La Sveglia

insieme di riflessioni

Creato da ociatt0 il 27/10/2007

 

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Dicembre 2022 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31  
 
 

Tag

 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 18
 

 

Un verso al giorno

Poiché tutto quello che è nato da Dio vince il mondo; e questa è la vittoria che ha vinto il mondo: la nostra fede. Chi è che vince il mondo, se non colui che crede che Gesù è il Figlio di Dio? 1Giovanni 5:4,5 

 

geoclock

 

 

Trovare il tempo...

Post n°95 pubblicato il 27 Febbraio 2009 da ociatt0
 

Confiniamo il Signore solo per la Domenica, forse...
O addirittura solo per le feste...
Però ci piace averlo intorno quando ci sono malattie, o disgrazie...
E naturalmente durante i funerali...


Ma non abbiamo tempo per Lui durante il resto della nostra vita, mentre stiamo lavorando, mentre stiamo studiando, mentre ci stiamo divertendo...
Perché crediamo che queste cose sono alla base della nostra vita, mentre Dio crediamo che non lo sia... E non ci rendiamo conto che non potremmo fare neanche la più minima di queste cose senza il volere di Dio!!! (Siamo tutti convinti che è per volontà nostra che facciamo queste cose!!!).
Gesù dice: "Se ti vergognerai di me, Io mi vergognerò di te davanti al Padre mio".


Un uomo racconta:
"Mi inginocchiai... ma non a lungo... Avevo troppo da fare, e dovevo fare in fretta: andare a lavoro, passare prima a pagare le bollette, etc., etc..
Così mi inginocchiai e dissi una preghiera veloce, e altrettanto velocemente mi rialzai. Dentro di me mi sentivo apposto, avevo (a modo mio) adempiuto al mio dovere di Cristiano, la mia anima poteva stare in pace.


Durante la mia giornata (e durante tutte le giornate della mia vita) non avevo tempo da dedicare a persone bisognose, non avevo tempo per pregare, non avevo tempo per parlare di Cristo agli amici... e anche se ce lo avessi avuto non lo avrei fatto, perché temevo che si prendessero gioco di me....Un giorno non avevo tempo, l'altro mi vergognavo... Fino a che, alla fine venne il tempo anche per me, il tempo di morire...


Mi trovai davanti al Signore ,e nelle sue mani vidi un libro, era il libro della VITA.
Gesù guardò il suo libro e disse: "Non trovo il tuo nome. Una volta provai a scriverlo... Ma non trovai mai il tempo per farlo... E anche se lo avessi trovato, mi vergognavo perché temevo ciò che avrebbe pensato il Padre Mio...".


Perché è così difficile avere del tempo per ascoltare le cose di Dio, mentre ci viene facile trascorrere ore ed ore davanti alla televisione o in altre cose ad ascoltare parole oziose e offensive, o a vedere scene scabrose e oscene?


Perché è così difficile parlare di Dio mentre è così facile parlare di cose inutili e dannose?


Perché è cosi facile trovare il tempo per andare a divertirsi e distrarsi con le cose frivole che ci offre il mondo, mentre non troviamo mai tempo, o abbiamo così poco tempo da trascorrere con Dio?


La preghiera ti può aiutare. Prega!!!
Trova il tempo per pregare, prega sempre, ogni giorno, più volte al giorno... Ma nel pregare non usare preghiere imparate a memoria, ne troppe parole, ma chiudi semplicemente gli occhi e apri il cuore... e parla con Dio, immaginando che sia di fronte a te... Perché, anche se non Lo vedi, Lui c'è davvero, e ti sta ascoltando...e se lo preghi col cuore non tarderà di farti sentire che è lì.

 

Simona Paciello

 

 
 
 

LA SPINA NELLA CARNE

Post n°94 pubblicato il 12 Febbraio 2009 da ociatt0
 

Paolo, citando una sua esperienza, ha confermato che per timore che si insuperbisse a motivo delle eccellenti rivelazioni ricevute, gli era stata messa una "spina nella carne", un angelo di Satana per "schiaffeggiarlo". La "spina" era, senza dubbio, una infermità fisica, e Paolo la definisce un "angelo di Satana".


Lo scopo del diavolo era ed è di portare alla morte, ma anche se il Signore gli permise di agire sul corpo di Paolo, tutto questo non ha contribuito per la morte di Paolo, ma per la sua vita. Infatti la vita dell'apostolo Paolo è stata un continuo trionfo sulla morte e su Satana.


Che la potenza della morte voglia assalire i credenti e che Dio non sempre lo impedisca è evidente, ma questo non significa che Lui voglia vederci morire.


Anche nel caso di Paolo è evidente questo fatto: l'opera del nemico fu espressamente usata per tenere Paolo spiritualmente vivo, perché se non avrebbe avuto quella "spina", la sua vita spirituale sarebbe stata intaccata, a rischio anche della morte. Infatti dice: "...affinché non avessi ad ad insuperbire..." (2 Corinzi 12:7).


Un uomo umiliato in questo modo è un gigante della fede.


Si, il nemico attacca il corpo, cerca di paralizzare i credenti, ma la Parola di Dio dichiara in modo glorioso che anche in presenza di un handicap fisico, o qualcosa messo dal diavolo col permesso di Dio, c'è una potenza di vita che ci può abilitare ad adempiere un grandioso piano divino, non limitato da situazioni naturali.


Questo è ciò che l'apostolo Paolo dichiara: "La vita che vivo ora nella carne (fisicamente), la vivo nella fede nel Figlio di Dio, il quale mi ha amato e ha dato se stesso per me." (Galati 2:20).


Veramente la sua fu una vita di trionfo sulla morte, ma fu sempre una guerra. Portava i segni delle battaglie contro la morte, ma portava la vita di Dio a coloro che lo ricevevano e lo ascoltavano.


 

 
 
 

…Calmo sta in Gesù…

Post n°93 pubblicato il 07 Febbraio 2009 da ociatt0
 

Il 22 novembre 1873, Anna Spafford si trovava ritta in piedi, accanto alle sue 4 figlie, sul ponte della nave francese Ville du Havre, che stava affondando. Soltanto pochi minuti prima, in una notte stellata, la nave inglese Lochearn era entrata in collisione con il piroscafo francese. Dall'impatto all'affondamento passarono solamente 12 minuti. 226 persone trovarono la morte, 87 sopravvissero. La giovane madre e le sue bambine, di età comprese tra i 2 e gli 11 anni, si diressero immediatamente verso una delle scialuppe di salvataggio. Sulla nave regnava il panico. Mentre ella correva cercando di superare la folla, esitò un momento, e si fermò. "Sono pronta ad incontrare queste persone un giorno, davanti a Dio, se io e le mie bambine occupiamo il posto di coloro che potrebbero avere ancora un'altra occasione di udire la predicazione dell'Evangelo?". In quel momento l'albero di maestra si abbatté con fracasso sulla scialuppa di salvataggio che esse stavano per prendere, causando la morte di tutti quelli che vi erano appena entrati. La nave cominciò ad andare in pezzi. Annie, la figlia più grande, aiutò la madre e Tanetta, la bimba più piccola, che stava aggrappata al collo della madre. Bessie, la penultima, e Maggie, la seconda, stavano in silenzio aggrappate alle ginocchia della mamma. Maggie, rivolgendosi alla mamma le disse. "Mamma, Dio si prenderà cura di noi". Annie aggiunse: "Non aver paura, mamma. Il mare appartiene a Dio;lo ha creato Lui!". Mentre diceva queste parole il mare le inghiottì. L'ultimo ricordo di Anna Spafford è quello della piccola bimba che la forza delle acque le aveva strappato violentemente dalle braccia. Un relitto galleggiante s'infilo sotto il suo corpo privo di sensi, spingendola in superficie, dove una scialuppa la raccolse. Le sue bambine, però, non c'erano più! La sua prima reazione fu di assoluta disperazione. Poi ebbe la sensazione che una voce dentro di sé le parlasse: "Sei stata salvata per uno scopo". Allora le venne in mente il consiglio di un'amica: "E' facile essere riconoscenti quando tutte le cose vanno bene, ma stai attenta a non esserlo soltanto nella buona sorte".
Nove giorni più tardi raggiunse Cardiff, nel Galles, e mandò questo telegramma al marito, avvocato, che si trovava a Chicago: "Sopravvissuta da sola". Il marito prese immediatamente una nave che lo avrebbe portato in Europa, per raggiungere la moglie. Una notte il capitano di quella nave lo chiamò nella propria cabina privata dicendogli: "Da un esame effettuato, credo che ora stiamo attraversando proprio il luogo in cui si è inabissato il piroscafo francese. Qui il mare è profondo circa tre miglia".
Horatio Spafford ritornò nella sua cabina, e su quelle acque profonde, quella notte, vicino al luogo in cui erano morte le sue bambine, scrisse quel bellissimo inno, che più tardi fu messo in musica da P.P.Bliss: 
 
"Se pace qual fiume m'inonda dal ciel
 O il duolo si abbatte su me
 Qualunque la sorte, ripeter potrò
 Oh mio cuor calmo sta in Gesù.
 Oh mio cuor, calmo sta 
 Sta sereno al sicuro in Gesù.
 
 Se sono tentato da prove e dolor
 Certezza infinita sei Tu
 Dal mal, dal peccato redento io son
 Per il sangue che hai sparso Gesù.
 
 Or vivere è Cristo, sol Cristo per me
 Se anche il Giordan passerò
 Non temo la morte, la prova, il dolor
 Sempre pace godrò in Gesù.
 
 Ma il tuo ritorno Signore bramiam
 Non morte ma gloria attendiam
 Oh, angelica voce, oh, tromba dal ciel
 Oh, beata speranza in Gesù.
 
A volte pensiamo, sbagliando, che la vita cristiana debba procedere immune da disastri, pericoli e dolori, e che non debba certamente capitare una vicenda come quella di Anna ed Horatio Spafford. Tuttavia naufragi, incidenti, uragani, terremoti, malattie colpiscono i credenti insieme a quelli che non conoscono il Signore. In che modo reagiamo di fronte a tali perdite, disastri e difficoltà? Quale situazione difficile cerca di prendere il sopravvento sulla nostra fede?
 
........OH MIO CUOR, CALMO STA! STA SERENO AL SICURO IN GESU'!
 
                                                                                                                                 George O. Wood
                                                                                                                                 
 Dio ti benedica

 
 
 

IL PERDONO DI DIO

Post n°92 pubblicato il 28 Gennaio 2009 da ociatt0
 

"E perdonaci i nostri peccati, poiché anche noi perdoniamo ad ogni nostro debitore" (Luca 11:4)


perdono è una prerogativa esclusiva del cristianesimo. Le scuole di morale del­l'antichità avevano quattro virtù cardinali: giustizia nelle relazioni umane; pru­denza nel campo degli affari; fermezza nel sostenere la prova o la sofferenza; tem­peranza o auto rinuncia. Ma non sapevano nulla della misericordia o del perdono, che sono estranei alla natura del cuore umano. Il perdono è un esotismo, che Cristo portò con Sé dal Cielo. Per il tempo che abitò sulla terra, Egli perdonò, lasciando un esempio ai Suoi discepoli, che avrebbero dovuto perdonare nel modo in cui sono stati perdonati. Il Signore non intende affermare che il perdono lo possiamo misurare autono­mamente, o che il nostro perdono è la causa del perdono divino, ma unicamente che Dio non può perdonare uno spirito che non perdona. L'unica indicazione certa per dimostrare che il nostro pentimento è sincero è quella di perdonare coloro che ci hanno offeso. Se non perdoniamo, dimostriamo di non aver mai acquisito davan­ti a Dio la giusta disposizione d'animo in virtù della quale Egli ci possa perdona­re. Qual è la tua posizione? Sai perdonare? O ci sono uomini e donne a cui osti­natamente rifiuti il perdono? Se ci sono, dimostri che la tua anima non è a posto davanti a Dio. Il tuo amore per Dio si dimostra tramite il tuo amore per gli uomi­ni; la tua relazione con Dio può essere misurata alla luce delle relazioni che ti lega­no ai tuoi simili. L'uomo che non ama il fratello che vede non può amare Dio che non vede. Esamina la tua condizione attuale. Se c'è qualcuno nella tua vita per cui ti rifiuti di pregare e di perdonare, sappi che il tuo cuore non è a posto con Dio. La prima cosa che devi fare è pregare per loro e dire: "Perdonaci, perdona quell'uomo che mi ha ferito, ha bisogno di perdono, ma anch'io ne ho altrettanto bisogno. Siamo entrambi nel torto. Sarebbe stato più semplice per lui se avessi agito con giustizia anziché abbandonarmi alle mie reazioni". In secondo luogo, chiedi di avere l'opportunità di incontrarlo. Terzo, dichiara che quando lo incon­trerai, ci sarà in te la regalità della grazia divina, per rivestirti di quell'amore misericordioso che copre moltitudine di peccati. Sii disposto a manifestare questa pietosa misericordia divina esprimendola con parole gentili e amabili

 
 
 

Maestro unico

Post n°91 pubblicato il 22 Gennaio 2009 da ociatt0
 

SI! al Maestro unico


Ma voi non vi fate chiamar "Maestro", perché uno solo è il vostro maestro, e voi siete tutti fratelli". (Matteo 23:8).


L'opinione pubblica italiana in questi ultimi mesi si è divisa in due per una questione davvero importante: l'istruzione dei nostri ragazzi. Alcuni sostengono che la volontà del governo di reintrodurre il maestro unico nella scuola elementare è sconsiderata: ormai -affermano- sono vent'anni che questa figura è stata superata definitivamente, estendendo a tutti i corsi della scuola elementare l'esperienza di collaborazione e condivisione di responsabilità tra docenti che era maturata nel tempo pieno. La pluralità di docenti ha permesso ai maestri e alle maestre di approfondire la conoscenza di una specifica disciplina e ha rafforzato lo spirito di collaborazione, rendendo la scuola elementare una comunità di conoscenze. Dall'altro lato abbiamo, invece, coloro che affermano che il ritorno del maestro unico significhi "riguardare al passato per crescere nel futuro". Il maestro unico -affermano coloro che sostengono il governo- torna in aula per ripristinare un'unità pedagogica fondamentale nelle scuole primarie, essenziale affinché l'apprendimento dei più piccoli possa essere unitario e frutto di un progetto studiato, costante e continuativo. È inoltre importante -secondo il governo- che la scuola primaria torni a dare ai bimbi quello che più gli occorre: le basi e il metodo per studiare e non una pioggia di insegnamenti svariati e slegati l'uno dall'altro; è essenziale che la scuola torni a concedere ai piccoli scolari la possibilità di avere una signora maestra o un signor maestro, guida autorevole e al tempo stesso compagno nelle sfide di ogni giorno, che segue ogni fase dell'apprendimento e della crescita della classe da vicino e con costanza, che studia metodi di insegnamento ad hoc per i suoi alunni e li integra nel modo più coerente possibile. Senza voler entrare ulteriormente nel merito, vogliamo prendere spunto da tutto ciò per riflettere con l'aiuto del Signore su un argomento di vitale importanza: Cristo nostro unico Insegnante. La Scrittura afferma che negli ultimi tempi "alcuni apostateranno dalla fede, dando retta a spiriti seduttori e a dottrine di demoni, sviati dall'ipocrisia di uomini bugiardi, segnati da un marchio nella propria coscienza. Essi vieteranno il matrimonio e ordineranno di astenersi da cibi che Dio ha creati perché quelli che credono e hanno ben conosciuto la verità ne usino con rendimento di grazie..." (I Tim. 4:1- 4). Questi maestri "dicon male di tutte le cose che non sanno; e in quelle che sanno per natura, come le bestie senza ragione, si corrompono. Guai a loro! Perché si sono incamminati per la via di Caino, e per amor di lucro si son gettati nei traviamenti di Balaam, e son periti per la ribellione di Core. Costoro son delle macchie nelle vostre agapi quando banchettano con voi senza ritegno, pascendo se stessi; nuvole senz'acqua, portate qua e là dai venti; alberi d'autunno senza frutti, due volte morti, sradicati; furiose onde del mare, schiumanti la lor bruttura; stelle erranti, a cui è riserbata la caligine delle tenebre in eterno" (Giuda 10-13). Ecco perchè l'apostolo Giacomo esorta tutti noi a non atteggiarci da maestri "sapendo che ne riceveremo un più severo giudicio" (Giac.3:1). Al tempo di Cristo, degli apostoli e anche nel nostro tempo vi sono persone che amano ergersi da maestri su gli altri. Gesù rivolgendosi agli undici disse: "...Gli scribi e i Farisei seggono sulla cattedra di Mosè. Fate dunque ed osservate tutte le cose che vi diranno, ma non fate secondo le opere loro; perché dicono e non fanno. Difatti, legano de' pesi gravi e li mettono sulle spalle della gente; ma loro non li voglion muovere neppure col dito. Tutte le loro opere le fanno per essere osservati dagli uomini; difatti allargano le lor filatterie ed allungano le frange de' mantelli; ed amano i primi posti ne' conviti e i primi seggi nelle sinagoghe e i saluti nelle piazze e d'esser chiamati dalla gente: "Maestro!" Ma voi non vi fate chiamar "Maestro", perché uno solo è il vostro maestro, e voi siete tutti fratelli". (Matteo 23:5-8). Al tempo di Gesù non mancavano certamente gli insegnanti, sia quelli secolari che religiosi, eppure l'insegnamento del Cristo toccava particolarmente i cuori degli ascoltatori: infatti, leggiamo nella Scrittura che "la gente stupiva della sua dottrina, perch'egli li ammaestrava come avente autorità e non come gli scribi... E tutti sbigottirono talché si domandavano fra loro: Che cos'è mai questo? È una dottrina nuova! Egli comanda con autorità perfino agli spiriti immondi, ed essi gli ubbidiscono!". Possiamo affermare per esperienza personale che Egli è un Insegnante di qualità, "da chi andremo noi?" solo Lui ha parole "di vita eterna" (Giov.6:68). Abbiamo imparato ad andare a Lui per qualsiasi bisogno sia esso spirituale, morale che materiale. Egli ha sempre qualcosa di buono da insegnarci. Durante il Suo ministerio terreno con maggiore frequenza Gli è stato rivolto l'appellativo di "Rabbì", ossia Maestro. Egli è, infatti, il Maestro Perfetto, tutti coloro che Lo ascoltano e apprendono le Sue parole giungono alla vera libertà, infatti Egli stesso ebbe ha dire: "...Se perseverate nella mia parola, siete veramente miei discepoli; e conoscerete la verità, e la verità vi farà liberi." (Giov.8:31,32). Leggiamo nel testo Sacro che Gesù era profeta potente in opere e in parole dinanzi a Dio e a tutto il popolo (Luca 24:19). Il Suo non era un insegnamento fragile, sterile pieno di imperfezioni, ma era forte e dinamico. Il Suo parlare tendeva ad arricchire i Suoi interlocutori, mirava ad un cambiamento del cuore e della mente. Il Suo insegnamento compungeva le anime che si ravvedevano e per grazia realizzavano il dono della salvezza. Insieme possiamo affermare "Si! al Maestro unico".


                                                                                               Gioacchino Caltagirone  

 

 
 
 

Dio è amore

 

Il mio psicologo si chiama Gesù

 

il messaggio della croce

 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

presenze online

 

Ultime visite al Blog

kb_7pantaleoefrancalongo.fontenergeticamax_6_66renatadoriaalbertoparri1976bimba_colorataRahab777speranza2007unamamma1sara_bozzaoemmanuele2003_mmare66sYMANEZ_DE_LA_FRONTER
 
 

Ultimi commenti

....Non mi dire ke anche stavolta nn ti sono arrivati i ben...
Inviato da: kb_7
il 01/01/2010 alle 01:56
 
"Ociatt0 ha visitato il tuo blog"....per poco nn...
Inviato da: kb_7
il 16/09/2009 alle 18:00
 
bentornato Ociatto! un poco acciaccata ma con la speranza...
Inviato da: CRIUNAMICAXTE
il 09/09/2009 alle 22:25
 
NESSUNO MEGLIO DI DIO CI CONOSCE E NESSUNO PUÒ AIUTARCI...
Inviato da: rebecca.mmm
il 08/06/2009 alle 11:21
 
Ciao E.
Inviato da: edmondo2000
il 07/06/2009 alle 12:01
 
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom