Creato da fedechiara il 14/11/2014
l'indistinto e il distinto nel suo farsi
 

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Giugno 2019 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 2
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Ultime visite al Blog

Principessa.Smeraldafedechiaraacquasalata111ioebitaz1950iltuocognatino1daunfioredavide.russielloalex_sailstudiobonura2006rinazpaolagloria65marseonavv.rosariofedelemission_impossible.0faberi37
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

« Il mondo rotto.Padiglioni lontani »

Recitazione della controversia immigratoria (3)

Post n°895 pubblicato il 13 Giugno 2019 da fedechiara
 

Recitazione della Controversia Immigratoria (3).  - Ieri accadeva 13 giugno 2015

..che poi, quella gran schiera di generosi e buoni, buonissimi -scrittori e giornalisti e varia gente dabbene- che si provano a convincerci che 2/300.000 migranti sbarcati in otto/dieci mesi sulle nostre coste sono una benedizione del cielo e un'opportunità per il futuro (Renzi-l'Imbonitore dixit) e che la Storia è maestra di Grandi Migrazioni Epocali Irresistibili -vedi l'Australia e gli Stati Uniti d'America- tralasciano sempre di sottolineare il rapporto spazio-tempo sotteso a quei Grandi eventi Migratori ai quali dovremmo fare il callo e accettarli supinamente e/o a 90 gradi di latitudine sud.

Perché i numeri che citano quei tali dabbene e tanto tanto 'buoni' delle grandi migrazioni storiche dovrebbero essere considerati nella loro distensione temporale di conflittuali secoli e guerre e massacri di popoli pellerossa perpetrati con sommo cinismo e 'Gangs of New York' che ci raccontano che il melting pot è violenza di bande opposte e legge della giungla urbana. 
E anche gli scontri etnici di Baltimora e altrove ci dimostrano che il melting pot è violenza e conflittualità sempre latente, e così pure la 'rivolta delle banlieues' a Parigi - vera e proprio polveriera di un futuro che più gramo non può apparirci nelle predizioni che ne facciamo.

E l'odierna evidenza degli accampamenti e delle stazioni occupate e dei prefetti che suscitano le ire dei sindaci di ogni ordine e grado e partito rifilandogli ad ogni giorno nuovo qualche centinaio di poveri cristi che 'ci provano' a violare i nostri confini e le nostre leggi dimostra che, se continui a raccoglierne a migliaia ogni settimana, nessuna città o paese della penisola avrà più l'abituale aspetto di vivibilità e ordinato vivere civile e che il voto 'leghista' ha una sua plastica evidenza di necessità e vigorosa e giusta protesta contro tutti coloro che non sanno gestire e governare lo spaventoso fenomeno migratorio che hanno incentivato e favorito per anni con malintesa e malaccorta pietà. E l'Europa tutta a coglionarci e a dirci che sbagliavamo con 'Mare nostrum' - e che a tutt'oggi ribadisce che tutta quella gente da noi pietosamente raccolta ce la dobbiamo tenere. 
A buon intenditor pochi concetti e i migranti sono tutti suoi.

E a noi pare, nel leggere i giornali e i telegiornali, che tutta quella gente che intasa la stazione di Milano o forma accampamenti di affamati ed assetati e prostrati al Brennero non somigli proprio per nulla ad una 'opportunità' bensì una iattura senza fine di costi sociali e disordine e aumento percentuale delle cifre della criminalità urbana e, sicuramente, un grossissimo problema di convivenze difficilissime - non inferiore a quello dei 'campi-rom' che tanto ci sono costati e tuttora collettivamente malediamo e non sappiamo come disfarcene e quali nuove e diverse politiche attuare di civile convivenza.

  • L'immagine può contenere: una o più persone, persone sedute e spazio all'aperto

 
 
 
Vai alla Home Page del blog