 
 
 
Successivi »