Blog
Un blog creato da vasconvolto10v il 06/03/2013

TUTTO O NIENTE

....diario di emozioni...vivere una favola...a bassa voce, per proteggerla affinché nessuno possa alterarne la fine.

 
 

AREA PERSONALE

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

FACEBOOK

 
 

ULTIME VISITE AL BLOG

biagiodellacortefabrizio55ivelidellalunaengelauna_notte_e_bastaiquameyIrenelanadia3kris1966teresacrapisialeslevinaryonegelica0luca051993gianluca.colamoreaalelugi
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

Cos'altro dirti...

Post n°49 pubblicato il 23 Luglio 2013 da vasconvolto10v

 

La verità è che quando un uomo ti desidera, quando ti vuole con sè realmente, mette da parte tutto il mondo. Mai arrendersi per venirti a prendere e farti sua.. Non esistono le paure.. non esistono le scuse.. non esistono i chilometri.. il voler essere liberi per un po'.. i problemi.. le difficoltà... non esiste niente....perché se veramente si desidera qualcosa, non si ha neanche il tempo di pensarle tutte queste scuse.. L'unica cosa che viene da pensare è "Voglio Lei" .

Mimmo Bellocchio

 

Forse è questo quello che oggi ti direi... mi ritrovo a raccogliere tutti i miei pezzetti e a scappar via... da codardi. Scappare da qualcosa che non è quello che pensavo, che credevo. Non posso amare così... come non posso credere che tu mi stia lasciando andare così... perchè? Cosa mi resta di questi 8 mesi?
Eri per me l'uragano, la mia forza, la mia follia... eri quello che avevo sempre desiderato, quello che mi sarei sempre augurata... eri un uomo. Eri quello che non ti faresti mai scappare... eri quella persona presente anche nella sua continua assenza, sempre pronto, eri tu... semplicemente tu, che riempivi le mie giornate, che affondavi nei miei capelli, che mi abbracciava così stretta da farmi mancare il respiro, eri quello che aspettavo ogni notte, l'uomo geloso di una donna che non gli apparteneva, eri il mio confidente, il mio consigliere... la mia parte razionale, quello che mi faceva contare fino a 10, che placava le mie ire, che mi strappava un sorriso anche nei giorni più neri.
Eri il mio buongiorno al mattino, il sole che splende anche nelle giornate più cupe...
Avrei potuto arrabbiarmi con te in qualsiasi momento, ma bastava incontrare i tuoi occhi per trasformare il mio muso lungo...in un sorriso, pieno di gioia, speranze, aspettative.
Non sono mai riuscita a viverti giorno per giorno, non sono mai riuscita a viverti come avrei voluto, dovuto... ma non potevo continuare così... non potevo far parte della tua vita per metà, non volevo che facessi parte della mia a metà... meritavi di vivere la mia vita al 100%... e lo meritavo anch'io.
Purtroppo sono questa, quella del tutto o niente, quella delle mille disfatte, quella che non si accontenta mai, quella che chiede sempre di più, quella dalle mille domande... "il pazzo pronto a farsi saltare in aria...", artefice dei miei mille pensieri no, dalle mille e più lune storte... ma so che sono anche quella che ti aspetterà sempre... e so che non tornerai...la cosa che mi fa più male è questa... so che non ci sarai... eppure continuerò ad aspettarti... eppure ogni volta che sento uno sportello sbattere spero che sia il tuo... spero di affacciarmi e trovarti qui fuori... avrò sempre questa speranza in fondo al cuore...io che ero la tua "Albachiara"...
Mi auguro solo che tu stia bene... che tu sorrida... sempre...

Ciao cuore mio...
Ti Amo...
Sempre tua Bonnie

 

Ho passeggiato nel buio sai
ho vinto tutto e ho riperso poi
Ho visto cose fantastiche
Ho avuto donne bellissime
Nessuna ha mai chiarito se
Il mondo è vero senza di te... (Oh no?)
Io credo di no!
Standing ovation
Standing ovation per te
Standing ovation
Ovation for you!
Standing ovation
Standing ovation per te
Standing ovation
Ovation for you
Ti ho mandato un messaggio ieri sera
é sulla segreteria telefonica
sono dei fiori
No Ti ho pensato molto stamattina
Quando ho visto nascere il sole
Ti ho mandato subito un messaggino
Era: per te vorrei essere migliore

STANDING OVATION

-VR-

 

 

 
 
 

La mia battaglia.

Post n°48 pubblicato il 21 Giugno 2013 da vasconvolto10v

 

L'idea di navigare senza conoscere la meta spesso è affascinante...
ti affidi alle correnti,e pensi che saranno loro artefici del tuo destino...
tutto è sconosciuto,l'unica cosa che sai,è che durante le tempeste,
la nostalgia per quell'isola felice abbandonata da te,si farà sentire...
ed allora non ti resterà che sorridere pensando
alla bonaccia che c'era lì...

Così tutto comincia, comincia con la voglia e la forza di realizzazione dell'ignoto. Si innesca un meccanismo che ti spinge ad andare continuamente avanti, con la consapevolezza che tanto indietro ci puoi tornare, che tanto vada come vada un appiglio ci sarà sempre. Solo dopo esserti allontanato dalla riva... dopo miglia di navigazione, ti accorgi di quanto sia difficile tornare indietro, di quanto l'ignoto possa portare dubbi e confusione... di quanto un assenza non programmata, non spiegata... possa portar disagio, di quanto il silenzio sia brutto... triste...amaro. Non sono la persona che vive di rimpianti, ne tanto meno di rancori, ho sempre seguito la mia strada, ho sempre cercato il meglio...per gli altri, preoccupandomi poco di me stessa, pensando che la mia felicità dipendesse da quella degli altri; credendo che l'altruismo fosse il miglior modo di amare. Non mi sono mai negata la possibilità di regalare un sorriso a chi ne avesse bisogno. Un modo per sentirsi utile, per offrirsi incondizionatamente a chi ne avesse bisogno. Io c'ero sempre e comunque, sempre pronta a lottare le battaglie degli altri...forse per non dar peso alle mie... finché non arriva il momento in cui devi iniziare a lottare le tue battaglie, e non puoi sottrarti, non puoi tirarti indietro...e ti accorgi che da ogni battaglia esci comunque un po' sconfitto...in ogni battaglia lasci qualcosa che ti appartiene: a volte una lacrima, a volte un pensiero...altre volte il sorriso. Ed in un giorno così particolare per me, in un giorno come oggi che segna, ricorda una ricorrenza... invece di rimpiangere anni passati...invece di sentire la mancanza di quella persona che mi ha accompagnata per tanti anni...sento la manca di quella voce che mi accompagna da poco più di sette mesi...perdendo in questa battaglia un pensiero ed un sorriso...perdendoli in qualcosa più grande di me... perdendoli nell'impossibilità di donarteli...

 

 

 

 
 
 

Non si incontreranno mai

Post n°47 pubblicato il 10 Giugno 2013 da vasconvolto10v

 

La luna e il sole sono destinati a rincorrersi... rincorrersi per una vita intera...è raro che si incontrino.... raro che riescano ad allinearsi in maniera così perfetta da generare un eclissi totale...raro che riescano a far sognare tutti gli appassionati...ma quando succede la cosa genera tante emozioni.
Ma purtroppo la luna ha necessariamente bisogno del sole affinché possa splendere... lei non splende di luce propria, lei brilla grazie al sole.
Sono dipendenti l'uno dall'altra...ma non potranno mai aversi.È un destino triste, eppure continuano a rincorrersi, senza mai stancarsi.

Vorrei avere la loro costanza, vorrei avere la loro capacità, eppure mi rendo conto che non posso continuare a rincorrerti, preferisco fermarmi.
Non è di certo la scelta più facile, non è quella più semplice. È quella che fa più male, quella che ti fa capire che i tentativi di proteggere qualcosa che per te era vita...non sono serviti a nulla. Così decido di farmi da parte... di farmi da parte nella mia vita, seduta ad aspettare il momento in cui potrò tornare a viverla.
Spettatrice della mia vita, della mia semplice vita...che non può' incontrarsi con la tua, fatta di mille impegni, mille priorità...mille assenze...

Non riesco neanche a scrivere...e quindi non mi resta che ringraziarti.
Grazie... per la bella favola...

 

 

 
 
 

Non capirà mai nessuno quanto amore ci mettevo anche solo per guardarti negli occhi. (Tumblr)

Post n°46 pubblicato il 30 Maggio 2013 da vasconvolto10v

 

Eccomi di nuovo qui...qualche giorno di assenza, gli impegni ed i pensieri che non riuscivano a farmi trovare il mio ormai solito angolino di pace e tranquillità che mi permette di fermare i miei pensieri, che mi permette di raccontarmi.

Il momento preciso in cui le tue orecchie ascoltano quella frase, così comune che racchiude in se tutti i sentimenti dell'animo, sarebbe sempre da incorniciare. La prima volta che le tue orecchie ascoltano quel "Ti amo", tanto desiderato ma tanto odiato nello stesso momento ma non nella stessa misura, il tuo flusso di pensieri si blocca, per un secondo smetti di vivere, smetti di parlare, smetti di ascoltare, smetti di respirare. La tua mente è inondata da quella frase che sembra come portarsi dietro un...(mmmmhhh come posso spiegarlo?). Hai presente quei registratori a cassette che si usavano tempo fa? Potevi registrare, mandare indietro il nastro e riascoltarlo a diverse velocità: a rallentatore oppure velocissimo... (ora ce ne saranno di moderni; ma io ricordo il mio...un po' vecchiotto e scassato). Ecco quella è la sensazione che si prova quando per la prima volta si ascolta quella frase. Sembra quasi che, anche se detta solo una volta, tu la recepisca a velocità pazzesca per altri milioni di volte in un secondo. Micidiale! Pazzesco, strano... come la voglia di non sentirselo dire ma allo stesso tempo di volerlo ascoltare per altre 3ore di fila senza interruzioni. La voglia di dirti ripetimelo all'infinito... dimmelo ancora, dimmelo finché non sarò stanca di ascoltarlo. Ed invece la razionalità che prevalica, il non voler sentire per non voler accettare un amore così. Per il mio essere schematica, per il mio essere "O bianco o nero", "O tondo o quadrato" non posso accettarlo, non posso accettare un "Ti amo ma non posso averti...", no! Non posso.

Non posso sentirmi dire quella frase senza sapere che potrò amarti anch'io come desidero, non posso non poterti rispondere "Cavolo! Ce l'hai fatta!", non posso ascoltare quella frase senza poterti guardare negli occhi e sussurrare a voce bassa che anch'io ti amo, che per quanto ti amo sarei pronta a tutto, anche con tanto timore, anche nell'incertezza... perchè fondamentalmente la causa che non mi permette di tirarmi indietro è tutta la volontà che ho di andare avanti, con te... non senza te!

E tu? Se ti dicessi che ti amo...come reagiresti? Lo ascolteresti? Sarebbe il mio modo per dirti... "Ok Orso...ti accolgo... ci sto, sono giunta fin qui per restare!" ed ogni mio silenzio...ogni mio sguardo che ti regala occhi argentei... te lo sussurra....te lo dichiara ogni notte!

 

 

 
 
 

Ci credi

Post n°45 pubblicato il 24 Maggio 2013 da vasconvolto10v

Penso che ormai tu sappia quanto io ami i gesti improvvisi,
quelli impercettibili ma che ti fanno sentire importante:
una mano che mi sposta i capelli dal viso, 
un bacio per farmi smettere di parlare a raffica, 
Uno sguardo dolce, che mi osserva in mezzo alla gente, anche quando non dovrebbe.
Due occhi che mi scelgono ogni volta che mi guardano...anche se non potrebbero. 
Amo talmente i gesti improvvisi che mi riducono ad essere spesso irrazionale, ed irrazionalmente, per colmare la tua assenza momentanea devo scriverti. 
Scrivo, scriviamo talmente tanto che il nostro potrebbe essere definito quasi un "rapporto epistolare", eppure non mi stanco di farlo, non mi stanco di stancarti... non mi stanco di rubarti tempo, non mi stanco di farmi leggere, non mi stanco di mettermi in dubbio, non mi stanco di pormi domande... non mi stanco di chiederti. Ogni giorno una domanda, un quesito al quale cerco risposte, sicurezze, chiarimenti. E mi dispiace ma ho lo strano vizio di dover dare una risposta a tutto quello che mi accede, mi circonda. E allora mi chiedo cosa c'è che ancora manca, cosa alimenta le tue incertezze, le tue confusioni, perché tu voglia che vada così... perché ancora riesci a fare a meno di me. E nella certezza che ci sarai sempre l'incertezza di come ci sarai. 
Credo nei tuoi occhi, credo a come mi guardi quando sono nelle tue braccia, credo che in quei momenti a nessuno dei due serva nient'altro, tranne che il tempo...che scorre così inesorabile. Credo alle tue mani così grandi che mi accarezzano, che mi sfiorano e che a volte non mi lascerebbero mai andare. Credo alle tue risate che esplodono all'improvviso... credo che equivalgano all'ammettere "cavolo...mi fai bene!" perché sembri a tuo agio, perché sembra che quel posto... è quello in cui desideri stare, perché ti piace esserci.
Credo... credo in te e a come mi fai stare, a quello che mi dai... a cosa mi fai. 
Credo che riuscirò a dare e a ricevere sempre di più. Credo in ogni tuo singolo gesto... e tu? Tu in cosa credi?

E allora cosa aspetto... oh
oh no!
cosa c'è!
io son vivo anche senza di te
ma non mi basta mai...
... non basta niente!

ogni tanto penso ancora a te
e non so perchè!
perchè respiro l'aria intorno a me
che cosa c'è!
ho bisogno di credere
che sei stata importante per me
anche se non mi ricordo più
nemmeno di te...


-Non Basta Niente-

V.R.

 

 

 
 
 
Successivi »