Blog
Un blog creato da TomFollett il 21/01/2007

Hopersoleparole...

...oppure sono loro che perdono me...

 
 
 

ULTIME VISITE AL BLOG

elviprimobazarTomFollettEla79dgltonyobamax_6_66bal_zaclaurabifulcoTheEnchantedSeamariomancino.mperlarosadifiumeNonDirmiForseromanticalovefalco58dglmrfunkytony
 
 

ERA SOPRA DI NOI...

immagine
 

ORA SOPRA DI NOI...

immagine 
 

TUA MADRE HA UNA PELLICCIA?

immagine

LA MIA L'AVEVA...

 

LA MIA CITTA'...

immagine
 

LA TIGRE E LA NEVE

"... se non c'è più Lei,  per me...

tutta questa messinscena

del mondo che gira,

possono pure smontare tutto,

portare via...

possono schiodare tutto,

arrotolare tutto il cielo

e legarlo su un camion con rimorchio,

possono spengiere

questa luce bellissima del sole

che mi piace tanto tanto...

e lo sai perchè mi piace tanto?

Perchè mi piace Lei

illuminata dalla luce del sole...

e se Lei non c'è più,

possono portare via tutto,

questi tappeti, queste corone,

questi palazzi,

la sabbia, il vento, le rane...

i cocomeri maturi...

la grandine, le sette del pomeriggio,

maggio, giugno, luglio...

il basilico...

le api, il mare, le zucchine..."

               (Roberto Benigni)

 

COSASTAGUARDANDO

QUESTOPINGUINOQUIZ?

immagine

 

AREA PERSONALE

 

FACEBOOK

 
 

 

« ONDE CHE VANNO E VENGONOMANCHERA' SEMPRE... »

ONDE O SABBIE MOBILI...

Post n°44 pubblicato il 15 Gennaio 2008 da TomFollett
 

A volte è un’onda. Altre volte sono sabbie mobili. Perché in quei momenti ti senti travolto da qualcosa, se c’è qualcosa che ti può travolgere… Ma altre volte a travolgerti è solo il panico, ché più ti muovi e ti dibatti per la paura di andare a fondo, e più il fondo è pronto ad accoglierti. E’ la paura che qualcosa possa finire, che vince. Anche se c’è consapevolezza che gli spazi vuoti (tranne quelli lasciati da persone davvero importanti) sono fatti per essere riempiti. Il problema sta nel comprenderlo… se e quando è il vuoto che ti chiama.

Le ricadute, per una donna o per un bottiglia, sono solo il frutto dell'incapacità a far passare il momento o sono solo paura, la paura che l'Uomo ha, di ammettere che ogni momento finisce?

 

“Nei posti dove ti insegnano a smettere di bere, ti spiegano anche come resistere al rischio delle ricadute. Nel primo anno successivo al trattamento le ricadute sono tantissime ed anche dopo è frequente ricascarci. Era una cosa che ci ripetevano in continuazione. Ci saranno dei momenti difficili – dicevano – in cui vi sentirete tristi, avrete una terribile nostalgia del passato o paura del futuro. In quei momenti avrete voglia di bere. Una voglia che vi sembrerà invincibile, che vi sommergerà come un’ondata. Invece non è invincibile. Sembra che lo sia perché siete deboli, in quel momento. Ma, appunto, è come un’onda. Un’onda, in mare, vi sommerge solo per qualche secondo, anche se quando siete sotto vi sembrerà un’eternità. Ne venite fuori facilmente, se non vi lasciate prendere dal panico. Allora – dicevano – ricordatevi che basta restare calmi, in quei momenti. Non lasciatevi prendere dal panico, ricordatevi che in breve metterete la testa fuori dall’acqua perché l’onda sarà passata. Quando siete colpiti dall’impulso irresistibile a bere, fate qualcosa per lasciare passare i secondi o i minuti che dura la crisi. Flessioni, due chilometri di corsa, mangiate un frutto, chiamate un amico. Qualsiasi cosa faccia passare il tempo senza pensare. L’onda passerà.”  

                                                      (G. Carofiglio – Ad occhi chiusi)

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
http://blog.libero.it/pacodeluca/trackback.php?msg=3921790

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
Commenti al Post:
speien
speien il 15/01/08 alle 20:40 via WEB
Mi ricorda qualcosa..forse quando da piccola facevo su e giù con quella slitta che mi sembrava enorme...invece ero io che ero piccina...come ora lo è la mia di piccina ;-)
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.
 
 

CONIGLIETTO SUICIDA!

Questa immagine è stata "trafugata" dal blog più assurdo che ci sia!

Grazie a Jo...

 

IL "DETTO" DEL GIORNO

"Abbiamo immaginato

di essere felici

come due bimbi

proprietari di una stella."

(Jovanotti - In orbita)

 

ULTIMI COMMENTI

un saluto di lori che passa...
Inviato da: perlarosadifiume
il 16/02/2012 alle 10:35
 
Tuttiscrittori propone un LABORATORIO/CONCORSO DI SCRITTURA...
Inviato da: tuttiscrittori
il 02/10/2009 alle 19:31
 
Che bella favola!
Inviato da: vi_di
il 18/05/2008 alle 23:51
 
Meno male che c'è anche chi apprezza le forme, che...
Inviato da: simolaperchia
il 12/05/2008 alle 18:10
 
Carissimo amico Tom, i miei migliori auguri di una serena...
Inviato da: brubus1
il 22/03/2008 alle 18:32
 
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Ottobre 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31          
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 7