Creato da gianor1 il 07/01/2005
Da qualche parte una farfalla batte le ali e mette in moto un meccanismo irreversibile dalle conseguenze imprevedibili.
 

 

« Idioma approssimato e su...Otium cum dignitate »

Lettura e fantasia

Post n°939 pubblicato il 13 Luglio 2020 da gianor1
 

Veleggio nel mare infinito di ricordi  evidenziati nella mente e nel cuore.
Vago nelle pagine di testi antichi che sono lumi e occhi splendenti sulle copertine di tomi contemporanei.
Inseguo il filo logico di alcuni testi, nella nebbia di lacrime impotenti.
Sogno di librarmi nell'azzurro cielo come un piccolo principe, ma rimango immobile nel mio mare interiore e tempestoso.
Incontro nell' immaginazione incongrua e bizzarra druidi tra i Celti della Gallia, curandere in America latina e
negli antichi lavatoi della mia Terra donne abbigliate di dignità con i gomiti duri come il granito rosa.
Seguo armigeri pronti al combattimento e bimbi sorridenti che mi spronano al gioco.
Viaggio con Omero attraverso tante peripezie nel veliero di Ulisse fino a giungere nelle campagne di Virgilio intento a seminare le vicende mitiche di Enea. Non tanto distante l'Alighieri su suggerimento virgiliano, apre i miei studi su una nuova poetica dai principi universali e inarrivabili.
Amo (benedetti siano i libri dell'adolescenza) donne appassionate e femmine lussuriose che agevolano curiosità e stupore, ma anche sollevano qualche dolore.
La navigazione tra le onde di pagine aperte al vento della curiosità avanza e proseguirà finchè il faro di una libreria, di una biblioteca avranno luce.



La lettura settimanale è supportata con maestria dalla parte conclusiva di un concerto per pianoforte e orchestra.Il tema a rondò è poco frizzante peraltro molto popolaresco, quasi un graffito di danza, che esemplifica il rilievo retrospettivo di tutto la melodia. Qui, "l' utero" classico pretende ripari futuri. Infatti, seppur con difficoltà, è possibile riconoscere l'analogia tra la ripresa orchestrale e l'attacco del finale della tecnica brahmsiana; nella fattispecie l'autore dispone di informazioni esperite precedentemente ma come esposte all'attenzione e mitigate con tenacia, pur nell'evoluzione pentagrammatica a tratti fluente e strofica. I tasti bicolori appena alterati nella modulazione, presagiscono la notistica beethoveniana. In conclusione, la situazione si riprende e l'artista esaurisce il suo intervento, nel momento in cui anche l'orchestra si consegna al silenzio.

                                     
Appendice viral-grammaticale

Sono un vero somaro: “calzato e vestito”, come diceva nonna. Da  mesi parlo e leggo di covid conferendoli il genere maschile. Invece no: covid è femminile. Non lo sostiene la Boldrini, che del femminismo lessicale è sacerdotessa riconosciuta e venerata, bensì il'illustre professore  Marazzini, presidente dell'Accademia della Crusca, ossia la corte di cassazione della lingua italiana. Covid è un acronimo, dove Co sta per Corona, Vi per virus e D per disease, cioè malattia. E qui sta il punto: covid è malattia; e come tale, affermano i cruscanti, è di genere femminile. Una volta, davanti a questa suprema autorità, avrei chinato la testa e accettato il verdetto. Ma da alcuni anni la mia ubbidienza alle sue decisioni non è più assoluta. Il setaccio dell'Accademia oggi ha trame meno fitte. Il modernismo ha sopraffatto la modernità, la tolleranza ha prevalso sul rigore. Troppo sensibile agli umori delle masse e dei media, non è più, come una volta, il baluardo difensivo dell'ortodossia linguistica. Perciò oso obiettare: anche il diabete è malattia, eppure è di genere maschile, e l'asma è di ambo i generi. Dirimerà la spinosa questione, con apposito decreto, Giuseppe Conte sentito il parere del suo esperto in comunicazione Rocco Casalino. Ai polli, si sa, piace la Crusca.

 
 
 
Vai alla Home Page del blog

Area personale

 







Sono per la salvaguardia del grafema Ch

 

Ultime visite al Blog

la.cozzabluaquilegiagianor1lunetta_08plasmatica0je_est_un_autreelyravneopensionatamariateresa.savinoe_d_e_l_w_e_i_s_sendchurchBluecobalto2giselemar0limiteaperto1
 

Come eravamo



 
Citazioni nei Blog Amici: 246
 

 

 

Spigolature

AFORISMA
L'educazione è una cosa ammirevole,ma è bene ricordare,
di tanto in tanto,che nulla che valga la pena di conoscere
si può insegnare.
Oscar Wilde



PROVERBIO SARDO
Nen bella senza peccu,nen fea senza tractu.
Non c'è una bella senza difetto,nè una brutta senza grazia.


"Il lavoro del maestro è come quello della massaia, bisogna ogni mattina ricominciare da capo: la materia, il concreto sfuggono da tutte le parti, sono un continuo miraggio che dà illusioni di perfezione. Lascio la sera i ragazzi in piena fase di ordine e volontà di sapere - partecipi, infervorati - e li trovo il giorno dopo ricaduti nella freddezza e nell'indifferenza. Per fare studiare i ragazzi volentieri, entusiasmarli, occorre ben altro che adottare un metodo più moderno e intelligente. Si tratta di sfumature, di sfumature rischiose ed emozionanti.Bisogna tener conto in concreto delle contraddizioni, dell'irrazionale e del puro vivente che è in noi. Può educare solo chi sa cosa significa amare".

 

Armonia delle forme

 



 

 

Solidarietà


 
,

,

,



 

 
 



 

Archivio messaggi

 
 << Settembre 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30