Creato da mark15m15 il 19/03/2008
SOLO MAGLIE

ECCELENZA PUGLIESE

 

 

Area personale

 
 

Contatta l'autore

 
Nickname: mark15m15
Se copi, violi le regole della Community Sesso: M
Età: 26
Prov: LE
 

Archivio messaggi

 
 
 << Giugno 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30        
 
 

Cerca in questo Blog

 
  Trova
 

FACEBOOK

 
 
 

I miei Blog Amici

 
Citazioni nei Blog Amici: 1
 

Ultime visite al Blog

 
m.giottaarmadio2008detertecnicaspadachiodo.adrianoSilvietta994ing.marsellakimeradgl1curva_sud_gallipoliandreuccio54angelolanzalongadigital.fMisterMorronevisca.aORSAKKIOTTOto_mavre
 

Ultimi commenti

 
 
 

 

 

IL MAGLIE CE

Post n°30 pubblicato il 10 Ottobre 2008 da mark15m15

IL MAGLIE RIMANE SECONDO NELLA CATECOGARIA DI PROMOZIONE VINCENDO CONTRO IL RACALE.

 
 
 

qualke imprenditore si faccia avanti

Post n°29 pubblicato il 01 Luglio 2008 da mark15m15

ci sono solo massimo 20000 mila euro di debito il titolo e gratis

 
 
 

maglie

Post n°28 pubblicato il 01 Luglio 2008 da mark15m15

l Consiglio Direttivo del Comitato Regionale Puglia ha completato gli
organici dei campionato di Eccellenza, Promozione e Prima Categoria per
il 2008/2009.

Il Consiglio ha
preso atto che al termine della stagione sportiva 2007/2008 nessuna
Società pugliese è retrocessa dal Campionato Nazionale Dilettanti; ha
tenuto conto delle classifiche ufficiali al termine della stagione
sportiva 2007/2008; ha esaminato le graduatorie di merito (l’una per le
società vincenti e l’altra per le società perdenti i play-off).

AMMISSIONE CAMPIONATO REGIONALE ECCELLENZA = POSTI 2

1) U.C. JAPIGIA di Bari
2) A.S.D. ATLETICO TRICASE di Tricase

AMMISSIONE CAMPIONATO REGIONALE PROMOZIONE = POSTI 4

1) A.S. CAROVIGNO di Carovigno (Br)
2) A.S.D. EUROPA GRUMESE di Grumo Appula (Ba)
3) A.S. MARUGGIO CALCIO di Maruggio (Ta)
4) A.C.D. SANTERAMO di Santeramo in Colle (Ba)


AMMISSIONE CAMPIONATO REGIONALE PRIMA CATEGORIA = POSTI 6

1) A.S.D. RINASCITA RUTIGLIANESE di Rutigliano (Ba)
2) ANDRISANI CALCIO 1995 TA di Taranto
3) GIOVENTU CALCIO CUTROFIANO di Cutrofiano
4) A.S. ORDONA CALCIO di Ordona
5) A.S.D. LIBERTAS PALESE di Bari
6) A.S.D. SAN MARZANO di S.Marzano di S.Giuseppe (Ta)

 
 
 

da «la Gazzetta del Mezzogiorno» del 16 giugno 2008:

Post n°27 pubblicato il 01 Luglio 2008 da mark15m15

L’AGONIA DEL MAGLIE
LA «RICETTA» DI ANASTASIA E CORVAGLIA

Il
periodo Ruggeri. « L’attuale parlamentare dell’Udc è stato l’ultimo
presidente a gestire il club con oculatezza. Poi si è improvvisato
tutto»

I due dirigenti hanno gestito il sodalizio in decenni differenti e conoscono bene l’ambiente
«Un uomo solo non basta»
«Chi è retrocesso resti al suo posto e tenti la risalita»

La
crisi della Toma Maglie vista da due ex presidenti: Giorgio Anastasia,
che ha vissuto alcuni degli anni aurei del calcio giallorosso, e
Salvatore Corvaglia, che ha garantito uno dei periodi più stabili
relativi alle stagioni più recenti. «Per uscire fuori dal tunnel
bisognerebbe mettere su una cordata di amici pronta a sobbarcarsi i
costi della gestione del club - dice Anastasia - Non credo esistano
altre strade, in quanto sono tempi magri per tutti e non ci sono
imprenditori disposti a sobbarcarsi in prima persona spese ingenti come
quelle necessarie attualmente nel mondo del calcio dilettantistico».
«A
Maglie, dopo la gestione illuminata di Salvatore Ruggeri, del quale
sono stato vice presidente, si è andati avanti spesso con poche idee e
senza programmi lungimiranti - aggiunge Giorgio AnastasiaInvece,
bisognerebbe stilare una pianificazione minuziosa, partendo dalla
passione e dalla competenza. Altrimenti si continuerà a spendere
trecento o quattrocentomila euro per ottenere risultati mediocri ».
Anastasia
ha vissuto la sua prima avventura nella Toma Maglie nella stagione
1977/1978. «La società era in una situazione analoga all'attuale -
rammenta l'ex presidente - Infatti, era reduce dalla retrocessione
dalla Promozione alla Prima categoria, in un periodo nel quale ancora
non era stata istituita l'Eccellenza».
«Abbiamo creato un gruppo di
amici, rimboccandoci le maniche - aggiunge Giorgio Anastasia - Ebbene,
al primo tentativo abbiamo centrato il ritorno in Promozione, torneo
nel quale ci siamo fatti onore nel 1978/1979 e nel 1979/1980. Nel
1980/1981, quindi, abbiamo conquistato il balzo nell'Interre gionale».
«Per
raggiungere questo traguardoconclude Anastasia - abbiamo anche sforato
il budget preventivato, il che ha determinato qualche problema tra i
soci. Poi il mio ciclo ha avuto termine, anche se, in seguito, mi è
capitato di tornare nel direttivo.
Ora mi auguro che sia possibile
superare la crisi, anche se bisogna lasciare da parte la storia della
«piazza blasonata» e badare al sodo, in quanto è sempre più dura fare
calcio».
Salvatore Corvaglia ha legato il proprio nome a sette
campionati d'Eccellenza e, nel 2005/2006, con Gianni Colonnain
panchina, ha visto la Toma Maglie a lungo tra le big del torneo.
«Esiste
una sola strada per superare la crisi - sostiene Corvaglia - Bisogna
aggregare un gruppo di appassionati che siano pronti a gestire la
società. E' il cammino che ho cercato di intraprendere io senza
riuscirci del tutto. Un solo operatore economico, infatti, non può
sobbarcarsi per molto tempo i costi».
«Dopo la retrocessione
dall'Eccellenza maturata nell'annata agonistica da poco passata in
archivio, però, non sarà semplice trovare una soluzione - conclude
Salvatore Corvaglia - Pertanto, ritengo che toccherebbe ai dirigenti
che hanno guidato il sodalizio nel 2007/2008 restare al proprio posto e
tentare di riorganizzarsi con l'obiettivo di salvare il salvabile e,
magari, provare a risalire la china. In caso contrario, il rischio che
la gloriosa Toma Maglie scompaia diverrebbe concreto».

 
 
 

da «la Gazzetta del Mezzogiorno» del 13 giugno 2008:

Post n°26 pubblicato il 01 Luglio 2008 da mark15m15

LA CRISI DEL MAGLIE
IL TITOLO CONSEGNATO AL SINDACO


Lo sfogo di Minafro. «Chi ha veramente a cuore le sorti della squadra si faccia avanti. Le parole lascino il posto ai fatti»

L'ex responsabile del sodalizio e il primo cittadino si sono incontrati e hanno avuto un breve colloquio
Gli acquirenti sono scomparsi
«Chi credeva che l’ostacolo fossi io, adesso è servito. Spero che provvedano all’iscrizione»

Il titolo sportivo di Promozione di proprietà della Toma Maglie è stato consegnato nelle mani del sindaco Antonio Fitto.
Lo
ha reso noto nella giornata di ieri l'ex presidente Antonio Minafro,
dimessosi oltre un mese fa, alla vigilia dei playout d'Eccellenza. La
mossa è stata decisa dopo un incontro avuto dall'ex massimo
responsabile del club giallorosso con i dirigenti rimasti in società
dopo la sua scelta di farsi da parte.
«Ho avuto un breve colloquio
con il sindaco Fitto ed ho consegnato simbolicamente a lui i «diritti»
di Promozione della Toma Maglie - afferma Minafro - A questo punto, con
tutti i quadri societari azzerati, chi ha più volte fatto capire di
essere disposto ad impegnarsi per il bene del glorioso sodalizio
cittadino non avrà più il benchè minimo alibi».
«Adesso il tempo
delle parole è realmente finito - prosegue Antonio Minafro - chi ha a
cuore le sorti della Toma Maglie si muova e lo faccia in fretta.
Qualche tempo fa sembrava che il problema fosse costituito dalla mia
presenza in seno al club, quale presidente.
Così, anche a causa di certe malignità fatte circolare sul mio conto, ho preferito dimettermi.
In
molti ritenevano che, dopo la mia uscita di scena, sarebbe stato
rimosso ogni ostacolo alla creazione di una cordata composta da
imprenditori locali. Ad oggi, però, nulla di tutto ciò si è verificato».
Da
questa constatazione è scaturita la decisione di consegnare il titolo
nelle mani del sindaco Antonio Fitto. «I dirigenti che hanno retto la
società dopo che sono andato viasottolinea Minafro - hanno pensato di
essere, a loro volta, di ostacolo alla soluzione della crisi. Pertanto,
mi hanno chiesto di consegnare i «diritti» di Promozione nelle mani del
sindaco. Ora, chi è interessato a muoversi in soccorso della Toma
Maglie potrà contattare direttamente il primo cittadino. L'auspicio è
che la situazione si sblocchi, in quanto c'è una stagione da
programmare, ad iniziare dall'adempimento dell'iscrizione.

 
 
 

antoniodeiaco ha scritto:l'educazione e lo stile non si comprano.

Post n°25 pubblicato il 01 Luglio 2008 da mark15m15

Ed anche il possesso di 64 anni di storia ininterrotta con picchi di
serie D in testa e addirittura di serie C con spareggi per la B, a
tutt'oggi ineguagliati in provincia eccezion fatta per l'US Lecce...
D'accordissimo, antoniodeiaco (hai voluto tu questo nick, e un forum si
fa, insisto, con i nick perchè devono circolare idee costruttive e non
collegamenti a questa o a quella fazione!).

Proprio per nobili e
non vili ragioni come quelle sopra prego ancora che la situazione si
"aggiusti" e non si rompa definitivamente il giocattolo; dopo, sono
sicuro, tutti si mostrerebbero pentiti e dispiaciuti, anche chi ora fa
finta di snobbare...

Detto questo, nessuno si deve sentire in
colpa e devono prevalere i grazie per quanto è stato fatto in passato;
se un futuro ci sarà, tocca a chi di dovere ma cercando di unire e non
di dividere...

Quanto al discorso di "chi dovrebbero essere i
pazzi che investono in promozione con questa crisi economica?" farò un
giro di telefonate a Galatina, a Sogliano (per lo scorso anno), a
Carosino, a Tricase (per lo scorso anno) eccetera eccetera per
complimentarmi della loro eccezionalità eroica introvabile(?), almeno
qui da noi ... (questo mi era rimasto in gola da tempo quando sentivo
simili cantilene disfattiste)

Sopra al mio computer è appeso al
muro un gagliardetto triangolare giallorosso con sul giallo, in mezzo,
un passerotto e tre cerchi e la scritta "dal 1944 US A Toma MAGLIE".
Quanta forza mi dà vederlo e ricordare e quanto (davvero) dolore al
cuore pensare al possibile stop, ma vado avanti e cerco di guardare
positivo, se chi può e ha a disposizione piccoli capitali facesse così
ed evitasse di pensare alla piazza e alle cattiverie, ancora qualche
speranza ci sarebbe: in fondo, io scrivo per ricordare che non ci sono
solo le voci di piazza, c'è anche magliesefiero e quelli (tanti anche
se non rumorosi) come lui... E poi, che le racconto a mia figlia quando
cresce, che c'era la Toma? No, vorrei tanto portarla al Tamborino
Frisari a tifare...

Saluti a tutti i naviganti e in particolare ai tifosi della Toma...

 
 
 

da «la Gazzetta del Mezzogiorno» del 07/06/2008:

Post n°24 pubblicato il 01 Luglio 2008 da mark15m15

Saltata la riunione, De Iaco prevede tempi bui
Maglie, la nuova cordata si rende «latitante»

Antonio De Iaco,
vice presidente della Toma Maglie, nocchiero del blasonato sodalizio
dopo le dimissioni presentate dal presidente Antonio Minafro prima dei
playout che hanno decretato la retrocessione in Promozione del club
giallorosso, ha diramato un proprio documento sul futuro della squadra,
che appare nebuloso. «Di questo passo - si legge nella nota di De Iaco
- sulla Toma si spegneranno le luci».
Il vice presidente si
riferisce all'ipotizzato ingresso in società di forze fresche. «Sino ad
oggi si è trattato solo di parole alle quali non sono seguiti fatti
concreti - aggiunge De Iaco - Martedì scorso era prevista una riunione
con chi, in precedenza, aveva espresso la volontà di fare parte del
nostro sodalizio (il riferimento è probabilmente al gruppo Adamuccio,
che prima dell'inizio dei playout si era fatto avanti n.d.r.)».
«I
tifosi non aspettavano altro, in quanto sembrava che ci fosse la
possibilità di ripartire con programmi nuovi - prosegue Antonio De Iaco
- Le cose, invece, non sono andate così, in quanto si è registrato un
nulla di fatto. I sogni si sono trasformati in illusioni. Il tempo,
intanto, continua a trascorrere inutilmente e per la Toma non si
intravede l'uscita dal tunnel nel quale si trova».
De Iaco appare pessimista.
«Mi
chiedo se, per una città come Maglie, la squadra di calcio è da
considerare fondamentale - conclude il vice presidente del sodalizio
giallorosso - La risposta è probabilmente «no», ma l'amore che nutro
per la Toma mi porta a sostenere che una formazione all'altezza della
Promozione andrebbe allestita.
Temo, però, che, stando così le cose, non esistono probabilmente le condizioni per andare avanti».

 
 
 

da «la Gazzetta del Mezzogiorno» del 26 maggio 2008:

Post n°23 pubblicato il 01 Luglio 2008 da mark15m15

L'appello di De Iaco «La città si muova per il bene del Maglie»

MAGLIE.
Nulla di nuovo sul futuro della Toma Maglie. Dopo la retrocessione
dall'Eccellenza, il club giallorosso deve riorganizzare assolutamente
le proprie file e reperire risorse economiche adeguate per essere
protagonista assoluto nel torneo di Promozione edizione 2008/2009.
«Ad oggi ci sono stati solo dei pour parler e nulla più - afferma il vice presidente Antonio De Iaco - Difficilmente si registreranno fatti concreti prima di dieci quindici giorni».
«A
questo punto, però, il tempo delle parole è passato ed è fondamentale
che chi ha davvero a cuore le sorti di un sodalizio glorioso come la
Toma Maglie si faccia avanti senza tergiversare oltre - aggiunge
Antonio De Iaco - Dopo una annata agonistica deludente ed estremamente
tribolata come quella passata, infatti, bisogna programmare il
rilancio, il che dovrebbe essere possibile se si considera che i costi
del campionato di Promozione sono di gran lunga inferiori a quelli
connessi alla partecipazione al torneo d'Eccellenza. La piazza si dia
una mossa».

 
 
 

da «la gazzetta del Mezzogiorno» del 20 maggio 2008:

Post n°22 pubblicato il 01 Luglio 2008 da mark15m15

Minafro dopo le esternazioni del consigliere comunale Donato Trovè
«Il Maglie mi deve qualcosa
l’ho salvato dai guai giudiziari»


Dopo
le esternazioni di Donato Trovè, consigliere di An, che si è detto
deciso ad invitare il sindaco Antonio Fitto ad acquisire il titolo
della Toma Maglie ed a chiedere le dimissioni del presidente Antonio Minafro, quest'ultimo scende in campo per rammentare come abbia abbandonato la propria carica prima dei playout.
«Ho
rimesso il mandato nelle mani degli altri dirigenti alla vigilia del
doppio spareggio contro il Mesagne - afferma Minafro - Inoltre, ho
ufficializzato la mia decisione dalle colonne della Gazzetta.
Trovè,
quindi, non è informato su questa circostanza. Mi fa piacere, però, che
ci si accorga che la Toma Maglie meriti attenzione. E' quello che ho
predicato personalmente nelle tre stagioni della mia presidenza».
«E'
il caso di rammentare, tra l'a l t ro, che ho salvato la società anche
in sede giudiziaria, visto che esistevano vertenze relative al 1998 ed
al 2000 che rischiavano di mandare in rovina il club - prosegue Antonio
Minafro - Inoltre, insieme agli amici che sono stati al mio fianco in
questi anni, sono riuscito a conservare per due campionati di fila un
posto in Eccellenza. Alla vigilia del torneo 2007/2008 da poco
terminato, inoltre, sono stato invitato in extremis ad intervenire, in
quanto esisteva una situazione di totale incertezza. Con grande
rammarico, purtroppo, in questo caso è maturata la retrocessione in
Promozione».
«Il mio auspicio - conclude Minafro - è che
amministratori ed appassionati magliesi vogliano stringersi realmente
intorno alla Toma, rendendo possibile il suo rilancio, con una
dirigenza ed un presidente del posto».

 
 
 

SECCA REPLICA A TROVE DA MINAFRO

Post n°20 pubblicato il 24 Maggio 2008 da mark15m15
Foto di mark15m15

Dopo le esternazioni di Donato Trovè, consigliere di An, che si è detto deciso ad invitare il sindaco
Antonio Fitto ad acquisire il titolo della Toma Maglie ed a chiedere le
dimissioni del presidente Antonio Minafro , quest’ultimo scende in campo per rammentare come abbia abbandonato la propria carica prima dei playout.
«Ho rimesso il mandato nelle mani degli altri dirigenti alla vigilia del doppio spareggio contro il Mesagne - afferma Minafro
- Inoltre, ho ufficializzato la mia decisione dalle colonne della
Gazzetta. Trovè, quindi, non è informato su questa circostanza. Mi fa
piacere, però, che ci si accorga che la Toma Maglie meriti attenzione.
E’ quello che ho predicato personalmente nelle tre stagioni della mia
presidenza».
«E' il caso di rammentare, tra l’altro, che ho salvato
la società anche in sede giudiziaria, visto che esistevano vertenze
relative al 1998 ed al 2000 che rischiavano di mandare in rovina il
club - prosegue Antonio Minafro
- Inoltre, insieme agli amici che sono stati al mio fianco in questi
anni, sono riuscito a conservare per due campionati di fila un posto in
Eccellenza. Alla vigilia del torneo 2007/2008 da poco terminato,
inoltre, sono stato invitato in extremis ad intervenire, in quanto
esisteva una situazione di totale incertezza. Con grande rammarico,
purtroppo, in questo caso è maturata la retrocessione in Promozione».
«Il mio auspicio - conclude Minafro
- è che amministratori ed appassionati magliesi vogliano stringersi
realmente intorno alla Toma, rendendo possibile il suo rilancio, con
una dirigenza ed unpresidente del posto».

 
 
 

TROVE: TITOLO AL COMUNE

Post n°19 pubblicato il 24 Maggio 2008 da mark15m15
Foto di mark15m15

«Il titolo della Toma Maglie sia di proprietà del comune».
Così il consigliere di Alleanza nazionale, Donato Trovè, chiosa alla notizia della retrocessione della
squadra cittadina, dopo trent'anni di onorata carriera, tra Eccellenza e Promozione.
Per questa stagione, il presidente della Toma Maglie è stato Antonio Minafro. Ha contribuito
economicamente
alla sorti della Toma anche un gruppo di attenti cittadini, una
quarantina in tutto, che si sono autotassati per dare una mano alla
squadra del cuore, così come pare sia accaduto anche per alcuni
amministratori.
Una squadra ricca di storia la Toma Maglie, che ha spessissimo potuto vantare ottimi risultati
negli
anni, ma questa stagione è stata negativa poiché è stata retrocessa, e
quando nelle formazioni sportive ci sono problemi tanto gravi, molto
spesso è la dirigenza ad assumersi le proprie responsabilità.
«Chiederò al sindaco Antonio Fitto - Trovè
spiega il suo invito - di chiedere al presidente Minafro le dimissioni
e acquisire la proprietà della Toma Maglie, dopo un anno di false
promesse. Il comune potrebbe ridare priorità alla struttura della Toma
Maglie, che quest’anno ha visto avvicendarsi cinque allenatori e sempre
nuovi calciatori».
«Se il mio invito sarà accolto - conclude Trovè
- seguirà un incontro con i tifosi e la cittadinanza perché questa ha
diritto a conoscere le sorti della propria squadra, e perché anche chi
deve affrontare la prossima stagione calcistica lo faccia al meglio».

 
 
 

Maglie in promozione gir b.

Post n°18 pubblicato il 15 Maggio 2008 da mark15m15

Dopo circa trent'anni di onorata milizia tra serie D ed Eccellenza, la
Toma Maglie è retrocessa malinconicamente in Promozione. Per il
sodalizio giallorosso si è trattato di un epilogo lungamente
annunciato, la logica conclusione di una annata agonistica nata male e
finita peggio.

Una stagione costellata da problemi, errori ed occasioni sciupate.
«L'amarezza è enorme - dice il vice presidente Antonio De Iaco,
uno dei dirigenti rimasti accanto alla squadra sino in fondo -
Speravamo di riuscire in extremis a salvare una annata che è stata
tutta da dimenticare, nella quale ogni cosa è andata storta sin
dall'inizio. I primi a sbagliare siamo stati noi dirigenti, ma non sono
esenti da colpe gli atleti ed i tecnici che si sono succeduti in
panchina. Quando si retrocede com'è accaduto al Maglie nella stagione
2007/2008, del resto, tutti devono fare un serio esame di coscienza».
Dopo
lo 0-0 con il quale si era conclusa la sfida di andata dei playout
disputata al «TamborinoFrisari» contro il Mesagne, la Toma Maglie si è
arresa per 1-0 nel retourn-match. «La retrocessione è maturata in
gara-1 e, soprattutto, nel corso del campionato regolare - fa notare
Antonio De Iaco - A Latiano, nella seconda partita, i ragazzi hanno
dato tutto quello che avevano in corpo, ma non è bastato a capovolgere
la situazione.
Il pareggio dell'andata, infatti, ci penalizzava enormemente».
«Quando
ci si gioca tutto in 90', avendo l'obbligo di imporsi - conclude De
Iaco - è fatale che la strada sia oltremodo impervia».

 
 
 

Toma.Maglie:si tratta della cessione della societa 

Post n°17 pubblicato il 03 Maggio 2008 da mark15m15

Una cordata di imprenditori ha reso noto di essere pronta ad impegnarsi immediatamente nell’ambito della Toma Maglie, per poi restarne alla guida nella prossima stagione.
«A metà della scorsa settimana - dice Adamuccio, imprenditore del settore alimentare - abbiamo avuto un incontro con Minafro, il presidente del club giallorosso. Gli abbiamo manifestato la nostra disponibilità ad intervenire economicamente in questa delicata fase della stagione, prevedendo anche un congruo premio-salvezza che possa servire da stimolo ai calciatori, in vista della doppia sfida dei play out contro il Mesagne».
«Abbiamo chiarito - aggiunge Adamuccio - che a fine annata, sia che il Maglie resti, come speriamo, in Eccellenza, sia che retroceda in Promozione, rimarremmo in società, chiedendo, però, la presidenza della stessa, della quale ci impegneremmo a ripianare una parte della situazione debitoria esistente attualmente. Il primo pour parler avuto con Minafro, ad oggi, ha avuto un esito interlocutorio. Nella tarda serata di ieri, però, era in programma una riunione del direttivo».

 
 
 

Calcio – Campionato Allievi Provinciali 2007/08

Post n°16 pubblicato il 03 Maggio 2008 da mark15m15
Foto di mark15m15

1ª classificata Gir. A: “P. Giannotti” Maglie

 
 
 

MAGLIE RIALZATI

Post n°15 pubblicato il 03 Maggio 2008 da mark15m15

Si è conclusa la via crucis e, sorpresa delle sorprese, si va a vincere fuori casa proprio nell’ultima gara di campionato, il che ci consente di terminare al terzultimo posto in classifica: faremo gli spareggi per non retrocedere giocando non più contro il Molfetta (che invece se la vedrà con il Cerignola) bensì contro il Mesagne. Le perdenti dei due incontri accompagneranno la Leonessa Altamura in Promozione. Come si ottiene la permanenza in Eccellenza? Giocheremo contro il Mesagne il 4 maggio in casa e l’11 fuori. Nei due incontri bisognerà fare più punti (due vittorie oppure vittoria e pareggio). Nel caso di pareggio di punti (una vittoria per parte oppure due pareggi) occorrerà segnare almeno un goal in più (un pareggio assoluto favorisce il Mesagne miglior classificato). Sembra che le vicende societarie non abbiano scalfito l’attaccamento dei tifosi alla propria squadra e per domenica si prevede il pienone. I nostri ragazzi sembrano decisi a riscattarsi da un’annata-no, ma non sarà facile. Forse si deciderà tutto all’ultimo minuto della gara di ritorno. Rivedremo tra i nostri avversari due vecchie conoscenze: Luca Potì e Bashiru Amadu. Tra i nostri buone notizie per il portiere Potenza: potrebbe essere della partita. Probabile formazione: Potenza, Citto, Brigante, De Zan, Cezza, Moretto, Cusano, Mancini, Romano, Striano, Nuzzaci. C’è un ultima cosa da dire: sono in tanti che, per vari motivi, vorrebbero la retrocessione della Toma Maglie. I magliesi, con un pizzico di orgoglio, facciano uno sforzo per andare allo stadio domenica a gridare Forza Maglie! Sarebbe anche un’iniezione di coraggio per i nostri ragazzi. Il nostro grande ex Presidente Totò Ruggeri ha voluto offrire 2.000 euro per il buon esito dei play-out: certamente i tifosi sugli spalti giallorossi vorranno salutarlo. Tutti allo stadio !

 
 
 

a.toma.maglie-mesagne

Post n°14 pubblicato il 26 Aprile 2008 da mark15m15

 Il Mesagne perde la sua ultima partita, la quarta consecutiva, della stagione regolare per 2 reti a 0 contro il Maglie, che con questi 3 punti conquistati sul terreno del comunale di "Via Sasso" supera in classifica il Cerignola e si piazza al terzultimo posto, e con la contemporanea vittoria del Real Altamura sui foggiani del Cerignola conquista la certezza della quartultima posizione in classifica. Tutto sommato quella di oggi è stata una partita noiosa e avara di emozioni, una classica di fine stagione dove le due squadre si sono rispiarmate in vista play-out. La partita si decide tutta nel secondo tempo. il Maglie passa in vantaggio al 77' con Cusano e a 10 minuti dal termine, all'80', raddoppia con un bel goal di Nuzziaci. In precedenza il Maglie era andato vicino al vantaggio in due circostanze. Sul finale di primo tempo Coppola effettua una bella parata su Mancini che non riesce a portare la sua squadra al momentaneo vantaggio, e al 5' del secondo tempo con Romano che non risce ad inquadrare la porta. Con questo ultimo turno di campionato, quindi, arrivano gli ultimi verdetti del torneo. Nei bassi fondi della classifica il Real Altamura rimane in eccellenza senza il diritto di dover disputare la lotteria dei play-out, che invece disputerà il Molfetta ,contro la penultima della classe Cerignola, che fino a questo ultimo turno ha lottato con i realini per la salvezza diretta. In zona play-off, invece, clamorosa esclusione del Copertino di mister Mosca che ha pagato caro la sconfitta in terra barese contro il Corato. Questa la griglia play-off: Bisceglie, Corato, Casarano e Lucera. Per quanto rigurda il Mesagne e i play-out si ritornerà in campo il 4 Maggio per la partita di andata che si disputerà a Maglie. Sicuramente è inutile dire che sarà tutt'altra partita contro un avversario che come il Mesagne metterà in campo tutte le proprie forze per conquistare la salvezza. Per gli uomini di mister Marangio basteranno 2 pareggi per poter ottenere la salvezza, ma sarà assolutamente sbagliato cullarsi e partire con questa mentalità, perchè, come dichiarato anche dal mister Gioacchino Marangio a fine partita, a Maglie si andrà certamente con l'intenzione di fare bene e di conquistare l'intera posta in palio contro un squadra che sarà sicuramente agguerrita. Testa già ai play-out quindi per la squadra messapica, che cercherà anche di recuperare un pò di mentalità che è stata persa durante le ultime uscite dimostrando cosi in queste due partite finali la determinazione e la grinta che ha sempre contraddistinto il gruppo mesagnese.

 
 
 

Comunicato Ldn puglia: date playoff e playout

Post n°13 pubblicato il 25 Aprile 2008 da mark15m15
Foto di mark15m15

PLAY-OFF – PLAY-OUT = CAMPIONATI REGIONALI STAGIONE SPORTIVA 2007/2008

In linea con le
determinazioni assunte dal Consiglio Direttivo del Comitato Regionale
Puglia nella riunione del 20 giugno 2007, riportato sul Comunicato
Ufficiale n. 6, del 2 agosto 2007, si riporta di seguito il programma
delle gare di play-off e play-out:

Domenica 27 Aprile 2008 – ore 16.00  gare di spareggio


 


(nel caso di assenza di gare spareggio gli incontri di play – off saranno anticipati a Domenica 27 Aprile)


 


PLAY – OFF


 


· primo turno


 


Domenica 4 Maggio 2008 – ore 16.30 andata 


 


5^ classificata – 2^ classificata


4^ classificata – 3^ classificata 


 


Domenica 11 Maggio 2008 – ore 16.30 ritorno 


 


2^ classificata – 5^ classificata


3^ classificata – 4^ classificata 


 


· secondo turno


 


Domenica 18 Maggio 2008 – ore 16.30 andata 


 


Domenica 25 Maggio 2008 – ore 16.30 ritorno 


 


 


PLAY – OUT


 


Domenica 4 Maggio 2008 – ore 16.30 andata  


 


17^ classificata – 14^ classificata


16^ classificata – 15^ classificata 


 


Domenica 11 Maggio 2008 – ore 16.30 ritorno  


 


14^ classificata – 17^ classificata


15^ classificata – 16^ classificata 

 
 
 

MESAGNE-MAGLIE 1-2

Post n°12 pubblicato il 20 Aprile 2008 da mark15m15

GRANDE MAGLIE CHE SCAVALCA IL CERIGNOLA E VA 27 PUNTI.BATTENDO 2-1 AGLI ULTIMI MINUTI IL MESAGNE.GIA FATTI I SORTEGGI PER I PLAY OUT.DOMENICA CE L'ANDATA TRA MAGLIE E MESAGNE

 
 
 

MAGLIE TUTTO AI PLAY OUT

Post n°10 pubblicato il 15 Aprile 2008 da mark15m15

MAGLIE CONTINUA IL PERIODO "NO" .
IL MAGLIE A QUANTO PARE SI GIOCHERA IL TUTTO X TUTTO NEI PLAY OUT.
PROSSIMA PARTITA DI CAMPIONATO CON IL MESAGNE.
CHE è FORSE LA CANDIDATA X I PLAY OUT

 
 
 

Maglie perde 3-1

Post n°9 pubblicato il 13 Aprile 2008 da mark15m15

Corato:
Di Vincenzo, Abbasciano, Schirone, Grieco, Abbrescia, Cacciapaglia (58'
Vurchio), Tursi, Curci, Leonetti, Tritta (76' Abruzzese), Pasculli (66'
Di Senso) . A disp: .

Maglie: Provenzano, Moretto, Carecci, Perez, De Zan, Cezza, Striano, Luperto, Nuzzaci, Mancini (69' Citto), Protopapa (69' Romano).
Al Corato serviva il risultato pieno che al
“Comunale” mancava dal 3 febbraio, e alla fine con un perentorio 3 a 1,
la formazione di casa conquista un successo che mantiene stabilmente i
neroverdi in piena zona play-off.

Il Maglie,
invece, nel primo tempo ha pensato solo a difendersi, senza riuscirci,
e nella ripresa dopo il gol di Nuzzaci ha provato una rimonta
difficile, mettendo in difficoltà un Corato con la testa già a
Locorotondo.
La partita inizia con il Corato
in avanti e al 3’ Leonetti va in rete su cross di Schirone, il
guardalinee lo vede in fuorigioco e il gol è annullato.
Il Maglie si difende con ordine sulla linea della sua area e il Corato trova difficoltà a chiudere negli ultimi sedici metri.
Al
27’ Schirone conquista un calcio di punizione da quasi 25 metri, il suo
tiro forte e teso, attraversa tutta l’area di porta e, con la
complicità dei difensori salentini, si insacca nell’angolo basso alla
destra di Provenzano.
Il gol scuote i
coratini che spingono sull’acceleratore e al 34’ Tritta mette un
pallone in area per Pasculli, buono il controllo non così la mira,
centrando in pieno il palo della porta avversaria.
Il raddoppio è però nell’aria ma per realizzarlo Leonetti ci deve provare due volte.
Al 39’ il bomber coratino raccoglie una corta respinta di Provenzano, ma per l’arbitro in azione irregolare.
Passano
solo sessanta secondi e Cacciapaglia lancia in profondità Leonetti che,
in velocità, supera il suo avversario e con un pallonetto insacca il 2
a 0.
Il Maglie è allo sbando e il Corato prima dell’intervallo mette in cassaforte il risultato.
Pasculli
al 46’ fa tutto da solo, salta due avversari, entra in area e batte a
rete, respinta corta del portiere con Tritta più veloce di tutti a
ribadire in rete.
La ripresa, com’era facile
pronosticare, inizia con ritmi blandi, a ravvivarla ci pensa Nuzzaci al
16’ bravo ad irrompere in area e, in una difesa statica, insaccare con
un tiro ravvicinato.
Lotito corre ai ripari, mette in campo Abruzzese e risistema la difesa che non corre altri pericoli.

 
 
 
Successivi »