Creato da infinitylive il 30/09/2007

Infinity

misteri passati riaffiorano dall'altare dei ricordi....

AREA PERSONALE

 

Perdendoci in noi scorderemo i pensieri mai scordati...

saremo solamente noi,totalmente noi.

Sazieremo i bisogni...

annasperemo i sogni..

Questo separarci assurdo del destino..

è una contrettazione che ci spinge a volerci ancora di più....

Farei di te...pensiero...

da stringere tra le mani....

sublimando le voglie ,i pensieri,gli istinti....

l'isterismo di quando ti penso annebbia altri confini..

ora giungo a te..

vedo solo te....mi arrendo al nostro amore.

Sd

 

ULTIME VISITE AL BLOG

io.venerebagninosalinaropatbacisoniaren77elisar_81gabbianochevolanientesonobs076cosca0volporso14pptmsfenormone0maandraxdeteriora_sequorDJ_Ponhzi
 

FACEBOOK

 
 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Settembre 2019 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30            
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 30
 

TENEREZZA...

Quanti baci persi sul tuo volto...
 

ULTIMI COMMENTI

Ciao , , <i klicca
Inviato da: anastasia_55
il 24/11/2012 alle 23:19
 
Quanta passione! Brava. Elia
Inviato da: vmven
il 07/03/2012 alle 23:41
 
Poesia edita nel libro Punica Granatum
Inviato da: infinitylive
il 25/09/2011 alle 22:12
 
come sempre ti ringrazio...anche i tuoi post sono...
Inviato da: crisalide6
il 13/04/2011 alle 10:18
 
Infiniti auguri di buon compleanno!
Inviato da: anton6100
il 26/03/2011 alle 08:10
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 
Citazioni nei Blog Amici: 30
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

Nulla io posseggo di poeta,eppure solo il dolce idillio di una rima scritta per gioco, mi allieta.SD

 

 

« Collana di perle 3Collana di perle 3 a cur... »

Biografia

Post n°337 pubblicato il 22 Gennaio 2011 da infinitylive
 

Il vento portò da lontano
l'accenno di un canto primaverile,
chissà dove, lucido e profondo
si aprì un pezzetto di cielo.
In questo azzurro smisurato,
fra barlumi della vicina primavera
piangevano burrasche invernali,
si libravano sogni stellati.
Timide,cupe e profonde
piangevano le mie corde.
Il vento portò da lontano
le sue squillanti canzoni.
(Aleksandr Blok)


Sonia Demurtas, una donna in poesia.

Il vento portò da lontano l'accenno di un canto primaverile” cantava Aleksandr Blok, grande poeta russo, in una sua poesia… Ed è proprio un vento di primavera a salutare la nascita di Sonia Demurtas a Sorgono, Nuoro, nel 1976.
Bambina vivace, sensibile ed emotiva, Sonia s’interessa, fin da piccola, a tutte le espressioni artistiche. Cresce curiosa e riflessiva, appassionata alla pittura. Si diploma in disegno, impara l’arte della ceramica… sperimenta, modella, plasma… esprime le sue emozioni con toni variopinti e ricchezza d’immagini. Ma l’animo non si placa, chiede di più e lei, alla ricerca di nuovi orizzonti, approda alla poesia. È l’amore a prima vista… totale, coinvolgente, liberatorio. Sonia scrive come se dipingesse: cesella i suoi versi con magici colpi di pennello, intinti in una tavolozza ricca di sentimento. Donna bellissima, moglie e madre felice ed appagata, mantiene un disarmante cuore fanciullesco che le permette di spaziare tra la fantasia e la realtà, volare tra le nuvole, scendere negli inferi…
Raffinatezza nella composizione, ricchezza d’idee e passionalità: ecco gl’ingredienti che rendono le sue poesie non semplicemente piacevoli alla lettura, ma capaci di far battere il cuore ed inumidire gli occhi del lettore più sensibile.
“Siamo fatti di saggezze e pentimenti, di angeli e croci che si scompongono e si ricompongono nei ricordi della nostra vita” canta Sonia appassionatamente.

“Timide, cupe e profonde piangevano le mie corde. Il vento portò da lontano le sue squillanti canzoni” scrive, ancora, Blok.
E le poesie di Sonia s’insinuano nell’animo del lettore come dirompenti note, squillanti canzoni… tracciate sul pentagramma fatato. Ed è subito successo: Sonia vince numerosi concorsi di poesia, regionali e nazionali; è ospitata nella rivista internazionale “Isola Nera” di Gabriel Impaglione e Giovanna Mulas; si fa notare nel sito nazionale “Il Dialogo” di Sarubbi, le sue poesie sono presenti in varie antologie poetiche.

Nel mese di maggio 2009, Aletti Editore pubblica la sua prima raccolta poetica "Oltre l'Amore". Il libro piace al punto da essere tradotto in inglese -per il mercato americano- da Teodoro Z. Senni, quasi in contemporanea con la sua uscita italiana.

Ma l’anima d’artista di Sonia non si limita alla propria produzione. È l’amore per la poesia, un amore profondo, sincero ed altruista che la spinge a ricercare e scoprire poeti emergenti e dopo un’accurata selezione, riunire le loro poesie migliori in una silloge dal titolo “Voci di Conchiglia”, Edizioni Il Fiorino, novembre 2009.

Il lavoro procede alacremente. La poetessa, in collaborazione con la casa editrice Edit Santoro, concepisce e sviluppa due antologie poetiche, pubblicate, rispettivamente, come “Collana di Perle Vol. 1 e “Collana di Perle Vol. 2”.

Nel corso del 2010 la fervente immaginazione di Sonia Demurtas partorisce l’idea di un concorso poetico, denominato “Fior di Loto”, che si chiude il 2 giugno al 501 Resort di Bivona (VV), alla presenza di poeti provenienti da tutte le zone d’Italia ed autorità locali. Le migliori poesie premiate fanno parte della raccolta “Il profumo del loto”, dove sono presenti, tra gli altri, anche due scrittori d’eccezione come il prof. G.Cinquegrana e il prof. M.Petullà di Vibo Valentia.

“Todo el amor”, ultimo libro della poetessa Sonia Demurtas, tradotto in spagnolo da M. Florencia Ondonez, è una sintesi della bellezza spirituale della vita e dell’amore in tutte le sue forme. Ed è nell’amore -questo sentimento prorompente- che si manifesta in tutta la sua limpidezza: l’anima d’artista di Sonia Demurtas.

Dott. Vera Somerova

_________________________

Di seguito qualche mia poesia:

Mille favole d’amore

Conosco una donna triste

che scrive poesie d’amore per il cielo.

Non si accorge della terra...

nei suoi occhi albergano le stelle della notte

dalla sua anima emigrano i ricordi.

Non dà baci la sua bocca

e il suo silenzio è un’isola di lontananza.

Toccherà velluti di malinconia il suo silenzio

sussurrerà parole nuove al vento

e il glicine bianco oltre il davanzale

narrerà per lei ancora mille favole d’amore.

Sonia Demurtas (edita)

 

 

Il tuo cuore caldo

Passeggi nei meandri della mia mente

Come un fantasma

Senza volto ne tempo …

Eppure so che sei tu.

Il tuo cuore caldo

Come un fulmine nel cielo

Mi attraversa.

 

Tu cálido corazón

Paseas en los meandros de mi mente

Como un fantasma

Sin rostro ni tiempo...

Sin embargo sé que eres tú.

Tu corazón cálido

Como un rayo en el cielo

Me atraviesa.

 

 

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/Infinitylive/trackback.php?msg=9790927

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
Commenti al Post:
Nessun commento