Benvenuti!

Ape bianca ronzi, ebbra di miele, nella mia anima e ti torci in lente spirali di fumo..

 

CHARLIE CHAPLIN

Ti criticheranno sempre,
parleranno male di te
e sarà difficile che
incontri qualcuno
al quale tu possa andare
bene come sei.

Quindi vivi come credi,
fai quello che ti dice il cuore
la vita è come un'opera di teatro
che non ha prove iniziali.

Canta, ridi, balla, ama
e vivi intensamente ogni
momento della tua vita
prima che cali il sipario
e l'opera finisca senza applausi

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Dicembre 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30 31      
 
 

CORRADO GOVONI


Col bacio mi sembrò..

 

AREA PERSONALE

 
Citazioni nei Blog Amici: 88
 

NO!

No violence..

 

UN BLOG PARTICOLARE

 

Il bacio

Post n°1735 pubblicato il 01 Dicembre 2020 da Vince198

 

il bacio

 

 

Il bacio appena sognato
in una notte di tradimenti,
dove tutti consumano amplessi
che non hanno profumo,
il tuo bacio febbricitante,
il candore delle tue labbra,
somiglia alla mia porta
che non riesco ad aprire.
Il bacio è come una vela,
fa fuggire lontano gli amanti,
un amore che non ti gela
che ti dà mille duemila istanti.

Ho cercato di ricordare
che potevi tornare indietro,
ma ahimè il tuo bacio
è diventato simile a un vetro.
Io come un animale
mi rifugio nel bosco
per non lasciare ovunque
il mio candido pelo.
Il pelo della mia anima
è così bianco e così delicato
che persino un coniglio ne trema.
Tu mi domandi quanti amanti ho avuto
e come mi hanno scoperto.
Io ti dico che ognuno scopre la luce
e ognuno sente la sua paura,
ma la mia parte più pura è stata il bacio.

Io tornerei sui monti d’Abruzzo,
dove non sono mai stata.
Ma se mi domandano
dove traggono origine i miei versi,
io rispondo:
mi basta un’immersione nell’anima
e vedo l’universo.

Tutti mi guardano con occhi spietati,
non conoscono i nomi delle mie scritte sui muri
e non sanno che sono firme degli angeli
per celebrare le lacrime che ho versato per te.

(Alda Merini)

..

È noto che di poesie sul bacio, sue definizioni ne esistono numerosissime: il sigillo nel mondo dell’amore che il bacio rappresenta, ha “scatenato” un’infinità di fantasie, interpretazioni che, in qualche modo, offrono una loro personale bellezza in cui molti ritrovano se stessi, certo vissuto, certo presente.
Nello scorrere questi versi della poetessa dei Navigli, ho provato alcune sensazioni che avevo non dimenticato del tutto, ma che mi han trasportato in certo mio passato rimasto nei meati più segreti, intimi della mia anima.

Come ho già avuto modo di manifestare in altre occasioni, posso azzardare di come simili eventi  marchino a fuoco attimi di felicità pregressa, presente, anche perduta.
Si, perché la felicità, a mio modo di vedere, è costituita da attimi che, ad occhi chiusi e in certi nostri rewind, si susseguono incessantemente, facendo sobbalzare il cuore, provocando mancamenti di respiro, forti ansie .. “inalando” con ingordigia il profumo della pelle della persona amata, sfiorandola..

Come avercela vicino, meglio ancora attaccata alla propria persona, avvinghiata voluttuosamente, anche se materialmente può essere lontana o non c’è più quando un rapporto d’amore ha, a volte, una sua fine.

Il bello della nostra capacità recettiva di momenti particolarmente intensi della propria vita intima, impregna profondamente le narici del cuore al punto che alcuni particolari, fra cui il bacio, il tocco delle labbra della persona amata, il calore di quei momenti speciali ed esaltanti, i profumi che emanano, respiri che si incrociano regalando attimi indimenticabili, rimarranno per sempre a confermare quello che rende la vita non solo meno agra, quanto la capacità di ritornare su propri passi, rinverdendo un rapporto intriso da certa ripetitiva quotidianità o a qualcosa che era stata relegata nel mondo dei ricordi.

Più precisamente “quando apro gli occhi e quando li richiudo, quando i miei passi vanno, quando tornano i miei passi..” (Neruda), ovvero l’essere sempre capaci, pronti a rigenerare per riprovare certe sensazioni a volte sopite dal tempo.
Non importa se con la persona che si ha a fianco da anni e/o con un’altra di cui si erano perse le tracce: tutto questo regala ugualmente lunghissimi momenti d’incanto.

Il bacio, quando profuso e ricambiato con il cuore, genera sensazioni non facilmente descrivibili, sensazioni che ognuno custodisce gelosamente nella parte più intima della propria anima, godendone profondamente, immensamente come fosse la prima volta.
Ogni volta la prima volta, ripetuta all’infinito..


 
 
 
Successivi »
 
 
 

INFO


Un blog di: Vince198
Data di creazione: 21/07/2006
 

JESHUA

Jeshua
A. Carracci

 

MUGHETTI

mughetti

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

Vince198qmrpret591monellaccio19lascrivanaanima_on_linetantiriccirossifralleonefrancofilo00acquasalata111soltanto_unsognocassetta2carloreomeo0missely_2010
 
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
I messaggi sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 

A ROS, CON AFFETTO..

"Ciao Vince carissimo! Attraverso i tuoi scritti e i tuoi pensieri si evince il tipo di persona che sei! Oltre che intelligente ed istruito, hai una personalità forte e determina. Ma sei anche gentile e discreto e sai stare al posto tuo. Esprimi le tue idee senza sopraffare gli altri argomentandole egregiamente. Mai mi sognerei di dire che sei un litigioso, infatti ho solo detto, ma amabilmente, "che belli i battibecchi di Th con Vince!". Sono stata chiara?:-)) Concordo sul tuo pensiero riguardo la parità dei diritti fra uomo e donna. E' risaputo, ad esempio, che in numero delle docenti nelle scuole medie e nelle superiori supera abbondantemente quello dei colleghi maschietti. Però, guarda caso, quando s arriva ai vertici della dirigenza, ci accorgiamo che le donne occupano mediamente il 20% di tali posti. La donna, per occupare un posto di prestigio, DEVE dimostrare di essere + brava del collega maschio. I telegiornali Rai,(e non solo) fino a una quindicina di anni fa, erano una prerogativa maschile. Poi, qualche "vertice", maschile ovviamente, ha pensato che anche una donna, poteva ricoprire tale incarico. E così è iniziata l'era de La Sorella, la Gruber e via dicendo. Mi unisco al tuo augurio, auspicando x la donna il raggiungimento pieno e paritario di tutti i diritti, indipendentemente dal suo aspetto esteriore. Ricambio un grande abbraccio x te, estensibile alla padrona Th, che ancora vaga x la sua casa, cercando di capire se dorme, o se è già desta! Ahahahahha( Scherzo Th, un bacione!)Ciaooo a tutti, Ros.. (Inviato da Ros il 20/05/08 @ 00:24 via WEB sul blog "gemme")"..


Grazie Ros, sono lusingato! Tanto ti dovevo per la tua genuina.. sincerità!
Vince