Creato da laura561 il 04/02/2009
“Fino a quando il sangue dei figli degli altri varra’ meno del sangue dei nostri figli, fino a quando il dolore degli altri per la sorte dei propri figli, varra’ meno del nostro dolore per la sorte dei nostri figli, ci sara’ sempre qualcuno pronto ad organizzare stragi in piazze, stazioni, o nei cieli, avendo la speranza se non la certezza della impunita’. Dobbiamo divenire familiari di ogni vittima, come lo fossimo realmente e per sangue, per conservare intatta nel tempo la loro stessa capacita’ di memoria, la loro stessa determinazione nella ricerca di Verita’ e Giustizia, e per essere pronti a pagare i prezzi che potremmo essere chiamati ad onorare per questa familiarita’. E noi, che pretendiamo di essere creduti e stimati quando esprimiamo la retorica del sacrificio della vita sui campi di battaglia per la familiarita’ acquisita nel giuramento con ogni nostro concittadino, come potremo essere ancora credibili quando e se non siamo disponibili a pagare, nella ordinarieta’ della nostra vita e della nostra attivita’ professionale, non con la vita, ma neppure con una promozione negata, un trasferimento, una valutazione negativa, o qualche fastidio familiare o timore di ritorsione violenta la fedelta’ a quei valori per i quali abbiamo giurato e per i quali siamo divenuti Ufficiali?” Sandro Marcucci
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Area personale

 

introduzione caso sandro marcucci

Tutto quanto qui pubblicato è scritto da Laura Picchi che ne ha l'esclusiva responsabilità.

 


Tutta la vicenda sul caso Marcucci  è nel Manoscritto Impossibile Pentirsi di Mario Ciancarella

al link:

http://www.scribd.com/doc/39054852/Manoscritto-Ciancarella-Impossibile-Pentirsi-Anche-Su-Strage-Ustica.

 

Ultimi commenti

Ennesima opera distruttiva ed inutile . E lo Stato difende...
Inviato da: RavvedutiIn2
il 06/07/2014 alle 20:42
 
Salve complimentissimi per il blog tantissimi saluti da una...
Inviato da: Anna.maria90
il 24/02/2014 alle 22:46
 
Complimenti per il blog colgo l'occasione di augurarti...
Inviato da: spazio.b
il 09/12/2013 alle 17:48
 
Sei sempre un emozione tesoro un abbraccio ^_^
Inviato da: hengel0
il 06/07/2013 alle 11:09
 
tenete duro!!!
Inviato da: ninograg1
il 27/04/2013 alle 07:48
 
 

Tag

 

Archivio messaggi

 
 << Ottobre 2014 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31    
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 
Citazioni nei Blog Amici: 1
 

Ultime visite al Blog

laura561marta.lauralarosanigracarmelina59_2009fatamatta_2008dinobarilitamy.1977moseserussiantropoeticobicuriosoioMarcusMarcoelllisa0cp2471967Dark_Advisorlubopo
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

« 5 marzo 2011: 19 anni ch...CASO MARCUCCI E LORENZINI 2 »

3 marzo 1977: la strage(per noi) del Monte Serra

Post n°200 pubblicato il 08 Marzo 2011 da laura561

Il 3 marzo 2011 era l'anniversario della strage(per noi) del Monte Serra. Per la verità ufficiale fu "incidente aereo".Quei cadetti morti meritano di essere ricordati come il perchè la verità e la giustizia essi non l'hanno ancora avuta dopo 34 anni.Questo è il capitolo che ha scritto sul "Monte Serra" Ciancarella nel suo Manoscritto Impossibile Pentirsi :http://www.mariociancarella.altervista.org/pagina4.html .

Furono aperte due inchieste parallele, una civile ed una militare.

Le conclusioni della prima dichiararono che causa prima del disastro si erano dimostrate le condizioni di inefficienza del velivolo, che in condizioni di volo a bassa quota ed in presenza di terreno collinare, non potevano che provocare un incidente, così come aveva avuto luogo; detto ciò non escludeva, però, responsabilità dei piloti nella gestione della situazione.

La seconda, invece, escludeva fermamente le inadeguate condizioni dell'aeroplano, ma attribuiva principalmente la responsabilità dell'incidente all'errore umano, pur non potendo escludere altri fattori come determinanti nella dinamica (per esempio, perché fosse stata effettuata l'inspiegabile virata a sinistra).

La procura, visti gli esiti delle inchieste, decise di archiviare il caso.

Questi sono i servizi del tg sulla strage (1) del Monte Serra di 34 anni fa:

http://www.youtube.com/watch?v=Vyk2IyTNM2A servizi telegiornale prima parte
http://www.youtube.com/watch?v=GIjk1sVu8ec servizi telegiornale seconda parte

Sentirete una domanda fondamentale nella seconda parte: come mai il C130 era in quel punto, quando nel piano di volo non era previsto che dovesse passare da quel punto, proprio addosso al Monte Serra, fuori rotta e duecento metri più in alto di quello che doveva essere?

 

laura picchi
associazione antimafie Rita atria

(1) a seguito della risposta di Mario Ciancarella all'ospite di questo blog che si può leggere nei commenti a questo post si è ritenuto necessario e opportuno cancellare l'aggettivo "colposa" messo dalla sottoscritta accanto a strage.

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
http://blog.libero.it/sandromarcucci/trackback.php?msg=9972913

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
Commenti al Post:
Utente non iscritto alla Community di Libero
Emylyan il 28/04/11 alle 02:03 via WEB
La strage del Serra, secondo voi, è quindi colposa...dovuta alla scarsa perizia del pilota che non avrebbe potuto essere alla guida dell'aereo...o c'è dell'altro? Grazie...
 
 
laura561
laura561 il 28/04/11 alle 08:50 via WEB
Ho inoltrato la sua domanda all'ex Capitano Ami Mario Ciancarella, io so solo quello che egli ha scritto nel capitolo dedicato al Monte Serra, capitolo il cui link è riportato in questo post. Non essendo in grado io di rispondere alla Sua domanda, cortesemente la prego di attendere una risposta di Ciancarella su questo blog o di scrivergli direttamente al suo indirizzo email m.ciancarella@virgilio.it. grazie.
 
 
laura561
laura561 il 28/04/11 alle 19:56 via WEB
Una strage e' colposa solo quando non ci sia connessione diretta tra la causa diretta dell'incidente e la volonta' di quella causa abbia contribuito a determinare. Esistono protocolli precisi ed ineludibili che avrebbero dovuto assolutamente impedire al Cap. Murri di essere ai comandi di volo quel pomeriggio. La mattina non aveva superato il test di riabilitazione al pilotaggio e questo non permetteva che potesse volare portando a bordo passeggeri che non fossero i soli membri dell'equipaggio. Quindi non e' corretto dire che quel pilota "non avrebbe potuto essere". Egli non avrebbe dovuto esserci. Tant'e' che la prima attivita' di alterazione dello scenario si concentro' nella alterazione del risultato del volo del mattino. Una alterazione piuttosto maldestra (se solo il Magistrato avesse voluto approfondire) perche' non spiegava come mai i cadetti risultasse dovessero imbarcarsi su un velivolo diverso (C119 e non C130) e come mai la carta d'imbarco per la assicurazione risultasse infatti compilata per il solo velivolo C119, e con un Comandante Pilota diverso (il Capitano Murrer). La scarsa perizia si collegava alle precondizioni con cui il Murri si era a lungo sottratto dall'essere presente e dal praticare il pilotaggio, inventando situazioni sanitarie inesistenti della moglie a cui tutti avevano finto di credere, mentre molti dei vertici non potevano non sapere che si trattava di alibi precostituiti per nascondere una attivita' alternativa di "venditore d'armi" a Paesi sottoposti ad embargo. Non so se questo "qualcos'altro" e' sufficiente a suscitare lo sdegno necessario per la morte di tanti giovani e dei colleghi di equipaggio. Per me lo fu e mi determino' a chiedere conto delle responsabilita' finche' avessi avuto vita e fiato. Mario Ciancarella
 
Utente non iscritto alla Community di Libero
Emylyan il 01/05/11 alle 23:38 via WEB
La ringrazio sig. Ciancarella e mi scuso se ho postato un messaggio troppo stringato e superficiale; sincerante, però, non pensavo che mi avrebbe risposto lei in persona… Mi scuso inoltre se il mio intervento non ha mostrato la dovuta sensibilità nei confronti delle giovani vittime del Monte Serra...A mia difesa, posso dire solo che partecipo emotivamente alla tragedia anche se essa è distante molti anni dai nostri giorni… A quei tempi (1977) ero appena nato e, quindi, non ricordo l’evento ma lei, Ciancarella, è riuscito a trasmettermi il suo sdegno verso la iattanza del potere e verso l’assoluta indifferenza di quest’ultimo per il dolore e le sofferenze umane…Sto leggendo il suo e-book “Impossibile pentirsi” e mi sto accorgendo non solo della sua perfetta conoscenza degli avvenimenti ma anche della sua profonda umanità! Tutto ciò le fa onore….ma sicuramente le fa ancora più onore il fatto che lei abbia sacrificato i suoi affetti e la sua carriera per la ricerca della verità e per rendere giustizia a quei poveri ragazzi martoriati negli anni più belli della loro gioventù…La sua risposta è stata per me preziosa poichè mi ha chiarito alcuni particolari che mi erano sfuggiti in una prima lettura del suo libro….Ha ragione lei quando dice che il Cap. Murri non doveva essere nella cabina di pilotaggio del C130…Ha perfettamente ragione… Non me vorrà, però, se aggiungo qualche domanda per soddisfare la mia volontà di ricerca… 1)lei dice che l’alterazione del risultato del test di riabilitazione al pilotaggio “non spiegava come mai i cadetti risultasse dovessero imbarcarsi su un velivolo diverso (C119 e non C130) e come mai la carta d'imbarco per la assicurazione risultasse infatti compilata per il solo velivolo C119, e con un Comandante Pilota diverso (il Capitano Murrer)”….In effetti, nemmeno io ho capito perché i Cadetti sono saliti sul C130 al posto del C119…!!! Saprebbe darmi una spiegazione? 2)si possono fare delle ipotesi sull’identità della 45a salma non identificata? e che nesso potrebbe esserci tra quest’ultima e la strage? La ringrazio anticipatamente per la disponibilità che vorrà di nuovo accordarmi….Tengo molto, però, a dirle che, per quel poco che può contare la mia voce ed anche se non la conosco di persona, le sono moralmente vicino…
 
 
laura561
laura561 il 02/05/11 alle 17:08 via WEB
La causa e' facilmente spiegabile. Il battesimo dell'aria dei cadetti era prevista proprio sul C119 con a capo il cap. Murrer, e la carta d'imbarco era stata predisposta gia' al mattino. Nel frattempo accade, in quella stessa mattina, che il Cap. Murri non supera l'esame di riabilitazione al pilotaggio sul C130 - per aver confuso i punti al suolo mi avrebbe tranquillamente confessato durante il pranzo -. Cos' accade che il comando ritiene di "non sprecare" il volo pomeridiano del C130 sul quale il Murri avrebbe ripetuto l'esame (tornando tragicamente a cionfondere i punti al suolo) e quindi dispone il trasferimento su quel volo dei cadetti. Come sempre accade in queste condizioni di approssimazione non ci si curo' di cambiare la carta d'imbarco dei passeggeri (anche perche' ad un esame postumo sarebbe risultato incompatibile che un pilota non ancora ri-abilitato volasse con 40 passeggeri a bordo!!). Purtroppo i Magistrati lasciarono che cadesse nel vuoto il perche' di quella documentazione fondamentale per l'accertamento di responsabilita' dolose e il Magistrato romano che mi escusse nel procedimento civile nel 1995 ritenne di concludere "pilatescamente" che non avevo dato alcuna prova certa che il Murri avesse realmente le mani sui comandi. (In realta' avevo offerto, io credo, una dinamica ben diversa: con una tardiva presa di consapevolezza del Pilota della trappola in cui era stato condotto dal Murri, riacquisendo con una bestemmia la diretta esecuzione delle manovre; ed avevo anche detto che il secondo pilota - Murri -, se fosse stato lucido ed addestrato, ben avrebbe potuto azionare anche all'ultimo momento i flaps, che avrebbero indotto una improvvisa escursione verso l'alto del velivolo certamente sufficiente a superare l'ostacolo fatale contro il quale invece l'aereo si sarebbe sfracellato di li' a poco. Lo schianto avvenne dunque anche per l'errore concomitante del pilota - non esente da condizioni di tensione personale che ne avrebbero sconsigliato forse l'impiego - di applicare tutta la potenza possibile al velivolo nel tentativo di superare l'ostacolo, ma cosi' determinando si' una grande velocita' ascensionale ma al tempo stesso una eccessiva velocita' di traslazione orizzontale, che avrebbe portato infatti il velivolo a schiantarsi di coda sul limite estremo del costone costone). Per la 45^ bara la spiegazione e' ancora piu' orrida: i corpi delle vittime erano totalmente straziati, e dopo ore di impegno a riscostruire i singoli corpi alla fine i resti furono distribuiti tra le varie bare senza guardare troppo per il sottile. Risulto' cosi' essere stata composta una bara in eccesso, e qualcunoi ritenne di "liberarsene" andandola ad inumare in un anonimo loculo del cimitero, finche' uno dei genitori delle vittime non ne ebbe consapevolezza e ottenne che essa fosse inumata a nome di tutte le vittime nel sacrario costruito sul Monte Serra. Grazie per le sue parole di apprezzamento e di solidarieta', ma a ciascuno di noi e' chiesto in momenti diversi e circostanze diverse di essere fedele alla propria umanita'. E' quello che ho ritenuto doveroso fare, senza che questo mi conferisca altro titolo che quello di aver fatto la cosa giusta, molto semplicemente. Mario Ciancarella
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.