Area personale

 

"Sig.ra Tomcat- La Tigre del Guatemala" Fan Club

 

Presidente: TomcatUSA
Segretaria Club: tissy_dei_boschi

Membri:

001: Donatella da Suzhou
002: Hari_Charan
003: pinguina_felice
004: anna0772
005: epoisa
006: toughenough
007: Fayaway
008: Panda.Romagnolo

Per diventare membro dell'esclusivo Fan Club
"Sig.ra Tomacat-La Tigre del Guatemala"
scrivere a tomcatusa@libero.it o contattare la segretaria del club tissy_dei_boschi

 

Archivio messaggi

 
 << Settembre 2019 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30            
 
 

Ultime visite al Blog

tissy_dei_boschiCaterinaAmatocassetta2halim3stellapikSEMPLICE.E.DOLCEdangrandessoantoniolaretinoclaudiosub30bimbayokobelanciteluketreviselotechsrl_in_liquidluca.balboniscoontrosa
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 
Citazioni nei Blog Amici: 58
 

Ultimi commenti

ottima informazione, molto utile per quanto ne so, cordiali...
Inviato da: sftpport
il 29/05/2019 alle 04:13
 
grande informazione. grazie
Inviato da: vmware
il 29/05/2019 alle 04:11
 
thank
Inviato da: sftp port
il 29/05/2019 alle 04:08
 
Thanks Brother
Inviato da: UltraVNC
il 27/05/2019 alle 23:57
 
Get that articel
Inviato da: Mie Keueng
il 27/05/2019 alle 23:54
 
 
 

Stat

 

Where are you

 

Che tempo fa'... a ZhuHai

The WeatherPixie

 
hit counters
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Chi puņ scrivere sul blog

Solo l'autore puņ pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
 

Stat 2

var sc_project=3853986; var sc_invisible=0; var sc_partition=31; var sc_click_stat=1; var sc_security="f71aea25";
web page hit counter
 

 
Creato da: TomcatUSA il 15/08/2006
Fatti e situazioni di un Italiano in Cina

 

 
« BTIC - Oltre il Buco NeroSense of humour »

Sorry, I smell

Post n°202 pubblicato il 09 Ottobre 2011 da TomcatUSA
Foto di TomcatUSA

Come mi faceva giustamente notare mia moglie qualche giorno fa, il governo Cinese, oltre ad investire massicciamente in ponti, strade, ferrovie e infrastrutture in genere, dovrebbe anche rivolgere la sua attenzione alla linga inglese che, per ora, rimane la lingua internazionale di riferimento fintanto che non verra’ soppiantata (molto probabilmente a breve) dalla lingua Cinese…  Al momento infatti, in molti luoghi (pubblici) dove ci si aspetterebbe che l’inglese fosse parlato e capito adeguatamente (aeroporti ed hotel ad esempio), ancora si rimane delusi e spesso sconcertati di quanto la lingua inglese sia poco conosciuta e mal (o per niente) parlata. Proprio qualche giorno fa ad esempio, ho avuto grosse difficoltà all’aeroporto Internazionale di GuangZhou a trovare qualcuno al banco delle informazioni della compagnia aerea Cinese con cui discutere della disposizione dei posti che mi erano stati assegnati… Alla fine, dopo aver cambiato tre banchi d’informazioni dove nessuno aveva una minima idea di cosa stessi dicendo, una signorina molto gentile, dopo aver ascoltato con attenzione il mio problema, ha iniziato a rispondere alla mia domanda in un inglese sicuramente comprensibile ma credo riferito alla richiesta del cliente precedente per cui la sua risposta onestamente mal si adattava a quello che volevo sapere io. Onde per cui, ho deciso di aspettare che un altro cliente si avvicinasse a chiedere qualcosa e poi, una volta terminata la sua discussione, ho chiesto a lui cosa gli avesse risposto sperando che quella fosse la risposta indirizzata a me…

Io, dal canto mio, per aiutare il governo in questo senso, sto già facendo la mia parte avendo recentemente istituito in azienda un corso d’Inglese gratuito per tutti i dipendenti che ha ricevuto un altissimo numero di adesioni a tutti i livelli. Purtroppo la gente si sa è cattiva e i maligni sostengono che il mio gesto filantropico in realtà nasconde un bieco piano per  risolvere con la forza bruta il mio ben noto problema con la lingua Cinese… In altre parole, visto che io il cinese non riesco a farmelo entrare in testa, avrei deciso di far imparare l’inglese a tutti i cinesi partendo, come primo passo, dai miei dipendenti. Si tratta ovviamente di basse insinuazioni non supportate da benchè minima prova circostaziale il tutto dettato da invidia per il fatto che io posso ormai scendere in officina, scegliere un operaio a caso (ogni giorno uno diverso perché a me piace cambiare), avvicinarmi con un sorriso e potergli chiedere:

-«Hi, How are you??»

Il prescelto, tronfio d’orgoglio, gonfierà il petto e mi risponderà sicuro:

-«Fine thank you, and you??»

Per ora tutto finisce qui, se si esclude la telefonata che il prescelto farà immediatamente dopo la succitata conversazione ai suoi parenti residenti nel profondo Sichuan sostenendo di aver appena discusso in inglese di complesse strategie aziendali con il sottoscritto.

Purtroppo, come potrai immaginare caro lettore, il mio piano di insegnare l’inglese a un miliardo di Cinesi avrà bisogno di un po’ di tempo per essere completato. Nel frattempo quindi non mi resta che aspettare pazientemente e sorridere quando il problema di comunicazioni porta a situazioni esilaranti come mi è successo qualche giorno fa su un volo China Southern per Dubai.

Dopo qualche ora di volo, decido di andare a bere qualcosa. Mi alzo, vado verso il corridoio centrale dove di solito si travano delle bevande e chiedo ad una hostess un bicchiere di coca cola. La signorina, molto gentilmente si accuccia, apre uno sportello e tira fuori una bottiglia di coca che mi porge. Io apro la bottiglia, verso un po’ di coca in un bicchiere mentre la signorina mi passa dietro, si accuccia nuovamente, apre un altro armadietto guarda dentro  e dopo aver richiamato la mia attenzione, con sguardo mortificato mi dice:

-«Sorry sir, I smell…» (Mi dispiace signore, io puzzo)

Io rimango un po’ perplesso perché francamente non mi aspettavo una confessione del genere a così alta quota e inoltre non mi ero lamentato di niente del genere. Cerco comunque di rimanere indifferente e propongo un sorriso di circostanza. La signorina, che evidentemente aveva a cuore che io capissi il problema, mi riguarda con gli occhi sempre più  tristi e ribadisce:

-«I’m really sorry sir, unfortunately I smell…» (Sono veramente spiacente, sfortunatamente io puzzo…)

Io a questo punto non posso più ignorare quanto mi viene comunicato e comincio a temere che il problema sia purtroppo io e che la signorina, per una sorta di cortesia riservata ai passeggeri frequent flier, si stia addossando colpe non sue… per cui verifico immediatamente che l’efficacia del mio deodorante sia ancora accettabile riscontrando peraltro che tutto sembra ampiamente entro i limiti di guardia… Per maggiore sicurezza comunque cerco una conferma diretta di quanto appena verificato…

-«I’m sorry… You smell or I smell??» (Scusa, tu puzzi o io puzzo??)
-«I smell… I’m terribly sorry…» (Io puzzo… sono terribilmente spiacente)
-«You sure??» (Sei sicura??)
-«Yes sir, I’m really sorry… Unfortunately I smell» (Si signore, Mi dispiace veramente… sfortunatamente Io puzzo)

E finalmente mi mostra una busta di plastica contenente dell’acqua…

-«Ah!!! Ice Melt(ed)… no I smell» (Ah!! Il ghiaccio si è sciolto!!! Non Io puzzo!!)
-«Yes,  I smell… Really sorry about that…»
(Si, sfortunatamente io puzzo… mi dispiace molto…)
-«Ma no benedetta ragazza… tu non puzzi… il ghiaccio si è sciolto… è tutta un altro problema… non importa… berrò la coca cola calda… non ti preoccupare…»
-«Sometimes happen… I smell» (Qualche volta succede… Io puzzo)
-«E’ vero… qualche volta succede a tutti… Ma questa volta non è successo… è solo un problema di ghiaccio sciolto… Non ti preoccupare…
Grazie della coca»
-«You are welcome… Sorry again because I smell»
-«That’s ok… Sometimes I smell too…»

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Vai alla Home Page del blog