Torturato a morte dai genitori a 9 anni: “Era iperattivo”

bambino-morto-in-Messico-744x445Torturato a morte dai genitori, così è morto un bambio di 9 anni a Sulaibikhat, nel nord del Kuwait. E’ la conclusione alla quale è giunta la polizia locale, mentre il padre del bambino, 31 anni, sostiene che il figlio sia deceduto per cause naturali. I medici dell’ospedale di Jahra, dove il piccolo è stato portato dal padre, hanno fatto sapere che il bambino era morto da diverse ore quando è giunto nella struttura e che sul corpo presentava segni di bruciature e altre ferite. Sul caso è stata quindi aperta un’inchiesta e i genitori hanno spiegato le ferite e le bruciature sul corpo del bambino affermando che loro figlio era iperattivo, come riporta la stampa locale. I genitori hanno quindi sostenuto che la vittima spesso attaccava i suoi fratelli, soprattutto uno affetto da handicap e il più piccolo, di sei mesi. Il bambino veniva quindi regolarmente picchiato per insegnargli la disciplina, hanno aggiunto, ammettendo che di recente lo avevano legato e tenuto in una stanza per alcuni giorni. Il figlio, arrabbiato per la punizione, aveva smesso di mangiare, secondo la ricostruzione dei genitori. La madre ha poi spiegato di aver slegato il figlio poche ore prima della sua morte e che il bambino era andato a dormire nella stanza insieme ai fratelli. Il decesso è avvenuto in seguito, la domestica indiana che lavora per la famiglia ha confermato la versione fornita. I genitori sono sotto inchiesta.

Torturato a morte dai genitori a 9 anni: “Era iperattivo”ultima modifica: 2016-10-19T16:13:43+00:00da cristina_a2016

Potrebbero interessarti anche...

2 Risposte

  1. SE NON SI BRUCIANO TUTTI I MALEDETTI VELENI,DI CUI ANCHE GLI ALCOLICI ANCORA ACCADRANNO CRUDELTA’, LO STESSO DICASI DELLA GENTAGLIA CHE STRAMA E’ METTE IN ATTO “ANOMALIE”

  2. ABBIATE PIETA’ POICHE’ SIAMO TUTTI ESSERI UMANI PER CUI BISOGNA STUDIARE PER ELIMINARE TUTTE LE “BRUTTURE ESISTENTI”

Lascia un commento

Se possiedi già una registrazione clicca su entra, oppure lascia un commento come anonimo (Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog).
I campi obbligatori sono contrassegnati *.