Creato da fedechiara il 14/11/2014
l'indistinto e il distinto nel suo farsi
 

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Maggio 2022 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31          
 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 4
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Ultime visite al Blog

fedechiaraCostanzabeforesunseturlodifarfallaandcp0luise7studio.siarcQuartoProvvisorioMIJAGIornella63.ocmarco3dgl9mattia.101aramar1959martellodgl13bacla0legrin2
 

Chi puņ scrivere sul blog

Solo l'autore puņ pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
I commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

« Inferni e paradisi.Fescennini e questioni morali. »

Santommasi di ieri e di oggi.

Post n°1749 pubblicato il 06 Settembre 2021 da fedechiara
 


Santommasi di ieri e di oggi.
Più vedo e ascolto i documentari scientifici su raiscuola, più mi convinco che le fragili argomentazioni dei sedicenti 'fedeli' al Verbo e alla Dottrina religiosa si squaglieranno come neve al sole in breve volgere di anni.
Ricordo i temi forti dei testimoni di Geova che ricevevo in casa, pietoso dei troppi dinieghi che ricevevano ai campanelli di zona, - e gli offrivo il tè e accettavo di misurarmi con l'ardua filosofia/teologia di chi, in palese assenza di segni chiari e manifestazioni certe di divina presenza, arzigogolava intorno al disegno della natura - così bello e complesso, affermavano, da non poter non essere ascritto a un santo Disegno. E si dilungavano sulle forme dei fiori e i miracolosi equilibri di natura che, invece, i documentari di cui sopra, dicono in chiaro non aver alcuna evidente necessità di un abilissimo Disegnatore/ingegnere sovrapposto e invisibile ognora al lavoro per migliorarne le architetture in divenire e le accorte strategie di sopravvivenza.
E il nostro pervicace lavoro sulla natura delle cose di semidei pasticcioni, ma sempre più addentro ai misteriosi labirinti della fisica quantistica e delle saltellanti particelle elettromagnetiche, ci avvicina al mistero ultimo della 'particella di Dio', come hanno voluto benignamente chiamarla gli scienziati al lavoro – e Dio, giunti al punto, finirà relegato all'Evento Primo delle origini dell'universo: il 'big bang' della materia iper compressa dalla gravità assassina che ha lanciato caoticamente i suoi detriti esplosivi, dilatando a dismisura il vuoto spazio-tempo delle origini.
Ma resta la curiosità di dare forma e sostanza e identità al Personaggio Misterioso che, chissà come, sta fuori e dentro gli eventi di natura, giocando a nascondino e complicando ogni cosa dell'umano intelligere – come ha fatto per secoli grazie alle intermediazioni interessate dei preti e dei vescovi e papi d'antan delle tristi guerre di religione e le crociate e le 'notti di san Bartolomeo.
E avevano un bel dirmi, quei testimoni di Geova (ma che presunzione, la loro, di esserlo in esclusiva!) che la colpa è tutta e sempre degli uomini e del loro verbo, sedicente religioso, confuso e nemico. Io rispondevo che sarebbe bastato un Suo semplice Apparire, di bel nuovo – dopo ben duemila e passa anni dalla sua Incarnazione ricchi di controversie religiose - e dire apertis verbis, con una spruzzata di miracoli dimostrativi ( per i più scettici santommasi post moderni ) che il Figlio è tornato per il necessario aggiornamento e confronto con la Nuova Scienza, ridicolizzando atei e gli islamici e gli induisti più ostinati.
E' chiedere troppo?
Potrebbe essere un'immagine raffigurante 4 persone 

 
 
 
Vai alla Home Page del blog