Creato da Illywirin il 21/09/2010

Cielo

Il cielo non ha confini, se non quelli del tuo pensiero.

 

AREA PERSONALE

 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Settembre 2019 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30            
 
 

FACEBOOK

 
 

Immagini prese dal web.

 
Citazioni nei Blog Amici: 69
 

 

 

L'incontro sfiorato

Post n°466 pubblicato il 18 Maggio 2016 da Illywirin


 

 

 

 

 

 

Spesso ci si incontra, ci si sfiora, si passa oltre.

Quante volte il nostro sguardo sfiora quello di una persona

che ci passa accanto, magari alla fermata dell'autobus o in un centro

commerciale.

Raramente ci si riconosce, nel senso che si riconosce

che la persona che stiamo incrociando in quel momento

non è un viandante indifferente,

che per puro caso sta incrociando i suoi passi con i nostri,

ma proprio quella persona che stavamo aspettando

e che stavamo cercando,magari inconsciamente..

Ma quando il riconoscimento ha luogo,

allora si accende una luce emozionante,

che riscatta mesi e anni di grigiore e di apatia.

È come se un colpo di frusta ci rimettesse in piedi,

scuotendoci dal nostro torpore, dal nostro vegetare:

il sangue scorre più rapido nelle vene,

pensieri entusiasmanti si affollano alla mente…
Nessun incontro avviene a caso;

ma capirlo e agire di conseguenza,

ciò dipende dal nostro livello di consapevolezza.


Potremmo passare accanto a un tesoro,

senza neanche vederlo;

ma, quando siamo pronti,

il significato di quell’incontro non ci sfuggirà.

E i legami che possono nascere da tali incontri consapevoli,

caratterizzati dalla reciproca attesa

e dal reciproco riconoscimento,

hanno veramente il profumo dell’infinito

e la fragranza ineffabile dell’altrove e dell’eterno…

se di eterno è lecito parlare

nel contesto di questa dimensione spazio-temporale.
Crediamo che un elemento essenziale, decisivo,

perché possano verificarsi degli incontri di questo genere -

e non solo con le persone,

ma anche con le situazioni o con qualsiasi altro ente -

sia l’aver conservato in sé un po’ di quella freschezza,

di quella spontaneità,

di quella fiduciosa apertura verso il mondo

che sono (o forse, ahimè, dovremmo dire: che erano)

tipiche dei bambini.

Senza l’incanto del mondo,

senza una certa quale ingenuità di fronte alla vita

(e usiamo la parola nel suo significato più bello e positivo)

passeremmo loro accanto senza degnarli di uno sguardo,

con la più totale inconsapevolezza.

 
 
 

Biancaneve

Post n°465 pubblicato il 14 Maggio 2016 da Illywirin

 


Chi di voi non conosce

questa fiaba?

Inizialmente intolata "Biancaneve",

il titolo fu poi mutato in "Biancaneve e i sette nani"

Il tema affrontato inizialmente è quello

dell'adolescenza.

Il bosco simboleggia il mondo,

la vita fuori dall'ambiente familiare.

Finchè Biancaneve non costituisce un

pericolo, la matrigna non le è ostile,

in quanto la nostra adolescente, dipende

psicologicamente da lei e dunque non rappresenta

una minaccia.

Ma a un certo punto Biancaneve comincia a sviluppare

la sua femminilità.

La matrigna comincia a

diventare gelosa ed invidiosa.

Biancaneve, cerca di sottrarsi al controllo della

matrigna e crearsi una sua identità.

Queste dinamiche sono state raccontate

dalle fiabe fin dall'antichità, il che significa che

queste tematiche erano già presenti.

L'aggressività è l'ingrediente fondamentale

per potersi definitivamente separare

dall'abbraccio simbiotico della madre,

alla ricerca del proprio percorso personale.

La famosa frase allo specchio

" Specchio specchio delle mie brame,

chi è la più bella del reame?"

non è solo un fatto di

bellezza ,ma anche di valore personale.

Per una bambina l'amore del padre è cosa naturale,

e si trova così in una sfida psicologica con la madre.

Da notare che anche la bambina è gelosa della madre,

tuttavia rimuove questo sentimento in quanto

metterebbe in pericolo la sua sicurezza,

poichè ha bisogno dell'affetto della madre.

Questo sfocia nel conflitto adolescenziale,

in questo odio-amore per la genitrice.

e qui occorre per entrambi l'identificazione

e l'accettazione del ruolo dell'altro,

il loro essere persone unite,

ma al contempo separate:

infatti la figlia deve vivere la propria vita,

e la madre ridimensionare il suo ruolo,

nonostante il suo legame con lei

permanga per tutta la vita.


 

 
 
 

Falsi ricordi.

Post n°464 pubblicato il 12 Aprile 2016 da Illywirin

 

 

 

 

I falsi ricordi possono nascere in seguito a suggestione.

Senza andare a indagare su chissà quali manipolazioni perverse subite,

rendiamo il discorso più semplice e pensiamo alla nostra infanzia.

Molte volte esistono dei ricordi veri e propri di eventi vissuti in età precocissime:

immagini di vita, relative ad un evento, sono stampate nella nostra memoria.

Ma sono reali?

Spesso no, anche perché spesso è l'età a non permettere che quel ricordo esista.

Ma allora, di cosa si tratta?

Di un falso ricordo, di un ricordo che la nostra mente ha elaborato, probabilmente

perché di quell'evento ne abbiamo sentito parlare più e più volte, perché chi ce lo

ha raccontato ci ha trasmetto, oltre alla narrazione, anche l'emozione sottostante.

E voilà, ecco che un nuovo ricordo va ad unirsi alla cerchia dei falsi ricordi.

Jean Piaget ne è un esempio: ricordava alla perfezione un tentativo di  rapimento

subito in culla mentre era con la governante e raccontato con grande intensità.

Ma negli anni scoprì che era una bufala, la governate aveva mentito e il suo

ricordo, ricco di dettagli ed emozioni, era fasullo.

 
 
 

La dama e l'unicorno

Post n°463 pubblicato il 09 Aprile 2016 da Illywirin

 

 La Dama e l'Unicorno,

 è il titolo di un libro

di Chevalier Tracy ambientato

 nella Parigi del 1500 

 E si ispira ad un ciclo di arazzi fiamminghi

 di cui cinque rappresentano i sensi...

 il sesto,resta di interpretazione controversa..

si intitola A Mon Seul Désir

(Il mio solo desiderio)

 e rappresenta la dama

 nell'atto di riporre una collana,

mentre il leone,simbolo di forza e superbia

e l'unicorno,simbolo di umiltà..ma invincibile,

tengono aperto il velo, svelando la figura

intera della dama..forse è il sesto senso.

..quello che ci aiuta a vedere

 quello che è davvero importante

(il cofanetto...la nostra anima,

i gioielli i nostri valori).

 
 
 

Non prima, non dopo...

Post n°462 pubblicato il 15 Marzo 2016 da Illywirin

 

Un tempo per distruggere,un tempo per costruire.
Un tempo per piangere,un tempo per ridere.
Un tempo per gemere,un tempo per ballare.
Un tempo per scagliare pietre,un tempo per raccogliere sassi.
Un tempo per abbracciare,un tempo per separarsi.
Un tempo per cercare,un tempo per perdere.
Un tempo per conservare,un tempo per gettare via.
Un tempo per strappare,un tempo per ricucire.
Un tempo per tacere,un tempo per parlare.

Per ogni cosa c'è la sua stagione,
c'è un tempo per ogni situazione sotto il cielo:
c'è un tempo stabilito per ogni cosa

(Qoèlet)


Ma la vera amicizia è per sempre.



C'è un momento magico, un momento ideale per tutte le cose.

Per dichiarare il proprio amore, o la propria amicizia.


I veri amici sono al nostro fianco 

quando serve veramente,

quando ne abbiamo bisogno.

senza che dobbiamo dire nulla

semplicemente ci sono

Non hanno rivendicazioni da fare

e ci accettano per quello che siamo

Con loro ci sentiamo in pace,

tranquilli, mentre un flusso

di energia ci unisce.

 

 


 
 
 
Successivi »
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

turchgiovannicaputo_1965franca.galiottoLita890dgl0SEMPLICE.E.DOLCEwitz56hurricane2O1neopensionataProf_Luigi_OreficerickyscoolAmanda28Illywirinalba.estate2012caiodentatoeloisa1952
 

ULTIMI COMMENTI

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo i membri di questo Blog possono pubblicare messaggi e tutti possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

Dono di Patty

 

Non l'età,

non la distanza

possono separare.

C'è un luogo non luogo

dove gli amici si incontrano.

dove il pensiero

viaggia nello spazio e nel tempo.

 

 

Dono di Carla

 

La vita è un prestito

e il tempo è la sua moneta.