Creato da: daniela.g0 il 17/11/2013
Tutela dell'ambiente e della salute

Archivio messaggi

 
 << Ottobre 2022 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31            
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Ultime visite al Blog

daniela.g0acquasalata111cassetta2acer.250figaro7b.l.sgianni1964magomerlino3dglsqualo520franko600Passionpuroclaudio.f5KingsGambitArianna1921
 

I miei Blog Amici

 

 

 
« Si agita lo spauracchio ...Dal processo a Fabio Mil... »

Microplastiche da mascherine sono state trovate in profonditÓ nei polmoni dei viventi

Post n°94 pubblicato il 08 Giugno 2022 da daniela.g0
 

Cari Lettori, pubblico questo articolo scritto dal Dr. Joseph Mercola, medico osteopatico, autore di best seller e vincitore di numerosi premi nel campo della salute naturale, già apparso sul quotidiano internazionale The Epoch Times (nella sua sezione Salute) lo scorso 1° giugno. 

Dopo gli studi riportati nel 2020 dal famoso neurochirurgo statunitense Russell L. Blaylock sui rischi dell'uso delle maschere facciali, questo nuovo importante articolo, riccamente corredato da numerose fonti e riferimenti bibliografici, deve assolutamente indurre a far riflettere sull'uso continuativo di queste maschere che, come sappiamo, in Italia sono state imposte anche ai bambini all'interno degli edifici scolastici.  

Buona lettura.

Una volta inalate o consumate, le microplastiche possono essere trovate nel flusso sanguigno in particelle abbastanza piccole da attraversare le barriere della membrana. Di Syda Productions/Shutterstock  

 

Le microplastiche utilizzate per realizzare le mascherine chirurgiche sono state trovate in 11 dei 13 pazienti sottoposti a chirurgia polmonare. I dati dimostrano come queste particelle possano entrare nel flusso sanguigno e potrebbero entrare negli organi, nel cervello e nei bambini in via di sviluppo.  

 

STORIA IN SINTESI  

  • I ricercatori hanno trovato 39 microplastiche in campioni polmonari chirurgici di 11 su 13 persone. C'erano 12 tipi che si trovavano comunemente in bottiglie di plastica, spago, vestiti e maschere chirurgiche 
  • Uno specialista in respiratori afferma che le maschere chirurgiche non soddisfano la definizione legale di maschera, ma piuttosto sono "barriere respiratorie". Ha sottolineato che stanno perdendo microplastiche abbastanza piccole da poter essere inalate 
  • Un'analisi dei dati di casi, ricoveri e decessi in Kansas ha rivelato che le contee con mandato di maschera avevano tassi di mortalità più elevati rispetto a quelli senza mandato di maschera 
  • Una volta inalate o consumate, le microplastiche possono essere trovate nel flusso sanguigno in particelle abbastanza piccole da attraversare le barriere della membrana. Si trova anche nelle prime feci di un bambino, suggerendo l'esposizione materna; uno studio sugli animali ha trovato particelle di nanopolistriene nel cervello, nel fegato, nei reni e nei tessuti polmonari fetali 24 ore dopo l'esposizione materna  

Piccoli pezzi di plastica delle dimensioni di un seme di sesamo o più piccoli sono ovunque. I titoli delle notizie spesso mostrano sacchetti di plastica, anelli e bottiglie intatti come le principali minacce per l'ambiente - e questi sono effettivamente dannosi per la vita marina e altro ancora - ma i frammenti di microplastica più piccoli e più insidiosi possono anche essere più dannosi. Uno studio 1 della Gran Bretagna 2 ha rilevato microplastiche nei polmoni di 11 pazienti su 13. 

In tutto il mondo, nel 2013 sono state prodotte 299 milioni di tonnellate di plastica, gran parte della quale è finita negli oceani, minacciando la fauna selvatica e l'ambiente. 3 Quel numero è balzato a 418 milioni di tonnellate nel 2021. 4 Nel 2018, gli Stati Uniti da soli hanno generato 35,7 milioni di tonnellate di plastica e inviato 27 milioni di tonnellate alle discariche, che rappresentavano il 18,5% di tutti i rifiuti solidi urbani. 5  

È noto che le sostanze chimiche presenti nei prodotti in plastica agiscono come interferenti endocrini. 6 Queste sostanze chimiche hanno una struttura simile agli ormoni sessuali naturali e interferiscono con il normale funzionamento di tali ormoni nel tuo corpo. 7 Ciò pone un problema particolare per i bambini che stanno ancora crescendo e sviluppandosi. 

Il prezzo che la società pagherà per l'uso onnipresente e la distribuzione di particelle di plastica deve ancora essere quantificato. L'evidenza suggerisce che l'esposizione a lungo termine a sostanze chimiche che alterano il sistema endocrino come gli ftalati rappresenta un pericolo significativo per la salute e la fertilità. 

La quantità di plastica che entra nell'ambiente cresce ogni anno poiché i produttori continuano a produrre prodotti in contenitori usa e getta e i consumatori continuano a richiedere uno stile di vita usa e getta. In un momento in cui i gruppi di difesa avvertono che la plastica sta cadendo dal cielo 8 e che è diventata una tragedia globale 9 , la pandemia di COVID-19 ha portato il problema della plastica a livelli ancora maggiori.  

Lo studio trova microplastiche in 11 polmoni di 13 pazienti  

Decenni di ricerche hanno dimostrato che le persone respirano microparticelle di inquinamento atmosferico e le consumano nel cibo e nell'acqua. Uno studio autoptico del 2021 10 ha mostrato microplastiche in 13 delle 20 persone analizzate e oltre 20 anni fa uno studio statunitense sul cancro del polmone del 1998 11 ha rilevato plastica e fibre in 99 dei 114 campioni di polmone esaminati. 

Secondo il Museo di Storia Naturale, 12 microplastiche misurano meno di 5 millimetri. Chiamano le microplastiche "uno dei più grandi disastri causati dall'uomo del nostro tempo". Sebbene ci siano usi industriali per le microplastiche, la maggior parte si forma quando si staccano dai prodotti di plastica più grandi nell'ambiente. 

Le microplastiche primarie sono quelle prodotte in piccole dimensioni per uso industriale, come nelle sabbiatrici, nei cosmetici o negli indumenti in microfibra. Le microplastiche secondarie derivano dalla rottura di prodotti di plastica più grandi causata dall'esposizione a fattori di stress ambientale. 13  

Un team di scienziati della Hull York Medical School ha cercato di analizzare l'impatto che l'inalazione di microplastiche ha sui tessuti umani. Ricerche precedenti hanno trovato fibre sintetiche nel tessuto polmonare, ma i ricercatori hanno scritto che non c'erano studi robusti che confermassero la microplastica nel tessuto polmonare. L'attuale studio ha analizzato il tessuto polmonare umano in 13 pazienti che avevano subito un intervento chirurgico ai polmoni. 

Hanno trovato contaminazione microplastica in 11 dei 13 pazienti. 14 Il team ha trovato 39 pezzi in 11 campioni di tessuto polmonare. Laura Sadofsky, docente senior e ricercatrice capo dello studio, ha commentato l'importanza dei risultati: 15  

"Le microplastiche sono state precedentemente trovate nei campioni dell'autopsia di cadaveri umani: questo è il primo studio robusto a mostrare microplastiche nei polmoni di persone vive. Mostra anche che si trovano nelle parti inferiori del polmone. Le vie aeree polmonari sono molto strette, quindi nessuno pensava che potessero arrivarci, ma chiaramente lo hanno fatto. 

Questi dati forniscono un importante progresso nel campo dell'inquinamento atmosferico, delle microplastiche e della salute umana. La caratterizzazione dei tipi e dei livelli di microplastiche che abbiamo trovato può ora fornire condizioni realistiche per esperimenti di esposizione in laboratorio con l'obiettivo di determinare gli impatti sulla salute".  

Gli autori dello studio hanno scoperto che i soggetti ospitavano 12 tipi di microplastiche, "che hanno molti usi e si trovano comunemente in imballaggi, bottiglie, vestiti, corde/spago e molti processi di produzione. C'erano anche livelli considerevolmente più alti di microplastiche nei pazienti maschi rispetto alle femmine". 16  

Un'altra scoperta inaspettata è stata che un numero maggiore di microplastiche è stato trovato nelle porzioni inferiori del polmone. I tipi più abbondanti di microplastiche erano il polipropilene (PP) e il polietilene tereftalato (PET). 17 Questa scoperta indica il recente uso onnipresente di maschere chirurgiche blu durante la pandemia poiché il PP è il componente di plastica più comunemente usato in quelle maschere.  

L'esperto afferma che le coperture per il viso COVID non sono maschere  

Uno studio 18 pubblicato nel 2021 ha esaminato i rischi derivanti dall'indossare maschere chirurgiche blu e dall'inalazione di microplastiche. I ricercatori hanno scoperto che il riutilizzo delle maschere potrebbe aumentare il rischio di inalare particelle di microplastica e che i respiratori N95 avevano il numero più basso di microplastiche rilasciate rispetto al non indossare una maschera. 

Hanno detto: "Le maschere chirurgiche, di cotone, di moda e di carbone attivo che indossano rappresentano un rischio maggiore di inalazione di microplastiche simili a fibre ..." 19 eppure, secondo Chris Schaefer, specialista in respiratori ed esperto di formazione, le maschere utilizzate da milioni di persone in tutto il il mondo non sono affatto maschere. 20  

Schaefer chiama queste "barriere respiratorie" in quanto "non soddisfano la definizione legale" di una maschera. Ha sottolineato che le mascherine chirurgiche utilizzate dai consumatori in tutto il Canada, negli Stati Uniti e nel mondo stanno perdendo microplastiche abbastanza piccole da poter essere inalate. 21  

"Una [corretta] maschera ha aperture di respirazione progettate davanti alla bocca e al naso per garantire una respirazione facile e senza sforzo. Una barriera respiratoria è chiusa sia sulla bocca che sul naso. E così facendo, cattura l'anidride carbonica che espiri, ti costringe a inspirarla nuovamente, causando una riduzione dei livelli di ossigeno inalato e provoca un'eccessiva anidride carbonica. Quindi, non sono sicure da indossare"

Incoraggia le persone a tagliarne una aperta e guardare le fibre sciolte che si staccano facilmente all'interno del prodotto. 22  

"Il calore e l'umidità che cattura faranno sì che il degrado di quelle fibre si decomponga in parti più piccole. Assolutamente, le persone stanno inalando [particelle microplastiche]. Ho scritto molto ampiamente sui rischi di queste barriere respiratorie negli ultimi due anni, ho parlato con scienziati [e altre] persone negli ultimi due anni di persone che inalano le fibre. 

Se hai la sensazione di avere un po' di pelo di gatto o qualsiasi tipo di irritazione nella parte posteriore della gola dopo averli indossati. Ciò significa che stai inalando le fibre".

Ha continuato osservando che chiunque sia esposto a questi tipi di fibre in un ambiente lavorativo dovrebbe indossare una protezione. Invece, le persone usano prodotti che aumentano il rischio di inalare fibre che "si rompono molto piccole e, beh, cosa farà alle persone sotto forma di funzione polmonare - così come sovraccarico di tossicità nel loro corpo - immagino lo sapremo tra qualche anno". 23  

Le coperture per il viso aumentano anche il tasso di mortalità da COVID-19  

Il medico tedesco, il dottor Zacharias Fögen, ha pubblicato uno studio 24 sulla rivista con revisione paritaria Medicine, che ha analizzato i dati nelle contee del Kansas, confrontando le aree in cui c'era un mandato di maschera contro le contee senza mandato. 

Ha scoperto che il mascheramento obbligatorio ha aumentato il tasso di mortalità dell'85%. Il tasso di mortalità è rimasto del 52% più alto nelle contee che hanno imposto il mascheramento anche quando l'analisi ha tenuto conto di fattori confondenti. Fögen scrive che un'ulteriore analisi dei dati ha mostrato che il 95% dell'effetto "può essere attribuito solo a COVID-19, quindi non sono CO2, batteri o funghi sotto la maschera". 25

Ha chiamato questo effetto Foegen che si riferisce alla reinalazione di particelle virali intrappolate nelle goccioline e depositate sulla maschera, che peggiora i risultati. Scrive: 26  

"La scoperta più importante di questo studio è che contrariamente al pensiero accettato che meno persone muoiono perché i tassi di infezione sono ridotti dalle maschere, non è così. I risultati di questo studio suggeriscono fortemente che i mandati di mascheramento hanno effettivamente causato circa 1,5 volte il numero di decessi o circa il 50% in più di decessi rispetto a nessun mandato di maschera. 

Gli stessi mandati di maschera hanno aumentato il CFR (tasso di mortalità dei casi) di 1,85/1,58 o dell'85%/58% nelle contee con mandati di maschera. È stato anche riscontrato che quasi tutti questi decessi aggiuntivi sono stati attribuiti esclusivamente al COVID-19. Questo studio ha rivelato che indossare maschere facciali potrebbe comportare un grande rischio per gli individui, che non sarebbe mitigato da una riduzione del tasso di infezione. 

L'uso delle mascherine, quindi, potrebbe essere inadatto, se non controindicato, come intervento epidemiologico contro il Covid-19".  

Fögen nota altri due grandi studi che hanno trovato risultati simili con tassi di mortalità. Il primo è stato pubblicato sulla rivista Cureus 27 e non ha trovato alcuna associazione tra il numero di casi e la conformità alla maschera in Europa, ma un'associazione positiva con la morte e la conformità alla maschera. 

Il secondo studio 28 è stato pubblicato su PLOS|One, che ha dimostrato che esisteva un'associazione tra esiti negativi di COVID e mandati di maschere in 847.000 persone in 69 paesi. I ricercatori hanno stimato che la fine dei mandati della maschera potrebbe ridurre i nuovi casi senza alcun effetto sul ricovero e sulla morte.  

La plastica provoca danni alle cellule e morte  

Ricerche passate hanno evidenziato l'impatto che le microplastiche hanno sull'ambiente, sulla fauna selvatica e sulla salute umana. Tuttavia, molti studi non hanno tracciato un'associazione tra il consumo o l'inalazione di microplastica e la malattia. Al contrario, identificano le lacune nella ricerca e raccomandano ulteriori studi. 29  

Un documento 30 pubblicato nell'aprile 2022 ha suggerito il motivo per cui questi dati sono stati incoerenti. I dati di laboratorio sono stati i primi a scoprire che le microplastiche danneggiavano le cellule umane a livelli rilevanti per il numero di particelle che gli esseri umani ingeriscono o inalano. 

Lo studio è stato un'analisi di meta-regressione dell'impatto tossicologico sulle cellule umane attraverso 17 studi che hanno confrontato il livello di microplastiche che causano danni cellulari. I ricercatori hanno scoperto che sono le microplastiche di forma irregolare a causare danni cellulari e non le microplastiche sferiche normalmente utilizzate negli esperimenti di laboratorio. 

Ciò suggerisce che i dati di laboratorio passati che utilizzano microplastiche sferiche potrebbero non rappresentare completamente il danno che le microplastiche causano alla salute umana. Evangelos Danopoulos della Hull York Medical School nel Regno Unito, che ha condotto lo studio, ha commentato il motivo per cui la ricerca è in aumento: "Sta esplodendo e per una buona ragione. Siamo esposti a queste particelle ogni giorno: le mangiamo, le inaliamo. E non sappiamo davvero come reagiscono con i nostri corpi una volta entrati". 31  

Dove va l'inquinamento da plastica nel tuo corpo?  

I ricercatori hanno scoperto che minuscole microplastiche non solo si depositano nei polmoni e nell'intestino, ma possono anche essere trovate galleggianti nel sangue. Ricercatori olandesi hanno analizzato 32 campioni di 22 volontari sani e hanno trovato particelle di plastica nel 77% dei campioni. Queste particelle avevano una dimensione di 700 nanometri o superiore, che è una dimensione che può essere assorbita attraverso le membrane. 

Alcuni campioni contenevano fino a tre diversi tipi di plastica. L'autore dello studio ha dichiarato a The Guardian: "Il nostro studio è la prima indicazione che abbiamo particelle di polimero nel sangue: è un risultato rivoluzionario. Ma dobbiamo estendere la ricerca e aumentare le dimensioni del campione, il numero di polimeri valutati, ecc.' 33  

I ricercatori hanno scritto che dove queste particelle di plastica finiscono nel corpo richiede anche ulteriori studi. Hanno affermato che è "scientificamente plausibile" che le particelle di plastica vengano trasportate dal flusso sanguigno agli organi, sulla base, ad esempio, di dati che mostrano che perline di polistirene da 50, 80 e 240 nm e polipropilene microdimensionato possono permeare la placenta umana. 34  

Dopo che queste microplastiche hanno attraversato la barriera placentare, finiscono nelle prime feci di un neonato. Ciò significa che migrano dal sangue del bambino all'intestino. Uno studio pilota 35 pubblicato nel 2021 ha esaminato l'entità dell'esposizione umana alle microplastiche e ha scoperto che il polietilentereftalato microplastico (PET) è stato trovato in campioni di meconio, che sono le prime feci di un bambino. 

La quantità di PET nelle feci dei neonati era 10 volte superiore a quella trovata nei campioni di adulti, il che suggerisce che i bambini hanno plastica nel loro sistema che viene assorbita dalla madre. Come questo influenzerà il futuro della salute umana è ancora allo studio. Uno studio sugli animali ha rilevato che solo 24 ore dopo l'esposizione per inalazione materna, le particelle di nanopolistirene potrebbero essere rilevate nella placenta e nel cervello, nei polmoni, nel fegato, nel cuore e nei reni del feto. 36  

Sembra che l'inalazione o il consumo di microplastiche consenta alle microparticelle di accedere al flusso sanguigno e quindi agli organi vitali. Mentre i ricercatori hanno dimostrato che le microplastiche di forma irregolare che si trovano nell'ambiente causano danni cellulari e morte, gli effetti a lungo termine sulla malattia non sono stati identificati. Tuttavia, puoi essere sicuro che il danno cellulare e la morte non si verificano senza conseguenze.   

Pubblicato originariamente il 25 maggio 2022 su Mercola.com    

 

FONTI E RIFERIMENTI   

1, 14 Scienza dell'ambiente totale, 2022;831(2)
2, 17, 20, 21, 22, 23 Western Standard, 17 aprile 2022
3 Assistenza costiera, novembre 2019
4 Il nostro mondo di dati, inquinamento da plastica
5 Agenzia per la protezione ambientale, plastica: dati specifici sui materiali, panoramica
6 Società endocrina, 5 dicembre 2020
7 Rapporti scientifici, 2018;8(6086)
8 Scientific American, 11 giugno 2020
9 Center for Biological Diversity, Ocean Plastics Pollution
10 Journal of Hazardous Materials, 2021;416(124126)
11 Epidemiologia, biomarcatori e prevenzione del cancro, 1998;7(5)
12 Museo di Storia Naturale, 21 gennaio 2020
13 National Geographic, microplastiche
15, 16 Hull York Medical School, 6 aprile 2022
18, 19 Journal of Hazardous Materials, 2021;411
24 Medicina, 2022;101(7)
25 The Daily Skeptic, 2 maggio 2022
26 Medicina, 2022;101(7) 4
27 Curato, 2022;14(4)
28 PLOS|One, 2021, doi.org/10.1371/journal.pone.0252315
29 Alimentazione, salute e ambiente, 2018;5:375
30 Journal of Hazardous Materials, 2021; 127861
31 The Guardian, 8 dicembre 2021
32 Ambiente Internazionale 2022; doi.org/10.1016/j.envint.2022.107199 3.2
33 The Guardian 24 marzo 2022
34 Ambiente Internazionale, 2022; doi.org/10.1016/j.envint.2022.107199 3.3 Il destino biologico della plastica?
35 Lettere ambientali e lettere tecnologiche, 2021; doi.org/10.1021/acs.estlett.10c00559
36 Tossicologia delle particelle e delle fibre, 2020;17(55)

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Vai alla Home Page del blog