Creato da fedechiara il 14/11/2014
l'indistinto e il distinto nel suo farsi
 

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Aprile 2024 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30          
 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 4
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Ultime visite al Blog

fedechiaraaracnoid.999labrunetteflorence0AliNasir.386bubriskacassetta2StefanoP.74QuartoProvvisoriogeom.massimobraccoArianna1921sportautomotogiovanni.panichellinorise1animasugossimora
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
I commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

« Milioni di milioni.Finchè la barca (e la nave) va. »

I professori e le fazioni combattenti.

Post n°2875 pubblicato il 14 Novembre 2023 da fedechiara
 

I professori e le fazioni combattenti.

4.000 professori sono tanti. Una falange armata di sapere, un battaglione di filo qualcosa (filo palestinesi? filo Hamas? filo cessate il fuoco per una tregua umanitaria?) che impetrano chi di dovere di interrompere i rapporti con le università israeliane.
Una chiamata di correo anche per la sapienza che dovrebbe essere universale (notare la comunanza della parola con univers-ità) e super partes, ma siamo umani, ahinoi, (restiamo umani? Lo siamo mai stati veramente?) e sdoganiamo il professorale rancore e la partigianeria dei filo qualcosa (ambientalismo, lgbtqrst, revisionismo storico) che riempiono le piazze delle città globali auto esaltandosi negli infuocati peana della loro guerra per procura al buonsenso.
Perché c'è un 'prima' e c'è un dopo, in questa storia di schieramenti e falangi armate (non più di sapere) e sono i fatti orripilanti del 7 di ottobre: di assassini natural born killers dell'odio generazionale (di infinite generazioni) contro Israele e i suoi cittadini che si fanno orchi e macellai e decapitano, bruciano, violentano donne, prendono ostaggi bambini, sterminano inermi danzatori in un rave party e ne documentano l'orrore nei video che spediscono ai parenti per muoverne il giubilo.
E c'è il 'dopo' della risposta armata di un esercito in armi e in divisa – ed è risposta dura e severa, condotta con le armi delle moderne guerre aeree e missilistiche che, in una città armata fino ai denti perfino dentro gli ospedali e i tunnels scavati di sotto e i pretesi civili che ospitano dentro le loro case le postazioni dei razzi lanciati a migliaia contro le città israeliane, non può che essere una guerra distruttiva dei fortini e delle postazioni individuate dai radars.
E Gaza è (era) una città di civili complici e compartecipi dell'odio di Hamas, che ha nello statuto di fondazione il proposito folle di distruggere Israele. E i combattenti di Hamas sono figli, fratelli, zii e cognati dei civili e le auspicate distinzioni e salvezze umanitarie si scontrano con la durezza di queste evidenze di correità e di partecipazione armata.
Di cosa stiamo parlando, dunque, professori emeriti, che mettete in secondo piano il 'prima' dei bambini e i vecchi e le donne trucidati da orchi assassini terroristi e vi lasciate trascinare nel campo di battaglia urbana dove opera un vero esercito di militari in divisa che inseguono nei tunnels della vergogna gli orchi vigliacchi degli ostaggi usati quali scudi umani?
Potrebbe essere un'immagine raffigurante il seguente testo "HOW DARE ISRAEL ATTACK CIVILIANS... HAMAS"
I disonorevoli | I prof che boicottano le università israeliane non sanno quello che fanno - Linkiesta.it
LINKIESTA.IT
I disonorevoli | I prof che boicottano le università israeliane non sanno quello che fanno - Linkiesta.it

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 
 

© Italiaonline S.p.A. 2024Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963