CONTROSCENA

Il teatro visto da Enrico Fiore

 

AREA PERSONALE

 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Novembre 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30            
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 3
 

 

« Il teatro di Napoli nell...Bruce Springsteen e il r... »

Carlo Croccolo porta l'Italia alla sbarra

Post n°708 pubblicato il 22 Maggio 2013 da arieleO
 

In un giorno di luglio del '94 Carlo Croccolo mi raccontò che nell'immediato dopoguerra, studente di medicina, andò a chiedere un posto di lavoro come infermiere agli americani di stanza a Capodichino. E avuta l'assicurazione che glielo davano, lui, tutto contento, corse a procurarsi un camice bianco e si mise in fila con gli altri. Ma, giunto il suo turno, si sentì comunicare che il posto l'aveva preso, sì, ma come radiotelegrafista. Insomma, s'era messo nella fila sbagliata.
   Commentò Croccolo, tra il paradosso e l'iperbole surreale: «Ecco come ho scoperto il gusto del travestimento, e quindi la capacità di essere attore. Altro che la proverbiale vocazione, allora: a spingermi a fare questo mestiere fu semplicemente la fame». Ma - nello spettacolo «150 e l'Italia canta», che ha visto l'ottantaseienne Carlo mattatore al Sannazaro - dell'episodio e del commento citati c'era solo l'episodio. E non si tratta di una mancanza casuale.
   Il testo - scritto a quattro mani da Carmine Borrino e da Daniela Cenciotti, che è la moglie di Croccolo e firmava pure la regia - pretende inopinatamente di trasformare il protagonista, autentico monumento vivente dello spettacolo italiano scolpito, insieme, nella bravura tecnica e nella simpatia che fa rima con autoironia, in un narratore e, addirittura, in un giudice inflessibile delle vicende capitali (dal fascismo alla Dolce Vita, dal boom economico agli anni di piombo, dall'assassinio di Moro alle stragi del '92) occorse al «Belpaese».
   Infatti, qui si finge un battibecco continuo (ma che, per la verità, risulta piuttosto meccanico) fra Croccolo e un'Italia rappresentata da una ragazza belloccia vestita solo del Tricolore: come in una partita di tennis, lui le lancia le accuse relative alle sue tante colpe e carenze («Se non sai chi sono Yves Montand e Arthur Miller, allora te lo meriti tutto, Gigi D'Alessio!») e lei gli rimanda la palla rinfacciandogli, in sintesi, di aver pensato unicamente alla carriera, ai soldi e alle donne.
   Allo stesso modo, e non meno meccanicamente, il racconto delle vicende private e professionali del mattatore viene scandito dall'irrompere, nel solco delle affinità tematiche, di alcune delle più note canzoni d'epoca: vedi, tanto per fare un esempio, il ricordo delle vacanze estive a Bagnara Calabra che s'accoppia con «Lu pisci spada» di Modugno. E si chiudeva, al Sannazaro, con Massimo Masiello che al termine arrivava dalla platea per interpretare, naturalmente, «La storia siamo noi» di De Gregori.
   Ma il risultato, com'era sin troppo facile prevedere, è che latitavano sia l'analisi storico-politica (che, ovviamente, nessuno si aspettava) sia il divertimento (che, altrettanto ovviamente, tutti noi ci aspettavamo). E non restava che l'assoluta sproporzione fra la carica umana di Croccolo (basterebbe a dimostrarla la sortita: «A questo punto, dobbiamo andare avanti… e io non mi ricordo che cosa mi tocca dire») e il pistolotto finale («Io sono l'espressione della vostra volontà») rivolto al pubblico dall'Italia.

                                          Enrico Fiore

(«Il Mattino», 22 maggio 2013)

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 
 

INFO


Un blog di: arieleO
Data di creazione: 16/02/2008
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

defranceschi.chrisasc.ferraraasdiwalgiugnolifabrizioherzwehrcomp.robyelena.licausiokgirlgiuseppina.farinaparenteartesonia.riccomedeur2010MrFantastic70puelkerollie0
 

ULTIMI COMMENTI

solo tu beppe puoi interpretare questi personaggi...
Inviato da: roberto
il 11/12/2013 alle 16:45
 
Cara Floriana, anche per me è stato un piacere incontrarLa....
Inviato da: arieleO
il 12/11/2013 alle 09:39
 
Caro Maestro Fiore, condivido ( per quello che vale) la...
Inviato da: floriana
il 11/11/2013 alle 19:40
 
Cara Francesca, innanzitutto la ringrazio per...
Inviato da: Federico Vacalebre
il 16/10/2013 alle 17:14
 
Gentile Francesca, credo che nessuno possa risponderLe...
Inviato da: arieleO
il 16/10/2013 alle 17:10
 
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom