Creato da Quenofhearts84 il 08/08/2013

Wonderwall

Il paese delle meraviglie

 

Falsità

Post n°91 pubblicato il 07 Aprile 2019 da Quenofhearts84

                                                     Ogni falsità è una maschera,

e per quanto la maschera sia ben fatta,

si arriva sempre, con un po' di attenzione,

a distinguerla dal volto.     

          

 
 
 

♪ ♫ • * ¨ * •♪ ♫ •

Post n°90 pubblicato il 23 Marzo 2019 da Quenofhearts84

                                                      Le parolacce.


Le parolacce dilagano. Ai bambini non le vietiamo più, e i politici ne fanno ampio uso. Il turpiloquio segnala una visione rozza della lingua, blocca i ragionamenti e qualifica chi lo utilizza più di chi ne è bersaglio.

Ma esiste un modo per usarlo bene.

Il turpiloquio dà – neppure un bambino lo ignora – un senso di potere; ti protegge, funzionando a un tempo, specie fra gli agguati del traffico cittadino, da formula di scongiuro, da esclamazione punitiva e da espressione di sdegno. 

Chissà quanti le parolacce le urlano tra sé e sé, dovunque risulti loro più congeniale, insaponandosi sotto la doccia o facendo jogging nel parco, o magari al buio, prima di addormentarsi.

Qualcuno prega Dio, qualcuno insulta un altrettanto insondabile prossimo.

Un v. e sogni d’oro.

La parolaccia, che è fatta per offendere, pretende un pubblico e, va da sé, qualcuno o qualcosa da colpire. Sta al posto di una sberla o di un calcio, o di uno sputo. Aristotele, a ragione, notava che tra l’aischrologhia  e l’azione riprovevole il passo è breve.

Lo si è visto anche troppo dimostrativamente in questi giorni alla televisione. Sia Aristotele sia Platone, dunque, vietavano senz’altro la pratica dell’aischrologhia nel loro stato ideale.


Le parolacce oggi dilagano. Non le si proibisce più neppure ai bambini.

Il fenomeno è osservato dai linguisti e dai commentatori sociali. Dilagano perché dilaga la comunicazione spicciola.

Non vengono senza le loro compagne ideali: le frasi fatte. Basta scorrere qualche scambio di battute su una pagina di Facebook e avremo una campionatura abbastanza rappresentativa della condizione verso cui tende la lingua pubblica. 

L’uso scriteriato di espressioni volgari indica un problema di ordine sociale.

 
 
 

♪ ♫ • * ¨ * •

Post n°89 pubblicato il 03 Marzo 2019 da Quenofhearts84

 

Il Carnevale dal punto di vista storico viene considerato come un periodo di festa e di rinnovamento. Secondo il calendario dell’antica Roma, il periodo che oggi noi dedichiamo al Carnevale poteva coincidere con la fine o con l’inizio dell’anno.

Ciò che colpisce di più nelle origini del Carnevale riguarda il significato che aveva in passato come ribaltamento dell’ordine sociale in cui i servo poteva diventare padrone, almeno simbolicamente, e viceversa.

                   

Tenete conto che la storia del festeggiamento del Carnevale in Italia è molto antica. Si parla del Quattrocento e del Cinquecento come secoli per cui già si hanno delle testimonianze della festa del Carnevale in alcune città italiane. 

Il Carnevale secondo la tradizione cattolica è il momento che precede l’inizio della Quaresima, un periodo che deve essere dedicato alla riflessione e al riavvicinamento agli aspetti sacri della vita in previsione della Pasqua.

Nella sfera laica i festeggiamenti e le tradizioni per il Carnevale richiamano al divertimento, alla possibilità di vivere alcune giornate in allegria.

 
 
 

♪ ♫ • * ¨ * •.

Post n°88 pubblicato il 24 Febbraio 2019 da Quenofhearts84

 

  Un walzer di Chopin riempie la sala

una danza selvaggia e scatenata.

Alla fine pallido chiarore,

il pianoforte adorna un’appassita ghirlanda.

Il piano tu, il violino io,

così suoniamo e non smettiamo

e attendiamo inquieti, tu e io,

chi per primo spezza la magia.

Chi per primo interrompe il ritmo

e scosta da sè le candele,

e chi per primo pone la domanda,

a cui non vi è risposta.

 

H. Hesse

 
 
 

♪ ♫ • * ¨ * •.

Post n°87 pubblicato il 17 Febbraio 2019 da Quenofhearts84

 

 

 

                                                             Da lontano


Qualche volta, piano piano,

quando la notte

si raccoglie sulle nostre fronti

e si riempie di silenzio,

e non c’è più posto per le parole

e a poco a poco si raddensa

una dolcezza intorno

come una perla

intorno al singolo grano di sabbia,

una lettera alla volta

pronunciamo un nome amato

per comporre la sua figura;

allora la notte diventa cielo

nella nostra bocca

 e il nome amato un pane caldo, spezzato.

 

              Pierluigi Cappello

 
 
 
Successivi »
 

 

TAG CLOUD

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Aprile 2019 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30          
 
 

AREA PERSONALE

 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Aprile 2019 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30          
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

FACEBOOK

 
 

ULTIME VISITE AL BLOG

auroragranitoQuenofhearts84laura1953Mario939cardiavincenzoneopensionataolgy120licsi35peamico_per_sempre1964Terzo_Blog.Giusfantasia20162016g1b9solopernoi1990gianor1
 

ULTIMI COMMENTI

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova