Creato da: daniela.g0 il 17/11/2013
Tutela dell'ambiente e della salute

Archivio messaggi

 
 << Febbraio 2024 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29      
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Ultime visite al Blog

daniela.g0acquasalata111Leggi_la_schedaPenna_Magicacamper1967camillainbluamici.futuroieriloredana49alberto.t1981hardrain61cassetta2senzazioniemozioniil_parresiastaernestoandolinadams777
 

I miei Blog Amici

 

 

 
« Il World Council for Hea...Un sacerdote tedesco par... »

Papa Francesco auspica un governo globale forte e non soggetto alle "mutevoli condizioni politiche"

Post n°143 pubblicato il 07 Ottobre 2023 da daniela.g0
 

 

Cari Lettori, non poteva davvero sfuggire l'occasione per parlare - attraverso questo articolo di LifeSiteNews dello scorso 4 ottobre - della nuova Esortazione Apostolica di Bergoglio, Laudate Deum.  

Della falsa emergenza climatica ne abbiamo già parlato diffusamente: adesso è giunto il momento di discutere invece di un'altra emergenza, purtroppo e incredibilmente tutta reale e concreta, riguardante la Chiesa Cattolica.  

Secondo Michael Hichborn, il nuovo documento di Francesco sul clima, Laudate Deum, "afferma pericolosamente il trasferimento dell'autorità morale ai globalisti atei che non servono Dio, ma il Principe di questo mondo".

 

Bergoglio ascolta i percussionisti indigeni mentre si trova a Edmonton, in Canada, il 24 luglio 2022 (Foto di Cole Burston/Getty Images)  

 

CITTÀ DEL VATICANO (LifeSiteNews) - Nella sua nuova esortazione apostolica sul "cambiamento climatico", Laudate Deum, Papa Francesco ha lanciato un sorprendente appello per un governo multinazionale o globale che sia indipendente dalle mutevoli condizioni del mondo. 

Evidenziando il suo desiderio di un organismo sovranazionale che garantisca l'attuazione delle misure relative al "cambiamento climatico", Papa Francesco ha scritto: 

La questione è che esse [non meglio specificate organizzazioni globali] devono essere dotate di una reale autorità, in modo tale da "provvedere" al raggiungimento di alcuni obiettivi essenziali. In questo modo si potrebbe realizzare un multilateralismo che non dipenda dal cambiamento delle condizioni politiche o dagli interessi di alcuni, e possieda un'efficacia stabile.  

Le osservazioni pontificie giungono a metà della sua Laudate Deum appena pubblicata, che arriva otto anni dopo la Laudato Si' e costituisce una seconda parte di quel primo testo ecologico. Scrivendo sulla "debolezza della politica internazionale", Francesco ha sottolineato il "multilateralismo". 

Citando Fratelli Tutti del 2020, Francesco ha affermato che "non è utile confondere il multilateralismo con un'autorità mondiale concentrata in una persona o in un'élite dotata di potere eccessivo: 'Quando parliamo della possibilità di una qualche forma di autorità mondiale regolata da legge, non dobbiamo necessariamente pensare ad un'autorità personale.'" 

Tale "autorità mondiale" dovrebbe consistere in "organizzazioni mondiali più efficaci, dotate del potere di provvedere al bene comune globale, all'eliminazione della fame e della povertà e alla sicura difesa dei diritti umani fondamentali", ha affermato, ispirandosi direttamente a Fratelli Tutti

Francesco ha accresciuto il suo desiderio di un organo di governo internazionale quando ha dichiarato che la società "dovrebbe esercitare una sana 'pressione', poiché ogni famiglia dovrebbe rendersi conto che è in gioco il futuro dei propri figli", in relazione all'"alto rischio" di non agire contro il "cambiamento climatico". 

Di conseguenza, il Papa si è espresso a favore dell'attuazione delle decisioni della prossima conferenza sul clima COP28 in un modo obbligatorio e senza precedenti. Ha ipotizzato che la speranza per l'umanità sia legata al successo dell'evento COP28: 

Se c'è un sincero interesse a fare della COP28 un evento storico che ci onori e nobiliti come esseri umani, allora si può solo sperare in forme vincolanti di transizione energetica che soddisfino tre condizioni: che siano efficienti, obbligatorie e facilmente monitorabili. 

Ciò al fine di ottenere l'inizio di un nuovo processo caratterizzato da tre requisiti: che sia drastico, intenso e conteggi sull'impegno di tutti. Non è quello che è successo finora, e solo un processo di questo tipo può permettere alla politica internazionale di recuperare credibilità, perché solo in questo modo concreto sarà possibile ridurre significativamente i livelli di anidride carbonica e prevenire nel tempo mali ancora più grandi.   

Come già in precedenti occasioni, Francesco ha espresso il desiderio di una riorganizzazione della sfera internazionale, sostenendo che è estremamente "deplorevole che le crisi globali vengano sprecate quando potrebbero essere occasioni per apportare cambiamenti positivi". 

l testo pontificio viene regolarmente visto come un'esposizione della sua visione filosofica e politica, poiché sostiene che "la vecchia diplomazia, anche in crisi, continua a mostrare la sua importanza e necessità". 

"Tuttavia", ha aggiunto, nel tentativo di collegare il "vecchio" establishment politico a quello nuovo da lui proposto, "non è riuscito a generare un modello di diplomazia multilaterale in grado di rispondere alla nuova configurazione del mondo; ma se dovesse riuscire a riconfigurarsi, dovrebbe essere parte della soluzione, perché neanche l'esperienza di secoli può essere messa da parte". 

Francesco ha già invitato i leader globali e gli organismi internazionali come l'ONU ad attuare politiche per il clima in tutto il mondo, e l'appello della Laudate Deum per una governance globale ha fatto eco a questo. "Il nostro mondo è diventato tanto multipolare e allo stesso tempo così complesso che è necessario un quadro diverso per una cooperazione efficace".  

"Si tratta di stabilire regole globali ed efficaci che permettano di 'provvedere' a questa salvaguardia globale", ha affermato. 

Un tale nuovo sistema di azione globale contro il "cambiamento climatico", apparentemente gestito dal governo globale di riferimento, richiederebbe "lo sviluppo di una nuova procedura per prendere decisioni e legittimare tali decisioni, dal momento che quella messa in atto diversi decenni fa non è sufficiente, né appare efficace", ha scritto Francesco al paragrafo 43. 

L'appello del Papa per un governo globale, per quanto sorprendente, non è nuovo.  Sebbene abbia regolarmente espresso la sua collaborazione con una serie di cooperazioni globali, uno dei suoi interventi più notevoli è stato nell'aprile 2021, quando ha promosso i governi globali in un discorso alla Banca Mondiale e al Fondo Monetario Internazionale. 

Nel discorso di Francesco, pronunciato dal cardinale Peter Turkson, si è affermato che "resta urgente bisogno di un piano globale che possa creare nuove o rigenerare le istituzioni esistenti, in particolare quelle di governance globale, e aiutare a costruire una nuova rete di relazioni internazionali per promuovere lo sviluppo umano integrale di tutti i popoli".   

 

Attuare un obiettivo della massoneria?   

Commentando a LifeSiteNews il nuovo documento del Papa, Michael Hichborn del Lepanto Institute [organizzazione cattolica di ricerca e istruzione, n. d. r.] ha espresso i suoi "seri dubbi sul fatto che Papa Francesco abbia effettivamente scritto anche una sola parola di questo documento".  

"La frase, la struttura delle frasi e la logica sono radicalmente diverse dal documento precedente, Laudato Si'. In realtà - secondo quanto afferma Hichborn - questo documento assomiglia più a un discorso o a un documento scritto da Jeffrey Sachs, l'artefice degli obiettivi di sviluppo sostenibile che ha avuto un posto di rilievo in Vaticano negli ultimi anni". 

Ha anche criticato l'appello del Papa per forme "obbligatorie" di governance energetica, mettendo in guardia contro una forma di "socialismo democratico globale". Hichborn ha dichiarato: 

Il suggerimento contenuto nella Laudate Deum secondo cui "le forme vincolanti di trasmissione dell'energia [dovrebbero essere]... obbligatorie e prontamente monitorate" solleva la domanda: "Da chi e sotto quale autorità?" Se qualcosa è "obbligatorio", allora deve esserci necessariamente una sanzione per le violazioni dell'obbligo, altrimenti l'obbligo non è altro che una richiesta o un suggerimento. 

E poiché ha allegato la frase "facilmente monitorato" alla condizione che la trasmissione di energia sia "obbligatoria", allora si presuppone che un potere e un'autorità superiori impongano e facciano rispettare l'obbligo. 

Ciò richiederebbe necessariamente un'autorità globalista con il potere esecutivo alle spalle. Se letta nel contesto del paragrafo 43, questa affermazione riguardante la trasmissione dell'energia riflette molto chiaramente il desiderio di vedere nascere una forma di socialismo democratico globale.   

Evidenziando il paragrafo 43 e il suo appello per "una maggiore 'democratizzazione' nel contesto globale", Hichborn ha sostenuto che tale proposta "non è altro che una governance globale, che è stato a lungo l'obiettivo della massoneria e del comunismo/socialismo internazionale".  

"Non c'è nulla in questo documento che riguardi la salvezza delle anime perché è un documento politico, saldamente radicato in un'opinione scientifica contestata e dichiarata come un dato di fatto. Non solo questo documento non è moralmente vincolante per nessun cattolico, ma trasferisce pericolosamente l'autorità morale ai globalisti atei. Laudate Deum, scrive Hichborn, "rientra più nell'aspetto dell'opinione politica papale che in qualsiasi insegnamento effettivo sulla fede e sulla morale cattolica".  

"Sebbene i fedeli cattolici dovrebbero avere il dovuto rispetto per le opinioni del Papa, va detto", ha affermato Hichborn, "che questo documento afferma pericolosamente il trasferimento dell'autorità morale ai globalisti atei che non servono Dio, ma il Principe di questo mondo".

 

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Vai alla Home Page del blog

© Italiaonline S.p.A. 2024Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963