Creato da kaoxing il 28/11/2005
I crimini dell'imperialismo e le resistenze popolari. Per mantenere viva la memoria

INVASIONE CRIMINALE

Just Foreign Policy Iraqi Death Estimator
 

Lenin sempre!


 

Area personale

 

I miei ospiti online

website counter
 

Tag

 

A morte l'imperialismo!

 

Archivio messaggi

 
 << Agosto 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31          
 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 23
 

Ultimi commenti

Impegnatevi di più con i post non posso essere l'unico...
Inviato da: cassetta2
il 13/10/2020 alle 09:42
 
grazzie!
Inviato da: Science fiction
il 01/08/2013 alle 09:22
 
su blogger...
Inviato da: puzzle bubble
il 03/05/2012 alle 15:51
 
of reproduction Cartier Roadster Two-Tone 18kt Yellow Gold...
Inviato da: l4g
il 30/07/2010 alle 10:19
 
CIAO, COME STAI? TI RICORDI DI ME? MARY
Inviato da: npafriulivg
il 26/04/2009 alle 10:43
 
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

« LA CINA E LA CRISICorea del Nord: diritto ... »

Corea del Nord: sempre “canaglia”

Post n°205 pubblicato il 30 Marzo 2009 da kaoxing
 


Minaccia per la pace e ricatto nucleare: sono solo due delle espressioni che in questi giorni i media legano alla Repubblica Popolare Democratica di Corea con la motivazione del lancio del Taepodong-2. Il governo nordcoreano ha più volte sottolineato che lo scopo è quello dell’utilizzo pacifico dello spazio (lancio di un satellite per telecomunicazioni). Ma è vietato credere: si tratta invece di un lancio a fine militare con intenzioni, ovviamente, aggressive! Sono sempre i soliti cattivi e malvagi comunisti; da questo teorema non si scappa.

Posso anche pensare che così sia veramente, ma, agli occhi di un comunista antimperialista, cambia poco o nulla: la Corea del Nord ha il diritto sovrano di difendersi e di sviluppare la propria tecnologia militare. D’altronde non mi pare che negli ultimi 50 anni, la RPDC abbia invaso qualche Paese o progettato attacchi fuori dai propri confini. No! A suo merito resta, pur tra mille difficoltà, l’aver difeso strenuamente e con successo la propria indipendenza e il proprio originale metodo di sviluppo.

Detto questo mi sembra – e noi comunisti non dovremmo proprio farlo – che si trascuri un dato fondamentale per comprendere oggettivamente la politica nordcoreana: la costante minaccia nucleare sotto la quale vive. Sembra passare come una normalità la presenza massiccia ai suoi confini di testate nucleari statunitensi.

La linea politica del “Songun” (“priorità all’esercito”), lanciata all’inizio del secolo dal leader Kim Jong Il, è la risposta a questa costante minaccia alla propria indipendenza. L’Esercito Popolare, e con esso le milizie, è individuato come forza ideologicamente compatta indispensabile per la difesa della rivoluzione e del socialismo coreano. L’analisi del contesto internazionale non sembra d’altronde porre alternative a questa politica, a meno che qualcuno di noi voglia che l’intera penisola coreana divenga avamposto dell’imperialismo.

Compagni, si guardi alla Repubblica Popolare Democratica di Corea senza spirito dogmatico. Si conosca, invece, il socialismo di questo Paese per criticarlo certo, ma alla luce delle sue esigenze.

News e pubblicazioni

Juche e Songun

Kim Jong Il e la storia coreana

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/Barricata/trackback.php?msg=6793875

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
 
Nessun Trackback
 
Commenti al Post:
ItalicusImperator
ItalicusImperator il 07/04/09 alle 03:10 via WEB
Credo che visto il reddito medio nord koreano sarbbe meglio investire quei soldi spesi nel nucleare nel sociale...
(Rispondi)
 
kaoxing
kaoxing il 07/04/09 alle 09:26 via WEB
Già lo fanno. Grazie
(Rispondi)
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.