Creato da: Destino333 il 24/08/2007
Visioni di un destrorso

Area personale

 

Tag

 

Archivio messaggi

 
 << Maggio 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31            
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 4
 

Ultime visite al Blog

simona.moretti1986biziettino0moroni.erikabotti98Destino333luciosolegiudittadomenicateruzzi.lfrancibella65MatisseMatisseelfricarla_piovesanglibralatobrunoeffe64palu2005
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

 
« Proverbi2Differenze sostanziali »

Memorie

Post n°4 pubblicato il 07 Settembre 2007 da Destino333

Questi giorni, girando un po a caso sulla rete, mi sono imbattuto un po per caso un po per volontà in alcuni siti e blog che mi hanno riportato a galla ricordi che credevo persi e sopiti. Ah la memoria. Nel 1988 era un bel giorno d'aprile, stavo nella mia casa avita, zappettando l'orto con scarsa fantasia, quando dal vialetto di casa spuntò il postino.

Costui mi squadrò da capo a piedi e con un gesto teatrale tiro fuori dalla borsa una missiva di un bel colore azzurro. Poi mi disse " ho un mandato di cattura per te".

Mi consegnai spontaneamente nelle mani dello stato, visto che comunque si era premunito di pagarmi il biglietto del treno, in quel di Arezzo, poi dopo una settimana piena di visite e prove attitudinali, fui trasferito a Pisa. Li inizio un percorso di rieducazione di due mesi, dove provarono anche a farmi fuori gettandomi nel vuoto da un aereo! Ma io resitetti!! Allora mi mandarono a Siena. Probabilmente pensarono, se non è schiattato qui, magari li schioppa. Arrivai nel nuovo luogo di detenzione tristemente famoso con il nome di 5° Btg El Alamein, 15° compagnia Diavoli Neri, 3° Plotone Mefisto seconda branda sotto la finestra. Li fù veramente dura. MI affamarono, mi assetarono, subii punizioni corporali, mi fu negato di bere alcool, di fumare sigarette, di avere pensieri che non fossero per il benessere dei miei camerati, lavai latrine a specchio, marciai fino a consumare le suole, feci tante tante flessioni, volai su elicotteri e aerei ed anche li mi buttarono di sotto. Ma io non mi feci intimidire. Alla fine dopo un anno mi diedero un biglietto di treno per casa mia e mi lasciarono libero.

Dentro di me è sempre rimasta la voglia di tornare là.

Folgore.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Vai alla Home Page del blog