Creato da nick66 il 10/12/2005

SOLO JUVENTUS

Il blog di Nick66

 

« THE DAY AFTER: Se il vul...THE DAY AFTER: Ve lo ric... »

LA LEZIONE DEL DOTTORE

Post n°353 pubblicato il 01 Maggio 2010 da nick66
 

 

La speranza è diventata realtà. L’attesa per una presidenza degna della storia e del prestigio della Juventus è stata lunga. Quattro anni sono trascorsi da quel fatidico 7 maggio in cui John Elkann prese le distanze dalla dirigenza che di lì a poco sarebbe stata inghiottita dalle sentenze di Calciopoli. “Siamo vicini alla squadra e all’allenatore” disse il nipote dell’Avvocato, consegnando, di fatto, anche la società alle pesanti sentenze sportive che la condannarono. Lo sconsolante andamento della Juventus di quest’anno ha accelerato un destino che pareva segnato. Andrea Agnelli presidente, riprendendo un solco bruscamente interrotto in quella maledetta estate. Andrea presidente come il nonno Edoardo che guidò la Juventus (dal 1923 al 1935) nella leggendaria impresa di conquistare cinque scudetti consecutivi dal 1930 al 1935, come lo zio Gianni, presidente dal 1947 al 1954, ma soprattutto come il papà Umberto, giovanissimo presidente della Juventus della prima stella, quella di Boniperti, Sivori e Charles, che si aggiudicò tre scudetti in quattro anni. Umbertò rilevò a ventidue anni la società in uno stato di profonda crisi. Dopo un breve periodo di reggenza diventò presidente nel 1956, un anno in cui la Juventus conquistò la salvezza alla penultima di campionato vincendo contro la Triestina. Tale era la crisi che negli ambienti torinesi si vociferava addirittura di una possibile fusione con il Torino che versava in gravi difficoltà. Nell’estate del 1957 arrivarono in un colpo solo Charles e Sivori e la storia bianconera si colorò di una delle pagine più belle e affascinanti della propria storia. La crisi di oggi non è certo paragonabile a quella di allora, ma i punti di contatto sono evidenti. Anche oggi Andrea, come successe a Umberto, è chiamato a rifondare una società dopo un periodo grigio di risultati, aggravato dall’indimenticato atteggiamento rinunciatario assunto dalla proprietà e dalla dirigenza juventina riguardo alla vicenda di Calciopoli. La storia si ripete a cinquant’anni e passa di distanza. Sebbene il Dottore fosse persona razionale con l’occhio lungo sul bilancio, in quella fatidica estate del 1957 prese il coraggio a due mani. Gli arrivi di Charles e Sivori non furono quelli di due giocatori qualsiasi, ma il meglio allora in circolazione. Omar Sivori era considerato il miglior calciatore argentino che avrebbe poi anche vinto il pallone d’oro del 1961 vestendo la maglia bianconera, mentre il gallese John Charles era il meglio che potesse esprimere il campionato inglese. Furbo, rapido e dotato di classe sopraffina Sivori, mentre potenza, colpo d testa e fisicità rappresentavano le caratteristiche del “gigante buono” gallese. Segnarono 50 gol in due nel campionato del decimo scudetto (28 Charles, 22 Sivori) integrandosi alla perfezione nei meccanismi offensivi bianconeri. Furono scelte coraggiose e impegnative economicamente, ma lungimiranti quelle della Juventus della prima stella che consentirono l’apertura di un ciclo di vittorie straordinarie. Arrivarono tre scudetti e due coppe Italia nell’arco di quattro anni in cui mancò l’affermazione in ambito europeo soprattutto per mancanza di mentalità. Contava il campionato e gli intermezzi settimanali della Coppa dei Campioni venivano considerati dai giocatori come delle solenni seccature. Andrea la lezione della storia l’ha certo studiata, lo si è capito dalla breve conferenza stampa di esordio. Il presidente che ogni juventinovero aspettava da almeno quattro anni è chiamato a scelte coraggiose per rifondare quadri societari e tecnici. Si faccia il possibile per tralasciare le vie di mezzo. Serve semplicemente il meglio per riannodare i fili di una grande storia spezzata un’estate di quattro anni fa.

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/OMISSIS/trackback.php?msg=8764447

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
Commenti al Post:
Arcobaleno1961
Arcobaleno1961 il 01/05/10 alle 14:18 via WEB
Quanti abiamo pagato in questi quattro anni. Spero solo che non rimarremo gli unici. E' tempo di rinascita. Ciao, Corinna
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.
 

                 PER ORDINARLO

      CLICCA SULLA COPERTINA

 

 

PER ORDINARLO

CLICCA SULLLA COPERTINA

 

CLICCA SU LOGO

 

CONTATTA L'AUTORE

Nickname: nick66
Se copi, violi le regole della Community Sesso: M
EtÓ: 54
Prov: PD
 

MI RITORNI IN MENTE...

 

SOLO PER CHI AMA LA JUVE

 

LA MIA JUVENTUS...

 

PINZOLO 2009: "MAGNIFICENT!"

 

PINZOLO 2008: PICCOLI JUVENTINI CRESCONO

 

PINZOLO 2007:IL SOGNO CONTINUA

 

AREA PERSONALE

 
Citazioni nei Blog Amici: 22
 

ULTIME VISITE AL BLOG

ziopalmfrancesco.ienzicarlitosbuzzkoradgl1T.SignoriniFrance.Costaas.trailcieloeilmarekrupoviesa1Terzo_Blog.Giustyu82simon741salvabaronangelo76760hamtyler_resistancevito78dermo
 

ULTIMI COMMENTI

Per queste cose nessuno pare avere occhi e orecchie, primo...
Inviato da: bradipoafricano
il 27/03/2011 alle 14:03
 
salve, sono pinturicchio94, blogger di...
Inviato da: Pinturicchio_94
il 18/12/2010 alle 17:42
 
Ottimo post anche per me.. grazie.
Inviato da: ordw
il 29/10/2010 alle 14:46
 
gran bel post!
Inviato da: resistenzabianconera
il 13/09/2010 alle 22:25
 
Ne sono (giÓ) sicuro A presto!
Inviato da: cronachebianconere
il 06/09/2010 alle 06:58
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

NOTE LEGALI

L’autore dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti dai lettori. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi all’autore, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Questo blog non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da internet e quindi valutate di pubblico dominio: qualora il loro utilizzo violasse diritti d’autore, lo si comunichi all’autore del blog (info@nicolanegro.it) che provvederà alla loro pronta rimozione.