L'ARALDO MILLENIALE

M.C.R.L STUDENTI DELLA BIBBIA

 

AREA PERSONALE

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Dicembre 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31    
 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 2
 

 

PANORAMICA DEGLI STUDENTI BIBLICI 2 PARTE

Post n°254 pubblicato il 08 Febbraio 2021 da sergiopaolo.65

PANORAMICA DEGLI STUDENTI BIBLICI PRESENTI IN ITALIA

2 Parte

3) ASSOCIAZIONE  FILANTROPICA AMICI DELL' 'UOMO  - CHIESA DEL REGNO  Di  DIO. 
Questa confessione non è propriamente un gruppo di STUDENTI BIBLICI, infatti, pur avendo come basi gli insegnamenti RUSSELLINI, hanno in parte modificato diversi aspetti dottrinali. Il loro fondatore un fotografo ALEXANDER FREYTAG, ex collaboratore di RUSSELL se nonchè responsabile dell'allora filiale svizzera della Watchtower. Freytag , si mise a produrre una TORRE DI  GUARDIA alternativa,e successivamente  UN GIORNALE PER TUTTI (come meglio conosciuto ai tempi di Russell ,SERMONI DOMENICALI) , pubblicazione  di proprietà degli STUDENTI BIBLICI  RUSSELLINI poi passati STUDENTI BIBLICI EPIFANICI MOVIMENTO MISSIONARIO INTERIORE LAICO,di Barlin (Francia),con l'avvenuta sciscione di  di P.S.L .JOHNSON sempre alla morte di RUSSELL con la contesa di chi dovesse essere il SERVITORE ,così  ,fu troncato ogni rapporto,con la Watchtover, (Annuario dei t.d. Geova 1987 Pag 287 ) perchè con la morte del Pastore C.T.RUSSEL ;F.L.ALEXANDER FREYTAG  inizio a proclamarsi  il "Servitore fedele e prudente "(schiavo fedele e discreto);  e avvenne il distacco dai Testimoni di Geova ai tempi di Rutherford anche  per discordie dottrinali. Scrisse il libro "Messaggio di Laodicea"conosciuto meglio ,di come il messaggio all'umanità, e Rutherford in risposta scrisse "L'Arpa di Dio". Questo gruppo contava il Italia il maggior numero di associati fra i vari gruppi scismatici dei TESTIMONI DI GEOVA,ma dal 2001 e in continua discesa di associati,e partecipanti alle adunanze,con la chiusura di alcune stazioni (sale di riunioni) per mancanza di conduttori ,ad esempio MARINA DI CARRARA;MASSA C CARRARA);LOANO(SV) ; ,e altre si appoggiano con altri gruppi ad esempio RAVENNA con BOLOGNA,gli abbonati ai giornali IL MONITORE e GIORNALE per tutti ,da circa seimila a 2500,Il movimento pochi mesi dopo la morte di A.FREYTAG subì un altro  scisma .B.Sayerce in contrasto con la direzione svizzera  guidata da E.RUFFENER si dichiarò successore di FREYTAG e servitore fedele prudente e si vennero a creare due gruppi diversi del MOVIMENTO con differenza dottrinali il gruppo di B.SAYERCE ha rigettato gli scritti di FREYTAG ,questo è presente in numero molto ridotto in  Francia (Testimoni di Geova già  è non ancora Massimo introvigne  ELLE DI CI Leumann  Torino pag 47,47;Lux  Biblica n° 36 pag 29,31),nel 2013 avvenne un altra sciscione nella CHIESA DEL REGNO di NAPOLI,e ROMA ,le quali andarono a creare due gruppi uno presente a FORINO(Avellino) un altro a MINTURNO(Latina).
4) COMUNITÀ CRISTIANA. 
Questo gruppo si trova a Canicattì (AG). Il suo fondatore è un certo SANTO GALVANO, un ex TESTIMONE Di GEOVA distaccatosi dall'organizzazione per dissensi dottrinali. Questo gruppo  in linea di massima gli stessi insegnamenti della CHIESA CRISTIANA MILLENARISTA, una delle differenze è che essi credono che i 144.000 che compongono la classe dei coeredi di Cristo iniziarono da Abele o forse addirittura da Adamo. Questo gruppo fino a poco tempo fa collaborava con gli STUDENTI BIBLICI AURORA e con la CHIESA CRISTIANA MILLENARISTA . Adesso hanno tagliato i contatti a causa di dissensi dottrinali,e che all'interno della stessa CHIESA MILLENARISTA ci sono discussioni in merito. Attualmente collaborano strettamente con un altro gruppo scismatico dei Testimoni di Geova, capeggiato da un ex TdG, un certo Abate, anch'esso presente nella zona di Canicattì che porta il nome di "CONGREGAZIONE CRISTIANA "ma non ha niente da che vedere con la CONGREGAZIONE CRISTIANA DEGLI STUDENTI DELLA BIBBIA IN ITALIA che la presente ha riconoscimento al nome postosi.
(5)ASSOCIAZIONE DEGLI STUDENTI BIBLICI
Oltre a questi appena elencati, esistono altri gruppi di STUDENTI BIBLICI IN ITALIA. Ad esempio a PESCARA c'è un gruppo denominato "ASSOCIAZIONE DEGLI STUDENTI BIBLICI", costituito per lo più da ex TdG, i quali per un certo periodo hanno continuano ad avere la stessa dottrina dei TdG, ma hanno una veduta molto estrema su certi principi biblici. Attualmente hanno una stretta collaborazione con un gruppo di Studenti Biblici americani, i "Chicago Bible Students". 
APPENDICE
Un altro gruppo è presente a Randazzo, in provincia di Catania. Il leader è un certo Torre, ex avventista ed ex Testimone di Geova, entrato a far parte intorno al 1997 (?) della CHIESA CRISTIANA MILLENARISTA. Dal 2000 al 2004 ha fatto parte del comitato nazionale della stessa chiesa, ed ha mantenuto anche i contatti con la "Comunità Cristiana" di Galvano e la "CONGREGAZIONE CRISTIANA" di Abbate (entrambi i gruppi di Canicattì - Agrigento), mentre non ha mai socializzato con gli "Studenti Biblici Aurora" di Agrigento. Verso il 2004 il Signor Torre ha tagliato i ponti con la "CHIESA CRISTIANA MILLENARISTA", con la "COMUNITÀ CRISTIANA" e la "CONGREGAZIONE CRISTIANA", probabilmente per dissensi dottrinali, formando un piccolo gruppo composto tutt'oggi da circa 15 persone, che milita nella città di Randazzo. Sembrerebbe che attualmente abbiamo adottato un insieme di dottrine più vicine agli evangelici pentecostali anzicchè agli Studenti Biblici. 
Inoltre sparsi per l'Italia esistono parecchi studenti biblici isolati 
(X) MOVIMENTO CRISTIANO STUDENTI DELLA BIBBIA
Nel 2012 si distacca dalla CHIESA CRISTIANA MILLENARISTA PAOLO PALMIERI     membro battezzato nel 2010(Nuova creazione Sett/Ott 2010 pag3/7, e venuto a contatto con la CHIESA CRISTIANA MILLENARISTA a fine OTTOBRE 2008 ,per una visione più ampia della PREDICAZIONE;avendo radicato nel suo pensiero di predicare il messaggio del regno di Dio con tutti i sistemi che Dio avrebbe messo a sua disposizione,c consapevole che iL GRANDE MANDATO affidato da Gesù ai discepoli comprende quattro verbi risolutivi:ANDARE,FARE DISCEPOLI ,BATTEZZARE E INSEGNARE(Matteo 28:19). Secondo la grammatica greca di questi versetti ,il verbo principale è FARE  DISCEPOLI ,mentre gli altri tre  indicano la modalità .E con la PREDICAZIONE  ,si inizio da prima con distribuzione di volantini ,per le strade e piazze della città di Salerno ,e la provincia,poi successivamente porta a porta ,e con l'avvento di internet la  predicazione online tramite gruppi,nel 2016 mediante un emittente radiofonica locale ,e poi successivamente con un altra con frequenza maggiore il messaggio del regno raggiunge tutta la REGIONE CAMPANIA e i suoi confini ,con  due rubriche  serali radiofonici , tutt'ora in programmazione, dal titolo ASCOLTA SUL FAR DELLA SERA di 25 minuti ;Nel 2017sono iniziati i PASSAGGI ITINERANTI ,i quali hanno visto l'incremento della PREDICAZIONE uscendo fuori dalla REGIONE CAMPANIA e raggiungendo altre REGIONI in pochi anni ha visto la formazione di diverse CONGREGAZIONI,  gruppi, e Nuclei da prima nella provincia di SALERNO e poi successivamente raggiungendo in pochi anni (6);9 Regioni, 20 provincie, e 88 comuni,  con circa 935 Battezzati,e 1.914 simpatizzanti e interessati,con 11 PREDICATORI UFFICIALI;17 PREDICATORI ITINERANTI;3 SORVEGLIANTI DI CONGREGAZIONE,;UN COLLEGGIO DEGLI  ANZIANI di 7 fratelli eletti a votazione ogni 18 mesi da tutti i Battezzati  con la loro presenza fisica presso la SEDE NAZIONALE di BOSCOTRECASE(NA),per chi è impossibilitato raggiungere la sede,può inviare la propria preferenza via raccomandata,da  gruppo  non conosciuto prima ,a differenza degli altri sovra citato che hanno una  storia  di decenni di presenza in Italia, Il MOVIMENTO CRISTIANO RIFORMA E LIBERTÀ DEGLI STUDENTI DELLA BIBBIA e molto conosciuto.
(X)Estratto dal opuscolo ;La nostra origine STUDENTI DELLA BIBBIA.edito e distribuito dalla CONGREGAZIONE CRISTIANA DEGLI STUDENTI DELLA BIBBIA IN ITALIA
A cura di Paolo Palmieri
Inf studentidellabibbia@libero.it 

 
 
 

PROFESSIONE DI FEDE

Post n°253 pubblicato il 08 Febbraio 2021 da sergiopaolo.65

PROFESSIONE DI FEDE.

(1)Crediamo ed accettiamo l'intera Bibbia come ispirata Parola di Dio,infallibile ed autorevole regola della nostra fede e condotta. (2 Timoteo 3;16;2 Pietro 1:21);

(1A) Crediamo nell' osservanza del sabato Settimo giorno,(Esodo 20:9-11;Isaia 58:13; 66:23) Matteo 12:11-12; Marco 2:27;Luca 4:16;23:54;Atti 13:14;17:1-2;16:13;18:4; Rivelazione 1:10;12:17):e dal tramonto del venerdì sera ci riuniamo   per la preparazione al SABATO ad imitazione  dei discepoli di Gesù (Matteo 27:62;Marco 15:42;Luca 23:54).

(2)non accettiamo profeti e profezie(moderne) ,la profezia ha avuto il suo tempo, e la sua fine con la morte del ultimo apostolo (Giovanni 16:7,13;Romani 15:4;1 Corinzi 10:11;Ebrei 1:1;;2; 2 Pietro 1:19;Giuda vv3,4).:

(3) Crediamo nella adorazione dovuta solo Dio Padre in spirito e verità(Esodo 20:1; Deuteronomio 6:4;Matteo 4:10;Giovanni 4:24):

(4) Crediamo in Gesù Cristo Figlio di Dio e prima creazione di Dio ,e per  lui, sono state create tutte, lunico mediatore tra Dio e gli uomini(Genesi 1:26;Salmo 49:7; Giobbe 16:19;Proverbi 8:22;Siracide 24:8;Sapienza 9:18;Giovanni 3:16;14:6; 1 Timoteo 2:5; Colossesi 3:15-17;Ebrei 7:25; Rivelazione 3:14)

(5) Crediamo nella mortalità dell'anima ,in quando l'uomo non ha un anima ,ma e anima e come tale muore per risvegliarsi nel mattino della resurrezione ( Genesi 2:7: Ecclesiaste 3:19;Daniele 12:2; Ezechiele 18:20; Matteo 10:28;Giovanni 11:11;Romani 6:23;1 Corinzi 15:45;I Tessalonicesi 4:13):

(6) Crediamo nello Spirito Santo la potenza di Dio ,che procede dal Padre e viene erogata dal figlio(Luca 24:49;Giovanni14:26;15:26;16:7;20:22;Giudici14:19;Zaccaria 4:6;Atti 1:8):

(7) Crediamo e Riconosciamo il Sacerdozio Universale di tutti i credenti (Romani 3:18: Galati 3:28;1 Pietro 2:5,9;Rivelazione 1:5;6 ):

(8) Crediamo nel secondo ritorno di Gesù Cristo( visibile);( Zaccaria 14:3;Matteo 24:30,31;Atti 1:11, 1 Tessalonicesi 3:13;Rivelazione 1:7): 

(9) Crediamo nel ristabilimento d'Israele quale popolo di Dio;Atti 15:14-17;Romani cap 11;Amos 9:11-12;Gioele 3:18-20:

(10) Crediamo nel sacrificio di Gesù,e lo ricordiamo nella celebrazione annuale della commemorazione (14 Nisan dopo il tramonto del sole) ,con i simboli del pane e del vino,distribuiti solo ai membri consacrati(battezzati)e solo con loro, senza la presenza di estranei ;la Santa Cena non è uno spettacolo nel quale possono partecipare tutti per essere spettatori,ma esso è il ricordo del sacrificio di Gesù e solo coloro che hanno accettato Cristo sono divenuti figli di Dio e possono partecipare (Luca 12:32;Giovanni 1:12 );come lo era la pasqua solo per il popolo del Signore,(La Santa Cena è appunto la sostituzione della Pasqua Ebraica) ;(Luca 22:7 a19) celebrata per la prima volta in Egitto,erano ammessi solo coloro che si erano sottoposti alla circoncisione;(Esodo 12:14a24-48;Ester 9:21a27; Matteo 26:18;Marco 14:17;Luca 22:20,1 Corinzi 11:24,27):(11) 

(11)Celebriamo il Battesimo per immersione, in dedicazione e consacrazione nel nome del Signore Gesù ;(Matteo 28:19;Marco 16:16,Atti 8:16-38,39;Romani 6:3a5):

(11b )Crediamo e pratichiamo lo sbattezzo e il ribattezzo per tutti quelli provenienti da altre denominazioni e religioni nel quale il battesimo non è stato fatto da adulti con immersione completa nel nome del Signore Gesù; lo sbattezzo avviene nello stesso momento del ribattezzo il battezzante nelle acque battesimali gli viene chiesto se accetta lo sbattezzo per essere ribattezzato come insegnano le Scritture, e dopo tale confessione pubblica davanti ai presenti convenuti per l 'occasione ,il battezzante viene immerso per lo sbattezzo e subito dopo immerso per il ribattezzo nel nome del Signore Gesù con l'imposizione delle mani degli anziani per ricevere lo Spirito Santo (Atti 8:17;19:1a5 );

(12) Crediamo nella risurrezione di Cristo con il corpo ma assunto in cielo in Spirito( 2 Corinzi 5:16;1 Timoteo 3:16;1 Pietro 3:18):

(13) Crediamo nella salvezza per grazia ,con la pratica delle opere per le quali possiamo esercitare la fede e tale fede divenire operante e non morta ;(Efesini 2:8,9;2 Timoteo 8:9;Matteo 5:16;Giacomo 2:14a26): 

(14) Crediamo nella resurrezione del corpo (1 Corinzi cap 15;1 Tessalonicesi 4:16;Rivelazione 20:4a6) 

(14/B ), A differenza di altri gruppi di STUDENTI BIBLICI  i quali credono che durante il Millennio tutti avranno una seconda possibilità di salvezza ,noi crediamo che questa salvezza sarà concessa solo a coloro che nelle età passate e quelli del 'eta' attuale non hanno mai ricevuto il  messaggio del regno ,ma per quelli che l'hanno ascoltato e rifiutato non beneficeranno di questa opportunità(Matteo 25:41;Giovanni 3.16,18,36;5.24;Romani 8:1;2; Corinzi 6:2;Ebrei 3:7;9:27;Rivelazione 20:14;21:8;Salmi 95:7,9;Ecclesiaste 9:10;Amos 4:12 ecc ecc).

(15) Crediamo nella restaurazione di tutte le cose come predette dai profeti e il tabernacolo(regno) di Dio sulla terra;il rapimento della chiesa eletta(Atti 3:21;Isaia 11:1a9;32:17;35:1a10;65:17 a 25;Riv 21:1a8;19:7-8;Salmi 45:13;Matteo 24:40).

(X)QUESTA PROFESSIONE DI FEDE PUÒ ESSERE APPROFONDITA DAGLI ARTICOLI CHE VENGONO EROGATI SUI GRUPPI ,BLOG E PAGINA UFFICIALE DEL MOVIMENTO CRISTIANO DEGLI STUDENTI DELLA BIBBIA SALERNO
Prof :Paolo Palmieri 
studentidellabibbia@libero.it

CONGREGAZIONE CRISTIANA STUDENTI DELLA BIBBIA IN ITALIA

 
 
 

LA TERRÀ RESTAURATA

Post n°251 pubblicato il 02 Febbraio 2021 da sergiopaolo.65

LA TERRA RESTAURATA

 

«Poiché, ecco, io creo nuovi cieli e una nuova terra; non ci si ricorderà più delle cose di prima; esse non torneranno più in memoria» Isaia 65:17-25;66:1-24)

Un giorno, un ragazzino di dodici anni, che aveva letto un libro di astronomia, si rifiutò di andare a scuola. La madre lo fece visitare dal medico di famiglia, il quale gli domandò: «Billy, qual è il problema? Perché non vuoi più studiare e andare a scuola?». «Perché ho letto che un giorno il sole brucerà tutto e la vita sulla terra finirà. Non vedo perché debba impegnarmi in qualsiasi cosa se alla fine tutto sarà distrutto». La madre ebbe una reazione isterica e urlò: «Non è un tuo problema, non è affar tuo!».Il medico sorrise e disse: «Billy, non devi preoccuparti, perché quando ciò avverrà saremo tutti morti da tempo».Questa è solo una parte del problema, naturalmente: alla fine, in un modo o nell'altro, tutti moriremo. Fortunatamente la nostra esistenza non si concluderà con la morte, al contrario: ci è stata offerta la vita, quella eterna, in un mondo ricreato.Dio promette un nuovo creato: «Poiché, ecco, io creo nuovi cieli e una nuova terra; non ci si ricorderà più delle cose di prima; esse non torneranno più in memoria» (Is 65:17). In questa straordinaria profezia il Signore promette di creare «Gerusalemme per il gaudio, e il suo popolo per la gioia» (v. 18). Nella città non si udranno più pianti (v. 19) e i suoi abitanti saranno longevi (v. 20). Potranno godere i frutti del loro lavoro e non vedranno i figli morire all'improvviso (vv. 21-23). Dio risponderà loro ancora prima di essere invocato (v. 24).Siamo di fronte alla descrizione di un'esistenza lunga e tranquilla in un regno di pace e sicurezza. Ma anche se gli uomini vivranno più a lungo, la gente continuerà a morire. Dov'è la trasformazione radicale della natura che ci aspettiamo con la creazione di nuovi cieli e di una nuova terra? Ce lo dice questo versetto: «"Il lupo e l'agnello pascoleranno assieme, il leone mangerà il foraggio come il bue, e il serpente si nutrirà di polvere. Non si farà né male né danno su tutto il mio monte santo", dice il Signore» (v. 25). Perché un animale carnivoro come il leone diventi erbivoro ci vuole ben altro di un corso di cucina naturale. Serve una nuova creazione in grado di riportare il mondo alla sua condizione ideale, quella presente nell'Eden prima che il peccato introducesse la morte.In Isaia 65 il Signore presenta la creazione di nuovi cieli e di una nuova terra come parte di un processo, una serie di fasi che iniziano dalla ri-creazione di Gerusalemme. Facciamo un confronto con Isaia 11, nel quale si legge che il Messia porterà la giustizia (11:1-5), cui seguirà la pace sul «monte sacro» di Dio; le immagini utilizzate in questo capitolo sono simili a quelle che ritroviamo in Isaia 65: «Il lupo abiterà con l'agnello... il leone mangerà il foraggio come il bue» (vv. 6-7). Nonostante il «monte sacro» di Dio coincida con il monte Sion a Gerusalemme, si tratta solo di un segno precursore, un simbolo di ciò che Dio promette di compiere definitivamente in un mondo nuovo, insieme al suo popolo redento.Il Signore, attraverso il profeta, rinnova il suo appello e il monito che permea l'intero libro: Dio salverà e ripristinerà l'umile, il quale trema di fronte alla sua parola (66:2-5). Come in Isaia 40:1, egli lo consolerà (66:13), ma distruggerà chi gli si ribella contro, come gli ipocriti dei riti, dei quali egli rigetta le offerte (vv. 3-4; cfr. Is 1:10-15), e contro quelli che odiano e disprezzano i suoi fedeli (66:5). In questo elenco entrano anche coloro che praticano abominazioni pagane (v. 17), come quelle in uso presso il tempio di Gerusalemme (Ezechiele 8:7-12).Dopo avere annientato i suoi nemici (vv. 14-17) Dio rivela la propria gloria, affinché diventi una calamita capace di attrarre le persone a Gerusalemme (cfr. Is 2:2-4). Egli stabilisce un «segno» fra loro, che qui non viene specificato, ma che evidentemente si riferisce all'ultimo segno citato da Isaia: Dio dona al suo popolo gioia e pace e ristabilisce la loro terra (55:12-13). Quando rivelerà la sua gloria, ristabilendo il suo popolo dopo la distruzione, sarà il segno della sua grazia ripristinata, come lo fu l'arcobaleno per Noè alla fine del diluvio (Genesi 9:13-17).Dio manda coloro che sono scampati alla sua distruzione fino alle estremità della terra, per arrivare da persone che non sanno niente di lui; «essi proclameranno la mia gloria tra le nazioni» (v. 19). Siamo di fronte a una delle più chiare affermazioni presenti nell'Antico Testamento sul tema dell'opera di evangelizzazione. In altre parole, non solo i popoli si recheranno nella nazione ebraica, ma alcuni Ebrei andranno verso altri popoli per presentare loro il vero Dio; un paradigma esplicito nel Nuovo Testamento. Sebbene ci fossero dei missionari ebrei al tempo di Cristo (Matteo 23:15) la chiesa primitiva ha annunciato il messaggio del vangelo in modo rapido e su scala più ampia (Colossesi1:23).Come gli Israeliti portavano al tempio le offerte dei prodotti della terra per il Signore, così i suoi missionari li porteranno direttamente a lui: «ricondurranno tutti i vostri fratelli, da tutte le nazioni» (Isaia 66:20). Se i prodotti della terra rappresentavano offerte a Dio non derivanti da un omicidio, i convertiti condotti a lui diventano «sacrifici viventi» (cfr. Romani  12:1). L'idea che delle persone possano essere presentate a Dio come un'offerta, è paragonabile alla consacrazione dei leviti «come offerta agitata davanti al Signore da parte dei figli d'Israele ed essi faranno il servizio del Signore» (Numeti 8:11).Nel versetto 21, il pronome «loro» si riferisce a «tutti i vostri fratelli, da tutte le nazioni» del versetto precedente. Si parla degli stranieri, alcuni dei quali sarebbero stati scelti da Dio per presenziare all'adorazione insieme a sacerdoti e Leviti. Un cambiamento rivoluzionario! In precedenza, il Signore aveva autorizzato solo i discendenti di Aaronne a officiare come sacerdoti e solo i membri della tribù di Levi per assisterli. Gli stranieri non potevano diventare letteralmente discendenti di Aaronne e Levi, ma il Signore autorizza alcuni di loro a servire in quei ruoli fino a quel momento preclusi addirittura alla maggior parte degli Ebrei.Gli Israeliti erano «un regno di sacerdoti, una nazione santa» (Es 19:6), con speciali sacerdoti che li rappresentavano come adoratori. Nel futuro, lo stesso ruolo sarà possibile anche agli stranieri (Is 66:21).
Quale effetto avrebbe avuto questo cambiamento sulla rinnovata comunità di fede? Matteo 28:19; Atti 26:20; Galati 3:28; Colossesi 3:11; 1 Timoteo 3:16Nel nuovo mondo ordinato da Dio, non solo gli stranieri potranno unirsi al suo popolo, ma saranno collaboratori alla pari con gli Ebrei, all'interno di una comunità di fede, diventata un «sacerdozio regale». Quindi, in futuro non ci sarà più la distinzione tra Ebrei e altre nazioni.Paolo, il missionario delle genti, proclamò: «Non c'è qui né Giudeo né Greco perché voi tutti siete uno in Cristo Gesù. Se siete di Cristo, siete dunque discendenza d'Abraamo, eredi secondo la promessa» (Galati  3:28-29). Diventare eredi della promessa, quindi «sacerdozio regale», non era un mandato a eleggere un elitarismo compiaciuto, bensì l'incarico di unirsi agli Ebrei per annunciare «le virtù di colui che vi ha chiamati dalle tenebre alla sua luce meravigliosa» (1 P 2:9; cfr. Isaia 66:19).Il riconoscimento delle altre genti non autorizzava gli Ebrei a considerare Dio ingiusto, perché ha dato anche a loro la stessa ricompensa. Né invitava gli stranieri a disprezzare gli Ebrei, come facevano talvolta i primi operai assunti nella giornata nei confronti di quelli assunti più tardi (Matteo 20:1-16), perché a loro sono state «affidate le rivelazioni di Dio» (Romani 3:2). Paolo scrive agli stranieri: «Se alcuni rami sono stati troncati, mentre tu, che sei olivo selvatico, sei stato innestato al loro posto e sei diventato partecipe della radice e della linfa dell'olivo, non insuperbirti contro i rami; ma, se t'insuperbisci, sappi che non sei tu che porti la radice, ma è la radice che porta te» (11:17-18).Isaia 66:22 è una delle promesse più straordinarie. Leggiamola attentamente. Nei nuovi cieli e nella nuova terra la nostra discendenza e il nostro nome dureranno per sempre. Basta rimozioni, tagli, innesti, sradicamenti o estirpazioni. Qui abbiamo una promessa di vita eterna in un mondo rinnovato, privo di peccato, di morte e di dolore, nuovi cieli e nuova terra, il compimento assoluto e definitivo della fede cristiana, l'attuazione di quello che Cristo ha ottenuto per noi alla croce.Ci sono più modi per comprendere questo testo. Un approccio possibile è il seguente: Dio ha creato il sabato prima che stabilisse il sistema dei sacrifici (Genesi 2:2-3). Così il sabato, sebbene fosse onorato dal sistema rituale, non dipende da esso, e può proseguire ininterrottamente lungo il periodo della restaurazione fino alla nuova terra. Non c'è indicazione biblica che spieghi come il novilunio facesse parte dei giorni di adorazione del servizio sacrificale. Ma forse saranno dei giorni speciali nella nuova terra (non necessariamente connessi al riposo settimanale), collegati al ciclo mensile dell'albero della vita (Rivelazione 22:2). Quale che sia il significato specifico di Isaia 66:23, il punto cruciale è che il popolo di Dio lo adorerà per tutta l'eternità.Come monito esplicito alle persone del suo tempo, Isaia condensa il contrasto tra i fedeli sopravvissuti alla distruzione di Babilonia e i ribelli che saranno distrutti. Non si tratta di un tormento eterno: i ribelli sono morti, consumati dal fuoco, una distruzione che non si estingue finché l'opera della ricostruzione di Gerusalemme non avrà inizio.L'avvertimento di Isaia punta dritto al compimento definitivo profetizzato dal libro dell'Apocalisse: la distruzione dei peccatori, di Satana e della morte in un lago di fuoco (Rivelazione 20), in seguito alla quale ci saranno «nuovi cieli e nuova terra», una santa e «nuova Gerusalemme» dove non ci saranno né pianto né dolore, «perché le cose di prima sono passate» (Rivelazione 21:1-4; cfr. Is 65:17-19); un'esistenza nuova e la vita eterna per tutti quelli che sono stati salvati.«A mano a mano che trascorreranno gli anni dell'eternità, vi saranno sempre più grandi e più gloriose rivelazioni di Dio e di Cristo. Poiché la conoscenza è progressiva, aumenteranno anche l'amore, il rispetto e la felicità. Più gli uomini conosceranno Dio, più essi ammireranno il suo carattere. Mentre Gesù dischiuderà agli eletti le ricchezze della redenzione e i meravigliosi risultati conseguiti nella grande lotta contro Satana, i cuori dei redenti palpiteranno di un amore più intenso, e con gioia faranno vibrare le loro arpe d'oro, mentre milioni di voci si leveranno in un coro di lode: "E tutte le creature che sono nel cielo e sulla terra e sotto la terra e sul mare e tutte le cose che sono in essi, le udii che dicevano: A colui che siede sul trono e all'Agnello siano la benedizione e l'onore e la gloria e l'imperio, nei secoli dei secoli" (Rivelazione 5:13). Il grande conflitto è finito. Il peccato e i peccatori non esistono più. L'intero universo è purificato. Tutto il creato palpita di armonia e di gioia. Da colui che ha creato tutte le cose fluiscono la vita, la luce e la gioia che inondano lo spazio infinito. Dall'atomo più impercettibile al più grande dei mondi, tutte le cose, quelle animate e quelle inanimate, nella loro bellezza e nella loro perfezione, dichiarano con gioia che Dio è Amore» - 
Prof:Paolo Palmieri
studentidellabibbia@libero.it/
STUDENTI DELLA BIBBIA Viale delle Colline 28 SALERNO 

 
 
 

IL SEGNO DI CAINO

Post n°250 pubblicato il 30 Gennaio 2021 da sergiopaolo.65

IL SEGNO DI CAINO
"

Il Signore impose a Caino un segno, perché  nessuno, incontrandolo, lo colpisse"(Genesi 4:15)

Il capitolo 4 del libro della Genesi è, senza  dubbio, uno dei capitolo più drammatici della Scrittura: non solo perché la morte irrompe con violenza sulla scena della creazione, ma anche perché insieme ad essa si affaccia una maledizione di rivolta  all'uomo, con tutto il peso che tale pronunciamento divino comporta. Il dramma di Caino ci pone di fronte alla terza  maledizione di Dio, dopo quella inflitta al serpente in Genesi 2:14 e al suolo in 2:17 . Ma  anche in questa trama segnata dal sangue e dalla maledizione, l'amore di Dio riesce ad aprirsi un varco e a raggiungere il cuore di Caino.  Ripercorriamo il racconto.Come nel caso del serpente, la maledizione che colpisce Caino  rivela la logica propria del male: La morte che Caino infligge ad Abele si ritorce e ciò è evidente in diversi aspetti. In primo luogo, come il suo omicidio oltraggia la terra ,obbligandola a bere il sangue del fratello, cosi la terra da cui Caino attinge  la vita( come coltivatore dei campi) diventerà sterile. E' un po' come se Caino, con il suo gesto violento, avesse compiuto una semina aberrante , deponendo nei solchi della terra non un seme di vita ,ma un sangue di morte. Il libro dei Proverbi sembra fare eco a questa scena con il detto:" Chi semina malvagità, raccoglie disgrazia"(22:8). La terra violentata e profanata si chiude e rifiuta la vita. Ugualmente ,come la violenza rende inerme Abele, cosi  la stessa obbligherà Caino  a passare da una vita sedentaria a una vita di ramingo e fuggiasco, senza la possibilità di godere di alcuna tregua. Il gesto omicida ha manifestato il dominio violento sulla vita dell'altro; ora quello stesso gesto inietta nel cuore di Caino la paura e il timore, evocati dal termine ebraico che le versioni italiane traducono con "errante", ma che di per sé serve a descrivere il tremito causato dalla paura o dall'ubriacatura, come attestano altri usi biblici del medesimo vocabolo. Considerando il gesto che soffoca la fraternità nel sangue, il biblista Andrè  Wènin osserva: " senza fratello, Caino è ormai smarrito , errante, in cerca di se stesso o di un soccorso che va cercando qua e là , tremando, barcollando o titubando". Un'inquietudine che i maestri dell'ebraismo commentano con una sola frase: " Volete sapere qual è stato il vero castigo castigo di Caino? Disimparò che cosa è lo Shabbath!". La maledizione ha privato Caino del riposo, della pace, della quiete, di Dio, portandolo in uno stato dove tutto è agitazione, fuga, ansia, paura, lavoro improduttivo.
L'AMORE DI DIO APRE UNA STRADA.
"strada : il momento è preciso e coincide  con l'istante in cui Caino riconosce la sua condizione e il suo peccato (Genesi 4:13): " Troppo grande è la mia colpa per chiedere perdono!.  Basta questa presa di coscienza perché Dio possa  nuovamente far scorrere la sorgente viva del proprio amore. Lutero, meditando queste pagine, sottolinea: " Quando più lontano da Dio tu cerchi di fuggire negando il peccato e scusandotene ,tanto più da vicino e ostilmente Dio ti perseguita e ti preme. Nulla dunque è meglio e più sicuro che venire alla confessione della colpa: allora accade che, mentre Dio vince, anche noi vinciamo per mezzo di lui". Nel libro dei Salmi c'è un passo che esprime molto bene questa esperienza: lo troviamo nel (Salmo 32:4,5) dedicato proprio al tema del riconoscimento della colpa." Tacevo e si logoravano le mie ossa , mentre ruggivo tutto il giorno. Giorno e notte pesava su di me la tua mano, come nell'arsura estiva si inaridiva il mio vigore. Ti ho fatto conoscere il mio peccato, non ho coperto la mia colpa. Ho detto: " Confesserò al Signore la mia iniquità" e tu hai tolto la mia colpa e il mio peccato>>. In questa esperienza del salmista il tono da angosciato diventa gioioso , con un invito finale che non ha più nulla a che vedere con i toni cupi con i quali si apre il salmo: " Rallegratevi nel Signore ed esultate, o giusti! Voi tutti, retti di cuore, gridate di gioia!(33:1) ". Nel momento in cui l'uomo apre il cuore al riconoscimento umile del proprio peccato, Dio fa scorrere la sorgente viva del' suo amore . Nel caso di Caino questa si esprime in modo visivo, attraverso un misterioso segno.  
IL MISTERIOSO SEGNO DI CAINO.
Misse un segno probabilmente un tatuaggio, come quello portato dai nomadi del deserto siriaco; cioè non come esecrazzione, ma come difesa contro chi avesse voluto ucciderlo  (nota in calce Genesi 4:15 della Sacra Bibbia Edizioni Paoline Alba 1 Marzo 1968 ).
Il commento ebraico alla Genesi noto come Bereshit Rabba, tentando di rispondere alla domanda circa la natura del segno imposto a Caino, risponde : Rabbi Jehudah disse:" Fece splendere su di lui il sole". Rab disse: " Gli affidò un cane". Abbà Jose ben Qesari disse: " Gli fece spuntare un corno" . Il Targum ritiene che Dio abbia tracciato sulla fronte di Caino una lettera del Nome grande e glorioso: Y(la prima lettera del tetragramma sacro YHWH). Per quanto curiose e a tratti stravaganti, queste letture si rivelano interessanti perché tutte hanno  in comune il desiderio di sottolineare la condiscendenza di Dio verso Caino. Apparentemente questi è riuscito a commuovere il Signore: il sole torna a splendere su colui che ha il coraggio e l'umiltà di chiamare per nome il proprio peccato; il cane segno di fedeltà, assicura a Caino una presenza amica e una protezione certa; il corno segno di gloria da un lato e di potenza dall'altro, ricorda a Caino che, nonostante il suo errore, egli resta sotto l'ombra della gloria di Dio e con la responsabilità di un "potere" tra le mani. I Padri della Chiesa, meno positivi nella lettura del segno, aggiungono a queste tre letture una quarta interpretazione, identificando il segno dato da Dio con il tremore di cui Caino soffre dopo il suo peccato: >> Poiché aveva usato male la forza del corpo, gli fu tolto il vigore, cosicchè si scuoteva e tremolava tanto, da avere difficoltà perfino a portare il pane alla bocca. E  pur essendo cosi, una che  a Dio, resta senza forza ,senza energia. Perché ? Perché il segno di Caino, oltre a proteggere l'omicida , deve tradursi in qualcosa di " positivo" e diventare un monito, un invito, un messaggio per chi legge e per chi ascolta.
CAINO,SEGNO PER NOI
Se il segno di Caino ha un senso anche per chi lo incontra, che cosa può insegnarci?Scrive Giovanni Crisostomo:<< Dio voleva che gli uomini dei tempi a venire esercitassero il controllo su se stessi .(Omelia sul libro della Genesi ). Pertanto egli creò un tipo di punizione che potesse liberare Caino dal suo peccato . Se Dio l'avesse distrutto immediatamente   ,Caino sarebbe scomparso, il suo peccato sarebbe rimasto nascosto ed egli sarebbe sconosciuto agli uomini delle generazioni successive. Ma Dio lo lasciò vivere per molto tempo con il tremore nel corpo. La vista delle membra paralizzate di Caino era una lezione per tutti quelli che lo incontravano. Serviva ad ammonire tutti gli uomini e ad esortarli  a non fare ciò che egli aveva fatto...E Caino stesso divenne un uomo migliore>>.Ambrogio gli fa eco, sottolineando che quel segno ricorda a Caino e a chi lo incontra in qualche schiavitù si finisce quando si seguono le suggestioni del peccato:<<Caino ricevette il marchio come uno schiavo. Il peccatore, infatti, è schiavo della paura, è schiavo del desiderio, dell'avidità, della dissolutezza, della malvagità , dell'ira; e anche quando si crede libero, un simile uomo è schiavo come se fosse suddito di un tiranno>>. Ma soprattutto quel segno è un invito a non disperare del 'amore di Dio: questi è in grado in ogni situazione, di rimettere l'uomo in piedi. Dopo aver ricevuto il segno, il testo precisa che << Caino usci dalla presenza del Signore e abitò nella regione di Nob ,a oriente di Eden>>( Genesi 4:16). Il verbo utilizzato dall'autore sacro(Mosè) non è da trascurare: visto che Caino, nel momento in cui riceve il segno, non si trova all'interno di nessun posto ( né in una tenda , né , in una grotta, né tantomeno in una casa), ci si aspetterebbe che l'autore scriva :<< Caino se ne andò( o : si allontanò)dalla presenza del Signore>>, come di fatto qualche versione italiana della Bibbia traduce. Il fatto di scegliere questo verbo specifico-<< usci>>- forse è un modo per sottolineare che fino a poco prima Caino era prigioniero del suo peccato e del male che aveva provocato, ma dopo il segno e il gesto dell'amore di Dio egli torna ad essere in qualche modo " libero": il suo presente e il suo futuro gli sono completamente riaffidati dal Signore. " Uscendo", Caino sembra nascere a una nuova esistenza, aprendosi a un' avventura da cui dipende anche il destino del mondo. Dio è tornato, in altre parole, a fidarsi di lui. Nonostante tutto. E questo è il volto più bello e sublime dell'amore di Dio.
Prof: Paolo Palmieri 

 
 
 

L'INTERVENTO DELLA POTENZA DIVINA

Post n°249 pubblicato il 30 Gennaio 2021 da sergiopaolo.65

L'INTERVENTO DELLA POTENZA DIVINA 


"Ora, se si predica che Cristo è risuscitato dai morti, come mai alcuni di voi dicono che no c'e la risurrezione dei morti? Ma se Cristo non è risuscitato, è dunque vana la nostra predicazione ed è vana anche la nostra fede. (I Corinti 15:13) 

Questo è ciò che l'apostolo Paolo scrisse nella prima lettera inviata ai Cristiani che abitavano nella città di Corinto.Se Iddio non avesse preso alcuna disposizione per la vita futura dell'uomo, per mezzo del riscatto e di una risurrezione promessa, la morte sarebbe stata la fine di ogni speranza.Ma Dio ha ben preso delle disposizione per assicurare il nostro ritorno alla vita e, dopo che ci ha fatto conoscere il Suo piano misericordioso, coloro che parlano e scrivono intelligentemente su tale soggetto, (come ad esempio gli autori delle Scritture,profeti e Apostoli ) descrivano in una maniera unanime lo stato d'incoscienza che corre nell'intervallo fra la morte ed il mattino della risurrezione, in cui la sensibilità (l'esistenza sensitiva) è sospesa come un (Sonno) in verità questa immagine è eccellente, poichè, il momento del risveglio, a loro sembrerà essere quello che seguì subito dopo l'istante della loro morte.Per esempio, parlando della morte di Lazzaro, noi leggiamo che Gesù disse; "Lazzaro il nostro amico s' è addormentato; ma io vado a svegliarlo." Siccome i discepoli erano lenti a comprendere, Egli aggiunse Lazzaro è morto. (Giovanni  11:11) Se la teoria, secondo la quale lo stato cosciente sussiste dopo la morte fosse esatta non sarebbe sorprendente che Lazzaro non raccontò nulla della sua esperienza nei quattro giorni? Nessuno pretenderà che egli era in un inferno di tormenti, poichè Gesù lo proclamava suo 'Amico', e, se fosse stato nella beatitudine celeste, Gesù non ponendolo in rilievo, avrebbe agito poco amichevolmente con lui. Ma, come Gesù dichiarò, Lazzaro dormiva ed Egli, lo risvegliò allo stato cosciente, ad una esistenza di un essere sensitivo, o di anima, rivenuta, o rivivificata; ed evidentemente, tale miracoloso favore fu molto apprezzato da Lazzaro, dalle  sue sorelle ed i suoi amici.L'idea predominante in tutte le Scritture è che noi attualmente siamo nella notte della morte e del sonno, che è messa in parallelo con il mattino del risveglio e della risurrezione: "La sera alberga da noi il pianto, ma la mattina viene il giubilo" (Salmo 30:5), il mattino della risurrezione in cui tutti quelli che sono nelle tombe commemorative  usciranno da esse (Giovanni 5:28;Atti 24:15);E lo stesso afferma , Isaia  dicendo: "Rivivano i tuoi morti! Risorgano i miei cadaveri! Svegliatevi e giubilate, o voi che abitate nella polvere (della terra)."(Isaia 26:19).Gli Apostoli anche, molto frequentemente si sono serviti di questa figura retorica, appropriata, perché piena di pace e speranze. Per esempio Luca dice di Stefano, il primo martire, che "s'addormentò" e, riportando il discorso di Paolo ad Antiochia, adoperò la stessa espressione: 'Davide s'addormentò.' (Atti 7:60; 13:36) Pietro si serve della stessa espressione dicendo: 'i padri si sono addormentati.' (2 Pietro 3:4) E Paolo l'adoperò numerose volte, come si rileva dalle seguenti citazioni,addormentare e morire "Se suo marito e morto."(I Corinzi 7:39)"Di cui la maggior parte sono  ancora in vita e alcuni si sono morti "(I Corinzi. 15:6)"Ma, se non v'è risurrezione ... coloro che sono morti in Cristo, sono periti."(I Corinzi 15:13-18)"Ma ora Cristo è risuscitato dai morti, primizia di quelli che dormono."(I Corinzi 15:20)"Ecco io vi dico un mistero: noi tutti morremo."(I Corinzi 15:51)"Non vogliamo che siate in ignoranza circa quelli che dormono."(I Tessalonicesi. 4:13)"Quelli che si sono addormentati, Iddio, per mezzo di Gesù, li ricondurrà con Lui."(I Tessalonicesi 4:14)Quando verrà il tempo della risurrezione, il tempo del Regno, "noi viventi i quali saremo rimasti sino alla venuta del Signore, non precederemo quelli che si sono addormentati."(I Tessalonicesi 4:15)Daniele espose lo stesso concetto, nel descrivere la risurrezione; "Moti di quelli che dormono nella polvere della terra si risveglieranno," e la descrizione dimostra che questi che dormono  comprenderanno il bene ed il male. (Daniele. 12:2) Essi 's'addormentarono' in pace per attendere il giorno del Signore, il giorno di Cristo il giorno millenario, persuasi, in pieno, 'che Egli (il Cristo) è potente di custodire il mio deposito, fino a quel giorno.' (2 Timoteo. 1:12) Questi stessi pensieri sono espressi in tutti i capitoli del Vecchio Testamento, a partire dal momento in cui Iddio predicò ad Abrahamo l'Evangelo di una risurrezione: l'espressione 'egli si addormentò con i suoi padri' è assai frequente nel Vecchio Testamento.(Genesi 25:7-17;35:23;49:29-33; Numeri 20:24-26;27:13;31:2; Deutoronomio 31:16;32:50;Isaia 14:20) Ma Giobbe presenta un linguaggio assai incisivo, nel dire: 'Oh, volessi tu nascondermi nel soggiorno dei morti, tenermi occultato sinché l'ira tua sia passata!' (Giobbe 14:13)Il tempo attuale, durante il quale regna la morte, è il tempo dell'ira di Dio, poiché la maledizione della morte infierisce su tutti, a causa della trasgressione originale(Romani 5:12). Tuttavia, ci è stato promesso che, al proprio tempo, la maledizione sarà tolta ed una benedizione sarà apportata dal Redentore a tutte le famiglie della terra, perciò, Giobbe continua ad invocare il Creatore, dicendo: 'Aspetterei tutti i giorni del mio duro servizio ... Tu mi chiameresti ed io risponderei tu avresti un grande desiderio per l'opera della tue mani' (Giobbe 14:14-15) Noi che viviamo nel tempo del Nuovo Testamento, leggiamo la risposta del nostro Signore: 'L'ora viene, anzi è già venuta, che i morti udranno la voce del Figliuolo di Dio (che li invita a svegliarsi, per acquistare una piena conoscenza di Dio, e cogliere l'opportunità d'ottenere la vita eterna). (Giovanni 5:25, 28, 29)Questo "sonno" della morte è un periodo d'incoscienza così assoluto che coloro i quali saranno risvegliati non avranno la minima conoscenza del tempo che è trascorso. In verità, 'sonno' è semplicemente un termine adattato in questo caso speciale, poiché, in realtà, i morti sono morti, interamente distrutti, eccetto che la saggezza di Dio conserverà la loro identità ed ha decretato che per Cristo essi saranno risvegliati, restaurati e rivivificati. In effetti, ciò costituirà una 'ri-creazione,' cioè, una manifestazione della potenza divina, ancora più grande di quella che fu la creazione di Adamo e d'Eva. Sarà la 'ri-creazione' di  miliardi, di persone una  riproduzione d'individualità infinitamente varie, Solo Iddio, l'Onnipotente, possiede una tale sapienza e potere; Egli è contemporaneamente desideroso ed in grado di compiere questa riproduzione. Uno dei risultati benefici, nell'aver permesso l'estrinsecarsi del male, sarà che la sua estirpazione renderà manifesto a tutti i tratti caratteristici del carattere divino, come non avrebbero potuto mai essere manifestati e conosciuti. La giustizia divina, l'amore divino e la potenza divina brilleranno davanti agli angeli e gli uomini, e finalmente la sapienza divina, nel permettere una tale dimostrazione del carattere di Dio, sarà manifestata e riconosciuta da tutte le sue creature, uniformemente.La testimonianza delle Scritture relativa alla necessità d'una risurrezione dei morti è molto chiara ed esplicita. Come si potrebbe avere una risurrezione dei morti se nessuno fosse morto. Ma, se come alcuni sostengono: "che tutti coloro i quali sembrano morire, sono più viventi di quanto lo siano mai stati" smentiscono, così, i cinque sensi di ogni essere intelligente, oltre ad invalidare la dichiarazione positiva della Scrittura, che dice: 'per colui che è associato a tutti gli altri viventi c'è speranza; perché un cane vivo val meglio di un leone morto.'(Ecclesiaste 9:4) Poiché i viventi, (anche i meno intelligenti,) sanno che morranno, ma i morti non sanno nulla di nulla e non c'è più per essi alcun salario, perché di loro nessuno ha più memoria. Il loro amore, l'odio l'invidia sono ormai periti ed essi non hanno più parte (interesse), (ebreo: olam: un periodo indefinito) di tutto ciò che si fa sotto il sole ... Tutto quello che la tua mano trova da fare, fallo con tutte le tue forze; perché nel soggiorno dei morti dove vai, non v'è più né lavoro, né pensiero, né scienza.(Ecclesiaste . 9:4-10; Isaia 26:14)"Tu distruggi la speranza dell'uomo (in lui stesso). Tu lo sopraffai per sempre ed egli se ne va; tu sfiguri il suo volto e lo mandi via. Se i suoi figli sono onorati, egli lo ignora; se sono disprezzati egli non lo vede."(Giobbe 14: 19-21; Isaia 63:16)Notate l'importanza delle parole dell'Apostolo intorno alla  risurrezione, in I Corinzi 12:54, dove dichiara: "Or se si predica che Cristo è risuscitato dai morti, come mai alcuni fra voi dicono che non v'è risurrezione dei morti?"Se i morti non sono morti, ma più viventi che mai, allora non essendo morto nessuno, non ci sarebbe da attendersi la risurrezione dei morti. L'Apostolo non sostiene tale teoria, ma ben il contrario, cioè, che i morti sono periti, come le bestie(Ecclesiaste 3:19-20), salvo che Iddio li risusciti, e che le nostre speranze per essi siano vane, se non sono speranze nella risurrezione da notare  attentamente ogni parola di questa possente argomentazione esposta da uno dei più grandi logici della terra. Egli dice:"Se non v'e risurrezione dai morti, neppure Cristo è risuscitato; e se Cristo non è risuscitato, vana dunque è la nostra predicazione, e vana pure è la nostra fede (poiché un Cristo morto non potrebbe sapere nulla e nè potrebbe aiutare alcuno). E noi siamo anche trovati falsi testimoni di Dio (degli ingannatori malvagi in luogo di ambasciatori scelti divinamente), poiché abbiamo testimoniato di Dio, che Egli ha risuscitato il Cristo: il quale Egli non ha risuscitato, se è vero che i morti non risuscitano. Difatti, se i morti non risuscitano, neppure Cristo è risuscitato; e se Cristo non è risuscitato, vana è la nostra fede."(1Corinzi 15:13)Si dovrebbe osservare che l'Apostolo non appoggia il peso della sua argomentazione sulla risurrezione del corpo, ma sulla risurrezione dell'essere, o dell'anima: che la sua anima non sarebbe stata lasciata nell'Ades. (Atti 2:31,32) Se Paolo avesse condivisa l'opinione sulla teoria popolare della nostra epoca, sulla risurrezione, egli si sarebbe espresso presso a poco in questi termini: Alcuni fra voi parlano della risurrezione del corpo, come se ciò avesse qualche importanza, ma, realmente, il corpo è un 'ostacolo' un impiccio, una 'prigione' per l'anima che è ben più a suo agio, allorché se ne è 'liberata.' La risurrezione del corpo, a qualsiasi momento che avesse luogo, costituirebbe un'infelicità, per il nuovo 'legame' dell'anima ed una limitazione dei suoi poteri.L'Apostolo non esprime nulla di simile, poiché sarebbe stato contrario alla verità. Egli insegnava una risurrezione dell'anima o dell'essere sensitivo, uscente dallo stato d'incoscienza della morte, e negava la risurrezione del corpo che moriva, dicendo: "Tu non semini il corpo che sarà (alla risurrezione dell'anima o essere) ... Dio gli dà un corpo (nuovo) secondo che l'ha stabilito, e a ciascun (seme) il proprio (la specie appropriata) corpo. (I Corinzi 15:37,38) Le masse del genere umano, o dei 'semi' umani, riceveranno dei corpi umani, ma non quegli stessi che ritornarono alla polvere ed i cui frammenti, o atomi, sono passati a degli organismi animali o vegetali, infinitamente più piccoli. I membri della Chiesa riceveranno dei corpi in spirito (corpi spirituali), simile a quello del loro Signore, risuscitato ed interamente differente dei loro corpi terrestri. A tal proposito, Giovanni dichiara: 'Non è ancor reso manifesto quel che saremo; sappiamo che quand'egli sarà manifestato, saremo simili a Lui, perché lo vedremo com'egli è non come Egli fu.(I Giovanni. 3:2)Ma seguiamo l'argomentazione dell'Apostolo. Egli dichiara:"Se Cristo non è risuscitato, vana è la vostra fede, voi siete ancora nei vostri peccati. Anche quelli che dormono in Cristo sono dunque periti."(vv 17,18)Coloro i quali pretendono che l'anima non muore né può morire, negano, di fatto la risurrezione dell'anima, essere sensitivo, e sono così forzati dalle loro argomentazioni, che i passaggi delle Scritture che si riferiscono alla risurrezione, debbono attribuirsi alla risurrezione del corpo e, imbarazzati dalle parole dell'Apostolo, non sanno che dire. Se essi pretendono che Gesù era vivente, "più vivente che mai," durante i tre giorni in cui -secondo le Scritture-era morto, essi pensano che il suo corpo di risurrezione fosse quello deposto martirizzato e coperto di cicatrici nella tomba di Giuseppe, come potrebbero essi pretendere che la fede in un Cristo, che non mori (ma accantonò semplicemente per tre giorni) sia una fede "vana"? Come potrebbero essi non riconoscere che una tale fede non libera dalla condanna? Come potrebbero sostenere che il Cristo 'più vivente che mai,' 'liberato' del suo corpo carnale, non poteva salvare i peccatori e, quindi, tutti coloro che si sono addormentati in Cristo sono 'periti'?L'intera teoria è in contraddizione con la esposizione biblica dei fatti. Essi negano che l'anima possa perire (greco: appollumi-essere distrutta), mentre l'ApostoloPaolo  dichiara che essa lo può, lo stesso il profeta Ezechiele 18:20),e , anche  Gesù lo afferma dicendo anche: "Dio è capace di distruggere sia l'anima che il corpo." (Matteo10:28) Essi negano anche che alcuni si siano "addormentati" in Cristo, che la morte sia un sonno in attesa di un risveglio al mattino della risurrezione, (Salmo 17:15)sia Gesù che  gli Apostoli e tutti i profeti dichiarano all'unanimità che essa è un 'sonno,' dal quale solo la potenza di Dio può risvegliare, riportando allo stato cosciente l'anima, l'essere sensitivo, su qualsiasi piano d'esistenza ch'esso sia. (Giovanni 11:11;1Tessalonicesi 4:16; Deutoronomio 31:16; Daniele 12:2 ecc ).Poiché bisogna notare che le persone le quali sperimenteranno il 'cambiamento' nella prima risurrezione alla natura divina saranno delle anime tanto sicuramente, quanto lo furono nella loro natura terrestre. Dio lo ha dichiarato; un'anima, adoperando lo stesso termine 'psiché': 'Se si trae indietro, l'anima, mia (psiché: essere sensitivo) non lo gradisce.'(Ebrei 10:38)La filosofia di Platone espressa nella sua opera dal titolo FETONE- (secondo la quale l'uomo non muore, non può morire, ne ha solo l'apparenza) prevaleva in tutta la Grecia, ai giorni del primo avvento del Signore, e costituiva il grande ostacolo al progresso dell'Evangelo, fra i Gentili. Noi leggiamo, ad esempio, che allor'quando Paolo predicò ad Atene, egli fu ascoltato dai filosofi, come un gran dottore, sino al momento in cui trattò la risurrezione dei morti. Dopo fu troppo per loro e non se ne interessarono più, perché essi si stimavano più avanzati degli Ebrei i quali annunziavano che i morti non possono avere alcuna esistenza futura, se non per una risurrezione. 'Quando udirono menzionare la risurrezione dei morti, (e si accorsero che anche Paolo era in disaccordo con la loro teoria, secondo la quale i morti sono più viventi che mai) alcuni se ne facevano beffe; ed altri dicevano: su questo noi ti sentiremo un altra volta.'(Atti 17:32).La concezione pagana che la morte non è morte, ma una tappa verso migliori condizioni di vita, non aveva in alcun grado impregnato il pensiero ebreo fino al primo avvento. I Farisei formavano la setta principale degli Ebrei. Gesù  dichiarò che essi erano i successori ed i rappresentanti della legge mosaica, in questi termini: "Gli Scribi (scrivani) ed i Farisei seggono sulla cattedra di Mosè." (Matteo 23:2) I Sadducei, molto meno numerosi dei Farisei, venivano in secondo luogo, come rappresentanti di sette influenti ed erano dei miscredenti e degli increduli. Essi negavano interamente ogni vita futura, sostenendo che l'uomo muore esattamente come la bestia, e non vi sarà alcuna risurrezione dai morti. Essi non credevano a nessuna delle promesse messianiche e negavano anche l'esistenza di intelligenze sovrumane, quali quelle degli angeli. Giuseppe Flavio-lo storico Ebreo-richiama l'attenzione su d'una setta denominata gli Esseni, la quale sosteneva la teoria di Platone, in voga fra i Gentili, cioè che l'uomo non muore giammai realmente, ma supera solamente una tappa progressiva, nello sviluppo della vita, al momento della crisi, denominata morte. Intanto, noi dobbiamo ricordarci che Giuseppe Flavio scrisse la sua storia sugli Ebrei, mentre si trovava alla Corte di Roma e la scrisse nell'intento d'influenzare la disposizione di spirito dell'Imperatore e della sua Corte a favore degli Ebrei. I Romani avevano finito per considerare gli Ebrei, come le Scritture li descrivono, cioè, 'un popolo dal collo duro e di natura contraddicente" ed avevano concluso, naturalmente, che la causa di tale disposizione era, da attribuirsi, alla loro religione. Tale supposizione era esatta. In effetti, le verità della rivelazione divina tendono a produrre uno spirito di libertà, là dove sono applicate e sopprimono le distinzioni considerevoli, esistenti fra i preti e la gente del popolo, fra re e soggetti nell'insegnare che tutti sono sottomessi ad un unico grande Giudice e Re. Ma Giuseppe Flavio desiderava controbilanciare questa valutazione esatta del popolo Ebreo e della sua religione e, perciò, forzò la verità nel voler far trionfare la sua causa e dimostrare alla Corte romana che la religione ebrea era praticamente la stessa delle diverse religioni pagane: (1) in ciò che concerne lo stato cosciente dei morti, (2) la credenza del tormento eterno. Per puntellare la sua causa egli cita la setta degli Esseni, come se fosse la principale setta religiosa fra gli Ebrei. Al contrario, gli Esseni erano così insignificanti, che non sono nemmeno nominati nel Nuovo Testamento, e, indiscutibilmente, non entrarono mai in conflitto con Gesù, né con gli Apostoli, mentre costantemente e frequentemente è fatta allusione ai Farisei e ai Sadducei.(ANTICHITÀ GIUDAICHE libro XV )Dopo che Gesù ebbe risposto ai dottori della Legge, agli scribi ed ai Farisei, sbaragliandoli, i Sadducei fecero la loro apparizione, sperando di poter dimostrare la superiorità della loro posizione d'increduli, nel rifiutare le dottrine di nostro Signore. A questi Sadducei i quali pretendevano che i morti erano morti per sempre, Gesù rispose loro  : "Che poi i morti risuscitano (devono risuscitare) anche Mosè lo dichiarò, nel passo del 'rovo.' Quando chiama il Signore l'Iddio d'Abrahamo, l'Iddio d'Isacco e l'Iddio di Giacobbe. Or Egli non è un Dio dei morti, ma dei viventi; POICHÉ TUTTI VIVONO PER LUI.( Luca 20:37, 38)Gesù suggerisce che questa affermazione in se stessa costituisce una prova che i morti devono risuscitare poiché Iddio, contrariamente, non farebbe allusione a degli esseri cancellati totalmente e per sempre dall'esistenza. Egli mostra allora che il Piano di Dio, relativo ad una risurrezione è stabilito e che quelli, chiamati "morti" tra gli uomini, per Lui sono tutti viventi, dal punto di vista divino, 'essi dormono' solamente, La Parola di Dio parla di costoro, dunque, come degli 'addormentati' e non come dei distrutti. Per quanto la sentenza originale fu di distruzione, ora essa è stata corretta con il riscatto. Perciò Mosé dice: 'Tu fai ritornare i mortali in polvere (distruzione) e dici: ritornate, o figli degli uomini. (Salmo 90:3; 103:4) Nel dire: 'Io sono l'Iddio d'Abrahamo,' l'Eterno parla non solo delle cose passate, come se fossero ancora presenti, ma anche delle cose a venire, come se fossero già passate. ( Romani 4:1)

 

Prof: Paolo Palmieri

 

studentidellabibbia@libero.it 

 
 
 
 
 

INFO


Un blog di: sergiopaolo.65
Data di creazione: 14/09/2014
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

stiven123sandri75mic.arltEChakhtourasergiopaolo.65doncristian81cgabri.1994issralessandriaparolad_ordinepfb1967salvotoma64glacommarediga33G85Cg.anziani
 

ULTIMI COMMENTI

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom