Creato da fedechiara il 14/11/2014
l'indistinto e il distinto nel suo farsi
 

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Gennaio 2022 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31            
 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 2
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Ultime visite al Blog

misteropaganomartellodgl13fedechiaracassetta2fastweb1974negriortogenesicoopgiuseppemelzistucmalele2010palamuraaramar1959ringol0tacca.annah.rivetti
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
I commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

« Tornano le urne (elettor...Corna e bicorna. Il futu... »

Gli ultimi giorni di Pompei.

Post n°1912 pubblicato il 14 Gennaio 2022 da fedechiara
 

La repubblica muore, viva la repubblica.

Una votazione al giorno ci toglierà il medico di torno? C'è da dubitarne perché l'entropia parlamentare è massima, il massimo dei minimi comuni denominatori necessari per congedare finalmente il medico pietoso, pietosissimo, corresponsabile della cronicizzazione delle piaghe politiche di cui soffre il Malpaese e che ha varato e cullato gli s-governi degli uomini della provvidenza, Conte e Draghi, pur di non congedare una maggioranza parlamentare asfittica e che non rifletteva più il sentire politico degli italiani.
E l'ombra ingombrante e assassina del Cavaliere mascarato si staglia alta e spaventosa sopra quell'assemblea di avviliti senatori e deputati che, ad ogni giorno che passa, leva sempre più alti i lai televisivi e gli 'aita,aita!' delle vergini cucce, ma è davvero troppo tardi per correre ai ripari e il potere dei soldi e dei comprati e venduti potrebbe essere l'ultima infamia di una legislatura covidizzata e tutta da dimenticare.
E l'incipit musicale dei films dell'orrore di Hitchcock si fa più forte e già vediamo in primissimo piano il pugnale assassino dei congiurati che strappa la tenda della doccia e il grido della repubblica colpita a morte svela la scena finale.
La repubblica è morta, viva la repubblica.

 

 
 
 
Vai alla Home Page del blog