Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Giugno 2018 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30  
 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 24
 
Creato da: lubopo il 30/09/2014
IL MIO AVATAR SONO IO

 

 

CARNASCIALATA 2018

Post n°109 pubblicato il 17 Aprile 2018 da lubopo
 
Foto di lubopo

Il 16 febbraio scorso il palazzo storico di Santa Maria della Fede (sede del Centro Sociale omonimo che, occupandolo, lo sottrasse al degrado alcuni anni fa) ha aperto le porte alla Carnascialata 2018. Balli e canti con vino e polpette di ogni genere. Tra gli altri, si sono esibiti Carlo Faiello, Anna Troise, Maria Marone, Mimmo Maglionico, Paranza do' Lione, Refole 'e viento, Angelo 'o Capitano, Banda Dionisiaca, il Laboratorio Danze Tradizionali della Domus Ars e quello teatrale di Santa Fede Liberata. Ero lì con la mia solita telecamerina ed ho cercato di documentare l'evento. Buona visione.

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

MISERERE SECONDA PARTE

Post n°108 pubblicato il 06 Aprile 2018 da lubopo
 
Foto di lubopo

Nella suggestiva cornice del complesso monumentale di S. Francesco delle Monache in via S. Chiara a Napoli - sede della DOMUS ARS Centro d' Arte, Musica e Cultura - Carlo Faiello fa rivivere con la rappresentazione del MISERERE, i riti della tradizione popolare campana che commemorano la passione e la crocifissione del Cristo. Protagonista di eccezione, Isa Danieli https://it.wikipedia.org/wiki/Isa_Danieli e due splendide voci partenopee: Emanuela Loffredo e Maria Marone. Ad accompagnarle, il Quartetto Santa Chiara con Pasquale Nocerino al violino, Peppe Carannante al clarinetto, Marco Pescosolido al violoncello e alla chitarra Maurizio Pica, che ha curato anche le elaborazioni musicali. Le Voci del Coro sono quelle del Liceo Musicale "Margherita di Savoia" dirette dal M° Antonia Palazzo. I Testi e musiche sono del M° Carlo Faiello.

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Isa Danieli in "Rose e Spine" dal Miserere di Carlo Faiello

Post n°107 pubblicato il 02 Aprile 2018 da lubopo
 
Foto di lubopo

Nella suggestiva cornice del complesso monumentale di S. Francesco delle Monache in via S. Chiara a Napoli - sede della DOMUS ARS Centro d' Arte, Musica e Cultura - Carlo Faiello fa rivivere con la rappresentazione del MISERERE, i riti della tradizione popolare campana che commemorano la passione e la crocifissione del Cristo. Protagonista di eccezione, Isa Danieli https://it.wikipedia.org/wiki/Isa_Danieli e due splendide voci partenopee: Emanuela Loffredo e Maria Marone. Ad accompagnarle, il Quartetto Santa Chiara con Pasquale Nocerino al violino, Peppe Carannante al clarinetto, Marco Pescosolido al violoncello e alla chitarra Maurizio Pica, che ha curato anche le elaborazioni musicali. Le Voci del Coro sono quelle del Liceo Musicale "Margherita di Savoia" dirette dal M° Antonia Palazzo. I Testi e musiche sono del M° Carlo Faiello.

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

ROBERTO FICO: BUON LAVORO

Post n°106 pubblicato il 25 Marzo 2018 da lubopo
 
Foto di lubopo

Il video che allego a questo mio post è ricontestualizzato.
La particolarità è che contiene immagini inedite dal reading/spettacolo "La Profezia di Arcadueò" inserito nel programma della NOTTE BIANCA A NAPOLI 2005. L'evento si concluse con un affollatissimo incontro/dibattito al quale parteciparono Alex Zanotelli e Beppe Grillo che all’epoca aveva appena aperto il suo blog (beppegrillo.it) e si accingeva a lanciare i primi Meetup: quello di Napoli nacque un paio di mesi prima su iniziativa dell'attuale terza carica dello Stato. Era il 29 Ottobre 2005 e sia Grillo che Zanotelli provenivano da Piazza Dante dove si era appena concluso lo spettacolo del comico genovese preceduto da dure polemiche: gli organizzatori della Notte Bianca avevano impedito ad Alex Zanotelli (promotore del movimento dei comitati civici contro la privatizzazione dell'acqua) di intervenire dal palco motivando il diniego proprio perché il programma prevedeva, subito dopo, il loro intervento presso l'adiacente Sala Gemito, dove la Albatros Edizioni aveva organizzato il reading/spettacolo "La Profezia di Arcadueò", libro vincitore del Premio Elsa Morante Ragazzi 2005.
Da sottolineare che la location richiesta da Albatros Edizioni (di cui ero responsabile marketing e comunicazione) era Piazza Matteotti ma gli organizzatori fecero di tutto per relegarci in uno spazio con una capienza limitata (300 posti). Ci ritrovammo con 500 persone in sala e altrettante fuori dalla sala che premevano per entrare. Per fortuna il servizio d'ordine e la protezione civile riuscirono a contenere la folla. Credo che quella di Sala Gemito sia stata la prima iniziativa pubblica di un certo rilievo alla quale partecipò il neonato Meetup "Amici di Beppe Grillo Napoli". Se riesco a trasferire dall'analogico al digitale il girato dell'intera serata, lo pubblicherò. Comunque già questo rappresenta un tassello di Memoria

 

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

DOVE VA IL PD?

Post n°105 pubblicato il 13 Marzo 2018 da lubopo
 

"Mi iscrivo al Pd per fondare il partito vero comunista, non quello dei comunisti che hanno imbrogliato uccidendo Majakóvskij il grande poeta". Lo ha affermato pochi giorni fa Oliviero Toscani, intervenendo a Radio Padova. "Majakóvskij fu suicidato dal sistema comunista - ha proseguito Toscani - perché era un uomo di visione, della vera modernità del futuro dell'umanità. Fonderò il partito Majakóvskij. Anch'io mi iscrivo come Calenda. E' logico, io non sono uno che salta sul carro dei vincitori. Io salto sul carro di chi ha difficoltà". Alla domanda se voglia fare il segretario del Pd Toscani ha infine risposto: "Subito, altro che rottamazione. Ma non sculaccerei Renzi, è stato già sculacciato abbastanza"

A proposito di Oliviero Toscani, ora vi racconto una storia poco conosciuta. Era il 1991 e Tecnomedia (la società di comunicazione di cui ero presidente) partecipò a Galassia Gutenberg (fiera del libro che si svolgeva in primavera a Napoli).
Alberto Abruzzese ci presentò Oliviero Toscani (lì per una conferenza) e noi gli proponemmo di trasformare il suo meeting in un evento virtuale attraverso un strumento multimediale da noi brevettato: Vibot. Toscani, divertito, si prestò al gioco (che riuscì in pieno) e a fine conferenza ci scambiammo i recapiti telefonici.
Quando l'anno successivo il Comitato Regionale campano del PDS ci affidò la prima ed unica campagna elettorale per le elezioni politiche del nuovo partito nato dalle ceneri del PCI, contattamo telefonicamente Toscani e gli chiedemmo se fosse disposto a scattare una foto di gruppo di tutti i candidati campani in un luogo simbolo della Citttà.
“Compagni uniti del PDS” l’Headline (manifesti, cartoline, pieghevoli, spot televisivo e radiofonico). Toscani accettò senza alcun compenso e nel giro di 24 ore trasformammo Piazza del Plebiscito in un set fotografico. Per la prima volta la piazza fu chiusa al traffico e svuotata dalle auto in sosta.
L’impatto mediatico fu notevole. Ne parlarono praticamente tutti, dall’Espresso a Panorama, dal Corriere della Sera a Repubblica, riviste di settore, emittenti televisive e radiofoniche. Dopo qualche settimana il quotidiano Il Manifesto dedicò la sua prima pagina alla foto di gruppo di Toscani titolandola: DOVE VA IL PDS? Titolo a dir poco profetico...

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

MEMORIE IN VIAGGIO

Post n°104 pubblicato il 26 Gennaio 2018 da lubopo
Foto di lubopo

"L'esplorazione dello spazio e del tempo che propone Memorie in viaggio oltre ad essere una narrazione-testimonianza come quella esemplare e toccante di Shlomo Venezia segna, ancora una volta, l'incontro vitale tra chi non può dimenticare e le giovani generazioni che hanno il dovere morale di non farlo. Il rumore di un silenzio che inquieta, in questi luoghi dell'orrore, indigna e suscita pietas per chi ha subìto l'atroce banalità del male." (Angelo. Russo)
Memorie in viaggio e' un documentario/reportage prodotto dalla Provincia di Napoli in occasione delle celebrazioni del Giorno della Memoria 2010. Una delegazione composta da un centinaio di studenti e docenti napoletani si recò tra il 26 ed il 28 gennaio 2010 ad Auschwitz. Una troupe televisiva dell'Ufficio Stampa della Giunta ha documentato l'evento. Una narrazione diaristica di una cosiddetta "gita scolastica" che via via si trasforma in un vero e proprio viaggio nella Memoria.

Ogni anno, in occasione del Giorno della Memoria ripropongo questo mio video. Buona visione

 

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

POTERE AL POPOLO

Post n°103 pubblicato il 20 Gennaio 2018 da lubopo
 
Foto di lubopo

Domenica mattina sono partito da Pozzuoli per recarmi all'assemblea pubblica di presentazione della lista “Potere al Popolo”. Avevo con me una telecamerina amatoriale ed ho documentato... un po' tutto, anche il viaggio ed il percorso che dalla stazione della Cumana di Montesanto conduce al Cinema Modernissimo. Buona visione

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

LONTANO DAGLI OCCHI

Post n°102 pubblicato il 08 Giugno 2017 da lubopo
 
Foto di lubopo

Dopo la vittoria della scorsa settimana del Civis Media Prize di Berlino, ieri una nuova e prestigiosa affermazione per Domenico Iannacone e Luca Cambi che, con Lontano dagli occhi, film documentario prodotto da Rai3, hanno vinto il Realscreen Awards di Los Angeles. Una vittoria ancora più prestigiosa tenuto conto che in concorso vi erano documentari prodotti dalla BBC, CANAL+, CHANNEL5.

A cucire le molte storie narrate, un grande Andrea Camilleri. Per chi non avesse ancora visto Il viaggio di Domenico Iannacone e Luca Cambi nell’odissea dei migranti nel canale di Sicilia, 

questo è il link di RAIPLAY

http://www.raiplay.it/video/2016/09/Lontano-dagli-occhi-75cc9c56-63f7-4404-90a8-60c03b5bdaa2.html

Buona visione

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Il Napoli celebra il primo scudetto

Post n°101 pubblicato il 10 Maggio 2017 da lubopo
 
Foto di lubopo

squadra

Ora vi racconto un po' la storia di questo documentario di 57' che fu realizzato da CANAL+ (oggi Gruppo VIVENDI) in occasione del primo storico scudetto conquistato dal Napoli. La Tecnomedia, di cui ero presidente, curò l'organizzazione della produzione affidata dall'emittente francese alla regia di Bernard Bloch. Il regista era solito entrare in realtà sociali molto complesse attraverso le cospicue risorse che CANA+ (canale a pagamento) destinava allo Sport che già rappresentava per il gruppo un "main asset". Prima di Napoli Corner (il titolo è tutto dire) Bernard ne aveva firmato uno sugli Ultrà della Dinamo Kiev documentando, per primo, la "ristrutturazione" (Perestrojka) del sistema sovietico avviato in quegli anni da Michail Gorbačëv contestualmente al processo di "glasnost". Il regista proveniva, inoltre, da importanti esperienze di reportage realizzate in America Latina e in Centro America. La parte redazionale fu affidata a Jacques Lanusse Cazalé dell'AFP (France Press) coadiuvato, in loco, da due nostri giornalisti: Salvatore Manna e Peppe Merlino. Alla realizzazione del documentario fu destinato un budget di circa 800 milioni di vecchie lire. Fu realizzato con la tecnologia BETACAM che da pochi mesi la Sony e l'Ampex avevano lanciato sul mercato broadcast. Fu la prima camcorder in assoluto ad essere prodotta. Immaginate che aveva solo la possibilità di registrare e per visionare il girato occorreva utilizzare un lettore/registratore portatile (CVR25) che costava la bellezza di 25 milioni. Insomma un Kit per riprese betacam con un Cartoni FL7 e un Kit luci da 3x800 watt della Janiro superava di molto i 100 milioni di vecchie lire. A noi, in leasing, costò 140 milioni di lire. Sto parlando del 1986/7, fate un raffronto con i costi di un appartamento da acquistare all'epoca... Tornando alla produzione, la nostra troupe fu la prima ad entrare nella vita privata di Maradona: nella sua casa, nella sua palestra privata, nella sua auto, una Ferrari Testarossa che Diego si fece immediatamente verniciare nera. Con Diego chiudemmo un contratto di 55 mila dollari per averlo in esclusiva per tre giorni. Davvero un'inezia se considerate che acconsentì a farci registrare un suo primo piano mentre, guardando in cmera, pronunciava la frase "Lo sport c'est Canal Plus". Questo "spot" di qualche secondo fu utilizzato come "jingle" da CANAL PLUS per circa un decennio. Maradona testimonial a gratis, proprio un bel colpaccio se paragonato alle più recenti questioni legate ai diritti di immagine. Ma si sa, noi napoletani abbiamo una bella "cazzimma". Dimenticavo... il film documentario fu distribuito in 24 paesi, solo in Italia nessuno acquistò i diritti. Conservo ancora una "copia master" della versione originale in francese, ma su un supporto che oramai appartiene all'archeologia televisiva. Questa versione che vi ripropongo è in inglese, l'unica che ho trovato in rete. Buon trentesimo anniversario, fra due anni ne festeggeremo un altro e, magari, in contemporanea con la vittoria del terzo scudetto. Questo è il mio auspicio! Buona visione.

 

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

CENTO PASSI

Post n°100 pubblicato il 09 Maggio 2017 da lubopo
 
Foto di lubopo

Sono trascorsi trentanove anni dall'omicidio di Peppino Impastato e lo voglio ricordare proponendovi un reportage sui beni confiscati alla criminalità organizzata. Lo realizzai alcuni anni fa nel comune di Giugliano, in Provincia di Napoli. Le immagini che vi mostro in questo reportage si riferiscono ad un complesso immobiliare di circa 31mila mq confiscato, alla fine degli anni novanta, al boss Francesco Rea padrone incontrastato del mercato della "Mercedes Benz" in Campania, accusato di riciclare soldi della camorra e di controllare numerose societa' finanziarie "specializzate" in strozzinaggio ed estorsione.

 

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Earth Day

Post n°99 pubblicato il 22 Aprile 2017 da lubopo
 
Foto di lubopo

Earth Day

 

Oggi si festeggia la Giornata della Terra, la più nota ed importante manifestazione al mondo sull’ecologia e la protezione dell’ambiente. l'Earth Day fu indetto per la prima volta dalle Nazioni Unite nel 1970, seguendo gli intenti del movimento ecologista degli Stati Uniti, che aveva deciso di fissarla per il 22 aprile. È un momento di festa, ma anche un’occasione per informare sullo stato dell’ambiente e dare consigli su come inquinare meno e preservare gli ecosistemi.

Lo scorso 1° Aprile sono stato all'EnergyMed per seguire un convegno su "Efficienza energetica negli istituti scolastici" promosso dalla Città Metropolitana di Napoli. La Mostra Convegno sulle Fonti Rinnovabili e l’Efficienza Energetica (giunta quest'anno alla sua X edizione) e le dichiarazioni negazioniste di Trump, mi hanno invogliato ad elaborare qualcosa di diverso dalla solita news di qualche minuto.  Ho recuperato un po' di immagini dal web ed ho montato questa clip. Un piccolo omaggio all'Earth Day e agli Art of Noise. Ve li ricordate?  Buona visione.

 

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

La mia droga si chiama smartphone

Post n°97 pubblicato il 24 Marzo 2017 da lubopo
 
Foto di lubopo

Stamattina con infinita gioia ho letto quest'articolo della mia geniale nipotina Francesca Spasiano. Non potevo non riproporlo.

 

 

 

 

LA MIA DROGA SI CHIAMA SMARTPHONE

di Francesca Spasiano


Chinese-head-down-2-620x360

 

In Cina la chiamano “eroina elettronica”, è la dipendenza dal proprio cellulare, un fenomeno che colpisce miliardi di persone, in gran parte giovani. Ma c’è chi si ribella a questa overdose globale e sperimenta una vita senza telefonino

Si può sopravvivere ai nostri tempi senza uno smartphone? La riflessione si applica soprattutto ai giovani, i cosiddetti millennials, ma non risparmia i più grandi. Non mancano sul web testimonianze riportate a vario titolo su esperimenti di vite vissute senza smartphone. Il diario del viaggiatore a ritroso nella tecnologia si compone generalmente di un decalogo puntato: 10 motivi per rinunciare allo smartphone, 10 giorni senza cellulare.

La volontà di “liberarsi” della dipendenza equivale spesso a una sorta di misurazione della propria assuefazione, e qualche volta a una vera e propria scelta di vita. Un po’ come smettere di fumare. Tra gli effetti benefici più ricorrenti si annovera senz’altro la ritrovata percezione del proprio tempo libero, e la riscoperta di una certa “andatura umana”. Fare un passo indietro, rallentare, fermarsi se necessario per guardarsi dall’esterno, per acquisire coscienza rispetto ai confini morbidi tra utilità e assuefazione, tra piacere e ossessione.

Senza che se ne acquisisca una reale consapevolezza infatti, l’abitudine a convivere con il proprio smartphone influisce notevolmente sulla gestualità e la personalità di un individuo, creando automatismi involontari: dal gesto reiterato teso a controllare il telefono nella tasca del cappotto, alla smania di fotografare, comunicare, e condividere nell’istantaneità.

In termini di dipendenza sarebbe forse necessario operare una differenza tra lo smartphone come strumento generico e lo stesso come medium privilegiato per i social network. Tra dei giovani liceali che dichiarano di vivere senza smartphone, quasi nessuno sembra estendere la privazione ai più comuni canali social, ammettendo di accedervi regolarmente tramite computer.

La deduzione che se ne trae è che il disagio, anche tra un piccolo numero di adolescenti, sembra risiedere nella reperibilità imposta, nella costante richiesta di “essere connessi”. Il problema, insomma, sorge laddove non si è più liberi di scegliere quando e come esserci, anche virtualmente.

I più romantici rivendicano il diritto alla propria solitudine, gli avventurieri all’imprevedibilità e all’inconveniente: riprendiamoci il diritto di perderci e sbagliare strada, di arrivare in ritardo senza essere inondati di notifiche, di annoiarci alle poste o mentre aspettiamo il cappuccino – sembra reclamare qualcuno.

A questo proposito è interessante notare come la maggior parte dei pionieri in controtendenza riporti tra le proprie conquiste una sorta di rieducazione alla puntualità: persino i ritardatari cronici sfiorano l’ora esatta quando non possono giustificare la propria assenza – “essere in orario resta meno stressante che essere sempre reperibili”.

Scegliere di vivere senza telefono non equivale ad essere anti tecnologici, così come un certo atteggiamento rétro non corrisponde necessariamente a una volontà di isolamento. Abbiamo a che fare con il tempo, con la distanza: possiamo condire la giornata con le giuste proporzioni, il telefonino diventa il moderatore soggettivo della separazione.

Tanto per sciorinare un po’ di dati impressionanti, secondo uno studio del CREDOCdel 2016, in Francia, su un campione di 2.213 adolescenti tra i 12 e i 17 anni, il 93%ha uno smartphone e ne fa regolare utilizzo. Tra i 18 e i 24 anni la percentuale è del100%. Secondo una ricerca commissionata da Nokia invece, una persona controlla in media il proprio smartphone 150 volte ogni sedici ore, circa una volta ogni sei minuti e mezzo.

I nostri anni sono stati definiti liquidi, la nostra generazione quella “della testa bassa”. L’assioma droghe – alcol – tecnologia come fattori di dipendenza è cosa pressoché riconosciuta, co-agenti le tariffe agevolate e il potenziamento delle rete (il cellulare prende persino in metro!). Si alimentano gli studi che dimostrano quanto i nuovi media e le nuove tecnologie, sempre a portata di smartphone, creino una dipendenza pari a quella di alcune sostanze “anestetiche”. Ciò nonostante, non vi è tal proposito una posizione unanime e ufficiale da parte della comunità medica internazionale.

In Cina, invece, la dipendenza in rete ha un nome e un riconoscimento clinico: lawangyin, “l’eroina digitale”. A Pechino si contano circa 24 milioni di ragazzi “affetti da un disturbo da Internet”. Su 688 milioni di persone connesse a Internet, 620 si collegano via smartphone, per un totale medio di navigazione di circa quattro ore al giorno.

I numeri fanno un certo effetto, così come la singolare iniziativa del medico cineseTao Ran. Nel 2004 lo psichiatra e contestualmente colonnello dell’Esercito popolare di liberazione, ha avviato un programma di riabilitazione per giovani affetti da questa particolare sindrome nel suo centro per lo “sviluppo tecnologico dell’adolescente”di Daxing, nella periferia di Pechino. La struttura ha tutta l’aria di una base militare, e così il programma che vi si impartisce.

I giovani internati hanno tra 18 e i 24 anni, principalmente maschi e spesso figli unici imposti dalla pianificazione familiare: il programma di “cura”, che va dai 3 agli 8 mesi, prevede esercitazioni fisiche e una tipica disciplina militare (con tanto di uniforme e alzabandiera) . A raccontarcelo è un documentario israeliano, Web Junkie frutto di quattro mesi di lavoro sul posto dei due registi Shos Shlam e Hila Medalia. Il video, realizzato per il New York Times, è parte di una produzione di filmmaker indipendenti presentati al Sundance Film Festival del 2014.

Sulla scorta del Centro Daxing sono state aperte centinaia di altre scuole in Cina e Corea del Sud, e il primo negli Stati Uniti, Pennsylvania. Il Colonnello Tao Ran sostiene di aver guarito circa ottomila ragazzi, il 70 per cento di successo assicurato.

 

fonte: http://ildubbio.news/ildubbio/2017/03/24/la-mia-droga-si-chiama-smartphone/

 

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

CASA COSTRUITA IN 24 ORE CON STAMPANTE 3D

Post n°96 pubblicato il 18 Marzo 2017 da lubopo
 
Foto di lubopo

Casa costruita in 24 ore con la stampante 3D costo solo € 9500

di Renato Lucchini

È stata costruita in solo 24 ore a Stupino in Russia dalla società Apis Cor, una startup russa-americana con sede a San Francisco. i tratta di una vera casa, di circa 40 mq. dotata di tutti i confort e abitabile a tutti gli effetti.

L’azienda Apis Cor, in collaborazione con PIK ha provveduto a “stampare” l’edificio utilizzando una attrezzatura di stampa 3D mobile. La costruzione ha avuto luogo presso l’impianto di prova della società Apis Cor nella città di Stupino (Mosca)La stampa dei muri, pareti divisorie e dell’ involucro edilizio autoportante sono state fabbricate in meno di un giorno. Tempo puro necessario alla stampa 24 ore complessive.

La stampante 3D mobile impiegata per la costruzione della casa è alta 3,1 metri, larga 8,5 metri e può ruotare di 360 gradi. Il materiale utilizzato per la costruzione delle mura dei soffitti, e dei pavimenti, è una miscela a base di cemento. La spesa totale tradotta in euro è di circa 9.500 euro, nei quali sono previsti anche i costi per le infrastrutture: impianto idraulico ed elettrico, porte e finestre e attintatura esterna ed interna, realizzata con vernici speciali. La società costruttrice garantisce che questo modernissimo immobile sarà molto longevo, circa 175 anni.

La casa è stata costruita nel periodo più freddo dell’anno, ed è stata motivo di maggiore complessità per tutte le aziende partner che hanno partecipato al progetto, come l’uso dello speciale calcestruzzo, che viene utilizzato come «inchiostro» per la stampa, che è possibile utilizzare solo a temperature superiori a 5 ° C. Anche se, l’apparecchiatura stessa è in grado di operare a temperature fino a meno 35 ° C. Il problema è stato risolto con la creazione di una tenda che ha protetto l’attrezzatura e che ha fornito la temperatura desiderata.

Presto, utilizzando nuovi materiali, come geopolymer, si sarà in grado di stampare una casa in qualsiasi momento dell’anno.

E’ una casa perfettamente abitabile a tutti gli effetti: è composta da un piccolo atrio da adibire ad ingresso, il bagno, il soggiorno e una cucina compatta ma al tempo stesso funzionale e operativa. La cucina è arredata con gli apparecchi più moderni: Forniti dal partner Samsung: frigorifero con sistema no Frost, piano cottura a induzione, lavastoviglie, forno elettrico,  forno a microonde.

Il totale costo affrontato per la  costruzione della “casa stampata” e stato di 9500 Euro, che è pari a circa 257 Euro per metro quadrato, tenendo in conto che i partner che hanno collaborato all’iniziativa hanno fornito materiali di altissima qualità, e la costruzione di per sé ha una forma a nostro avviso innovativa ed ergonomica.

Tale costo include tutte le opere che sono state realizzate per restituire una casa completa: lavoro e materiali per la costruzione di fondazione, tetto, opere di finitura interne ed esterne, l’installazione di isolamento termico di pareti, finestre, pavimenti e soffitti. Una casa classica di forma quadrata realizzata con materiali di una categoria di prezzo medio sarebbe ancora più conveniente: 209 Euro per metro quadrato.

Creata dall’ ingegnere russo Nikita Chen-Yun-Tai, la nuova stampante Apis Cor 3D  è abbastanza potente per stampare un edificio in un solo giorno, ma di dimensioni estremamente ridotte per essere spostata con il minimo dei costi di preparazione e di trasporto. Questa portabilità permette agli utenti di stampare un edificio in una posizione e spostare facilmente il Apis Cor il giorno successivo per un altro posto.

 

FONTE: http://tgcomnews24.com

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

DRONI IN MOSTRA

Post n°95 pubblicato il 17 Marzo 2017 da lubopo
 
Foto di lubopo

Nello splendido scenario della Mostra d'Oltremare di Napoli, uno dei maggiori esempi di Architettura Razionalista Italiana, si è svolta dal 10 al 12 marzo "Droni in mostra", una tre giorni dedicata ai droni e alle tecnologie connesse, rivolta alle imprese, ai professionisti e al mondo del drone FPV racing. Per i neofiti ed i curiosi delle riprese con multielicottero, è stato anche possibile apprendere i concetti base del funzionamento di queste nuove tecnologie, informarsi sulle novità, i centri di addestramento al pilotaggio remoto, le nuove opportunità lavorative.

In occasione dell'evento ho intervistato Ignazio Cozzolino, un giovane ingegnere napoletano che insieme ad altri giovani ha dato vita ad una startup molto interessante. A seguire, Giuseppe Foderaro di videoinvolo.com, un veterano del pilotaggio remoto che ad aprile sarà ad Ercolano con Vittorio Storaro per realizzare un documentario dove utilizzerà il drone che ha recentemente visionato in Svezia e di cui ci parlerà nell'intervista. Buona visione.


 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

NO SALVINI

Post n°94 pubblicato il 12 Marzo 2017 da lubopo
 
Foto di lubopo

Gran bella manifestazione, allegra e colorata. Qualche incidente alla fine, ma nulla di diverso da ciò che è avvenuto in altre città d'Italia ai comizi del leader del carroccio. La manifestazione antifascista e antirazzista di Napoli ha però avuto una risonanza mediatica, oserei dire, "strategicamente" rilevante.

Salvini: "Città devastata, de Magistris paghi i danni". Fumogeni, petardi, idranti e lacrimogeni... con la pala. Sfido chiunque a trovare immagini di molotov, auto incendiate e città devastata. #mamifacciailpiacere

 

LA MANIFESTAZIONE

 

INTERVISTA A LUIGI DE MAGISTRIS RILASCIATA OGGI, 13 MARZO 2017 

 

Ed ora fatevi quattro risate. Questo video di Fanpage è stato registrato tre giorni prima dell'arrivo di Salvini

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
« Precedenti Successivi »

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Ultime visite al Blog

Lutero_Paganociarlie7351maresogno67delego.in.telucre611nina.monamourtanini_alubopomisteropaganoITALIANOinATTESAtekilalangelo.esposito_agianor1fenormone0
 

Ultimi commenti

Molto bello il video. Ciao, gi
Inviato da: maresogno67
il 06/05/2018 alle 18:57
 
Bel filmato. Mi fa venire in mente quando anche io in...
Inviato da: delego.in.te
il 04/05/2018 alle 07:47
 
E il Pd !
Inviato da: lucre611
il 29/04/2018 alle 01:47
 
Una alleanza tra Di Maio !
Inviato da: lucre611
il 29/04/2018 alle 01:46
 
Luigi si prospetta !
Inviato da: lucre611
il 29/04/2018 alle 01:45
 
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom