Creato da fedechiara il 14/11/2014
l'indistinto e il distinto nel suo farsi
 

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Marzo 2023 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31    
 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 5
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Ultime visite al Blog

fedechiaramimmo1046dr.paratifeltrina46scary5marcopizza0caria.elisabettakeplero01turcolucianaducal_demyphotobionda66megapoker99michele.ostanHelloBank
 

Ultimi commenti

Chi pu scrivere sul blog

Solo l'autore pu pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
I commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

« E' indetto pubblico concorso.Viaggi spazio-temporali. »

E il tanghear m' dolce in questo mare.

Post n°2173 pubblicato il 28 Luglio 2022 da fedechiara
 

Mirade e dintorni. Io tango, tu tanghi, egli sta seduto.

Fateci caso. La mitica 'mirada' è anche una cartina di tornasole che ci dice chi siamo agli occhi degli altri e ci costringe a 'dimensionarci' e a capire qual'è il nostro posto nel mondo.
'Cos'ha lui che io non ho?' per capirci, dal momento che se la 'miro' ('e mira ed è mirata e in cuor ne gode', scrive il poeta) ma quella strabuzza gli occhi e li rivolge altrove e. subito dopo, sorride al tuo rivale di panca o sedia e già si alza sulle punte leggiadra e aerea pronta all'involo e all'abbraccio, qualche dubbio ti viene su: 'Chi sono,', 'Da dove vengo e dove sono diretto.' e 'Qual'è il mio ruolo nel cosmo.' in questi miei giorni di effimero transito terrestre.
Ed ho visto cose, nelle milonghe cittadine, che voi umani/e non immaginate. Personalità maschili in fiamme e subbuglio presso i Bastioni di Orione e le segrete lacrime trattenute nella pioggia di guerrieri/tangheri sconfitti e reclini sulla panca dopo l'ennesimo rifiuto, come Achille con il mitico tallone trafitto.
Io miro, tu tiri, egli sira. Se dimenticate l'apostrofo non saprete mai quale verbo si va a declinare.
E l'apostrofo, si sa, è rosa ed è amoroso, ma solo quando va a segno.
Ma se è una mirada tanghera che non va a segno e ti sospende nel limbo delle identità negate e del 'Ballo così male?' (o: 'Sono tanto brutto?') rischia di trasformarsi in una 'apostrofe' – e ti cade un mondo addosso.
Aloe, gente. Che il tango sia con voi et maneat semper.

 
 
 
Vai alla Home Page del blog