**TEST**
Creato da fedechiara il 14/11/2014
l'indistinto e il distinto nel suo farsi
 

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Febbraio 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29  
 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 2
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Ultime visite al Blog

iza26QuartoProvvisoriofedechiaramichele_soriavalpamrtmatcarletto060iamsalvo2016Joker_Jolly2012il_tempo_che_verragrabriel62hlafenicedgl12madda290lordjim2006ARTEABLU
 

Ultimi commenti

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

« Traslochi.Non tutto è perduto. In ... »

Il gioco della Storia...

Post n°1115 pubblicato il 18 Gennaio 2020 da fedechiara
 

Da Stalingrado a Waterloo. Il gioco della Storia che va con il passo del gambero.

E nel gioco della Storia, che tanto ci appassiona, possiamo metterci anche la notizia di ieri: che la Commissione senatoriale preposta voterà il 20 c.m. a favore dell'incriminazione, per i fatti della nave Gregoretti, del bravo Salvini, - l'uomo dei porti chiusi in faccia ai taxi del mare sotto veste pietosetta di o.n.g. foraggiate da Soros, l'uomo del caotico e drammatico melting pot universale che tanto ci affanna.

E il 26 c.m. si vota in Emilia-Romagna, quell'Emilia rossa, bastione di un'epica Stalingrado italica, che potrebbe farsi Waterloo dell'epigono Zingaretti, generale in sedicesimo e con la divisa strappata delle armate sinistre in rotta che già furono del vittorioso Berlinguer e del Veltroni e del Bersani che smacchiava i giaguari e pettinava le bambole. La Storia che va col passo del gambero.

E quel voto malvagio e nefasto della Commissione senatoriale che affossa ogni idea di legalità imposta e rispettata da tutti, (la magistratura inclusa, che nega i domiciliari a Carola Rackete, la 'capitana' tedesca che si fa largo sui moli italici speronando le navi), quel voto potrebbe essere la mossa decisiva del pedone che dà scacco al re e manda a casa il presente governatore dell'Emilia-Romagna - che fa lo gnorri nei comizi e sulla stampa amica del suo essere iscritto e rappresentante del partito democratico perché i capi e i caporali e i soldatini di quel partito si sentono tanto impresentabili da nascondersi sotto le gonne delle sardine impolitiche (sic) che riempiono le piazze invece delle urne.

Sbellichiamoci, intanto che si apprestano i seggi e le armate degli elettori vi confluiscono bellicose.

Nessuna descrizione della foto disponibile.
L'immagine può contenere: bevanda

 
 
 
Vai alla Home Page del blog