Creato da Mater76 il 22/01/2009

SentiSenti

Fuoco-Acqua-Energia

occhio

 

FLUIDO COME LA VITA

C'è un Guerriero "pronto per vincere".

Ha un sorriso meraviglioso e
un cuore immenso.

Nei suoi occhi c'è una luce potente
e ha una storia da raccontare.

Forza fluido.a siamo con te!

 

http://blog.libero.it/fluido/

 

AREA PERSONALE

 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Settembre 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30        
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

FACEBOOK

 
 

ULTIME VISITE AL BLOG

Mater76zenek0alf.cosmosWhitneyBrowneskarma64apungi1950_2meeuwby_soulemilytorn82andryofficinatipochifacciamodameBardamutodalilafrisconauniliberetauser
 

ULTIMI COMMENTI

RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

CHI PUŅ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore puņ pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
 

 

I MIEI LINK PREFERITI

 

DEVA

 

 

« La nostalgia @ 2005 Em Claire* )* Stazione Celeste »

Una storia

Post n°136 pubblicato il 16 Marzo 2010 da Mater76
 

Tutto quello che Dio ci manda, è per il nostro bene

C'era una volta un Re, che aveva un Primo Ministro il quale ripeteva in ogni situazione:

"Tutto quello che Dio ci manda, è per il nostro bene,
Tutto quello che Dio ci manda, è per il nostro bene,
Tutto quello che Dio ci manda, è per il nostro bene,
ecc."

Un giorno il Re, mentre era impegnato a fare barba, capelli e manicure, gli venne per errrore amputata l'ultima falange. Saputa la notizia il Primo Ministro, ripetè la solita frase: "Tutto quello che Dio ci manda, è per il nostro bene".

Il Re arrabbiato tuonò: "Come osi dire al tuo Re una cosa del genere? Ti faccio subito arrestare. Guardie!", e il Primo Ministro venne portato in prigione.

Successivamente, il Re si recò nella foresta per una spedizione di caccia. D'un tratto, venne fatto prigioniero da indigeni guerrieri che cercavano una vittima sacrificale per la loro divinità.
Questi, quando videro il dito amputato, gli ridiedero la libertà, in quanto imperfetto come sacrificio.

Il Re tornò subito nel Palazzo, e si recò nelle prigioni per raccontare la vicenda al Primo Ministro. Gli disse: "Sai, avevi ragione, tutto quello che Dio ci manda è per il nostro bene; ma non ho mica capito qual'è il tuo bene!"

"Eh -disse il Primo Ministro- Prova a pensarci un attimo. Se io non ero qui in prigione, ero con te quest'oggi, ed io sono sano!"

Nanda Ubaldini, dal corso di Psicodinamica

 

 
 
 
Vai alla Home Page del blog

DELFINI

 

greensleeves

 

cosmo

 

donna che osserva il cielo

 



 

occhio

 

gabbiano in volo

 
 
 

luce

 

CAMPO

campo

 

LOVELY DAY, LIFE IS WONDERFUL, ALLEGRIA