Creato da barbarannb il 19/12/2008
Guardami con gli occhi del tuo cuore e regalami un sorriso
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Ultime visite al Blog

russox2004soffioevitameryoc0guerrieradelmondovolafarfallina1991Led_61mariomancino.mstellaserenitydon.francobwebwalker2cejennV_I_N_C_E_N_Tadoro_il_kenyaterii.zimonspagnolosanmar05
 

Chi puņ scrivere sul blog

Solo l'autore puņ pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

« Un difetto nella donnaancora ...... »

A mia madre

Post n°36 pubblicato il 10 Maggio 2009 da barbarannb
Foto di barbarannb

C'è una poesia bellissima dedicata alla madre che vorrei riportare perchè ogni volta che la leggo mi commuove, l'autore è Edmondo De Amicis e recita così:

Non sempre il tempo la beltà cancella

 o la sfioran le lacrime e gli affanni:

mia madre ha sessant'anni,

e più la guardo e più mi sembra bella.

Non ha accenno, un guardo, un riso, un atto

 che non mi tocchi dolcemente il core;

 ah, se fossi un pittore,

 farei tutta la vita il suo ritratto!

Vorrei ritrarla quando china il viso

perch'io le baci la sua treccia bianca,

 o quando, inferma e stanca,

nasconde il suo dolor sotto un sorriso.

Pur, se fosse il mio pregio in ciel accolto,

non chiederei di Raffael da Urbino il pennello divino

per corononar di gloria il suo bel volto:

Vorrei poter cangiar vita con vita,

darle tutto il vigor degli anni miei,

 veder me vecchio, e lei del sacrificio mio ringiovanita.

 La vita mi ha fatto un grande torto, mi ha costretto a vivere senza la presenza di mia madre; Avrei voluto averla vicina ancora un pò e invece mi ha lasciato quando ero poco più che adolescente. Che dolore ancora oggi provo! Quanta nostalgia per quel volto scolpito nella mente ma inevitabilmente sbiadito nei ricordi. Oggi mi piacerebbe accarezzare il suo volto stanco, solcato dalle rughe, mi piacerebbe accarezzare quegli occhi dolci, mi piacerebbe dirle "Ti voglio un mondo di bene", mi piacerebbe condividere le mie giornate, i miei affanni ma anche le mie gioie. Sono certa che sarebbe orgogliosa di me, delle cose che ho fatto, di come le assomigio adesso anche fisicamente. E vorrei  dirle ancora una volta  grazie per i valori che mi ha trasmesso, per l'onestà, la forza, il coraggio che mi ha inculcato per affrontare tutte le difficoltà della vita.

Grazie mamma so che ascolterai questa mia voce e dovunque tu sia ti raggiunga la mia eterna riconoscenza per tutto quello che mi hai dato.

 
 
 
Vai alla Home Page del blog