Creato da pam60 il 27/10/2004
Mitici per scelta, Squizzettari per gioco, Inglesi per caso

ENTRA IN CHAT!

 

I Giochi

 

 - tutti i giovedì ore 22h45 -

immaginedisplay:block;text-align:center;margin:2px auto;

Il KrisQuiz
- tutti i martedì ore 23.00 -

immaginedisplay:block;text-align:center;margin:2px auto;

Il Biliardo
- tornei programmati -

immaginedisplay:block;text-align:center;margin:2px auto;

 

Visita il BLOG di Squizzettando!
Notizie scientifiche e non, scaxxi e umanità varia

immagine

clicca per entrare

 
immagine
 
Citazioni nei Blog Amici: 23
 

 

QUIZ ancora MITICO?

Post n°400 pubblicato il 27 Maggio 2020 da luigispi

 MASSACRO BLU', senza i Grandi Mitici di una volta, tragicamente imperversa in chat più del corona virus. In una perenne lotta impari. Un vero peccato. Basterà il sorriso della bella e brava Vocalist-Jazz a riportare i big-blù in squadra e  risollevarne le sorti?

Speriamo...Nel frattempo un forte abbraccio d'incoraggiamento da Louis.

 

                                        AD MAIORA !!!

 

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

ESTATE senza Quizz :-)

Post n°398 pubblicato il 15 Luglio 2019 da luigispi

Il glamour delle "celebrità" rende tutto più bello. Anche un glorioso blog dimenticato. Buona estate a tutti. Specie agli indomiti BLU'che continuano a lottare col solito grande entusiasmo. Chapeau!!

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

La dura vita nel selvaggio West - Prima parte

Post n°397 pubblicato il 24 Novembre 2011 da Neurone_in_Affitto

La dura vita nel selvaggio West

Febbraland. Paese sorto in mezzo al nulla del deserto dell'Ovest, qualche casa, un emporio, un paio di saloon e un cartello all'ingresso del paese con scritto "Abitanti 3000" seguito subito sotto dalla dicitura "almeno fino alla tradizionale sparatoria delle 13". La necessità di costruire un paese in quel deserto nacque quando a poca distanza da esso venne rinvenuto il più grande giacimento di carta carbone del mondo, potentissima droga dagli effetti allucinogeni, tanto saporita al gusto quanto pregiata sul mercato. La brava gente usava le sue proprietà in medicina e per raggiungere "innocenti stati di eccitazione", così come venivano spiegati da quelle parti, ma i pericolosi signori della criminalità volevano impadronirsene per venderla con profitti altissimi come droga nelle discoteche del famigerato continente di Digiland. Da molto tempo ormai Febbraland era sotto il gioco di uno spietato uomo d'affari conosciuto come Abramazinga e dei suoi tirapiedi, e i cittadini ridotti in semischiavitù invocavano l'aiuto di qualcuno che potesse spedire in galera il losco figuro. Mesi prima persino un accanito gruppo di cacciatori di Teglie guidati dal famoso Cavaliere Insistente era stato messo in fuga dagli uomini di Abramazinga, armati di letame spray, manganelli a dondolo, bombolette a sonagli e chinotti al plutonio, arma peraltro bandita dalla Convenzione di Ginevra in quanto ritrovarsi evirati e perdipiù con una sagoma verde al posto del proprio migliore amico venne considerato davvero troppo anche per qualsiasi dittatore fanatico.
Ignari di tutto questo, un giorno arrivarono in paese 3 avventurieri, un gruppo di amici sempre in cerca di nuove sfide: Lazy The Gavettoner, detto "Il Liquidator", poichè era solito infierire sui nemici con gavettoni d'acqua bollente dopo averli battuti, tenendo fede al suo cognome. Lazy era già piuttosto famoso in tutto il West per aver ucciso Billy the Kid, proprio gettandogli in faccia dell'acqua bollente. Al suo seguito Ganzo Peppermint, l'eroe gentiluomo, narcisista all'inverosimile e sempre provvisto di caramelle rinfrescanti per l'alito, che però teneva spesso nel medesimo taschino dei preservativi, con spiacevoli e frequenti inconvenienti quando, assorto nelle sue fantasie, estraeva dal taschino e metteva in bocca meccanicamente a volte caramelle, a volte altro. A completare l'improbabile trio Herry Plotter, detto "Mago" sia perchè si barcamenava nelle arti magiche, sia per gli spessi occhiali che portava, che i maligni pensavano gli consentissero di vedere anche il futuro, con quelle lenti. Herry era inoltre un geniale inventore: il suo cognome infatti da il nome all'attuale plotter, da lui inventato dopo aver bevuto un po troppo e aver sbadatamente letto al contrario una delle formule magiche del suo libro degli incantesimi che portava sempre con sè. Non sapendo bene cosa fosse quell'arnese uscito per sbaglio, gli assegnò il proprio nome, pensando che prima o poi qualcuno ci avrebbe capito qualcosa. Autore del libro degli incantesimi, il Gran Maestro Diodato Ramazza. Al saloon Lazy ed Herry sfidarono a poker un paio di giocatori locali, che si rivelarono poi degli scagnozzi di Abramazinga, mentre Ganzo pensò bene di sfruttare il suo fascino per carpire qualche informazione sul posto in cui si trovavano, e se ci fosse l'opportunità di qualche avventura, o di qualche guadagno. Il suo charme ammaliò l'oste 80enne del saloon, che offrì da bere al nostro eroe fino a fargli credere di essere una modella da burlesque, non sono noti i dettagli sul seguito della serata ma Ganzo riuscì a scoprire la situazione e il giorno dopo riferì agli amici, ancora festanti per aver battuto gli avversari a poker, mentre Ganzo aveva uno strano dolore al posteriore che non riusciva a spiegarsi. Decisero di prendersi qualche giorno per organizzare un piano ed affinare le proprie abilità, soprattutto Herry aveva molte perplessità sul libro di magia, visto che l'ultima volta che lo seguì, cercò di trasformare il vicino in un maiale, ma questi divenne una tigre dai denti a sciabola e solo l'intervento di Lazy con una secchiata d'acqua bollente sistemò la situazione, che era diventata davvero pericolosa. Si diede da fare con vari incantesimi, finchè arrivò alla fine del libro, dove vide una oscura formula, con la dicitura "usare solo in caso di estrema urgenza"... con molta circospezione, quasi dovesse evirare un drago, studiò l'arcano scritto, pronto a sfoderarlo come arma finale contro Abramazinga.
Lazy non stava più nella pelle, un giacimento di carta carbone lo avrebbe reso ricchissimo, e anche Ganzo pregustava di crearsi un harem sfruttando le proprietà allucinogene della droga, sperando di non trovarsi sempre davanti a baristi deviati. I 3 si ritrovarono alla sera per ripassare il piano, anche se durante la riunione quasi scoppiò una rissa perchè Lazy usava i prelibati bocconcini di anatra muschiata ordinati da Ganzo come pedine per spiegare le sue mosse. Vennero separati da Herry all'ultimo, e ci rimise un dente a causa di un pugno di Ganzo che sbagliò mira. Quest'ultimo passò la notte trasformato in un'Havana Brown, ripicca di Herry per il cazzotto ricevuto. Prima di andare all'avventura, i 3 eroi passarono qualche giorno nel paese, che scoprirono essere pieno di persone e cose bizzarre, a cominciare dall'idolo del saloon, il cantautore Patacca Presley, uomo dal nome imbarazzante, dalla capigliatura peggiore del nome e dalla voce ancora più atroce delle 2 precedenti piaghe, ma era tuttavia un personaggio molto carismatico e faceva presa sulle folle. Conobbero anche Sarefdengo, inventore della bicicletta, ma all'epoca non capito e sbeffeggiato da mezzo paese. Assaggiarono il Cortese, particolare vino dai curiosi effetti allucinogeni, diversi da persona a persona: Ganzo iniziò a vedere tutto rosa, e si stupì del suo lato romantico, Lazy iniziò a vedere gente nuda, diventando il primo uomo con la vista a raggi X, finchè non si rese conto che la gente nuda non era esattamente quella che vedeva, ma quella che si immaginava: se ne rese conto a sue spese quando cercò di abbracciare una procace cameriera, che in realtà era una un cavallo. Herry invece ebbe la visione del Mago Tremonti, l'uomo con la R moscia in grado di far sparire qualsiasi risparmio dalle tasche della gente, armato del suo magico pallottoliere. Terrorizzato da questa visione, Herry distrusse tutte le scorte di vino, rischiando il linciaggio da parte della folla. Solo la promessa da parte dei 3 di liberare Febbraland dal giogo di Abramazinga gli salvò la pelle, e gli procurò anche un alloggio nella suite migliore del miglior albergo del paese: tutti volevano i 3 eroi riposati per l'epico scontro.

 

Fine Prima Parte - Seconda parte coming soon

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

I Cavalieri dello Spurgo - La favola di Cenerentola

Post n°396 pubblicato il 02 Ottobre 2011 da Neurone_in_Affitto

Un lungo periodo di pace si protraeva su tutta la Terra, inconsapevolmente protetta da tutti i mali del mondo da un manipolo di eroi, i Cavalieri dello Spurgo. A dire il vero, spesso i Cavalieri dovevano tenere a bada anche sè stessi a causa del carattere bellicoso di qualche elemento: Totem, cavaliere della Divina Commedia, era spesso impegnato a frenare l'impeto del Cavaliere dei Vasi, Febbra, sempre intento a progettare qualche nuova vaccata. Welly, Dea della Caponata e guida del gruppo, sempre più spesso dubitava della fedeltà di Febbra, che pareva più orientato a seguire il suo omonimo Dio delle Cazzate, anche se in battaglia il cavaliere non si risparmiava mai.
Allo stesso modo Kristalle, guerriera della Trofia, faceva gare di abilità con Ade del Punto Scaxxo, in pittoresche prove di "majorettismo acrobatico", nonchè nell'arte dell'interrogatorio verso qualche innocente malcapitato.
Ma una grave minaccia incombeva sul mondo...
Un giorno si presentò a casa di Febbra una ragazza di nome Cenerentola, ribattezzata subito dal cavaliere CenerAntola poichè respirava affannosamente. La ragazza era spaventata a morte, e narrò al guerriero valoroso di come fosse fuggita dalla casa delle sue sorelle che la tenevano in schiavitù, e che queste fossero universalmente riconosciute come "Le Stronze", gruppo criminale dai grandi poteri che puntava al dominio sul mondo intero. Ora che erano giunte al culmine del loro potere, avevano intenzione di far partire l'offensiva.
Febbra allarmato corse dagli altri cavalieri e da Welly, che però erano impegnati a fare una grigliata: Neurone dell'idrovora, addetto al barbecue, non aveva molta voglia di ascoltare Febbra per poi rovinarsi la giornata, e accolse l'eroe con un rutto alla birra, raccogliendo l'approvazione del resto del gruppo che aveva fame, e aveva visto il banchetto interrompersi. Scilla del Cannolo, nel frattempo, stava finendo di preparare quello che lei aveva definito "antipasto", ovvero 22 teglie di pasta al forno, 14 di caponata e 25 metri di salsiccia. Aveva paura che porzioni normali non sarebbero bastate. Aveva perfettamente ragione, peraltro. Quando vide l'espressione di Febbra molto preoccupata, e quella di Cenerentola ancora più triste, capì che la faccenda era seria, quindi prese l'iniziativa."Febbra, non rompere il caxxo, dopo pranzo e dopo la pennica ci dirai tutto". I suoi commilitoni le dedicarono una standing ovation, tranne Lookina del Gutturnio che, impegnata a tener fede al suo nome, applaudì da sdraiata a causa delle 4 bottiglie di vino ingurgitate durante l'antipasto. Numero39, il grande saggio, si accorse però di un importante dettaglio: Febbra si era innamorato della ragazza, lo capì dal fatto che la ragazza aveva ai piedi delle scarpe di terracotta forgiate dal cavaliere. Mai Febbra si sarebbe privato del suo materiale portante, quindi decise di ascoltarlo in privato, ed elaborò poi durante il pranzo un piano per fronteggiare al meglio la minaccia delle Stronze. Il primo importante dettaglio che emerse dal resoconto di Cenerentola era che le sorelle non erano 2, come tutti nel mondo credevano, ma bensì 11: Pocahontas, Orrenda, Putrezia, Matilde, Mastrota, Guendalina, Chichì, Cocò, Cacamucazz, Carlotta e Patonza. Senza quel dettaglio, un eventuale combattimento mal pianificato si sarebbe rivelato un vero disastro, ma le nemiche andavano comunque combattute tutte quante. Dopo essersi ripresi dalla grigliata e dalla sbronza colossale di conseguenza, Numero illustrò un piano di battaglia: era necessario dividerle, per cui ogni guerriero si sarebbe scontrato singolarmente con una sorella, cercando di attirarle in luoghi diversi, perchè unite sarebbero state troppo difficili da battere. Febbra, con Welly, avrebbe condotto Cenerentola al suo castello, per abbattere la Carrozza di Zucca Nera, ovvero la fonte del potere malefico e riprendere il controllo del proprio regno, di cui era la principessa prima dell'arrivo delle forze malefiche. L'impresa era dura, ma la tenacia dei Cavalieri li avrebbe condotti certamente alla vittoria, mentre l'amore di Febbra per CenerAntola avrebbe fatto il resto.
Numero, Cavaliere del Pozzo, pretese di affrontare Pocahontas, sperando di poter assorbire lo scibile della tradizione pellerossa. Friz dello Sturalavandini avrebbe affrontato Mastrota, in un epico duello per capire quale dei 2 contendenti avesse l'utensile più utile in cucina. Gli altri non avevano pretese, e si gettarono nella ricerca di altre Stronze a caso. Il gruppo attendeva, inoltre, il ritorno del Cavaliere dell'Oracolo, in vacanza in Transilvania. Da buon Oracolo, aveva sentenziato, prima di partire: "vedrete che non succederà nulla, in fondo siamo in pace da molto tempo". Welly si pentì, in quel momento, di non aver eletto un Cavaliere della Grattata di Palle per lenire la carica di sfiga di tale affermazione.
A causa dell'entità del pericolo, anche la Dea della Caponata indossò l'armatura, fatta di purè di patate con rinforzi di lonza e caponata, all'apparenza innocua, ma dai grandi poteri, come i nemici avrebbero sperimentato poi.
La prima a trovare la sua avversaria fu la guerriera della Trofia, Kristalle, che si trovò ad affrontare Cocò. Vittoria facile: Kristalle la disorientò con un'incalzante interrogazione di matematica, e la finì strozzandola urlando "fammi sentire come urli bene cocò, gallinella".
Ade non volle essere da meno della sua amica-rivale, e usò il suo martello scaxxatore per demolire Carlotta, colpendola prima sui calli, poi stufa di sentirla sbraitare, centrandola in testa. L'unica preoccupazione della guerriera scaxxatrice fu pulire il martello poi, anche se il colore rosso rimasto sull'arma non le dispiaceva. "Meglio rosso che blu" fu il suo pensiero, e proseguì la sua corsa per riunirsi ai compagni verso il Castello di Cenerentola.
Totem si scontrò con Matilde, la quale era convinta di prevalere con attacchi basati su versi poetici. Totem attese 30 secondi, dopodichè iniziò a prenderla per il culo a morte per quanto facesse pena. Sempre in modo molto composto, la annientò con facilità con 2 domande su Dante, sempre ovviamente ridendosela alla grande.
Numero39 ebbe invece un imprevisto, in quanto Pocahontas, che aveva voluto a tutti i costi affrontare, si rivelò una mezza cerebrolesa. Non avendo conoscenze da assorbire, sulle prime il guerriero si trovò spiazzato e rischiò la capitolazione quando Pocahontas richiamò l'attacco dei Sommozzatori a Cavallo. Sentendo una simile cazzata, Numero si riprese e accoppò l'avversaria a mani nude per l'incazzatura: un'occasione persa per assorbire altro scibile.
Scilla si trovò di fronte Chichì, e urlandole "Chichichicazzosei?" la fece fuori rinchiudendola in una colonna di ricotta che provvide a far diventare di cemento rapido. Dovette ripetere 2 volte l'operazione perchè ingolosita dalla ricotta, si mangiò la prima colonna.
Lookina del Gutturnio invece affrontò la Stronza Patonza, che si proclamava, come da favola, la più bella del reame. Lo scontro fu estenuante, un duello all'ultimo bikini per stabilire chi delle 2 fosse la più bella, poi Lookina si stancò di giocare, si fece una bottiglia di Gutturnio e colpì Patonza in testa con la bottiglia vuota, mettendola K.O. e riprendendo il cammino.
Friz dello Sturalavandini ebbe il suo bel da fare contro Mastrota, la quale cercava di colpire il nostro con pentole, fornetti, biciclette varie, salvo poi cercare di vendergliele tutte a metà prezzo, urlando incessantemente "approfittane che è l'ultimo giorno" con un ghigno malefico. Poichè gli attacchi con lo Sturalavandini magico non avevano effetto, ricorse alla sua tecnica estrema: la moltiplicazione di personalità. Con un semplice gesto, il guerriero si moltiplicò in tanti nick diversi, disorientando l'avversaria, che venne poi uccisa con uno sturalavandini piantato nel cuore.
Zoetebier affrontò Orrendia, che per tener fede al proprio nome, era davvero orrenda.  per non correre rischi, Zoetebier la distrusse con nuovo colpo a distanza chiamato "Sacro Ouagadougu".
Neurone dell'Idrovora invece fece fuori Putrezia, famosa per l'alito spaventoso. Peccato per lei, il guerriero aveva stava digerendo la grigliata e bevuto coca-cola, per cui il suo primo attacco fu un devastante rutto che le fece volar via armatura, casa sua e tutta la sua voglia di dominare il mondo con le sue sorelle.
FaMinore, il musico, dovette affrontare Cacamucazz, nota rompipalle della famiglia, e dalla stessa quasi emarginata. Seppur con disgusto, FaMinore, sapendo di dover fare in fretta, iniziò a suonare una canzone di Gigi D'Alessio, che fece esplodere la testa dell'avversaria in 4 secondi netti: la vittoria più facile per i Cavalieri dello Spurgo.
Di ritorno dalla Transilvania, Setaserica dell'Oracolo, cercava sia l'avversaria di turno, sia di non incontrare troppo presto i suoi compagni, che memori della sua profezia, non sarebbero stati troppo contenti di vederla. Guendalina venne quindi sconfitta dopo un'interrogazione di Filosofia, nella quale prese 2: per la vergogna, si suicidò leccando della carta carbone.
Nel frattempo, Welly e Febbra giunsero al Castello di Cenerentola con quest'ultima. Appena entrati nel salone, al cospetto della Zucca Nera, Cenerentola si separò dai 2 e si rivelò come la vera avversaria, che aveva usato Febbra per attirare Welly in trappola: una volta sconfitta lei, sarebbe diventata la padrona del mondo e avrebbe potuto comprarsi un paio di scarpe migliori di quelle di terracotta. Welly come sempre ebbe una frase di conforto per il suo cavaliere:"Ti piaceva la manza, e ti sei fatto fottere come un pollo. Non osare mai più farmi gli squilli sul telefonino, o finirai davvero male." preparandosi poi ad affrontare Cenerentola, che intanto aveva indossato la sua armatura, ovvero la Zucca Nera.
Lo scontro si stava protraendo da tempo, quando arrivarono gli altri Cavalieri dello Spurgo a dar man forte alla loro leader. Totem portò anche un paio di cinghiali e Friz dei ravioli. Risultato: Sconfitta cenerentola, la sua armatura condì i ravioli, la pace tornò nel mondo, Totem grigliò i cinghiali che vennero accompagnati dal purè dell'armatura di Welly, rendendo la scena finale simile a quella iniziale, con i guerrieri intenti a far baldoria.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

SQUIZZETTANDO - UNDICESIMA EDIZIONE

Post n°395 pubblicato il 23 Settembre 2011 da welly
 

 

Carissimi squizzaroli,

la nuova stagione è cominciata ufficialmente ieri sera!

Se il buon giorno di vede dal mattino, ci aspetta una stagione pirotecnica, quindi non mancate le prossime partite!!!

Vi aspettiamo!

 

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
« Precedenti Successivi »

LIBERO AIUTA - IL BLOG

 Il Primo Blog Ufficiale

con le risposte alle tue domande!

Clicca l'immagine e cerca la tua risposta!


 

LIBERO AIUTO

Entra nell'area aiuto dei servizi di LIBERO !

 

Area personale

 

DigilandVsScam

Attenti alle Scammer!

Clicca sul logo e leggi il Blog
 per scoprire come difenderti dalle loro truffe !

 

 

 

immagine

 

FACEBOOK

 
 

Ultime visite al Blog

luigispiAcquaInPolvereAlFocusAlFocusmarispiskizzartNeurone_in_AffittosetasericaCelticLoveWel86andreaxdgl3ripartodazero0dolcissimo365minarossi82alan101278
 

Tag

 

immagine

 

Ultimi commenti

un caro saluto da Louis
Inviato da: luigispi
il 15/07/2019 alle 04:24
 
esilarante, originale, fantastico, creativo al...
Inviato da: a_deade
il 04/10/2011 alle 23:53
 
Ahahaha! Non so se è più preoccupante il racconto o la...
Inviato da: welly
il 03/10/2011 alle 21:17
 
Grande Neuro. //clap Ho individuato due morali della...
Inviato da: febbra
il 03/10/2011 alle 00:30
 
ahahahahaha la cavaliera dell'Oracolo a settembre...
Inviato da: setaserica
il 30/07/2011 alle 13:21
 
 

immagine

 

Archivio messaggi

 
 << Agosto 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31            
 
 

immagine

 

Chi può scrivere sul blog

Solo i membri di questo Blog possono pubblicare messaggi e commenti.
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova