Creato da: laura561 il 04/02/2009
“Fino a quando il sangue dei figli degli altri varra’ meno del sangue dei nostri figli, fino a quando il dolore degli altri per la sorte dei propri figli, varra’ meno del nostro dolore per la sorte dei nostri figli, ci sara’ sempre qualcuno pronto ad organizzare stragi in piazze, stazioni, o nei cieli, avendo la speranza se non la certezza della impunita’. Dobbiamo divenire familiari di ogni vittima, come lo fossimo realmente e per sangue, per conservare intatta nel tempo la loro stessa capacita’ di memoria, la loro stessa determinazione nella ricerca di Verita’ e Giustizia, e per essere pronti a pagare i prezzi che potremmo essere chiamati ad onorare per questa familiarita’. E noi, che pretendiamo di essere creduti e stimati quando esprimiamo la retorica del sacrificio della vita sui campi di battaglia per la familiarita’ acquisita nel giuramento con ogni nostro concittadino, come potremo essere ancora credibili quando e se non siamo disponibili a pagare, nella ordinarieta’ della nostra vita e della nostra attivita’ professionale, non con la vita, ma neppure con una promozione negata, un trasferimento, una valutazione negativa, o qualche fastidio familiare o timore di ritorsione violenta la fedelta’ a quei valori per i quali abbiamo giurato e per i quali siamo divenuti Ufficiali?” Sandro Marcucci
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Area personale

 

introduzione caso sandro marcucci

Tutto quanto qui pubblicato è scritto da Laura Picchi che ne ha l'esclusiva responsabilità.

 


Tutta la vicenda sul caso Marcucci  è nel Manoscritto Impossibile Pentirsi di Mario Ciancarella

al link:

http://www.scribd.com/doc/39054852/Manoscritto-Ciancarella-Impossibile-Pentirsi-Anche-Su-Strage-Ustica.

 

Ultimi commenti

Ennesima opera distruttiva ed inutile . E lo Stato difende...
Inviato da: RavvedutiIn2
il 06/07/2014 alle 20:42
 
Salve complimentissimi per il blog tantissimi saluti da una...
Inviato da: Anna.maria90
il 24/02/2014 alle 22:46
 
Complimenti per il blog colgo l'occasione di augurarti...
Inviato da: spazio.b
il 09/12/2013 alle 17:48
 
Sei sempre un emozione tesoro un abbraccio ^_^
Inviato da: hengel0
il 06/07/2013 alle 11:09
 
tenete duro!!!
Inviato da: ninograg1
il 27/04/2013 alle 07:48
 
 

Tag

 

Archivio messaggi

 
 << Settembre 2014 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30          
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 
Citazioni nei Blog Amici: 1
 

Ultime visite al Blog

laura561Ish_tarthe_dark_side_avaniloquioWhaite_Hazetobias_shufflebelladinotte16paperabionda2014MarquisDeLaPhoenixberniale2solo6parolechef55PAOLA11OEliisa_50WIDE_RED
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

 
« interrogazione on. monai...storia: "al generale Eis... »

caso Marcucci: laura picchi ritrova l'Ansa del 3 febbraio 1992

Post n°177 pubblicato il 29 Novembre 2010 da laura561

Purtroppo per chi vuole mettere il caso Marcucci nei cassetti o nell'oblio, per chi ha interesse a tutti i livelli a che ci sia una verità di comodo come la storiella dell'incidente provocato dal Marcucci e dal vento(marcucci l'ho dimostrato non ha violato alcuna norma di sicurezza del volo, poteva volare per la specifica missione di avvistamento incendi sotto i 500 piedi regole vfr tenuto conto del più alto ostacolo a terra, e il vento non c'era quella domenica) ho ritrovato l'Ansa del 3 febbraio 1992, il giorno dopo l'omicidio di Marcucci:

"Un aereo Piper del servizio antincendi, decollato dall' aeroporto del Cinquale, in Versilia, e' precipitato verso le 15, 30 di ieri sulle Alpi Apuane, in localita' Collaretta. A quanto si e' appreso, uno dei due membri dell' equipaggio e' morto, mentre l' altro e' rimasto ferito ed e' stato trasportato in ospedale a Carrara con un elicottero della Marina militare di stanza a La Spezia. Il pilota dell' aereo, Alessandro Marcucci, 48  anni, di Pisa, e' morto carbonizzato, mentre l' altro membro dell' equipaggio, Silvio Lorenzini, 51 anni, di Massa, e' stato sbalzato fuori dall' aereo. Nei giorni scorsi Marcucci aveva rilasciato una intervista al quotidiano Il Tirreno in merito all' operato del generale Vito Tascio, coinvolto nell' inchiesta sul disastro di Ustica e dal 1976 al 1979 comandante della base di Pisa. (Ansa)"

 

 

Al di là che il generale Tascio si chiamava Zeno e non Vito, questa Ansa è importante perchè si scrive che Lorenzini fu sbalzato fuori dall'aereo, non s'è trascinato da solo Lorenzini fuori dal piper. Questa Ansa del 3 febbraio 1992 dà ragione al lavoro di Ciancarella sul caso Marcucci, quando scrive appunto che Lorenzini fu sbalzato fuori dal Piper(http://www.mariociancarella.altervista.org/Sandro%20marcucci%20copia.doc).

 

Se il Lorenzini è stato sbalzato dall'aereo come scrive l'Ansa e ha sempre sostenuto Mario Ciancarella, se il Lorenzini era in parte carbonizzato è anche chiaro che l'incendio scoppiò in volo e non dopo l'impatto al suolo del Piper come abbiamo sempre detto e scritto.

Anche per quanto scritto in questa Ansa, continueremo a chiedere la riapertura del caso Marcucci Lorenzini a livello politico e giudiziario.

 

Laura Picchi

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Vai alla Home Page del blog