Creato da a45audio il 24/09/2012

45audioedintorni

La musica aiuta a non sentire dentro il silenzio che c'è fuori.

 

TAKE MY BREATH AWAY

Post n°551 pubblicato il 27 Aprile 2014 da a45audio
 

Toglimi il respiro...un invito a cui pochi saprebbero resistere,

personalmente neppure ci proverei a non raccogliere la proposta.

Ma io non faccio testo, nonostante la mia non più giovane età,

sono ancora molte le cose che riescono a togliermi il respiro,

una musica, un'emozione, un alba o un tramonto,

due anziani che camminano tenendosi per mano,

un papà che gioca con il proprio bambino e molto altro...

infatti spesso mi trovo a dirmi: speriamo che non mi venga mai a mancare questa 

capacità di sorprendermi, di stupirmi, di rimanere senza respiro....

Iboralli

 
 
 

GABRIEL GARCIA MARQUEZ

Post n°549 pubblicato il 18 Aprile 2014 da a45audio
 

Grave lutto nel mondo della letteratura, ieri a Città del Messico, all'età di 87 anni , si è "spento" stroncato da una polmonite, il Nobel per la letteratura Gabriel Garcia Marquez.

Lo scrittore, grande amico di Fidel Castro, era considerato tra i più grandi scrittori in lingua spagnola, uno dei Suoi romanzi più conosciuti "Cent'anni di solitudine" pubblicato nel 67  e tradotto 25 lingue ( ve lo consiglio), ha venduto ben 50 milioni di copie, altri  suoi romanzi celebri sono: Cronaca di una morte annunciata, L'amore al tempo del colera, Il Generale e il suo labirinto, L'autunno del patriarca e molti altri.

Garcia Marquez, non era consierato solo un grande Scrittore, ma Colui che, ha fatto sì che la letteratura sudamericana prendesse coscienza della propia identità, facendo poi da collante con la tradizione culturale mondiale, infatti, proprio in quegli anni ci fu il boom letterario di molti scrittori sudamericani, per non parlare di Macondo, la provincia di fantasia inventata dallo scrittore,  nella quale vengono ambientati quasi tutti i Suoi romanzi.

Nel 1982 ha vinto il Nobel per la letteratura, i suoi libri, dopo la Bibbia, sono stati quelli più venduti in lingua spagnola.

Sullo Scrittore "Gabo", come lo chiamavano i colombiani, sono state spese molte parole di ammirazione, sicuramente lascerà un grande ricordo e un'immensa eredità letteraria.

Il Presidente Colombiano ha detto : "I Giganti non muoiono mai", io dico: Quando un intelletto di rango se ne va, il mondo perde sempre qualcosa. Ma la forza del pensiero no, quella rimane per sempre.

Iboralli

.

 
 
 

RIVOLUZIONE FARMACI

Post n°548 pubblicato il 14 Aprile 2014 da a45audio
 

Altro bel regalo di questi primi mesi del 2014, da venerdì, alcuni farmaci che erano in fascia A, sono stati "trasferiti" in fascia C, questo significa che, non saranno più gratuiti ma a pagamento.

Peccato che in fascia A ci sono i farmaci salvavita e quelli per chi soffre di malattie croniche, questo significa che chi è ammalato e non ha la possibilità di pagarsi le cure deve arrangiarsi.

Che dire?

se queste sono le sorprese del primo quadrimestre di questo 2014, chissà cosa dobbiamo aspettarci da qui a fine anno....mah

Iboralli

.

 
 
 

LEZIONE DI UMILTA'

Post n°547 pubblicato il 13 Aprile 2014 da a45audio
 

Papa Francesco ci da un'altra lezione di umiltà, nei giorni scorsi, oltre alla Sua viva partecipazione alla giornata contro la pedofilia e aver espresso in modo deciso la Sua condanna verso chi usa i bambini,  ha incontrato alcune prostitute, si è trattenuto a lungo con loro, ascoltandole ed invitandole a non mollare e a dimenticare il passato.

Secondo quanto riferito i media, le ex vittime di tratta hanno tutte alle spalle esperienze traumatiche: c'è chi tra loro è stata costretta oltre che alla prostituzione anche a prestarsi come corriere della droga, tutte hanno subìto violenze e sono state coinvolte nelle attività della criminalità organizzata. Hanno infine trovato il coraggio di denunciare le loro situazioni di schiavitù intraprendendo un percorso di recupero e denunciando i propri sfruttatori. L'incontro col Papa è stato descritto come "toccante", in particolare per lo stato psicologico, ancora molto provato, delle vittime. Tutte avevano manifestato un forte desiderio di incontrare papa Bergoglio per esprimergli il loro impegno nel cambiamento di vita.

Iboralli

 

.

 

 
 
 

PASSEGGIANDO IN BICICLETTA!

Post n°546 pubblicato il 13 Aprile 2014 da a45audio
 

Passeggiando in bicicletta accanto a te, pedalare senza fretta la domenica mattina...una vecchia canzone di Cocciante recita queste parole, io, dal canto mio, prediligo pedalare sola cambiando la velocità in base alla potenza del pensiero che mi accompagna, mi è sempre piaciuto pedalare, mi aiuta a scaricare le tensioni.

Stamane mentre macinavo alcuni chilometri in bici (erra da troppo che non lo facevo), questa song mi ronzava nella testa e per tutta la mattinata mi ha fatto compagnia....

Iboralli

 

 
 
 

DALLA F1 AI PAZIENTI EMOFILICI IL BRACCIALETTO SALVA VITA

Post n°545 pubblicato il 11 Aprile 2014 da a45audio
 

Ogni tanto si legge qualche buona notizia (speriamo sia veritiera e soprattutto che funzioni)

Il famoso braccialetto utilizzato dai piloti e dai meccanici della formula uno, verrà utilizzato anche per monitorare i pazienti affetti  da emofilia, ma se ne prevede un più ampio utilizzo nel prossimo futuro,soprattutto per quel che riguarda i pazienti che soffrono di patologie croniche.

Il progetto  dal nome "Sameda Life Local Informed for Emergency", realizzato in collaborazione con Ivan Capelli (ex pilota di F1), è stato presentato in occasione della giornata mondiale dell'Emofilia.

Il dispositivo permetterà al personale medico/sanitario di accedere a tutti i dati del paziente attraverso uno smarthphone o da un pc, direttamente dal luogo dell'incidente così da poter avere la situazione sotto controllo ed organizzare al meglio gli interventi di primo soccorso.

Il sistema che è già impiegato sotto forma di pendaglio dai meccanici di F1 e come braccialetto da alcuni piloti,  verrà per ora proposto attraverso alcuni centri per la cura dell'emofilia, ai pazienti più giovani in virtù della loro maggior esperienza e praticità con le nuove tecnologie.

Nel mio percorso da pilota, non immune da incidenti, sostiene Capelli, mi sono invece reso conto di quanto sia importante poter fruire delle proprie informazioni mediche, migliorando l'intervento dei soccorritori nell'emergenza".

Iboralli

.

 
 
 

SE !

Post n°544 pubblicato il 08 Aprile 2014 da a45audio
 

Ormai è risaputo, perchè l'ho scritto in più "posti" fino allo sfinimento, non amo copia/incollare a meno che, non  valga davvero la pena, sono alcuni giorni che sono nuovamente in conflitto con me stessa, in preda a mille domande, mi è tornato in mente questo "pezzo" di David Grossman, e mi è venuta voglia  di condividerlo.

Perché gli estranei in metropolitana, invece che limitarsi a guardarti, non attaccano bottone dicendoti che hai un sorriso bellissimo? Perché dopo trent'anni, in un caffè del centro, non rincontri mai la persona per cui hai lottato? Perché le madri fanno fatica a capire i propri figli e i padri ad accettarli?
Perché la frase giusta arriva sempre durante i l momento sbagliato? Perché non ti capita mai di correre sotto la pioggia, di arrivare davanti al portone di qualcuno, farlo scendere, scusarti e iniziare a parlare a vanvera per poi trovarti labbra a labbra e sentirti dire: 'non importa, l'importante è che sei qui'? Perché non vieni mai svegliato durante la notte da una voce al telefono che ti dice: 'non ti ho mai dimenticato'?
Se fossimo più coraggiosi, più irrazionali, più combattivi, più estrosi, più sicuri e se fossimo meno orgogliosi, meno vergognosi, meno fragili, sono sicura che non dovremmo pagare nessun biglietto del cinema per vedere persone che fanno e dicono ciò che non abbiamo il coraggio di esternare, per vedere persone che amano come noi non riusciamo, per vedere persone che ci rappresentano, per vedere persone che, fingendo, riescono ad essere più sincere di noi

 Iboralli

.

 
 
 

AMICIZIA

Post n°543 pubblicato il 06 Aprile 2014 da a45audio
 

Spesso tra amici non serve parlare, ma ci sono volte in cui anche un sano scontro serve a chiarirsi e dare un senso all'amicizia.

Sono una ferma sostenitrice dell'importanza della parola come forma di confronto:-)

Iboralli

.

 

 
 
 

TERREMOTO L'AQUILA 5 ANNI DOPO

Post n°542 pubblicato il 05 Aprile 2014 da a45audio
 

A cinque anni dal grave terremoto che sconvolse e distrusse l'Aquila molte persone sono ancora in attesa di tornare ad una pseudo-normalità e denunciano l'abbandono e la totale indifferenza da parte delle istituzioni, che si sono limitate a nascondere le macerie e a finanziare la ricostruzione di pochissimi edifici, 5 lunghissimi anni ed è come se il tempo non fosse trascorso.


Il fotografo Paolo Porto, per celebrare il ricordo di quegli attimi, di quel drammatico evento, ha lanciato il progetto Pressoché Ignuda, per rendere meglio l'idea dello stato attuale in cui si trova la sua città, nei suoi scatti ha utilizzato il connubio: Donne senza veli e macerie di edifici del centro storico, con l'obiettivo di attrarre nuovamente l'attenzione di tutti sull'Aquila

Iboralli

.

.

.

.

.

.

.

 
 
 

SFIDE E SPERANZE DELLE DONNE AFGHANE

Post n°541 pubblicato il 04 Aprile 2014 da a45audio
 

Alla vigilia delle imminenti elezioni, che si terranno domani in Afghanistan, è bello leggere il coinvolgimento delle Donne Afghane, la loro coesione e partecipazione  a dispetto delle innumerevoli minacce talebane.
I nuovi candidati cercano i voti e l'alleanza delle Donne scegliendo la tutela dei diritti delle stesse come cavallo di battaglia.
Uno dei candidati, sfidando i pregiudizi, ha addirittura promesso che, se dovesse vincere nel suo governo almeno il 20% dei componenti saranno Donne.
Un'altro candidato, ha addirittura arruolato un numero consistente di Donne che lo affiancano nelle elezioni per i consigli provinciali.

Una delle rappresentanti ha dichiarato "Ci siamo focalizzate per le elezioni su alcuni temi come la valorizzare dei traguardi ottenuti in quest'ultima decade dalle donne, che non devono assolutamente essere rimessi in discussione, e la questione ancora aperta sulla sicurezza delle donne che vogliono andare a votare e per coloro che vogliono essere osservatrici elettorali."

Beh, le idee e gli intenti ci sono, chissà se le minacce ricevute funzioneranno da deterrente rispetto alla volontà delle Donne di "dire la loro" attraverso il voto o se, ancora una volta, le Donne affronteranno con coraggio questa nuova sfida.

Iboralli

.

 
 
 

CON LE MANI TU PUOI

Post n°540 pubblicato il 03 Aprile 2014 da a45audio
 

Nonostante l'acquisizione del linguaggio verbale, avvenuta nel corso di milioni di anni di evoluzione, il cervello continua ad esprimere emozioni, pensieri e sentimenti attraverso le mani ed è quindi cruciale decodificarli.
E' ormai nota l'importanza della gestualità sinuosa del corpo, in primis quella delle mani.

Si racconta che Adolf Hitler passava ore ed ore davanti ad uno specchio esercitandosi a coordinare oratoria e gestualità nella consapevolezza di non essere abbastanza carismatico per essere dotato e credibile.
Egli si filmava mentre provava i suoi gesti per raggiungere livelli ottimali.

Nascondere le mani mentre parliamo suscita sospetto in chi ci sta guardando: è fondamentale che esse siano sempre in vista. Spesso, o a volte, sarà capitato di vedere persone avere le mani sotto il tavolo: è una prova di un senso di disagio, che crea nel nostro cervello una barriera di comunicabilità.

Il potere di una stretta di mano è il primo e, spesso, l'unico contatto fisico che abbiamo con un'altra persona.
Le modalità con le quali si effettua sono importanti per la nostra percezione sensoriale ed emotiva, influenzando, a volte in modo errato, il soggetto con il quale ci si rapporta.

Esistono poi, le mani maleducate, che si concretizzano nella tipica gestualità delle corna, del puntare l'indice, dell'indicare, schioccare le dita.

Le mani indicano quanta cura abbiamo di noi stessi, il lavoro che facciamo e in quale conto teniamo le convenzioni sociali. Lo stesso posizionare le mani in un modo, rispetto ad altro modo, può influenzare il modo in cui noi siamo percepiti dagli altri.

Con le mani puoi esprimere...

    Amicizia

       Amore

amore

                                                                                                     Artearte

 

 

 

 

 

 

      Cura di te

,      Dolcezza

dolcezza

                                                                                              Il tempo che passa.

 

 

 

 

 

           Legami

.     Passione

.

                                                                                                Tenerezza.

 

 

 

 

           Tristezza

.      Piacere

.

                                                                                              Voglia di fare.

 

 

 

 

 

    Rabbia

.       Abbandono

       .

                                                                                                      Fiducia,

 

 

 

 

 

   Le NON barriere

.

puoi sentire il calore... chiedere e dare aiuto...accarezzare...ecc, ecc....

Spesso mi è stato chiesto :"cosa ti colpisce di più in una una persona, qual è la prima cosa che guardi?"


Beh.....la risposta mi sembra scontata!

 

Iboralli 3 aprile 2014

 
 
 

PULP FICTION - IL RITORNO

Post n°539 pubblicato il 02 Aprile 2014 da a45audio
 

Pulp Fiction un film di Quentin Tarantino e Roger Avary

Dopo 20 anni uno dei cinema più chiacchierati degli anni 90 torna nelle sale.

Quando nel 1994 fu candidato all'oscar in ben 7 categorie ma quello era l'anno di Forrest Gump.

Fu Palma d'Oro e vinse il premio per la sceneggiatura originale  ma Tarantino non si perse d'animo, molti ancora ricordano la frase che pronunciò durante i ringraziamenti di rito  " Grazie, adesso vado a fare la pipì, tanto so che non vinceremo nessun altro premio" , fece sorridere allora ed ora sortisce ancora lo stesso effetto.

Appena uscito in Italia ne fu vietata la visione ai minori di 18 anni (poi ridotti a 14), il film è ancora oggi considerato dall'American Film Institute tra i dieci gangster movie di tutti i tempi e Tarantino considerato un'enciclopedia vivente in fatto di film, per la sua capacità di scomporre temi e figure del genere coinvolgendo lo spettatore ed inducendolo ad alternare stupore, spiazzamento e risate.

Originale anche la colonna sonora che mescola ai suoni alcuni dialoghi tratti dal film che fanno da collante tra un brano e l'altro in un alternarsi di musica surf, funk, blues e rock and roll, tra gli artisti di maggior rilievo Kool & the Gang, Dick Dale e Al Green.

A 20 anni dalla prima uscita, Pulp Fiction tornerà nelle sale il 7, l'8 e il 9 aprile grazie a The Space Movies, in collaborazione con Paco Pictureso.

Iboralli

.

 

 
 
 

ZAZIE DANS LE METRO

Post n°538 pubblicato il 30 Marzo 2014 da iboralli
 

Oggi ho iniziato a leggere la versione originale (in lingua francese) del libro: Zazie nel metrò:
L'avevo già letto tradotto in italiano, devo però dire che la lingua francese ha sempre un suo fascino e riesce a rendere chic anche un libro ironico come questo.

"Zazie, una ragazzina ribelle e insolente, arriva nella Parigi degli anni '50 dalla provincia. Il suo sogno è vedere il metró; ma se uno sciopero glielo impedisce, nessuno può trattenerla dal salire su quella giostra vorticosa che per lei diviene Parigi. Fugge disinvolta dall'olezzo dello zio, ballerino travestito, per incontrare, grazie alla sua vitalità straripante, una galleria eterogenea di personaggi: un conducente di taxi, diabolici flic, la dolce Marceline, una vedova consolabile, un calzolaio malinconico e un querulo pappagallo." (web)

E' sicuramente un libro senza pretese, da leggere quando si ha voglia di trascorrere alcune ore in relax, un libro che sa mescolare intelligenza, simpatia e leggerezza.
Ve lo consiglio, magari, a differenza di quello che ho fatto io, prima nella lingua originale e poi tradotto

Iboralli

.

 
 
 

LIBRI

Post n°535 pubblicato il 24 Marzo 2014 da a45audio
 

Libri, cibo per la mente e per l'anima!

Un libro, ecco una delle cose  cui non saprei rinunciare, magari passo periodi più o meno lunghi senza leggerne , ma il pensiero di non averne almeno uno nuovo a disposizione mi è difficile da sopportare.

Ho sempre avuto una smoderata passione per i libri,alcuni li ho letti e riletti in periodi diversi della mia esistenza per coglierne le sfumature nelle diverse fasi della crescita, altri non li ho conclusi perchè mi hanno delusa dopo poche pagine, altri ancora li ho prestati prima ancora di averli letti e non mi sono mai stati restituiti.

Ho provato a leggerne alcuni virtualmente, ma non hanno lo stesso "sapore", non riesco a leggerne senza sentire l'odore dell'inchiostro e senza sfogliarne le pagine, per me il libro ha solo una "forma" carta e inchiostro.

Iboralli

 

-

 
 
 

QUANDO FINIRA' ?

Post n°534 pubblicato il 24 Marzo 2014 da a45audio
 

Ancora violenza, ancora la follia di due esseri che per un attimo di godimento non esitano ad abusare di una donna.

Quando finirà questa carneficina, questo scempio?

Quando sarà che le donne potranno uscire a qualsiasi ora senza doversi guardare le spalle, senza temere l'idiozia sorda di qualche assassino, sì, assassino, perché una violenza è alla stregua di un omicidio, perché uccide l'anima e ammazza la fiducia.

Che pochezza d'animo e d'intelletto!!!

Solidarietà e comprensione a tutte le vittime!

Iboralli

Per tutte le violenze consumate su di Lei,
per tutte le umiliazioni,
per la sua intelligenza che avete calpestato,
per il suo corpo che avete sfruttato,
per l'ignoranza in cui l'avete lasciata,
per la libertà che le avete negato,
per la bocca che le avete imbavagliato,
per le ali che le avete tarpato,
per tutto questo:
"In piedi Signori, davanti a una Donna!"

(William Shakespeare)

.

 
 
 

EGOISMO

Post n°532 pubblicato il 11 Marzo 2014 da iboralli
 

Sono sempre più convinta che fare un figlio sia una scelta egoistica, chi mette al mondo un figlio in genere lo fa per appagare un desiderio, calcolando i tempi, i costi, le rinunce ecc…tanto è vero che negli ultimi anni si sceglie di diventare genitori in età avanzata rispetto ad una ventina d’anni fa, si da prima la precedenza alla carriera, al lavoro, al divertimento ecc, e quando si raggiungono alcuni traguardi si “programma” di avere un figlio.

In teoria avere figli in età adulta dovrebbe garantire una certa maturità, consapevolezza, presa di coscienza ecc…invece la cronaca ci insegna il contrario,  non c’è un’età giusta per essere genitori, perché poi ,basta che il matrimonio vacilli per spingere alcuni genitori ad usare i figli come un’arma di ricatto, come oggetti da contendersi, come burattini da manovrare.

Rimango sempre basita davanti all’idiozia di alcuni genitori che, troppo impegnati a farsi i dispetti dimenticano troppo spesso che i figli non sono una proprietà esclusiva di un genitore, ma soprattutto che i figli non devono pagare per gli sbagli e colpe non loro.

 Essere genitori non significa mettere al mondo un figlio, ma crescerlo con amore e con la consapevolezza che un padre e una madre rimangono tali anche da separati e che nessuno dei due deve arrogarsi il diritto di maltrattarli o ammazzarli adducendo il gesto d’amore come giustificazione per un’azione che, ancora una volta,  è solo un gesto  puro egoismo.

Basta genitori carnefici!

Iboralli

.

 
 
 

MAMMA!

Post n°527 pubblicato il 03 Marzo 2014 da iboralli
 

Mamma, quante volte sentiamo pronunciare questa parola nell'arco della giornata? Le mamme lo sanno bene, non si contano più le volte che sentiamo questo suono negli orecchi.

Mamma, la prima parola che pronunciamo e spesso l'ultima, lavoro a stretto contatto con i giovani e spesso, anche il più scalmanato, nei momenti di difficoltà, in caso di malessere etc, la prima cosa che mi chiedono è di chiamare la loro mamma.

Per non parlare dei mie bimbi, che alla tenera età di 26 e 25 anni mi chiameranno 100 volte nell'arco di una giornata, eppure la parola mamma ha sempre un suono dolce, che rassicura, io stessa se non vedo/sento almeno una volta al giorno mia madre mi sento strana, come se mi mancasse quache cosa.

In questo giorno, in cui tanti/e si apprestano a ricordare l'ormai inflazionate festa della Donna, il mio pensiero va alle Mamme, di fatto e non, perchè Donne lo si è tutti i giorni.

Un abbraccio a tutte le Mamme

Iboralli

.

 
 
 

Post N° 526

Post n°526 pubblicato il 02 Marzo 2014 da nikla_streghella
Foto di a45audio

Ti aspettiamo.....spero che stai bene.Un abbraccio di cuore.

 
 
 

CARNEVALE DI VENEZIA

Post n°524 pubblicato il 25 Febbraio 2014 da iboralli
 

Le sue origini parrebbero risalire al lontano 1904, è infatti di quell'anno un documento del Doge V.Falier che cita di divertimenti e allegoria pubbliche.

L'istituzione del Carnevale sarebbe da attribuire alla volontà di concedere alla popolazione un periodo di divertimento e le maschere sarebbero servite per evitare discriminazioni tra ceti  e per consentire anche ai ceti alti di divertirsi senza badare all'etichetta, infatti, si usava salutare dicendo : Buon giorno signora maschera.

Con la nascita dell'evento, a Venezia iniziò a svilupparsi anche la cultura della vendita dei vari costurmi e delle maschere che è andato via, via aumentando con il trascorrere degli anni, fino a farlo divenire il  più famoso carnevale italiano.

BAUTA

Il travestimento più antichi tra quelli in uso ieri e oggi, è la Bauta, la caratteristica di questa figura prettamente veneziana  indossata sia da uomini che da donne è la famosa maschera bianca chiamata larva che viene indossata sotto un tricorno nero e completata da un largo ed avvolgente mantello nero.

LA MORETTA

 

.

Altre maschere famose e tipiche del carnevale di Venezia sono: La Moretta (un travestimento muto perché la maschera indossata si reggeva attraverso un bottone  posto in bocca) e la Gnaga, ( un abbigliamento prettamente femminile indossata da uomini).

GNAGA

.

 

Iboralli

 

 
 
 

I FAVOLOSI ANNI 60

Post n°523 pubblicato il 24 Febbraio 2014 da iboralli
 

"Gli anni Sessanta o, se preferite, i "mitici" anni Sessanta come spesso molti amano definirli, hanno rappresentato certamente il decennio caratterizzato dal più importante rinnovamento generazionale che il secolo scorso abbia mai visto. Gli eventi socio-politici e culturali di quegli anni avrebbero infatti inevitabilmente influenzato e modificato profondamente valori, aspirazioni e stile di vita delle future generazioni. Prima la beat generation e in seguito la musica pop, diventano il nuovo modo di espressione dei giovani, che si identificano sempre di più nei loro idoli musicali. Sono gli anni in cui si affermano i media, la cultura pop e la minigonna, che fa emergere una nuova figura femminile che abbandona gradualmente l'etichetta formale in favore di una maggiore espressione di libertà. Nella prima parte del decennio L'Italia risente ancora dei benefici del boom economico, che favorisce le attività economiche ed il progresso della tecnologia. Sono sempre di più gli Italiani che scendono nelle piazze per manifestare i loro ideali politici ed esprimere il proprio dissenso; proprio le piazze saranno teatro, qualche anno più tardi, verso la fine del decennio, delle grandi contestazioni giovanili che culmineranno nella grande rivoluzione culturale del '68."

(fonte web)

 

.

Noi della 45 abbiamo provato a riviverli attraverso aneddoti e canti di quel periodo, il risultato è stato piacevole, una serata all'insegna della buona musica, della goliardia e di qualche stonatura, ma lo spirito c'era, il tipico spirito cameratesco simile a quello di quegli anni, dove lo stare insieme era fonte di piacere e condivisione.

Come al solito non sono mancati i disturbatori, ma la voglia di stare insieme e lo spirito di gruppo ha prevalso regalandoci momenti gradevoli che ci hanno fatto venire la voglia di provare a ripercorrere anche il decennio successivo (anni 70), ma di quello vi diremo a suo tempo.

Iboralli

 

.

 
 
 
Successivi »
 

.

 

AREA PERSONALE

 

FACEBOOK

 
 

IL GIORNALINO DI LIBEROCOMMUNITY! ^_^

 

 

 

Entra nell'area aiuto
dei servizi di LIBERO !

Per qualsiasi problema troverai semplici FAQ che possono aiutarti, se non bastano clicca su NO alla fine della FAQ e compila la form, lo Staff di Libero Risponde ti aiuterà !

 

ULTIME VISITE AL BLOG

wxzyurka_che_stanzaiboralliPerlesudimeamoilmare64VeraMentedgl0nurse01yesyesyes_61IboSnobmariafilomena1eccellenzenaturalividiarealessioioccaforestales1958
 
Citazioni nei Blog Amici: 21
 

 

 

 
 

cliccami!!!

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova