Creato da virginiagrey il 02/12/2008

L'ANTICUOCA

SMETTO QUANDO VOGLIO

AREA PERSONALE

 

A

 

CONTATTA L'AUTORE

Nickname: virginiagrey
Se copi, violi le regole della Community Sesso: F
Età: 64
Prov: PD
 
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

FACEBOOK

 
 

FACEBOOK

 
 

ULTIMI COMMENTI

Ti vedooooooooooo ^____^
Inviato da: Vince198
il 26/05/2022 alle 09:00
 
E Lançome? .. ahahahaha ... Abbraccio grande ^__________^
Inviato da: Vince198
il 20/09/2021 alle 18:18
 
Ok, ma non mi assumo alcuna responsabilità: non so nemmeno...
Inviato da: virginiagrey
il 11/12/2019 alle 12:06
 
Che meraviglia: vedere scritto tutto in dialetto patavino...
Inviato da: Vince198
il 11/12/2019 alle 01:11
 
Smackkkkkkkkkkk,buona serata
Inviato da: giramondo595
il 13/12/2015 alle 00:56
 
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Agosto 2022 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        
 
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Tutti gli utenti registrati possono pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
 
Citazioni nei Blog Amici: 59
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 
 
 

 

« DA QUALCHE PARTE BISOGNA...NON E' UN RACCONTO, MI ... »

ZE' RIVA' I ZAETI!

Post n°1926 pubblicato il 10 Dicembre 2019 da virginiagrey
 

I zè un dolse tipico de Padova. O forse de Venessia? Boh!

Anca se so' un'Anticuoca, co' zé dicembre, me meto ai fornei  (spenti), e poi vado tore i zaeti in pastiseria. Ehehheh!

Metì l'uveta drento l'aqua tiepida par sirca un'ora. Suea tavola on fià de farina bianca e on fià de quea da poenta. Cuanta? Che ne so, fasì vojaltri.

Ciapè del buro fuso e ancora caldo (stasì tenti de no scotarve; a mì me zé capità); buteghelo drento co' el sucaro, sae e vaniglina. El sae un pissico, me racomando, che no vè fasì tore daea creatività! 

Se ve ricordì, andè tore ea uveta, che ormai ea sarà sgionfa de acua; metivela ne l'impasto, co' on fià de pinoli, scorsa de limon (anca se no ea zè biologica no importa, tanto ve garantisso che cuesti zaeti no i magnarà nissuni). Sbatè co' forsa, come se  ve catasse davanti a vostra suocera. Se ea pasta ea zè tosta, metive on fià de late.

Ciapè da ea pasta dee baote grandi o picoe no importa; schicee co' e man, e poi metile nel forno.

Me racomando:questa ea xe na manovra inportante e pina de responsabilità, se no col casso che magnarè i zaeti.

mentre che i zaeti i cose, andè a farve on gireto da qualche parte. Co' sarè tornai a casa, se no catarè i vigili del fogo, i casi sarà do:

1) Bota de cueo

2) Ve sì desmentagà de impissare el fogo.

                                                                   Tanti cari saludi da l'Anticuoca

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://gold.libero.it/CHEESECAKE/trackback.php?msg=14713118

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
Commenti al Post:
Vince198
Vince198 il 11/12/19 alle 01:11 via WEB
Che meraviglia: vedere scritto tutto in dialetto patavino mi riporta ai tempi dell'università e del primo amore di Roncaglia (Ponte S. Nicolò)..
Oh Gabry.. copio tutto però per cucinare non sono così bravo..
Adesso me ne vado a letto e molto probabilmente navigherò in momenti d'incanto (spero non senta neante la mia parona .. ahahahaha:.) di quella bellissima parte della propria vita chiamata gioventù..
Mandi siore, bune sere ^_______^
 
virginiagrey
virginiagrey il 11/12/19 alle 12:06 via WEB
Ok, ma non mi assumo alcuna responsabilità: non so nemmeno se il vernacolo sia effettivamente patavino, o se siaparto del solito delirio dell'Anticuoca. Ciao ciao!
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.
 

 

 

 

a

 

MAIL

P

 

MESSAGGI