Creato da: diefrogdie il 27/09/2007
Diario politicamete scorretto di un catto-democratico.

Area personale

 

...si avvicinano le elezioni

 

...le elezioni sono sempre più vicine

 

Contatta l'autore

Nickname: diefrogdie
Se copi, violi le regole della Community Sesso: M
Età: 42
Prov: PS
 

Archivio messaggi

 
 << Maggio 2019 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31    
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 5
 

Ultime visite al Blog

cianchonicolettipaolo74eracristianaajdgl7pillipilli0bock0oldanianiellovittosp89alfar0elubinmdfacsmenevadoalmareadrogenfedericosimpatiavitolopez
 

Ultimi commenti

Thanks for taking this opportunity to discuss this, I feel...
Inviato da: Nicole
il 10/05/2011 alle 21:04
 
C'è una cosa che, soprattutto, mi ronza in testa e...
Inviato da: claudio
il 02/03/2011 alle 16:36
 
immigrati maledetti pezzenti, ladri e scrocconi... si stava...
Inviato da: Antonio
il 14/01/2011 alle 23:28
 
FREE ASIA BIBI! luca
Inviato da: luca
il 16/11/2010 alle 21:59
 
Condivido in toto ed auspico che, ammanaite le bandiere di...
Inviato da: luca
il 26/10/2010 alle 17:24
 
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
I commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

 
« LA MALATTIA DELL'ISLAMANCHE QUESTO E' L'ISLAM »

A CHI TOCCA DIRE A FARE

A CHI TOCCA DIRE E FARE

Inermi. In chiesa a pregare, disarmati, fiduciosi nel prossimo e aperti alla spe­ranza come solo gli universitari in un Pae­se in tumultuoso e caotico sviluppo pos­sono essere.
Eppure, la furia del terrori­smo che si dichiara ispirato a un’altra re­ligione non ha esitato a colpire durante la Messa degli studenti di Kano, Nigeria. Quanto sia esecrabile un simile attacco, quanto dolore susciti, quanta solidarietà fraterna e indignazione politica debba sollecitare è stato detto per una volta con confortante ampiezza anche in un’Italia a volte distratta nel rimirare il proprio ombelico.

Per questo merita soffermarsi su un a­spetto non sempre illuminato, alla radi­ce del fondamentalismo islamico – pur inquinato e strumentalizzato anche da altri interessi, spesso di segno economi­co – che dichiara guerra ai cristiani, in quanto tali e come rappresentanti di un altrettanto odiato 'Occidente'.

Proprio ieri, il pastore americano Terry Jones – già reo di aver bruciato nel mar­zo del 2011 una copia del Corano – ha ri­petuto il suo censurabile gesto in Flori­da.
Nell’Occidente considerato 'nemi­co' dai fanatici nigeriani di Boko Haram la condanna è stata unanime, l’isola­mento del provocatore totale. Così come sotto inchiesta sono i soldati americani che hanno distrutto copie del libro sacro all’islam in Afghanistan.

La sensibilità per le violazioni ai diritti dei cittadini mu­sulmani è così accentuata in Europa che qualcuno accusa il Vecchio Continente di usare in casa propria due pesi e due mi­sure rispetto alla tradizione cristiana fon­dativa.

Senza sottovalutare il valore dei simboli religiosi, e l’offesa che reca ai fedeli con il loro disprezzo, il rogo di un volume ri­mane assai meno grave dell’uccisione a sangue freddo di esseri umani raccolti in preghiera.
Ma per le vittime di domeni­ca, come per quelle in Iraq, in Pakistan, in Egitto... non si vede quella censura uf­ficiale, netta e senza ambiguità che ci si aspetterebbe dal mondo musulmano.

L’estremismo di chi usa la violenza in no­me di Dio è certamente un’aberrazione che nulla ha a che fare con la religione, come Benedetto XVI non si stanca di ri­petere.

Va quindi evitato l’errore capitale di ad­dossare all’islam la responsabilità dei massacri.
Ma non si può nemmeno mi­nimizzare, di fronte al dilagare di episo­di di persecuzione anti-cristiana in Pae­si a maggioranza o forte presenza mu­sulmana, il ruolo che istituzioni e perso­nalità religiose, politiche e culturali pos­sono svolgere.

Sappiamo bene come il terrorismo si possa limitare e anche scon­figgere facendo terra bruciata intorno a esso. Se non si contrasta la propaganda, se non si condannano gli attentati come semplicemente sbagliati e odiosi, se non si toglie spazio ai proclami degli imam incendiari, se non si oscurano i messag­gi di addio dei kamikaze dipinti come martiri di una causa giusta, se non si in­terrompe il sostegno economico ai grup­pi e alle moschee dove si predica l’osti­lità verso le altre fedi, non si farà un solo passo avanti.

Dietro il reclutamento della manovalan­za del terrore ci sono il contagio di al-Qaeda, il mito distorto di Benladen, le condizioni sociali ed economiche, l’idea di una rivalsa contro i presunti sfruttato­ri coloniali.
Tuttavia, il clima in cui pro­spera il morbo fondamentalista è quello in cui si predica il wahhabismo (la cor­rente sunnita più radicale), la sharia co­me unica modalità di gestione dei rap­porti politici e interpersonali, il discredi­to nei confronti degli altri culti in una concorrenza per le anime che rifiuta l’i­dea di libertà di coscienza (come dimo­strano le leggi sull’apostasia).

Nulla di tutto questo è di per sé un inci­tamento alla violenza aperta, ma ne può essere l’anticamera. Ecco perché «un mondo nel quale alla dignità di ogni per­sona viene accordato il dovuto rispetto», un mondo in cui il perdono si faccia stra­da «nei dibattiti internazionali sulla riso­luzione dei conflitti» – secondo l’invito lanciato ieri da papa Ratzinger alla Pon­tificia accademia delle scienze sociali – deve vedere non lo scontro di civiltà, ma un franco e onesto dialogo animato dal­la sincera volontà di tolleranza.

Ricor­darlo con decisione a grandi e piccoli Pae­si musulmani, ispiratori e finanziatori dell’espansione globale dell’islam, è un dovere a tutela delle minoranze inermi che fanno quotidianamente le spese di u­na perversa lettura dei precetti religiosi.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/Politikskorretta/trackback.php?msg=11282746

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
 
Nessun Trackback
 
Commenti al Post:
Nessun Commento