Creato da pensiero.ambulante il 09/05/2006
Noi siamo quello che pensiamo (Buddha)

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Aprile 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30    
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 2
 

Ultime visite al Blog

angelo_fiorellaokkiazzurri0108pegaso_sAnnibale47letuedonnecampanatibetanasheajahto590isabeaudreamspoohforeverParis.at.nightfalco58dglSole.ad.Orientearimatec
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

SUGLI ALBERI, CON LA PIOGGIA 

Post n°30 pubblicato il 21 Luglio 2006 da pensiero.ambulante

 

            Stavamo immersi tra le spighe mietute del campo, simile ad un esile canneto, attenti alla vista dei contadini. Durante l’estate eravamo soliti depredare gli alberi carichi di frutta. Dopo la stagione delle ciliegie, da cui traevamo tutto il rosso della vita, partivamo alla conquista dei tralci. A ridosso di un’erta, segnato a terra, tra la varia vegetazione, da un sentiero prodigo di passaggi, stava un albero di fico e un complesso di viti. Le innumeravoli orme impresse sul terreno, i rami spezzati, testimoniavano il via vai di fanciulli. Vicino a questo campo sorgeva un insieme di palazzine, dove abitavano diverse ragazze del paese. Tra queste, ricordo bene, c’era una, adesso donna bella e affascinanate, che radunava sotto il suo balcone tutti i maschi adolescenti. Era corteggiatissima. Anche io cercai di entrare nell sue grazie, ma invano. Lei era sempre affascinata dai ragazzi più grandi, almeno sedicenni. Io, invece, che in quel periodo avevo dodici o tredici anni, era attratto non solo da lei, ma anche dal saccheggio degli alberi. Così, prima che la donna potesse diventare donna e il mio costante oggetto di passione, fu verso la fine di Settembre – la scuola riniziata da pochi giorni – quando ci recammo nel campo. Eravamo più di dodici ragazzi e a noi si aggiunsero anche le ragazze dei palazzi vicini. Da prima, solo i più audaci tentarono di convincerle a venire con noi, poi decisero loro stesse di raggiungerci, convinte dal divertimento che si prospettava. Ci sentivamo dei fuorilegge, attenti a non farci scoprire dal proprietario del vitigno. Non appena fummo entrati nel campo, iniziammo a divorare tutta l’uva, a momenti più dolce, a momenti più acerba. Ma quella circostanza fu importante anche perché scoprimmo le ragazze. Scoprimmo quel loro odore così diverso dal nostro – noi ragazzi ancora così sporchi; scoprimmo quella loro grazia nei movimenti, il seno delle più prosperose, scoprimmo quello che di li a poco avremmo scoperto, ovvero la fatale attrazione, il sesso. L’uomo si aggrazia della presenza di tante donne; ma allo stesso tempo quel girono noi ci sentivamo così orgogliosi, virili, sicuri del fatto che saremmo riusciti nella generale conquista. Cinzia, una delle ragazze più belle, più formose, che in tutto quell’avvicendarsi di gesti, di mani che coglievano l’uva per portarla alla bocca, fu l’unica che si concesse ad un bacio. Sotto quel vitigno cresceva il nostro desiderio di baciare tutte le ragazze. Sentivamo il nostro membro rispondere ai richiami della vita, avvertivamo tutta quella incredulità solidificarsi nella carne, nei nostri muscoli imberbi. Poi venne l’ora dell'’assolto più sfrenato.

            L’uva divenne il mezzo per colpire le ragazze. Gli acini e i grappoli volavano nell’aria di Settembre, quasi fossero proiettili d’amore. Si schiacciavano sulle magliette, sulle gambe, nei capelli lunghi delle ragazze. Lanciavamo l’uva con tutta la nostra forza, colpivamo anche noi stessi in quel delirio di pubescenza, e non ci importava nulla, ci interessava solo dimostrare tutta la nostra forza, la nostra ribellione vinta dal rifiuto delle ragazzre. Cinzia fu colpita più di tutte le altre, perché da noi ritenuta responsabile di aver accettato la corte da un solo ragazzo. La fuga delle fanciulle fu immediata; i loro insulti ci inorgoglivano e si univamo alle risate, al nostro puerile piacere nel vedere chi è sconfitto tentare ancora un’impossibile vittoria. Noi, noi soli fummo i vincitori, adolescenti avvinazzati, inebriati di odere di uva pesta disseminata in tutto il campo. Restammo lì a ridere, a prendere in giro quelle ragazze che ci sentivano in lontananza mostrare tutta quell’imprevedibilità di cui l’uomo è capace. Su di noi il cielo era mutato. Si stendeva gonfio di nubi e plumbeo all’orizzonte sembrava urlare di gioia e di paura. Per concludere e per osannare, per celebrare quei nostri gesti, decidemmo di salire sugli alberi che stavano tutti intorno. Ridevamo, sentivamo forte l’importanza dell'’azione, della concretezza degli atti, veri perché involontari, veri perché fonte di istinto e ragione. Saliti sugli alberi ci lasciammo cullare dal vento, travolgere di lì a poco da un’acquazzone, avvalendoci di quella autentica, ma adesso perduta, facoltà di poter disporre ognuno delle proprie vite, della propria sorte, senza essere gestiti e limitati negli affetti e nel pensiero. Respiravamo pioggia e libertà. Respiravamo tutto ciò che non ha catene. Respiravamo. Quello fu l’ultimo nostro respiro, sugli alberi con la pioggia.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

MIRACOLI DELLA MORTE

Post n°29 pubblicato il 11 Giugno 2006 da pensiero.ambulante
Foto di pensiero.ambulante

O morte, tu sei che lanci grida altere?
Trucidi un'anima che tesa allo spasmo
lacrima avvolta dalla densa pece,
che fatta nera è come l'iride dell'occhio.

Dormono così le rupi scoscese,
appese, storte
aggrappate alle montagne
che l'obito accompagna;
dormono le forre rupestri, le donne,
gli animali del pascolo,
le greggi sporche,
le forche nella paglia
i tarli nel legno
e le api nel bugno:
qui tutto dorme,
e la morte non è che un sogno.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

MIRACOLI DELL'AMORE

Post n°28 pubblicato il 11 Giugno 2006 da pensiero.ambulante

Bocca sazia s'apre su quei gelsi;
io annuso, nell'aria fresca,
quel sentore chiaro che buono si mesce.

Un fiore ancora sveste il suo seno;
o parca natura, un maschio d'ape
s'accende sullo stelo fibroso e duro.

A notte fonda, quando tutto par che dorma,
io e la mia donna stilliamo come la pianta.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

MIRACOLI DELL'ESTATE

Post n°27 pubblicato il 11 Giugno 2006 da pensiero.ambulante

O quale estate è più silente
se non quella molisana?
Con le sue spiagge verdi ridenti
tinte dal salino mare,
con il suo litorale grezzo
fatto di frangiflutti freddi,
popolata di cicale
o quale estate è più silente?

Io ascolto la voce del mare.

O bellezza selvaggia
della marina molisana!,
la tua estate è così tacita,
la tua estate è così piana,
il tuo sole ha così lievi raggi
che l'acqua morella
del mare del Sannio
fa l'uomo savio,
la morte così lontana.




 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

MIRACOLI DELLA TERRA

Post n°26 pubblicato il 11 Giugno 2006 da pensiero.ambulante

Vieni alla foce agreste
a contar la selce,
a guardare l'umido letto
fatto per l'amor dei popolani,
fatto per chi non ha niente.
             Vieni, e dovrei chiamarti donna
per le tenere mammelle,
lungo il ruvido sentiero,
lungo il liscio rilievo
ad apprezzare la morte,
a sentirti niente!
              Vieni, chè la macchia
tace, quando la notte
cala il suo nero velo
lungo le sponde
 
dell'Adriatico.

*

O terra nostrana,
che l'ultima delle bellezze sembri,
cosa vuoi? Tu timproveri
l'uomo infame
che, solo, fra le tue braccia adombri.

O terra coricata
sul dolce seno delle messi bionde,
un grido, un frastuono
a piacere esala
l'immensa forre.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

LE INCOMPIUTE

Post n°25 pubblicato il 10 Giugno 2006 da pensiero.ambulante

Incompiuto come Dio che mi ha creato, ma che non riesco a definire in assoluto; imperfetto misuro la mia capacità nell'arte, sogno nella brevità l'eternità della vita; accolgo in me l'ipotesi d'ogni bene e credo nel deus sive natura. Ho riscoperto il significato del vitalismo nella natura, che poi è quello di Dio, poiché non so pensare a Dio se non attraverso la natura e attraverso il miracolo, ovvero ciò che rende visibile Dio nell'uomo e con l'uomo. Esso rappresenta, oltre al segno più emblematico e tangibile della presenza del divino, la più concisa forma di vitalismo. Così, auspicando un miracolo per tutti, perché gli uomini indistintamente partecipano alla vita, sono protagonisti della loro esistenza, dono ai posteri l'incompiutezza di queste poesie, le tracce dei miei "miracoli". 

MIRACOLI DELLA VITA

O quante albe ho sorbito questa notte!
stando fermo, in disparte, immagini forti
passavano della nostra evoluzione fetale.
O quanti occhi ho visto tremanti e bocche
tacite sferzare parole monche
di questo tempo: il silenzio appanna ogni sogno.
O vita!, che grande alba, quale aurora
sei o fosti, in te annego immansamente.
Chi sa dire qual è vero vivere
o desiderio di tutti avere un bene maggiore,
se non con gli anni e gli epiteti soli?
Oh la vita è bella ma non so come.

*

Oggi, sei vita,
per chi muto diparte,
l'antica sorte che non si elude.
Ma più d'ogni altro andare
oggi sei per me
il costante durare del tempo,
il senile e assiduo ghigno
che l'esistere porta accanto,
sei oggi la voce
di chi più non piange.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Post N° 24

Post n°24 pubblicato il 22 Maggio 2006 da pensiero.ambulante
Foto di pensiero.ambulante

<<Più che machiavellico mi sento maccheronico!>>.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Post N° 23

Post n°23 pubblicato il 22 Maggio 2006 da pensiero.ambulante

<<Ho fatto di mia madre un mito. Lei ha fatto di me un Icaro>>.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Post N° 22

Post n°22 pubblicato il 22 Maggio 2006 da pensiero.ambulante

<<La morte è immortale come Omero>>.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Post N° 21

Post n°21 pubblicato il 22 Maggio 2006 da pensiero.ambulante

AVVISO AGLI AMICI DEL BLOG

Sono un giornalista, sono tutelati dai diritti d'autore tutti questi pensieri, massime e aforismi. Chiunque ne volesse fare un uso diverso da quello orale e non previsto dalla legge, è pregato di rivolgersi al sottoscritto per una eventuale autorizzazzione per  fini diversi. Grazie. Dom

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Post N° 19

Post n°19 pubblicato il 22 Maggio 2006 da pensiero.ambulante

<<Il partito che sogno è la Lega del Sud. Il partito che vorrei esistesse dovrebbe stare più a Sud>>.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Post N° 18

Post n°18 pubblicato il 22 Maggio 2006 da pensiero.ambulante

<<Per piacerti una donna devi essere sicuro che tu sia diventato un uomo!>>.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Post N° 17

Post n°17 pubblicato il 22 Maggio 2006 da pensiero.ambulante

<<Quando sei figlio adottivo sei simile a Cristo, perchè sai che tuo padre è ovunque>>.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Post N° 15

Post n°15 pubblicato il 22 Maggio 2006 da pensiero.ambulante

<<QUO RES MAGIS LABUNTUR, HAERENT NOMINA>>.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Post N° 14

Post n°14 pubblicato il 22 Maggio 2006 da pensiero.ambulante

<<La donna più stronza che ho incontrato è stata quella che mi ha lasciato dirle "ti amo">>.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Post N° 13

Post n°13 pubblicato il 22 Maggio 2006 da pensiero.ambulante

<<Quando spariscono i maestri si spera restino almeno "gli estri">>.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Post N° 12

Post n°12 pubblicato il 22 Maggio 2006 da pensiero.ambulante

<<Essere attratti dalla droga equivale ad essere attratti sessualmente dalla propria madre>>.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Post N° 11

Post n°11 pubblicato il 22 Maggio 2006 da pensiero.ambulante

<<Se fumo? Solo ogni volta che qualcuno me lo getta in faccia>>.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Post N° 10

Post n°10 pubblicato il 22 Maggio 2006 da pensiero.ambulante
Foto di pensiero.ambulante

<<Il bacio è il vero rapporto sessuale, infatti al sesso manca il bacio finale>>.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Post N° 9

Post n°9 pubblicato il 22 Maggio 2006 da pensiero.ambulante

<<Il sesso è la prosecuzione della noia>>.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
« Precedenti Successivi »