Creato da lupa.mora il 06/12/2013

LUPA

di tutto un pò

 

 

« lupaNON C'E' BISOGNO »

UNA NOMADE DEL WEB

Post n°78 pubblicato il 06 Dicembre 2014 da lupa.mora

Per il mondo del web

in lungo e in largo

tra spoglie dune e viali fioriti

con il mio carro lungo

di ricordi e di speranze

sì come Diogene

cercando però

la dolce luce che illumini il mio autunno.

E di isola in isola

tra quelle di sogno e quelle deserte

col mio battello carico

di vissute passioni

ma ancor più carico

d'emozioni da vivere...

si come Ulisse

cercando però

l'alba luminosad'un giorno di sogno.

Quante piccole albe

quanti piccoli tramonti

questa nomade ha vissuto

in attesa della grande alba sognata?

Chi sarà la..... stella

di luce piena e col sapore di infinito

che mi seguirò lungo il viale frondoso

del mio.... spero..... dolce tramonto?

 

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/LUPAMORA/trackback.php?msg=13040441

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
Commenti al Post:
Nessun commento
 

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Luglio 2022 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
 
 

FACEBOOK

 
 
 

ULTIME VISITE AL BLOG

ktstdrfabiobiasie.rd03maxcriscoSpiralArchitectlupamora1mariarmani1957olimpo222leggenda2009elviprimobazarPrimosiremaria.franchino1undolceintrigo24kennethdgl2adelfino64V1andante
 

 

 

 

A te che sei tutto
E di tutto l’estremo contrario
Non è facile
Levare il canto
Per i molti tuoi doni
E gli insondabili abissi
Tra cui ti nascondi

 

In te
e solo in te
si confondono
regni lontani
quando dei
animali
e piante
e per ultimo l’uomo
si intrecciano
inestricabili
tra le onde dei tuoi capelli danzanti
al ritmo dei tuoi devoti
e dei suoni
che da sempre
abitano
il vasto universo

....
Sei tu che l’ebbrezza
del comune sentire
concedi ai viventi
che in cuore ti onorano
per il dono del vino lucente
che levando lo spirito
dalle strette di affanni infiniti
mette le ali alle dolci
ingannevoli attese

 

......Tu che radici
hai profonde
nella oscura
nell’umida terra
tu parimenti
nell’alto del cielo
scagli le gemme
dei fruttiferi rami
e col canto ispirato
di poeti
che del tuo sangue
si nutrono
scandisci il duro cammino
perché si sciolga
in amabile danza

Tu della vita
ci conduci ai confini
dove la nera soglia
delle tue grandi pupille
ci invita
con riso dolente
ad inoltrarci
in oscuri sentieri
che non hanno ritorno
se la dolce promessa
del tuo eterno rinascere
non ci accompagna
più amica