Creato da fedechiara il 14/11/2014
l'indistinto e il distinto nel suo farsi
 

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Settembre 2022 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30    
 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 4
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Ultime visite al Blog

fedechiaraQuartoProvvisoriocassetta2f.cicci35logiudice.augustomartellodgl13VIOLA_DIMARZOcostel93fvincenzo641Prelude2012andy78hiannaautocai71andreamella
 

Ultimi commenti

Grazie.
Inviato da: fedechiara
il 22/09/2022 alle 20:47
 
Ho riportato, nel mio ultimo post, uno stralcio...
Inviato da: VIOLA_DIMARZO
il 20/09/2022 alle 12:25
 
Inizio a pensare al cambio di stagione, ma solo perché...
Inviato da: cassetta2
il 21/08/2022 alle 10:48
 
Quanto ho amato Giuni Russo
Inviato da: cassetta2
il 20/08/2022 alle 10:30
 
Grazie, Viola, sei gentile.
Inviato da: fedechiara
il 22/07/2022 alle 09:03
 
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
I commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

« Inizio e fine.Quando c'era lui, cari voi... »

Quella gran botta del 'leave'...

Post n°2133 pubblicato il 26 Giugno 2022 da fedechiara
 

In questo mondo di pazzi (e ladri di democrazia) 26 giugno 2016

Dovete immaginare una grande sala di riunione dove stanno tutti insieme, i sofferenti delle più varie patologie psichiche, così come ce l'hanno rappresentata i migliori film sulla sofferenza psichica – dall'amatissimo: 'Qualcuno volo sul nido del cuculo' per arrivare al Virzi de: 'Pazze di gioia'.
Immaginate tutti quei pazzi/e (diversamente normali, se il sostantivo vi disturba) che, in preda a una frenesia nuova e a un picco di isteria collettiva si corrono incontro e pronunciano frasi smozzicate con piglio affannoso e drammatico di cui appena intuiamo il senso:
'Non ce lo dovevano fare!' 'No, no non dovevano!!' 'Non potevano farlo, non ne avevano il diritto!' Eppure l'hanno fatto e siamo noi a pagare!!'
Ecco, adesso, con lenta ripresa dall'alto, allargate il grandangolo sui grattacieli di Londra a volo d'uccello, ma poi entrate a razzo dentro le singole case e gli uffici dove l'isteria collettiva prende forma di attività sui 'social' - come si dice oggi - e si raccolgono in poche ore migliaia di firme per indire un nuovo referendum che, secondo la limpida visione che hanno della democrazia quei sofferenti da batosta elettorale (gravissima sindrome isterica, praticamente incurabile), dovrebbe blindare una nuova maggioranza al 60 per cento di si e un minimo del 75 per cento di affluenti alle urne e votanti. Che è quanto dire aboliamo l'istituto del referendum perché 'siamo incazzati duri e questo risultato non lo vogliamo accettare' (il tormentone gridato alle finestre de: 'Quinto potere').
'Democrazia vo' cercando ch'è si cara al mio core'.
E,se avessero vinto loro, i 'remainisti', naturalmente l'istituto referendario così come è ora sarebbe stato un luminoso esempio di democrazia popolare e i rognosi 'populisti' che avessero protestato i brogli li avrebbero additati quali maledetti fascisti incapaci di accettare i limpidi verdetti della democrazia diretta.
E, con il parlamento di Westminster a maggioranza filo-Europa, c'è da aspettarsi che tutto questo frenetico agitarsi di quei sofferenti e isterici trovi sponda di proposte di legge che ne accolgano la sostanza malata e limiti l'espressione del dissenso popolare solo ai pesticidi che uccidono le api e alla caccia alla volpe con l'uso dei cani – che normalmente vanno diserti sotto al 25 per cento di affluenti.
Benvenuti in questo mondo di pazzi e ladri di democrazia che si spacciano per nuovi legislatori e ci rappresentano una democrazia blindata futura dove si voterà solo a favore di quel che vuole il governo in carica (vedi ottobre e Renzi) e, forse, chissà, riapriranno i manicomi - con gli elettrochoc e le camicie di forza per i maledetti dissidenti del 'leave': quei pensionati dell'Inghilterra profonda che 'rubano il futuro ai giovani' (sic) – come si è letto, ahinoi, sui 'social' degli isterici che non sanno darsi pace e accettare la volontà del popolo espressa a larga maggioranza - e battono forte le teste contro i muri e non vogliono prendere le pillole del 'tavor' che gli infermieri dovrebbero cacciar loro in gola a forza perché non si facciano altro male, poverini.

 
 
 
Vai alla Home Page del blog